Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


diana33

Forumista Incallito

  • "diana33" è stato interdetto da questo forum
  • "diana33" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.458

Activity points: 14.214

Data di registrazione: mercoledì, 13 maggio 2015

  • Invia messaggio privato

16

lunedì, 22 febbraio 2016, 09:59

no qui vi sbagliate entrambi: non ho detto che non ho apprezzato i vostri consigli (perhcè comunque l'ho scritto all'inizio che ognuno avrebbe dato l'opinione personale).
qui si sta parlando di altro. non credo che basti un libro o credere in Dio o in qualche altre a religione per superare le difficoltà. C'è stato un breve periodo in cui ero fortemente credente(la mia famiglia un po' a loro modo lo è), ma poi mi sono allontanata dalla fede, come anche non credo che basti un libro di un saggista per farmi star meglio no?

con ciò non dico che quello che dite è sbagliato: è il vostro modo per andare avanti e lo rispetto, ma solo su di me non ha funzionato...
è una riflessione più profonda: preferirei che analizzassimo le cose da un altro punto di vista, che è quello che Diverso ha centrato in pieno, non perché quello che dite voi è sbagliato, ma perché la sua situazione riflette in pieno come mi sento io ora.

ilprofeta1

Colonna del Forum

  • "ilprofeta1" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.854

Activity points: 5.898

Data di registrazione: lunedì, 11 gennaio 2010

  • Invia messaggio privato

17

lunedì, 22 febbraio 2016, 16:53

no qui vi sbagliate entrambi: non ho detto che non ho apprezzato i vostri consigli (perhcè comunque l'ho scritto all'inizio che ognuno avrebbe dato l'opinione personale).
qui si sta parlando di altro. non credo che basti un libro o credere in Dio o in qualche altre a religione per superare le difficoltà. C'è stato un breve periodo in cui ero fortemente credente(la mia famiglia un po' a loro modo lo è), ma poi mi sono allontanata dalla fede, come anche non credo che basti un libro di un saggista per farmi star meglio no?

con ciò non dico che quello che dite è sbagliato: è il vostro modo per andare avanti e lo rispetto, ma solo su di me non ha funzionato...
è una riflessione più profonda: preferirei che analizzassimo le cose da un altro punto di vista, che è quello che Diverso ha centrato in pieno, non perché quello che dite voi è sbagliato, ma perché la sua situazione riflette in pieno come mi sento io ora.

Diana33
Mi spisce per te ma quello che hai detto e che credi non è esatto.
Per prima cosa io non ti ho dato la mia opinione e nemmeno consigli, io ti ho dato parte della verità assoluta per cui il tuo pensiero lo devi rivolgere agli altri ma non a me.
Per seconda cosa ti dico che tu sei stata credente per un breve periodo ed hai avuto fede verso un Dio inventato dalla presunzione degli uomini ma che non esiste quindi tu, come tutti, sei stata credente di un Dio che non esiste ed hai fatto benissimo a lasciare religione e fede, il vero Dio non lo conosce nessuno tranne me. Mi spiace per quello che tu credi, ma solo la verità ti può rendere libera e non esiste replica che possa cambiare questa verità e la verità, mi spiace per te, è SOLO di mia conoscenza.

diana33

Forumista Incallito

  • "diana33" è stato interdetto da questo forum
  • "diana33" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.458

Activity points: 14.214

Data di registrazione: mercoledì, 13 maggio 2015

  • Invia messaggio privato

18

lunedì, 22 febbraio 2016, 17:21

profeta te lo dico sinceramente: di quello che credi tu, della tu verità e del tuo Dio non mi interessa nulla.

e se vuoi rispondere vorrei che tornassimo al primo post. sennò preferisco che non rispondi.

diana33

Forumista Incallito

  • "diana33" è stato interdetto da questo forum
  • "diana33" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.458

Activity points: 14.214

Data di registrazione: mercoledì, 13 maggio 2015

  • Invia messaggio privato

19

martedì, 23 febbraio 2016, 14:42

qualche altra opinione?

diana33

Forumista Incallito

  • "diana33" è stato interdetto da questo forum
  • "diana33" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.458

Activity points: 14.214

Data di registrazione: mercoledì, 13 maggio 2015

  • Invia messaggio privato

20

martedì, 23 febbraio 2016, 22:58

ho appena visto trainspotting . al di là del film...è proprio come loro che mi sento... certo, non userei mai l'eroina per staccare ma credo che la sensazione che prenda tutti è un po' la stessa.
ho scelto la vita, ma ho sempre quella sensazione.

Purple Haze

at the Gates of Dawn

Posts: 838

Activity points: 2.675

Data di registrazione: domenica, 12 luglio 2015

Località: Toscana

  • Invia messaggio privato

21

martedì, 23 febbraio 2016, 23:02

Citato

ma ho sempre quella sensazione


non ho visto il film

quale sensazione?
Peace & Love

Le nuove catene sono digitali, distruggile!

Nasci, studi, e vai a lavorare, per comprare quello che non hai, e così ti scordi che sei vivo

diana33

Forumista Incallito

  • "diana33" è stato interdetto da questo forum
  • "diana33" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.458

Activity points: 14.214

Data di registrazione: mercoledì, 13 maggio 2015

  • Invia messaggio privato

22

mercoledì, 24 febbraio 2016, 10:03

il film non mi ha fatto impazzire perché parla di droga(mondo a me sconosciuto) ma è un cult anni 90e ieir si celebravano i 20 anni dall'uscita e presa dalla curiosità l'ho viso.

mi ha colpito molto queste citazioni

inizio - come son stata fino ad ora

"Scegliete la vita; scegliete un lavoro; scegliete una carriera; scegliete la famiglia; scegliete un maxitelevisore del cazzo; scegliete lavatrici, macchine, lettori CD e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete un mutuo a interessi fissi; scegliete una prima casa; scegliete gli amici; scegliete una moda casual e le valigie in tinta; scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cazzo; scegliete il fai da te e chiedetevi chi cacchio siete la domenica mattina; scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio ridotti a motivo di imbarazzo per gli stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi; scegliete un futuro; scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa così? Io ho scelto di non scegliere la vita: ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?" (nel mio caso: fare nulla e continuare a piangere?)

metà film credo - come mi sento sempre
“Eccomi là. Circondato dalla mia famiglia e dai cosiddetti amici. Non mi ero mai sentito così solo. Mai in tutta la vita.”

finale

"Allora perché l'ho fatto? Potrei dare un milione di risposte tutte false. La verità è che sono cattivo, ma questo cambierà, io cambierò, è l'ultima volta che faccio cose come questa, metto la testa a posto, vado avanti, rigo dritto, scelgo la vita. Già adesso non vedo l'ora, diventerò esattamente come voi: il lavoro, la famiglia, il maxitelevisore del cazzo, la lavatrice, la macchina, il cd e l'apriscatole elettrico, buona salute, colesterolo basso, polizza vita, mutuo, prima casa, moda casual, valigie, salotto di tre pezzi, fai da te, telequiz, schifezze nella pancia, figli, a spasso nel parco, orario d'ufficio, bravo a golf, l'auto lavata, tanti maglioni, natale in famiglia, pensione privata, esenzione fiscale, tirando avanti lontano dai guai, in attesa del giorno in cui morirai."


mi sento così. nonostante io abbia finalmente scelto di adeguarmi, sto comunque male dentro.

Purple Haze

at the Gates of Dawn

Posts: 838

Activity points: 2.675

Data di registrazione: domenica, 12 luglio 2015

Località: Toscana

  • Invia messaggio privato

23

mercoledì, 24 febbraio 2016, 10:51

Citato

nonostante io abbia finalmente scelto di adeguarmi, sto comunque male dentro


Beh, non penso che adeguarsi sia una gran soluzione!

La cosa migliore è adeguarsi solo alle nostre leggi interiori...non a cose esterne...

Mi sta più simpatico che non sceglie la vita, di chi sceglie una vita come quella che hai descritto nell'ultimo messaggio :D

...tuttavia, se alla "vita" che ci viene proposta (tipo quella del film) non sappiamo trovare buone alternative...allora è conveniente adeguarsi a quella vita. Quando mi adeguo non sto male...però quando penso che mi adeguo mi faccio schifo :D Se fossimo capaci di non essere autoconsapevoli staremmo molto meno male!
Peace & Love

Le nuove catene sono digitali, distruggile!

Nasci, studi, e vai a lavorare, per comprare quello che non hai, e così ti scordi che sei vivo

diana33

Forumista Incallito

  • "diana33" è stato interdetto da questo forum
  • "diana33" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.458

Activity points: 14.214

Data di registrazione: mercoledì, 13 maggio 2015

  • Invia messaggio privato

24

mercoledì, 24 febbraio 2016, 11:36

purtroppo le mie leggi interiori non ho ancora capito quali sono.

però effettivamente io la vita la vedo così: un susseguirsi di cose che alla fine mi danno solo felicità apparente. ma siccome non posso avere ciò che voglio, inevitabilmente mi devo adeguare, ho il terrore di tornare a non fare nulla come prima,perché rischio di arrivare a 30, 40 anni e li si che son cazzi (leggi le storie di altri utenti). già mi è difficile fare qualcosa ora, se non vivo resto ferma per altri anni.

credo di essere abbastanza "intelligente"(credo che chi si rende conto di ciò in un modo e nell'alto sia speciale) per fare qualcosa di buono nella vita.
ma nonostante ciò mi sento male. rassegnata.

Halaster

Eliminato! Eliminato! Eliminato!

  • "Halaster" è stato interdetto da questo forum

Posts: 329

Activity points: 1.085

Data di registrazione: giovedì, 27 agosto 2015

  • Invia messaggio privato

25

mercoledì, 24 febbraio 2016, 21:16

Non è questione di "situazione personale" . E' la vita in società che è così. E' una questione sociale che riguarda tutti a prescindere da quanto possano essere arrivati in alto nella società o aver trovato una buona sistemazione o chissà cos'altro.
Devi uscire da questa realtà sociale per avere nuove speranze e riprendere una ventata d'aria fresca e ricordarti cosa significhi essere vivi. E poi se non condividi niente con nessuno.. intendo.. se non hai nessuno con cui hai veramente un intesa e con cui vivi pienamente uscendo dai soliti circoli , è normale che ti senti estraniata.

Io a volte mi chiedo quando è stata l'ultima volta che ho fatto qualcosa realmente per me e non indotto dalla società. E' difficilissimo anche solo riuscire a guardarsi dentro e capire quali sono i nostri reali desideri.. perchè i desideri che noi diciamo a noi stessi di avere in realtà sono al 99% cose che non vogliamo veramente ma che si sono "rese necessarie" ( o comunque noi ci siamo convinti che siano necessari) man mano, nel vivere in società. Ma i -veri-desideri sono sempre molto nascosti, sepolti da una montagna di cose.. e quasi sempre dimenticati. L'apatia e il senso di derealizzazione che provi sono dovuti al fatto che noi tutti abbiamo, ad un certo punto, smesso di vivere davvero e ci siamo persi perchè siamo stati travolti da tutte le false-questioni che il vivere in società ci ha sottoposto.
Abbiamo cominciato a non-vivere perchè abbiamo inconsciamente abbandonato i nostri veri sogni. Abbiamo inconsciamente concluso che fosse impossibile realizzarli, nel rigido e disincantato contesto sociale che ci stava intorno: Dominato com'era da andamenti logici ciclici e prevedibili e dove non c'era spazio per la speranza o per qualcosa che potesse stupirci. Ma... . in realtà le magie più stupefacenti e ad effetto sono quelle che capitano proprio quando nessuno le credeva possibili.

Questo post è stato modificato 2 volta(e), ultima modifica di "Halaster" (24/02/2016, 21:26)


diana33

Forumista Incallito

  • "diana33" è stato interdetto da questo forum
  • "diana33" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.458

Activity points: 14.214

Data di registrazione: mercoledì, 13 maggio 2015

  • Invia messaggio privato

26

mercoledì, 24 febbraio 2016, 21:33

halaster quello che dici è giusto. in realtà non mi sento così male in società(anche se ora come dici tu ne sono comunque fuori), e che mi mancano quelle cose che in società mi rendono "tranquilla"(e son cose futili ma che magari nella mia realtà pesano parecchio). se adesso soffro poco di ansia ora mi sento giù, ma davvero tanto, anche se dall'esterno non sembra.

Belfalas

Utente Fedele

Posts: 460

Activity points: 1.387

Data di registrazione: martedì, 26 agosto 2014

  • Invia messaggio privato

27

giovedì, 25 febbraio 2016, 16:11

Molto belle le tue parole Halaster, grazie...
mi suggeriscono un'attitudine di calma presenza...

ilprofeta1

Colonna del Forum

  • "ilprofeta1" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.854

Activity points: 5.898

Data di registrazione: lunedì, 11 gennaio 2010

  • Invia messaggio privato

28

venerdì, 26 febbraio 2016, 23:03

Non è questione di "situazione personale" . E' la vita in società che è così. E' una questione sociale che riguarda tutti a prescindere da quanto possano essere arrivati in alto nella società o aver trovato una buona sistemazione o chissà cos'altro.
Devi uscire da questa realtà sociale per avere nuove speranze e riprendere una ventata d'aria fresca e ricordarti cosa significhi essere vivi. E poi se non condividi niente con nessuno.. intendo.. se non hai nessuno con cui hai veramente un intesa e con cui vivi pienamente uscendo dai soliti circoli , è normale che ti senti estraniata.

Io a volte mi chiedo quando è stata l'ultima volta che ho fatto qualcosa realmente per me e non indotto dalla società. E' difficilissimo anche solo riuscire a guardarsi dentro e capire quali sono i nostri reali desideri.. perchè i desideri che noi diciamo a noi stessi di avere in realtà sono al 99% cose che non vogliamo veramente ma che si sono "rese necessarie" ( o comunque noi ci siamo convinti che siano necessari) man mano, nel vivere in società. Ma i -veri-desideri sono sempre molto nascosti, sepolti da una montagna di cose.. e quasi sempre dimenticati. L'apatia e il senso di derealizzazione che provi sono dovuti al fatto che noi tutti abbiamo, ad un certo punto, smesso di vivere davvero e ci siamo persi perchè siamo stati travolti da tutte le false-questioni che il vivere in società ci ha sottoposto.
Abbiamo cominciato a non-vivere perchè abbiamo inconsciamente abbandonato i nostri veri sogni. Abbiamo inconsciamente concluso che fosse impossibile realizzarli, nel rigido e disincantato contesto sociale che ci stava intorno: Dominato com'era da andamenti logici ciclici e prevedibili e dove non c'era spazio per la speranza o per qualcosa che potesse stupirci. Ma... . in realtà le magie più stupefacenti e ad effetto sono quelle che capitano proprio quando nessuno le credeva possibili.


Halaster
Ti racconto una storiella. C'èra un signore che decide di seguire una persona speciale, ma siccome gli era morto il padre, si rivolge alla persona speciale e gli dice " Ho deciso di seguirti e di vivere come te, ma prima permettimi di seppellire mio padre" ma dalla persona speciale ricevette questa risposta "Lascia ai morti seppellire i loro morti"
Con la mia risposta precedente in questo thread, io vi ho dato il modo di trovare la vita e lasciare la morte ma l'avete rifiutata, forse pensate che ci siano altre vie?
PS Halaster, ti consiglio di sostituire la parola "Inconsciamente" con "Istintivamente" perchè l'inconscio non c'entra niente quindi non offenderlo.