Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

Annalisa

è guarita!

  • "Annalisa" è una donna
  • "Annalisa" ha iniziato questa discussione

Posts: 423

Activity points: 1.465

Data di registrazione: sabato, 26 luglio 2008

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

1

domenica, 10 agosto 2008, 01:11

Avere un obiettivo nella vita è importantissimo, ma stranamente si accompagna sempre alla paura di non farcela, soprattutto se l’obiettivo è lontano nel tempo e molto impegnativo. Il rischio, almeno per me, è di sentirsi in trappola e abbandonare. E’ quindi importante, sempre tenendo bene in vista l’obiettivo che ci sta a cuore, porsi dei piccoli obiettivi intermedi, raggiungibili con un piccolo sforzo.
Ho riflettuto su questo argomento dopo aver portato a termine un piccolo obiettivo che mi ha impegnato solo cinque giorni, ma che ho vissuto con grande consapevolezza, annotando le mie impressioni sul diario.
Vorrei sapere il vostro punto di vista e la vostra esperienza in merito a questo argomento.
Sono una piccola goccia nell'oceano della vita

MariaSud

Amico Inseparabile

  • "MariaSud" è una donna

Posts: 1.167

Activity points: 3.886

Data di registrazione: venerdì, 28 dicembre 2007

Lavoro: autonomo

  • Invia messaggio privato

2

domenica, 10 agosto 2008, 01:22

cara annalisa,anch'io cerco di raggiungero l'obbiettivo che mi sono prefissa,la mia indipendenza,anche se e' molto lontano,ma nel frattempo ne faccio altri piccolissimi.
alcuni li ho raggiunti.Certo li sapevo fare vent'anni fa,poi mi sono immersa nel ruolo di madre e molgie e li avevo scordati.
Sono piccolissimi,ma aiutano a crescere ed ad arrivare all'obbiettivo.
Un esempio:andare in bicicletta, tornare a studiare,usare il pc,guidare la macchina con piu' sicurezza e andare oltre la solita strada.
Un'altro obbiettivo che devo raggiugere e' quello di viaggiare da sola,tornare nel passato, ma realmente e non solo con i ricordi.
Un'altro obbiettivo,e' quello di lasciare mio marito,
Un'altro obiettivo e'.............non lo dico.
Ma mi sembrano cose cosi,irraginugibili,che forse ci mettero' anni.

Annalisa

è guarita!

  • "Annalisa" è una donna
  • "Annalisa" ha iniziato questa discussione

Posts: 423

Activity points: 1.465

Data di registrazione: sabato, 26 luglio 2008

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

3

domenica, 10 agosto 2008, 02:07

Cara MariaSud, bisognerebbe ricordare spesso tutti gli obiettivi che abbiamo raggiunto nella vita, penso che ci darebbe coraggio e voglia di proseguire, e fare un elenco di quelli nuovi, come il tuo, per creare le premesse e mobilitare l’impegno per la loro realizzazione.
Un giorno ho assistito a un colloquio tra due miei colleghi di lavoro. Il primo ci raccontava che si era appena iscritto all’Università ma era preoccupato all’idea degli anni e della fatica che comportava prendere la laurea. L’altro se l’è guardato e gli ha detto:- Tu stai pensando alla laurea che prenderai fra quattro o cinque anni, ma non pensi a tutti gli esami che devi fare prima. Poi gli ha chiesto qual era il primo esame che avrebbe preparato. Questo episodio mi ha molto colpito.
Penso che ogni obiettivo a lungo termine sia formato da tanti piccoli passi. Prova a elencare i piccoli passi che dovrai fare per raggiungere ogni tuo obiettivo.
Sono una piccola goccia nell'oceano della vita

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" è una donna

Posts: 5.564

Activity points: 18.624

Data di registrazione: giovedì, 13 marzo 2008

Località: sicilia

  • Invia messaggio privato

4

domenica, 10 agosto 2008, 07:36

Cara Annalisa, tutti credo, ci prefiggiamo di raggiungere dei piccoli obiettivi nella vita.
Normalmente , avevo degli obiettivi, che a causa della mia depressione, ho rivisto, o meglio hanno perso di significato per me
Cercherò di averne altri o di riprendere i primi che non ho ancora raggiunto, comunque dopo una grande sofferenza tutto ciò che ci circonda diventa relativo, e l'importanza che si dava prima alle cose, automaticamente viene persa...a questo punto mi dhiedo , ero prima un' illusa che viveva di aspettative, oppure sono ora solo presa dal dolore che non riesco più ad essere lungimirante?
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

Aprikose

Forumista Incallito

  • "Aprikose" è una donna

Posts: 4.776

Activity points: 14.783

Data di registrazione: martedì, 05 giugno 2007

Località: il pianeta delle Fate

  • Invia messaggio privato

5

domenica, 10 agosto 2008, 08:33

Quando qualcuno è in difficoltà, si è perso dietro ad obiettivi incredibilmente lontani e irraggiungibili e per questo si sente un fallito, in ansia, depresso...gli dico sempre di porsi dei piccoli obiettivi, di valutarli uno per uno, di considerarli delle vittorie, delle conquiste quando vengono raggiunti. I piccoli obiettivi danno un senso alla vita, ci fanno sentire bene, capaci...
Viviamo in un mondo in cui l'uomo è l'abito che indossa. Meno c'è l'uomo, più è necessario l'abito.

Annalisa

è guarita!

  • "Annalisa" è una donna
  • "Annalisa" ha iniziato questa discussione

Posts: 423

Activity points: 1.465

Data di registrazione: sabato, 26 luglio 2008

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

6

domenica, 10 agosto 2008, 14:05

Citato da "Aprikose"

Quando qualcuno è in difficoltà, si è perso dietro ad obiettivi incredibilmente lontani e irraggiungibili e per questo si sente un fallito, in ansia, depresso...gli dico sempre di porsi dei piccoli obiettivi, di valutarli uno per uno, di considerarli delle vittorie, delle conquiste quando vengono raggiunti. I piccoli obiettivi danno un senso alla vita, ci fanno sentire bene, capaci...

E’ vero, Patrizia, con la depressione alcuni obiettivi, che ci sembravano importanti, perdono di significato, ma a volte questo è un bene: forse non erano giusti per noi. Infatti tu scrivi: “dopo una grande sofferenza tutto ciò che ci circonda diventa relativo, e l'importanza che si dava prima alle cose, automaticamente viene persa”. Per uscire dal circolo vizioso forse sarebbe utile porsi piccoli nuovi obiettivi. Io ci sto provando… e vediamo che succede..
Sono una piccola goccia nell'oceano della vita

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" è una donna

Posts: 5.564

Activity points: 18.624

Data di registrazione: giovedì, 13 marzo 2008

Località: sicilia

  • Invia messaggio privato

7

domenica, 10 agosto 2008, 15:04

Anch'io cara ci sto provando...dopo aver toccato il fondo e non aver avuto per un pò di tempo nessun obiettivo , se non quello di controllare continuamente il mio stato di salute, ora ricomincio a vivere...un pò!
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

MariaSud

Amico Inseparabile

  • "MariaSud" è una donna

Posts: 1.167

Activity points: 3.886

Data di registrazione: venerdì, 28 dicembre 2007

Lavoro: autonomo

  • Invia messaggio privato

8

domenica, 10 agosto 2008, 16:09

voi parlate di obbiettivi passati,e rivisti.
E' quello che sto facendo anch'io,ed e' peggio di prima.
Prima ,non capivo cosa mi succedeva,credevo di impazzire,perche' io pensavo in un certo modo,e non capivo perche' chi mistava vicino no.
Io lottavo per le cose giuste,non che sembravano a me,ma che ritenevo giuste per la situazione,per l'esigenza della famiglia, di chiederle ,di esigerle.
Ma venivo fraintesa,venivo giudicata per una che amava dividere la famiglia.I problemi che vedevo io,gli altri non vedevano,e quindi io riuscivo a capire cosa ci voleva o no,ma lottavo con i mulini a vento.
Ho lottato,ho cercato aiuto,ma non avevo motivazioni valide per essere creduta.
Poi ho lasciato stare quegli obbiettivi li ho rivist,e ne sono nati altri nuovi, anche se alcuni erano solo accantonati nella mente.
Cosi,ora e' peggio ancora,perche' chi e' rimasto indietro,ora vuole fare le cose che dicevo io,sempre a modo suo,pero' cerca l'elasticita' di poterlo fare.

Io no, sono ancora di piu' offesa,perche' per anni ho lottato per quei traguardi,e adesso che si sono accorti che erano giusti,dovrei di nuovo rifare e dire?
Ecco che viene la cosa difficile,sto di nuovo lottando per raggiungere altri obbiettivi,e anche se ho una certa eta',sono sempre nei limiti del possibile, devo sempre lottare,parlare insistere e agire.

E' difficile,e allora ho iniziato con quelli piccoli,insignificanti,per arrivare passo dopo passa,ad una vera stabilita',cercando di non sbagliare e rimanere decisa sulle cose che sento di fare ,e non che mi costringono a fare.
E' difficile,ma se saro' meno impulsiva,arrivero' ad almeno ad un passo da cio che desidero.

Annalisa

è guarita!

  • "Annalisa" è una donna
  • "Annalisa" ha iniziato questa discussione

Posts: 423

Activity points: 1.465

Data di registrazione: sabato, 26 luglio 2008

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

9

domenica, 10 agosto 2008, 20:16

Seguendo un corso, ho imparato che nel pormi un obiettivo, devo essere certa che dipenda esclusivamente da me, perché se sono coinvolte altre persone, mi devo rendere conto che i miei sforzi potrebbero essere inutili. Non posso cambiare il mondo ma solo me stessa.
Sono una piccola goccia nell'oceano della vita

Typhoon

Non registrato

10

lunedì, 11 agosto 2008, 03:52

Io sono l'esempio, dal momento che ho obiettivi molto difficili.
Il segreto è ragionare per step fino "all'obiettivo massimo", rendendosi conto degli eventuali "incidenti di percorso"; non avere, insomma, uno schema rigido.
Le difficoltà ci sono, ma se si pensa di mollare evidentemente non si è veramente convinti della propria scelta oppure non si ha abbastanza autostima.

Annalisa

è guarita!

  • "Annalisa" è una donna
  • "Annalisa" ha iniziato questa discussione

Posts: 423

Activity points: 1.465

Data di registrazione: sabato, 26 luglio 2008

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

11

lunedì, 11 agosto 2008, 15:14

Citato da "Typhoon"

....ma se si pensa di mollare evidentemente non si è veramente convinti della propria scelta.

Questo è un grosso problema. Infatti a volte succede che una parte di noi vuole una cosa e un’altra parte ne vuole un’altra. Insomma siamo divisi. In questo caso è difficile, se non impossibile, raggiungere un obiettivo, perché ci sarà sempre una parte che remerà contro. C’è una bellissima tecnica della pnl, che ho provato, utile per mettere d’accordo le parti.
Sono una piccola goccia nell'oceano della vita

12

lunedì, 11 agosto 2008, 15:23

ciao cara annalisa..nel corso che tu hai seguito vengono dati dei consigli per ritrovare la fiducia in una persona,per la quale credi di averla persa??

aina

in equilibrio tra i mondi

  • "aina" è una donna

Posts: 1.321

Activity points: 4.285

Data di registrazione: martedì, 08 luglio 2008

  • Invia messaggio privato

13

lunedì, 11 agosto 2008, 16:29

Ciao Annalisa
riconoscere e gioire per ogni piccolo passo che ci porta verso l'obiettivo a lungo termine che ci siamo prefissi, credo sia una cosa che ci rafforza e ci mantiene saldi nelle intenzioni.
Ho'oponopono





Annalisa

è guarita!

  • "Annalisa" è una donna
  • "Annalisa" ha iniziato questa discussione

Posts: 423

Activity points: 1.465

Data di registrazione: sabato, 26 luglio 2008

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

14

lunedì, 11 agosto 2008, 23:14

Cara vivere, quando si perde la fiducia in qualcuno è difficile riacquistarla, ci resta sempre un dubbio nel cuore. Non so se la tecnica di cui ho parlato possa essere utile in questo caso, quello che posso dirti, conoscendo quello che stai passando, è di parlare con tuo marito, dirgli tutto quello che senti dentro, anche della mancanza di fiducia, parlargli del tuo amore e di quello che ti aspetti da lui e poi ascoltarlo, ma ascoltarlo veramente, mettendo in pausa i brutti pensieri per un momento.

Sai aina, nel passato non davo importanza ai piccoli passi, guardavo soltanto l’obbiettivo finale, lontano e irraggiungibile, e poi mi rassegnavo di fronte agli ostacoli che mi parevano insormontabili. Riconoscere ogni piccolo passo mi permette di accorgermi che sto facendo qualcosa di buono e che posso riuscirci, qualcosa che è a portata di mano, facile, raggiungibile. E, come tu dici, mi rafforza e mantiene salde le intenzioni.
Sono una piccola goccia nell'oceano della vita

15

lunedì, 11 agosto 2008, 23:19

grazie annalisa..si lo sto facendo,ma sono anche un pò stanca a dire il vero,stanca della vita ..ma ci proverò ancora ..