Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

  • "lea" è stato interdetto da questo forum
  • "lea" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.705

Activity points: 14.374

Data di registrazione: domenica, 08 giugno 2008

  • Invia messaggio privato

1

sabato, 27 febbraio 2010, 17:19

Un dubbio (che mi sembra grave) sull'amicizia...

Ho aperto questo thread perchè non vorrei continuare ad inquinarne un altro, aperto da Nemes, da cui provengo.

Lì si è finiti a parlare dell'amicizia e a cercare di guardarla più da vicino, ciascuno dal proprio punto di vista e in base al proprio vissuto.

Se analizzo i miei sentimenti verso il prossimo in genere (ossia: verso chi non sia mio familiare), io in totale sincerità con me stessa posso dire questo:
A) posso provare e ho provato nella vita una compartecipazione emotiva anche forte verso persone che non ho mai conosciuto personalmente, e sono stata anche molto gratificata dallo scambiarci idee o dal poter dare un aiuto;
B) questo piacere non necessita affatto di completarsi in un "rapporto" personale stabile e duraturo;
C) qui il dubbio grave : onestamente se provo a paragonare il tipo di sentimento che provo per i miei familiari con quello che posso provare per altre persone.... io devo ammettere che non c'è il benchè minimo paragone. Nel senso che non ho dubbi di poter chiamare amore quello che mi lega ai familiari o al mio compagno, ma - se l'amore è questo - devo ammettere di non provare nulla di simile nei confronti di altri, anche quando nutro la più grande benevolenza. Ecco: benevolenza è il termine giusto! Io... oltre quella so di non andare.
:S

Domanda: qualcuno di voi, guardandosi a fondo, può dire di aver provato in amicizia , verso l'amico, qualcosa che pallidamente somigli a quel che prova per un genitore, o per un figlio, o per il proprio compagno di vita :?:
La cultura è quel che resta........quando hai dimenticato TUTTO! (non è mia, ma non mi ricordo chi l'abbia detta. Cambia qualcosa? :roftl: )

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" è una donna

Posts: 2.091

Activity points: 6.602

Data di registrazione: giovedì, 10 settembre 2009

Lavoro: insegnante (una specie)

  • Invia messaggio privato

2

sabato, 27 febbraio 2010, 17:54

non ho capito perchè ritieni grave questo dubbio...
di che tipo di amore parli?
judging a person does not define who they are, it defines who you are

3

sabato, 27 febbraio 2010, 20:05

RE: Un dubbio (che mi sembra grave) sull'amicizia...

Domanda: qualcuno di voi, guardandosi a fondo, può dire di aver provato in amicizia , verso l'amico, qualcosa che pallidamente somigli a quel che prova per un genitore, o per un figlio, o per il proprio compagno di vita :?:
Tema che trovo affascinante e complesso, una complessità variabile da persona a persona e probabilmente in conseguenza di fattori determinanti quali... esperienze pregresse, educazione, e altro...

Intanto direi che tentare di classificare o paragonare l'amicizia agli affetti che citi, sia un errore da evitare... mi spiego meglio...
Un figlio, così come un genitore o un fratello rientrano in una sfera affettiva differente ! In termini diversi si può parlare di affettività verso altri che non siano parenti o compagni di vita ! MA è secondo me impossibile anche solo ipotizzare di metterli su un piano che si avvicini a quello strettamente parentale o di coppia, sono troppo diversi per natura...

L'amicizia considero sia qualcosa che nasce spontaneamente, se nasce... cercare di coltivarla senza ambiguità, in totale libertà, scoprendo quando c'è, SE c'è, affinità o piacere della condivisione e dello scambio spontaneo, è e resta sempre un rapportarsi tra persone autonome nel pensiero e nella pratica, nello sviluppo esistenziale.

La benevolenza... orco Lea... sono andata sul Dizionario Italiano e ho trovato queste definizioni:
benevolènza [benevo'lɛntsa]
s.f.
1 sf
buona disposizione di animo
2 sf
indulgenza del superiore verso l'inferiore


Sulla buona disposizione d'animo sono pienamente d'accordo...
Sulla seconda: indulgenza del superiore verso l'inferiore... ovviamente non si parla di amicizia e quindi la scarto a priori !

La benevolenza è quella (per me) che consente l'avvicinamento tra persone, influenzata (la benevolenza) da mille e mille fattori e, non ultimo, la certezza che di fondo non vi è alcun INTERESSE da soddisfare ! In buona sostanza, temo diverse cose nascoste (mi è capitato !) dietro la parola Amicizia... una di queste è il BISOGNO di uno scoglio al quale aggrapparsi per persone che sono più "cozze"... che persone in stato di spontaneo e disinteressato scambio !

Se mi consenti di andare leggermente oltre il tema del thread (spero di non andare OT) aggiungo questo...

Credo si debba fare chiarezza rispetto al termine amicizia... qualunque rapporto interpersonale nel quale ci si sente di "dare" qualcosa di se stessi "liberamente", che si tratti di pensieri, aiuto in qualunque forma, scambio dialogico, DEVE mantenersi entro il limite della "volontarietà e spontaneità" altrimenti diventa artificioso e, personalmente, NON sopporterei nulla di artefatto... nulla di studiato per ottenere un "risultato".

Il rispetto della vita e della libertà altrui di gestire i propri tempi e spazi, ed anche il NON voler assumere per l'amico carattere di "importanza primaria e vincolante", ingenera una affettività positiva perchè libera da obblighi. Ma non credo sia possibile un paragone con ciò che si prova per figli o genitori... come sarebbe possibile paragonarli se sono altro ??? :thinking:

Le amicizie "vere"... rispettano reciprocamente vita, pensieri e spazi, si può dibattere qualunque argomento anche stando su posizioni opposte, non esistono imposizioni di alcun tipo, sono spontanee, non pretendono la presenza, sono intellettualmente oneste e per nulla artificiose... e rendono piacevole l'esistenza perchè NON inquinano la vita... sono ognuna a modo proprio delle manifestazioni d'amore...
Di persone così non potrei fare a meno... mentre dall'opposto... prendo le distanze, graaaaandi distanze !!!

Eppure se io dovessi definire l'amicizia incontrerei la stessa difficoltà che incontro nel definire un amore... non so definirla perchè NON trovo parole adatte. L'unica cosa che penso di poter dire e me la dico da anni, è che l'amicizia è quello che diamo senza attendere nulla in cambio, mi riferisco alla disposizione d'animo rispetto alle persone alle quali si da (non importa cosa) senza attendere una contropartita e, a dirla tutta tutta, spesso a riceverla sono persone che nemmeno valutano quanto ricevono senza aver chiesto, non viene nemmeno notata il più delle volte.
Amicizia e amore sono (sempre secondo me) il nostro intimo "dare", che sia una parola o un gesto poco cambia... è sempre un dare spassionato !

Scusa se ho divagato un pochino...

  • "lea" è stato interdetto da questo forum
  • "lea" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.705

Activity points: 14.374

Data di registrazione: domenica, 08 giugno 2008

  • Invia messaggio privato

4

sabato, 27 febbraio 2010, 20:41

non ho capito perchè ritieni grave questo dubbio...
di che tipo di amore parli?


Grazie della domanda, perchè temevo che in effetti non si capisse granchè :blush:

Lo ritengo grave perchè mi son trovata, guardando me stessa e ascoltando tante altre persone, a chiedermi : ma sono io che sono anaffettiva perchè la vivo così, oppure dietro tante parole (belle) e tanti propositi (buoni) non c'è, nella media, quel che si dice esserci?

Ancora più chiaramente (spero) : si sente spesso dire che "l'amicizia è amore senza attrazione sessuale".

Bene: se per amore io intendo quello che provo per il mio compagno oppure per mio figlio (in quest'ultimo caso, peraltro, è ovviamente assente l'attrazione sessuale), per me non c'è paragone tra quel che provo per lui e quel che posso provare per il più beneamato dei miei non familiari.

E dunque, come ripeto, mi chiedevo: ma sono gelida io , oppure sono eccessivamente focose, rispetto alla sostanza, le parole di tanti quando parlano di amicizia? (sottinteso: troverei di una certa "gravità" entrambe le ipotesi.........) :hmm:

Aggiungo un'ultima cosa per esprimermi più chiaramente possibile : io ho moti di affetto e di solidarietà e di simpatia autentici e anche intensi verso il mio prossimo, però mi sentirei una buffona se dicessi che il mio senso di amicizia è "amore senza attrazione sessuale", perchè la "temperatura" o la "profondità" dei due sentimenti è imparagonabile.
La felicità o il dolore di un mio familiare sono esattamente la mia felicità o il mio dolore.
Quelli di una persona amica possono essere un motivo di rallegramento oppure di sincero disappunto, ma non hanno nulla a che vedere con la mia felicità o il mio dolore.
La cultura è quel che resta........quando hai dimenticato TUTTO! (non è mia, ma non mi ricordo chi l'abbia detta. Cambia qualcosa? :roftl: )

  • "lea" è stato interdetto da questo forum
  • "lea" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.705

Activity points: 14.374

Data di registrazione: domenica, 08 giugno 2008

  • Invia messaggio privato

5

sabato, 27 febbraio 2010, 20:48

Mari, chiaro intanto che dei due significati alternativi di benevolenza... non potrebbe in questo contesto aver senso se non il primo, e ok.

Tu hai dato una rappresentazione molto articolata di quello che è comunemente inteso il "dover essere" dell'amicizia, e su quello siam tutti d'accordo, credo.

Ma io, qui, desideravo soltanto scandagliare la reale intensità del sentimento che nella vita vera, e non in letteratura, di fatto finisce per essere ordito e trama di tutto quello che vogliamo ricamarci sopra.

Pianista mi ha molto aiutata a chiarire il senso della mia domanda, che potrei anche riformulare così :
"si dice che l'amicizia è amore senza sesso. E' proprio così, secondo voi?"
La cultura è quel che resta........quando hai dimenticato TUTTO! (non è mia, ma non mi ricordo chi l'abbia detta. Cambia qualcosa? :roftl: )

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" è una donna

Posts: 2.091

Activity points: 6.602

Data di registrazione: giovedì, 10 settembre 2009

Lavoro: insegnante (una specie)

  • Invia messaggio privato

6

sabato, 27 febbraio 2010, 21:33

Pianista mi ha molto aiutata a chiarire il senso della mia domanda, che potrei anche riformulare così :
"si dice che l'amicizia è amore senza sesso. E' proprio così, secondo voi?"


mi fa molto piacere...

vediamo... io ancora devo capire cos'è l'amore...

ma ciò che percepisco è che gli altri fuori dalla famiglia non mi sono famigliari....
farà un pò ridere, ma... vorrei dire qualcosa con questa affermazione...

allora, io sono asperger, ma credo che in parte altri ci si possano ritrovare, magari in modo meno forte...

la tua famiglia fa parte della tua quotidianità o ne ha fatto parte in passato...
questo crea differenze di sentimento con chiunque altro fuori... ameno che poi non si sviluppi la stessa cosa per qualche motivo...

se pensiamo all'estremo peggiore, dovesse morire uno fuori e uno dentro, che fa parte o ha fatto parte della tua quotidianità e vita... la differenza di percezione è molto diversa...
quelli di fuori te li dimentichi non volendolo, perchè già prima di morire erano "di fuori" e la tua persona è già abituata a non percepirli...

poi che tu gli voglia bene comunque è bello e sano... perchè volere male a qualcuno?
però secondo me è logico che è diversissima la percezione...
judging a person does not define who they are, it defines who you are

7

sabato, 27 febbraio 2010, 22:03

"si dice che l'amicizia è amore senza sesso. E' proprio così, secondo voi?"


Se consideriamo le mille variabili con le quali si può dimostrare affettività... e se questa affettività può essere considerata dimostrazione anche parzialissima dell'amore in senso ampio, viste le mille sfaccettature di cui si compone questo sentimento... allora ogni atto della vita è potenzialmente amore senza sesso, compresa l'amicizia !

Forse si tende a confondere molto delle cose della vita e dei significati che le parole espresse e gli atteggiamenti hanno. Non ti considero assolutamente "anaffettiva" e a me, sinceramente, anche solo il leggere le tue parole su un forum mi fa un effetto differente, questo perchè si può leggere ovunque un atteggiamento mentale di "amore" per il genere umano... ok ?

Ora Lea... il tuo provare "piacere" e "affetto sincero" (se lo provi, quando lo provi, per chi lo provi, anche a tratti discontinui magari), credo siano sufficienti a definire (a te stessa) il tuo sentire. Se questo è il tuo sentire verso chiunque reputi amico tuo, indipendentemente dall'intensità... perchè cercare di trovare in se stessi una inaffettività illogica ? (illogica secondo me, ovviamente).
A me succede di considerare di voler bene ad alcune persone, anche molto bene... ma NON mi sogno nemmeno di paragonare questo affetto a quello che nutro per i figli o per i genitori... o per la persona amata ! Ma come si può fare un paragone del genere ???

La mia risposta quindi è questa : l'amicizia è una forma di amore, una delle tante possibili... e il sesso non c'entra nulla ! Con alcune persone si vivono momenti intensi di affettività e/o complicità... tutto qui ! Non mi chiedo come si debba definire !

E comunque la gioia, la felicità, il dispiacere, il disappunto o il dolore non credo siano schematizzabili, categorizzabili, e nemmeno paragonabili con nessuna persona esterna a noi, solo nel nostro interno !
In questo senso sono considerata fredda da sempre, perchè il rapporto tra me e le cose della vita, compresa la morte (e quindi il dolore) è mio e particolare... a volte nemmeno compreso o accettato da chi è fuori dal mio corpo e dalla mia mente, familiari compresi... quindi ? Sono anaffettiva pure io ? Mi rispondo NO... è una cosa mia non paragonabile sulla base dei pensieri altrui ma solo col mio sentire mi sembra !

SamsaraBoy

tutto scorre, e tu?

  • "SamsaraBoy" è un uomo

Posts: 86

Activity points: 258

Data di registrazione: sabato, 13 febbraio 2010

Località: Milano

Lavoro: informatica e insegnamento

  • Invia messaggio privato

8

sabato, 27 febbraio 2010, 22:04

Io posso dire che non provo molto per la mia famiglia,
ok, affetto, riconoscenza, ma roba abbastanza vaga.
provo molto di più verso non-familiari.
Certo, ho solo un paio di amici maschi e più amiche femmine (con le quali spesso le cose sono complicate dall'attrazione sessuale, ma non sempre devo dire).

Un po' il contrario di Lea, quindi... e naturalmente anch'io mi sono sempre chiesto se sono "strano" :-)

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" è una donna

Posts: 2.091

Activity points: 6.602

Data di registrazione: giovedì, 10 settembre 2009

Lavoro: insegnante (una specie)

  • Invia messaggio privato

9

sabato, 27 febbraio 2010, 22:20

Un po' il contrario di Lea, quindi... e naturalmente anch'io mi sono sempre chiesto se sono "strano" :-)


no, anche io posso stare più attiva con quelli fuori... affettivamente e anche a livello di attenzioni...
ma questo è per laltro lato della medaglia:
come in tutte le cose c'è il alto negativo e positivo anche per i famigliari... cioè se da n lato c'è di più nel profodo, che nemmeno noi sappiamo...
da un altro c'è la noia del quotidiano, mentre l'alro è sempre una variabile... poi c'è l'intolleranza del sempre o spesso... mentre all'altro si perdona molto più facilemtne per via della minor frequenza di episodi d'intolleranza, proprio perchè lo si vede di meno...

è normalissimo quel che dici e non penso sia il contrario di lea, ma il rovescio della medaglia

(non so se sono stata chiara... 8| )
judging a person does not define who they are, it defines who you are

LunaX

Pilastro del Forum

  • "LunaX" è una donna

Posts: 3.350

Activity points: 10.295

Data di registrazione: domenica, 20 luglio 2008

Località: Altrove

Lavoro: Allevo tarli

  • Invia messaggio privato

10

sabato, 27 febbraio 2010, 22:39

L'amore nasce dalla condivisione. Probabilmente non hai condiviso così tante esperienze per un periodo prolungato con persone estranee alla tua cerchia familiare. Può essere? Hai amici che frequenti che hai conosciuto durante l'infanzia o l'adolescenza, ad esempio?
[...]

  • "lea" è stato interdetto da questo forum
  • "lea" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.705

Activity points: 14.374

Data di registrazione: domenica, 08 giugno 2008

  • Invia messaggio privato

11

sabato, 27 febbraio 2010, 22:59

Hai amici che frequenti che hai conosciuto durante l'infanzia o l'adolescenza, ad esempio?


Sì, LunaX, ne ho avuti, e anche parecchi. Ti dirò di più : a vent'anni e forse più ancora a trenta, ma forse persino oggi.... sono gli "amici" a ricevere da me più di quanto ricevano i familiari. Non credo di poter dire il contrario, invece: sicuramente ricevo molto più dalla mia famiglia di quanto non riceva da tutto il resto del mondo.

Ma è Pianista che, secondo me, ha inquadrato il senso vero della mia domanda.
Ho la sensazione che nel parlare dell'amicizia si faccia istintivo riferimento a tantissimi aspetti che non c'entrano nulla con l'unico che inseguivo io.

Facciamo così, se vi va : potreste dirmi perchè e in cosa il vostro sentimento verso un amico ha qualcosa di quello che chiamereste amore?
La cultura è quel che resta........quando hai dimenticato TUTTO! (non è mia, ma non mi ricordo chi l'abbia detta. Cambia qualcosa? :roftl: )

12

sabato, 27 febbraio 2010, 23:20

sicuramente ricevo molto più dalla mia famiglia di quanto non riceva da tutto il resto del mondo

E' così che dovrebbe essere sempre... lo auguro a me stessa visto che la famiglia la si vive dalla nascita ! Altrimenti il trovarsi a dire il contrario, considerando che gli amici generalmente non vivono con noi dalla nascita, né come luogo domestico, né come tempo di frequentazione... sarebbe indice di disagio familiare !
A me succede con i fratelli di non avere rapporti e non mi piace assolutamente sta cosa... nel senso, avere un parentado che diviene estraneo è un dolore immenso...

Mi fa male anche scriverlo !!!

Non so come fare a spiegarlo diversamente ma ci provo Lea... tutti ci danno qualcosa e per forma mentis cerco di capire cosa ricevo, di apprezzarlo. Lo stesso credo facciano alcune persone che considero a me vicin malgrado NON siano parenti, ok ? Gli atti di gentilezza, delicatezza, sostegno morale, affetto e tutto quello che vuoi aggiungere, non sono paragonabili a quello che mi da un figlio o una madre... (ma i fratelli non me lo danno comunque)... NON mi sento di stilare una graduatoria dei sentimenti, è un voler bene che ricevo e che do (quando ricevo e quando dò), senza aspettative. Ma sono certamente diversi.

Credo che nessuno possa dire cosa sia veramente l'amore, perciò, non trovo logico nemmeno dare una definizione precisa se non questa: consideriamo tutti quanti Amore quello che ci dà piacere, mentale, spirituale, corporale... sempre e solo comunque una forma di piacere !

  • "lea" è stato interdetto da questo forum
  • "lea" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.705

Activity points: 14.374

Data di registrazione: domenica, 08 giugno 2008

  • Invia messaggio privato

13

sabato, 27 febbraio 2010, 23:22

Se consideriamo le mille variabili con le quali si può dimostrare affettività... e se questa affettività può essere considerata dimostrazione anche parzialissima dell'amore in senso ampio, viste le mille sfaccettature di cui si compone questo sentimento... allora ogni atto della vita è potenzialmente amore senza sesso, compresa l'amicizia !


:hmm: Leggo molti "se" che portano a un'equazione ...parziale (che, quindi, non è un'equazione) 8)

Può chiamarsi "affettività" quella di chi adotta un bambino a distanza, che non conoscerà mai, ma di cui sa soltanto che può essergli fondamentale un aiuto e glielo dà, senza attendersi nulla in cambio.

E può chiamarsi "affettività" quella dell'amica che per nessuna ragione al mondo dimenticherebbe di onorare ed omaggiare ogni tuo compleanno, anniversario, successo.... ma solo perchè ha bisogno di saperti nella sua vita e ad essa cerca di legarti come può.

Non sono mica la stessa cosa, no? Eppure.... cento su cento le chiamano entrambe "affettività".

Ecco perchè chiedo "quando fate qualcosa per un amico, perchè lo fate?": non è importante cosa fate, mi interessava il vostro intimo perchè..........
La cultura è quel che resta........quando hai dimenticato TUTTO! (non è mia, ma non mi ricordo chi l'abbia detta. Cambia qualcosa? :roftl: )

LunaX

Pilastro del Forum

  • "LunaX" è una donna

Posts: 3.350

Activity points: 10.295

Data di registrazione: domenica, 20 luglio 2008

Località: Altrove

Lavoro: Allevo tarli

  • Invia messaggio privato

14

sabato, 27 febbraio 2010, 23:44

Parlo per me... io non riesco a rispondere alla tua domanda, per me è uguale il sentimento che provo verso un vero amico o eventuali compagni, a parte la frequenza e la condivisione di momenti intimi, quindi boh... e l'eventuale "diverso" (qualitativamente) attaccamento che sento verso i familiari deriva dalla condivisione di momenti nel percorso della mia vita, per quello ti parlavo di condivisione.
[...]

15

sabato, 27 febbraio 2010, 23:53

Anzitutto sono fermamente convinta che nella migliore delle ipotesi, cioè che si DIA qualcosa senza attesa di tornaconto, si da ciò che si POSSIEDE... e questa è l'ipotesi ONESTA ! ok ?
Al bambino adottato a distanza non so dirti se quella data è "affettività"... forse è solo un "contentino dato alla propria coscienza" !!! Del tipo... io sto bene e gli altri soffrono, se gli do da mangiare, almeno a uno, ho fatto qualcosa di buono !!!

Quanto a chi ricorda tutti i compleanni... Lea, sono il soggetto MENO adatto a risponderti... detesto fare regali e auguri quando è NORMALE farli, e ADORO farli quando nessuno se li aspetta... sarò fatta male ? Ok... sono fatta male ! Se poi penso che qualcuno lo fa, di ricordarsi a tutti i costi degli auguri etc... per "legarMI a lui/lei"... porca l'oca... cancello la data del compleanno e spengo il cellulare !!!

Quello che faccio "spontaneamente" ad un amico/a... bè... scusami Lea se posso apparire strana forse, ma so rispondere solo così: mi da gioia farlo... e qui si rischia di aprire un capitolo a parte ma tenterò di evitare di aprirlo... però siccome si ricollega al discorso sopra dell'affettività... ogni atto di "affettività" vera, quella che sentiamo così... è, dal mio punto di vista... espressione di egoismo, perchè pur facendo nella convinzione di dare gioia o altro nobile sentimento... prima di tutto soddsfa ME ! Se da questo gesto nasce una reciproca sensazione di VERA gioia... allora si sarà contenti in due ! Tutto quà... Penso seriamente che... CHI DA... RICEVE prima ancora di dare ! E questa è l'ipotesi di chi, secondo me, fa e da senza attendere tornaconto, ma tanto lo ottiene ugualmente !!!

Troppo fantasiosa come risposta ? Però è la mia...