Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Alfa

Nuovo Utente

Posts: 6

Activitypoints: 25

Date of registration: Nov 6th 2010

  • Send private message

196

Monday, November 8th 2010, 7:31pm

Paradiso è non sofferenza, è felicità , pace, è uno stato mentale.
Guardando in alto e in basso, a destra e a sinistra, il punto importante è non perdere di vista il qui e adesso.
Tutto quello che facciamo deve riempire tutto l’universo. Questo momento è eterno – e qui ci dobbiamo donare con tutto il cuore alla pratica della via.


Pavély

Un uomo e il suo cuore hikikomori

  • "Pavély" is male
  • "Pavély" has been banned

Posts: 3,480

Activitypoints: 12,379

Date of registration: Feb 25th 2009

Location: Roma

Occupation: Nessuno

  • Send private message

197

Monday, November 8th 2010, 9:50pm

Pavély non ho capito...puoi farmi un riassunto ? :)

Riassumo...

1. Il Diritto nasce dalla Religione.

Esempio:

Quoted

CARLO ALBERTO
per la grazia di Dio
RE DI SARDEGNA, DI CIPRO E DI GERUSALEMME
Ecc. Ecc. Ecc.
Con lealtà di Re e con affetto di Padre Noi veniamo oggi a compiere quanto avevamo annunziato ai Nostri amatissimi sudditi col Nostro proclama dell' 8 dell'ultimo scorso febbraio, con cui abbiamo voluto dimostrare, in mezzo agli eventi straordinarii che circondavano il paese, come la Nostra confidenza in loro crescesse colla gravità delle circostanze, e come prendendo unicamente consiglio dagli impulsi del Nostro cuore fosse ferma Nostra intenzione di conformare le loro sorti alla ragione dei tempi, agli interessi ed alla dignità della Nazione.
E' l'inizio dello Statuto Albertino. Fino al 1945 le leggi erano, in maggior parte, "Regi decreti". Leggi emanate dal Re. E come si può leggere dal proemio dello Statuto Albertino si è Re "per la grazia di Dio". (Quì: Dio dei cattolici, ovviamente). Il Re realizza la volontà di Dio.

2. A parte la Francia e l'Est europeo che imitò pedissequamente gli ideali francesi (Comunismo sovietico ecc ecc) tutti i paesi del Mondo si riallacciano all'Idea di Monarchia. Paesi civilissimi come la Svezia, l'Olanda, la Spagna sono Monarchie. E non Monarchie arabe o altro... Monarchie cristiane. Ovviamente: tralascio i paesi arabi, l'India, il Giappone e il Sud-Est asiatico. Sono differenti Monarchie o Teocrazie...

3. In verità: l'esperienza francese "democratica" è parecchio "peregrina". E' legata all'operato settecenesco dei club massonici e delle società iniziatiche. Soprattutto, ai gruppi cosiddetti dell'"Arc royal"... (Massoneria dell'Arco reale). E' un tema affascinante...

4. Nell'ottocento l'Est europeo si "innamora" della Francia e fà arrivare all'"estremo" gli esiti della sua cultura. Osserviamo questo: i Romanov, a corte, parlavano francese. Piuttosto un problema: se in Francia si diceva "uno", a Mosca si diceva "dieci". Se in Francia, alcuni gruppi massonici e di intellettuali si dicevano "atei", in Russia si arrivò a tirare le cannonate alle Chiese. (I Russi sono megalomani in questo...).

5. L'idea dell'Ateismo si forma così. Come un fiume che scende verso l'Est europeo e allaga l'Europa. Ma un fenomeno assolutamente transitorio... (nessuno avrebbe scommesso un Denaro sull'Ateismo)... fù amplificato all'Estremo dai Sovietici. Fondando l'idea che l'Ateismo sia qualcosa di esistente.

6. Attenzione: la Religione esiste. Esiste. Lo so: è paradossale che esista, ma esiste. E' un dato di fatto. Un Ateo può convincere una persona a non credere che esista Dio ma poi si torna ad un dato di fatto. La Religione esiste. Anzi: oggi è più forte che mai... più evidente. Un Ateo non potrà dire nulla per dimostrare che "la Religione non esiste". Ai suoi occhi, come spiegò d'Holbac, sono solo una marea di scemenze. I fedeli sono una massa di "cretini" che ogni domenica si riunisce in Chiesa a cantare "litanie" senza senso.

7. Che ci sia sincerità o non ci sia, in verità, la Religione esiste. Esistono Chiese e, a tutt'oggi, le Chiese sono piene. Per non parlare delle Moschee... Ora: quasi tutti gli Esseri umani (l'Umanità intera sottratti i Francesi e chi dà retta ai Francesi...) crede. Ha fede. Sente che esisterà, nel futuro, un Paradiso. Se lo immagina...

8. E quanta poesia e quanta verità in questo Paradiso.

9. Affermare che il Paradiso non esiste o che la Religione sia una stupidaggine... significa, in verità, dare dell'"imbecille" a 9/10 dell'Umanità.

10. Probabilmente, è vero. Ma probabilmente, tra un poco, gli Atei, dopo che i Russi si sono stancati di "amplificare" questo messaggio, non avranno più nessuno ad ascoltarli. (Anzi). A tutt'oggi, l'ultimo guizzo di questa mentalità, parlo di far passare la Costituzione Europea, è finita miseramente al macero.

11. Fondamentalmente, il Comunismo e l'Ateismo è finito. Non parlo solo del PCI... parlo del fatto, evidente, che a tutt'oggi, NON ESISTONO governanti in Europa che pensano, oggettivamente, che Dio non esiste. E alla domanda se, nel futuro, qualche Ateo convinto salirà al potere... mmmhhh... i sociologi tentennano. Non ci credono. E, secondo me, non lo pensano.

12. L'Ateismo si stà spegnendo. E' evidente che ogni essere umano PROVA SPIRITUALITà. Così come è evidente che, socializzando, può incontrare altre persone con la medesima SPIRITUALITà. Se ciò accade ne nasce una RELIGIONE.

13. Le Religioni cambiano, mutano. Ne nascono di nuove (Bahaismo... Wicca...), ne muoiono di altre (Spiritualismo, Teosofia). Ed è bellissimo osservarlo. In questo "perenne" cambiamento di Religioni, alcune, con Violenza, vogliono rimanere (ad esempio: il Cristianesimo). Noi Cristiani siamo uno sparuto manipoli di fedeli che si OSTINA a non accettare i cambiamenti. Pure: esistiamo.

14. L'ateismo viene ad essere una questione minoritaria, legata ad una cultura specifica, ad un periodo storico transitorio.

15. Ora: AD OGNI SPIRITUALITà CORRISPONDE UNA DIVERSA PERCEZIONE DEL PARADISO.

§

La mia Spiritualità mi porta ad immaginare il Paradiso come una Grandissima città in cui si avverano tutti i sogni. Altri, lo percepiscono in modo diverso.

Ed è bellissimo che sia così.

Naturale... ecco.
Mein Herz, halt Dich an mir fest

Svogliato

Nato stanco.

  • "Svogliato" is male

Posts: 1,198

Activitypoints: 3,860

Date of registration: Mar 25th 2010

Occupation: Pucci

  • Send private message

198

Wednesday, November 10th 2010, 1:59pm

Il paradiso é una forma di controllo come le altre no?
Ne parlavo ieri ma anche oggi con una donna fortemente cattolica che quasi sempre riesci a stupirmi e a farmi chiedere come non si riesca a vedere la verita dietro le religioni.
La ricompensa di un mondo migliore sia che questo significhi 72 vergini,vedere Dio per sempre o reincarnarsi e chi piu ne ha ne metta alla fine é un modo per controllare le persone.
In fondo puoi sfuggire alla legge dell'uomo ma non alla tua coscienza se é questa è condizionata a puntino,cio che in fondo cercano di fare tutte le religioni traviando il cervello del bambino ancora prima che possa pensare.
Basta guardare paesi alla maggioranza dei paesi islamici,ai quali assomiglieremmo si intende se la Chiesa cattolica avesse prevalso,dove la gente non vive ma sopravvive,e dove la religione é un enorme sistema per soffocare la tua rabbia e desiderio di giustizia...tanto dopo la morte si che ci sara benessere e gioia...
Apatico,da smuovere con le granate.

Non ci sono femministe in una nave che sta affondando.
"Togliete dalla chiesa i miracoli, il soprannaturale, l’incomprensibile,
l’irragionevole, l’impossibile, l’inconoscibile, l’assurdo e non rimane
niente altro che il vuoto." Robert G. Ingersoll

  • "lea" has been banned

Posts: 4,710

Activitypoints: 14,389

Date of registration: Jun 8th 2008

  • Send private message

199

Wednesday, November 10th 2010, 3:02pm

In fondo puoi sfuggire alla legge dell'uomo ma non alla tua coscienza se é questa è condizionata a puntino,cio che in fondo cercano di fare tutte le religioni traviando il cervello del bambino ancora prima che possa pensare.
Basta guardare paesi alla maggioranza dei paesi islamici,ai quali assomiglieremmo si intende se la Chiesa cattolica avesse prevalso,dove la gente non vive ma sopravvive,e dove la religione é un enorme sistema per soffocare la tua rabbia e desiderio di giustizia...tanto dopo la morte si che ci sara benessere e gioia...


Il raccapricciante è verificare che , quando l'indottrinamento ha funzionato al 100%, tra gli indottrinati nessuno mai si chiede "ma dunque, perchè TU mi predichi questo e poi fa l'esatto contrario?" .
Al massimo...realizzano questa domanda se gliela poni.
E hanno la risposta pronta , quella che conferma "l'installazione riuscita con successo" : ti risponderanno che "l'uomo è peccatore, e anche il prete è un uomo!"

Io, al prete, anche se normalmente non mi è simpatico, almeno un aggettivo in più sento di doverglielo dedicare per correttezza. E cioè : il prete è sicuramente un uomo. Però dai...perchè negare che - nella media - sia più furbo di tanti altri uomini? :D
La cultura è quel che resta........quando hai dimenticato TUTTO! (non è mia, ma non mi ricordo chi l'abbia detta. Cambia qualcosa? :roftl: )

Licurgo

Forumista Incallito

Posts: 4,426

Activitypoints: 13,901

Date of registration: Jul 15th 2008

  • Send private message

200

Thursday, November 11th 2010, 4:19am

"l'uomo è peccatore, e anche il prete è un uomo!"

Io, al prete, anche se normalmente non mi è simpatico, almeno un aggettivo in più sento di doverglielo dedicare per correttezza. E cioè : il prete è sicuramente un uomo. Però dai...perchè negare che - nella media - sia più furbo di tanti altri uomini?




Giuda fu il più furbo di tutti se è per questo, stette in compagnia del Signore, predicò con lui e mangiò alla sua mensa. Eppure (ohibò) nonostante si sapesse che avrebbe tradito non fu cacciato dai dodici. Bisognerebbe tornare alle basi del cristianesimo.
totus tuus

viaggio all'inferno e ritorno.
una testimonianza di conversione.

http://www.santissimo.it/libri/GLORIA%20…o%20Patrizi.pdf

Pavély

Un uomo e il suo cuore hikikomori

  • "Pavély" is male
  • "Pavély" has been banned

Posts: 3,480

Activitypoints: 12,379

Date of registration: Feb 25th 2009

Location: Roma

Occupation: Nessuno

  • Send private message

201

Thursday, November 11th 2010, 10:42am

Il paradiso é una forma di controllo come le altre no?
Ne parlavo ieri ma anche oggi con una donna fortemente cattolica che quasi sempre riesci a stupirmi e a farmi chiedere come non si riesca a vedere la verita dietro le religioni.
La ricompensa di un mondo migliore sia che questo significhi 72 vergini,vedere Dio per sempre o reincarnarsi e chi piu ne ha ne metta alla fine é un modo per controllare le persone.
In fondo puoi sfuggire alla legge dell'uomo ma non alla tua coscienza se é questa è condizionata a puntino,cio che in fondo cercano di fare tutte le religioni traviando il cervello del bambino ancora prima che possa pensare.
Basta guardare paesi alla maggioranza dei paesi islamici,ai quali assomiglieremmo si intende se la Chiesa cattolica avesse prevalso,dove la gente non vive ma sopravvive,e dove la religione é un enorme sistema per soffocare la tua rabbia e desiderio di giustizia...tanto dopo la morte si che ci sara benessere e gioia...

E' ciò che dico da tante pagine.

Più uomini socializzano.

Gli uomini creano Spiritualità.

La Spiritualità crea Diritto.

Il fatto è questo: ci deve essere una precisa successione logica.

Socialità--->Spiritualità--->Diritto.

Quando si invertono i termini della questione...

Diritto--->Spiritualità--->Socialità...

... si ha ciò che ci fa arrabbiare.

In breve, laddove una Religione PRETENDE di regolare la Società sbaglia.

Soprattutto perché ragione vuole che PRETENDA di avere un Diritto di farlo.

Ma è un'inversione logica. E filosoficamente un errore grosso come una casa.

LA SPIRITUALITà NON PRODUCE SOCIALITà. E' qualcosa che in filosofia è piuttosto ovvio.

Ma è piuttosto ovvioche LA SOCIALITà PRODUCE SPIRITUALITà. Mi spiego: quando più persone FANNO GRUPPO creano dei vincoli che sono Spirituali.

Esattamente: Gesù è il CORPO della Chiesa. (Come si dice in modo Mistico). E' il Capo (Testa) del Corpo della chiesa. E i Cristiani sono una Società Universale.

Cioè: i Cristiani si SENTONO uniti. E questo sentimento... questa Unità è la Spiritualità di cui parlo. Spiritualità che è comune ad esempio all'Amore... o all'Amicizia.

Cos'è l'Amore se non SENTIRE un qualcosa di indefinibile tra due o più persone? Soprattutto: perché chi ama veramente SI FIDA? Il problema è che chi ama, ad esempio, lascia i figli al coniuge. E SA che non gli accadranno nulla di male...

Fiducia.

In latino FEDE.

Il problema è proprio questo Legame.

Questa SPIRITUALITà.

Essere un solo corpo e un solo spirito.

:)

Ma attenzione: quando due persone si amano CREANO il Matrimonio.

Non è il MATRIMONIO COME RITO a creare LA FAMIGLIA.

Il Rito nasce dalla spontanea socialità.

§

Dunque, l'Idea che iL Vaticano... o la Religione abbia tutto questo potere... mmmmhhh... ci pone davanti al tema del Fascismo e della Dittatura.

Ma il Fascismo non ha nulla a che vedere con il Fenome naturalissimo e umano della Fede religiosa.

Gli uomini costruiscono le Chiese per riunirsi.

Sentirsi comunità.

Le Chiese sono, prima di tutto, CENTRALI SOCIALI.

Di socialità.

§

Ed è evidente questo...

Quando più persone si riuniscono, creano spiritualità (cioè SANNO DI ESSERE UNA COMUNITà).

Facendolo, credono.

E credendo, credono nel Paradiso.

§

Che cosa naturale... umanissima...

Tant'è che l'Organizzazione Mondiale della Sanità definisce la Spritualità con un preciso codice di classificazione.

E viverla è considerato un qualcosa di naturale.

E ovvio.
Mein Herz, halt Dich an mir fest

SimKapa

Giovane Amico

  • "SimKapa" is male

Posts: 82

Activitypoints: 477

Date of registration: Jan 4th 2010

Location: Roma

Occupation: Studente

  • Send private message

202

Sunday, November 28th 2010, 12:02pm

il Paradiso l h sempre vistoo come sopra le nuvole,nel cielo,come me lo immaginavo anche da piccolo,nn sò perchè quando guardo il cielo,quelle nuvole nn sò xke nn le sento sole,spero che qualcuno dallà su ci guardi

Giulia96

Utente Attivo

  • "Giulia96" is female
  • "Giulia96" started this thread

Posts: 16

Activitypoints: 62

Date of registration: Sep 27th 2010

  • Send private message

203

Monday, November 29th 2010, 4:11pm

sim

simk certo che da lassù ci guardano, ma anche da quaggiù, perchè loro sono sono tutti vicino a noi, anche se noi non riusciamo a vederli con i nostri occhi ma ci sonooooooooooooooo, e non sono favole, ed io non credo alle favole, ma creduto alle favole... anzi non mi piacciono.... credere che esiste qualcosa al di sopra di noi, non vuol dire raccontarci favole... :(

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,371

Activitypoints: 22,631

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

204

Monday, November 29th 2010, 6:26pm

credere che esiste qualcosa al di sopra di noi, non vuol dire raccontarci favole...


e perche non anche sotto e lateralmente?

ledi

Unregistered

205

Monday, November 29th 2010, 8:06pm

credere che esiste qualcosa al di sopra di noi, non vuol dire raccontarci favole...


e perche non anche sotto e lateralmente?



Scusa doctor faust, con tutto il rispetto che ho per te(detto con sincerità). . . ma ti dico, rileggiti la domanda che hai scritto.... mah. . .(non me l'aspettavo)

trefert

Anarchico individualista

  • "trefert" is male
  • "trefert" has been banned

Posts: 418

Activitypoints: 1,464

Date of registration: Dec 6th 2009

  • Send private message

206

Monday, November 29th 2010, 11:17pm

certo se intendiamo al di sopra di noi.... :rolleyes: guardare in alto...veramente siamo lontani anni luce eh....

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,371

Activitypoints: 22,631

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

207

Tuesday, November 30th 2010, 11:51am


Scusa doctor faust, con tutto il rispetto che ho per te(detto con sincerità). . . ma ti dico, rileggiti la domanda che hai scritto.... mah. . .(non me l'aspettavo)


Scusa, lei dice:

simk certo che da lassù ci guardano,


Chi?

Quoted

ma anche da quaggiù, perchè loro sono sono tutti vicino a noi,


Loro chi?

Quoted

anche se noi non riusciamo a vederli con i nostri occhi ma ci sonooooooooooooooo,


Chi c'e'? Sono nascosti bene?

Quoted

e non sono favole, ed io non credo alle favole, ma creduto alle favole... anzi non mi piacciono.... credere che esiste qualcosa al di sopra di noi, non vuol dire raccontarci favole... :(


A no? Perche? Ha prove a sostegno di cio' che dice? Qualcosa di oggettivo...di verificabile...di condivisibile, che non siano dichiarazioni evanescenti come questa.
Lo chiedo perche vorrei vederci chiaro anche io.

Tu ne sai qualcosa di piu'?

This post has been edited 1 times, last edit by "doctor Faust" (Nov 30th 2010, 11:56am)


Luca Canetti

Pace e bene!

  • "Luca Canetti" is male

Posts: 891

Activitypoints: 3,506

Date of registration: Dec 18th 2008

Location: Ferrara

Occupation: Studente

  • Send private message

208

Tuesday, November 30th 2010, 2:26pm

Infatti, credere che esista qualcosa (o, per chi, come me è cattolico praticante, qualcuno, nel nostro caso Gesù Cristo, Figlio del Dio vivente) che ci trascenda, non vuol dire raccontare favole, ma vuol dire credere che Dio ci ha creati perchè ci ama, che Dio si è incarnato in suo Figlio Gesù, che Dio si rivela e che Gesù è la sua Parola definitiva; dal fatto che Dio si Rivela, ne consegue che a Dio "si deve l'obbedienza della fede" (Dei verbum 5). Al fine di dimostrare che non è raccontarsi favole, cito ciò che dice la Lumen Gentium al numero 3: "da Lui veniamo, per Lui viviamo, a Lui siamo diretti".

Aiden il venerabile

Amico Inseparabile

Posts: 1,545

Activitypoints: 4,971

Date of registration: Dec 25th 2009

  • Send private message

209

Tuesday, November 30th 2010, 2:51pm

no perchè a)non credo esista b)pure se esiste non credo di finirci

Giulia96

Utente Attivo

  • "Giulia96" is female
  • "Giulia96" started this thread

Posts: 16

Activitypoints: 62

Date of registration: Sep 27th 2010

  • Send private message

210

Tuesday, November 30th 2010, 3:09pm

Io non contrasto i vostri pensieri!!! E DA ADULTI PENSO CHE NEMMENO VOI DOVRESTE FARLO...
CMQ... NON HO VISTO NULLA, ALLA TUA DOMANDA RISPONDO CHE CERCO DI PENSARE DENTRO DI ME QUELLO CHE LASSU, CI POSSA ESSERE, E NON DICO CHE TUTTI DEBBANO CREDERCI, O PENSARE ALLO STESSO MODO CHE PENSO IO MA ,CREDO CHE POSSIAMO RISPETTARCI A VICENDA NEL NOSTRO CREDERE NELLE COSE, CHE SIA DI NATURA DI QUALSIASI COSA NON SOLO SUL PARADISO.. SULLA RELIGIONE E QUANTALTRO... SPERO DI NON ESSERMI SPIEGATA MALE IN QUELLO CHE VOLEVO SCRIVERE...