Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Tracy.3

Utente Attivo

  • "Tracy.3" è stato interdetto da questo forum

Posts: 100

Activity points: 349

Data di registrazione: sabato, 26 gennaio 2013

  • Invia messaggio privato

61

sabato, 09 marzo 2013, 23:49

un pò più di equità non sarebbe male, specie a seguito della chiusura di thread, dove si fanno accurate riflessioni seppur con proiezioni e idee totalmente differenti, (se no che discussione è) francamente con motivazioni risibili. Mi sembra in effetti di avere la balia. Io non ne sento il bisogno della balia e credo lo stesso gli altri utenti con i quali ho discusso e che non gradiscono essere tagliati nel bel mezzo di una conversazione.


quoto pienamente, e ce ne sarebbe da dire...

dora

Forumista Incallito

  • "dora" è una donna

Posts: 4.741

Activity points: 15.217

Data di registrazione: domenica, 14 marzo 2010

Località: Zacatecas

Lavoro: Dama della Nuova Spagna

  • Invia messaggio privato

62

lunedì, 11 marzo 2013, 14:18

Sul fatto poi di andare OT ci sarebbe da discutere: come si fa concretamente a stabilire se la piega diversa delladiscussione non sia in realtà più proficua e non approfondisca il problema posto all'inizio del thread?

lya

...

  • "lya" è una donna

Posts: 1.590

Activity points: 4.896

Data di registrazione: giovedì, 01 ottobre 2009

  • Invia messaggio privato

63

lunedì, 11 marzo 2013, 15:47

Personalmente, ho notato che alcuni thread aperti per conversare su determinati argomenti, abbiano assunto toni alterati,battutine ironiche e fuorvianti, fino a scivolare nelle discussioni inutili e sterili.
Trovo giusto che Licurgo abbia specificato che la discussione avviene proprio laddove non ci si trovi concordi alle diverse opinioni( altrimenti che discussione è...?)
Tuttavia nel momento in cui la discussione diventa polemica ripetitiva, assume un aspetto più "pesante" anche per gli utenti che non vi hanno preso parte e che semmai volessero avvicinarsi ci pensano su...visto il "caos" che è già presente;confusione e malintesi che non si risolveranno, non porteranno a nulla di costruttivo...
La discussione va bene laddove si mantenga il rispetto per le opinioni dell'altro\a...questo, spesso, non c'è...ed è come accade nella realtà: non vuoi capire, non rispetti la mia opinione, ti poni in maniera sbagliata, i tuoi toni non mi garbano, non riusciamo a restare in tema all'argomento... Ok..fine della discussione!!!
Ed ognuno se ne torna per conto proprio con stretta per sé l'opinione che aveva in partenza, prima di prendere parte alla discussione...
Una qualsiasi discussione non porta a nulla se manca la capacità ad indurre l'interlocutore ad una riflessione, almeno per me.
"Some people feel the rain. Others just get wet."

mr25cm

Giovane Amico

  • "mr25cm" è un uomo
  • "mr25cm" è stato interdetto da questo forum

Posts: 137

Activity points: 418

Data di registrazione: giovedì, 13 dicembre 2012

Località: napoli

Lavoro: impiegato

  • Invia messaggio privato

64

lunedì, 11 marzo 2013, 17:00

riporto questa frase: "non c'è libertà senza regole" e quindi ci vuole qualcuno che le faccia rispettare tali regole.
E fin qui credo che si sia tutti d'accordo.

Quindi il problema è sul come e su chi fa rispettare tali regole.

Mi è piaciuta la metafora del treno ( :beer: cicci). Paragonando questo forum ad un treno: che ha come scopo di portare gente da stazione a a stazione z.
Ci sono quindi il treno (forum), i passeggeri (utenti) e i controllori (moderazione).
I passeggeri che vi viaggiano sono di tutti i tipi, buona parte (anzi la stramaggioranza delle persone) vi sale perchè ha lo scopo di farsi il suo viaggio: c'è chi si legge un libro, chi chiacchiera con i vicini di posto, chi scambia foto delle vacanze. Il dovere di ogni passeggero è di avere un biglietto timbrato (utenza loggata singola :rolleyes: ). Quindi il controllore passa e verifica che tutto sia a posto e va al vagone successivo (thread).

E fin qui tutto pacifico.

Poi ci sono una miriade di problematiche, (escudo i discorsi dei problemi tecnici ritardi e cancellazioni e li i treni son ben peggio), ma ad esempio: entrano dei gaglioffi e cominciano a far casino (troll), oppure due viaggiatori cominciano a insultarsi pesantemente (flame), in quel caso (e non sempre succede sui treni) il controllore interviene intimandogli di calmarsi (richiamo-ammonizione) e se opportuno (recidività-gravità) li fa scendere dal treno (ban).
Questo perchè? Perchè fa parte del suo ruolo, del suo mestiere le 8 ore in cui lavora, e di sicuro starebbe meglio senza prendersi questi mal di pancia, ma visto che è pagato per questo si fa quello che deve fare.
Poi si incontrano anche situazioni nel quale il controllore trova un passeggero senza biglietto (in questo caso sarebbe più giusto dire più biglietti :bandit: ) e in tal caso chiede spiegazioni e procede a regolarizzarne la posizione, attraverso gli opportuni strumenti, nuovo biglietto, con penale, o multa a seconda dei casi.

Ora provate a pensare un treno senza controllori.... inizialmente una pacchia 8) : viaggi gratis, fai un po quello che ti pare... ma alla lunga poichè la civiltà dei comportamenti (net-etiquette) non è scontata, tempo 0 quel treno non sarebbe più in grado di viaggiare e perderebbe il 99% dell'utenza.

Quindi tornando a noi, una convinzione che ho: è che ci sia bisogno di una moderazione forte "del potere" ovvero quei comandi che gli permettano di mantenere un certo status-quo.

Tempo fa credevo (visto che un mod non è pagato per stare 8 ore sul forum :huh: ) fosse utile anche una sorta di difesa immunitaria da parte degli utenti, ovvero di fronte ad un elemento perturbante, nascano coalizioni atte a frenare e a isolare presunti troll... Però con il tempo ho visto che un'eccesso di questa forma di difesa diventa una risposta autoimmunitaria, di fatto agendo contro se stessa, esattamente come accade nella medicina.
Quindi quello che conta alla fine è il sacrosanto buonsenso e onestà (almeno con se stessi) di capire qual'è il limite oltre il quale non si deve andare, e non perchè si rischia di essere "beccati", altrimenti in assenza di tale rischio si fanno le peggio cose.


d'accordo su tutto Alex, ma per restare nella metafora del treno, quando il controllore sorprende due viaggiatori senza biglietto deve farli scendere tutti e due , non uno si e l'altro no..

65

lunedì, 11 marzo 2013, 18:03

Personalmente avendo visto la situazione da entrambe le "barricate", ovvero sia da utente che nella moderazione, ritengo di avere un'idea abbastanza articolata dei meccanismi che ne regolano la vita.

Si sono nel tempo create due fazioni, una a sostegno di una comunità con regole e controllata da utenti che scelgono un ruolo; e poi una a sostegno di una visione non dittatoriale di questa comunità.

Quindi da una parte una "cricca" di persone che per meriti più o meno discutibili usa il potere più o meno licealmente; e poi c'è una "resistenza" che si oppone di fronte alle ingiustizie perpetrate che si indigna e lotta per ri-avere l'equità di un tempo ora perduta.
Rifacendomi alle parole iniziali del 3d , chi ha fatto questa esperienza e quindi sa cosa puo' provare '' l'utente semplice '' e conosce soprattutto il modo di come '' deve ragionare' chi ha il compito di moderare , che consigli da' x arginare l' evidente spaccatura che spesse volte si viene a creare ? Credo che anziche' dilungarsi a dare opinioni personali su come e' gestito il forum ( che puo' piacere o meno) sarebbe saggio trovare soluzioni equilibrate e convenienti x entrambi i ''gruppi''e questo secondo me lo si puo' fare solo quando gli utenti riusciranno a capire pienamente come si ragiona dall'altro lato. Prevenire e' meglio che curare!
[Chi ti conosce .... ti ascolta anche quando non dici nulla!!!!/color]

66

venerdì, 15 marzo 2013, 15:59


Personalmente, ho notato che alcuni thread aperti per conversare su determinati argomenti, abbiano assunto toni alterati,battutine ironiche e fuorvianti, fino a scivolare nelle discussioni inutili e sterili.
Trovo giusto che Licurgo abbia specificato che la discussione avviene proprio laddove non ci si trovi concordi alle diverse opinioni( altrimenti che discussione è...?)
Tuttavia nel momento in cui la discussione diventa polemica ripetitiva, assume un aspetto più "pesante" anche per gli utenti che non vi hanno preso parte e che semmai volessero avvicinarsi ci pensano su...visto il "caos" che è già presente;confusione e malintesi che non si risolveranno, non porteranno a nulla di costruttivo...
La discussione va bene laddove si mantenga il rispetto per le opinioni dell'altro\a...questo, spesso, non c'è...ed è come accade nella realtà: non vuoi capire, non rispetti la mia opinione, ti poni in maniera sbagliata, i tuoi toni non mi garbano, non riusciamo a restare in tema all'argomento... Ok..fine della discussione!!!
Ed ognuno se ne torna per conto proprio con stretta per sé l'opinione che aveva in partenza, prima di prendere parte alla discussione...
Una qualsiasi discussione non porta a nulla se manca la capacità ad indurre l'interlocutore ad una riflessione, almeno per me.
Avendo poco tempo da dedicare al forum, riprendo la riflessione di lya su cui mi ritrovo completamente d'accordo

E aggiungo: ok giusto il confronto anche fra idee diverse, con toni vivaci (adoro l'irona/sarcasmo quando non maligni).
E qui un punto che ritengo importante: il distinguo fra una discussione costruttiva o distruttiva a chi aspetta?
Tutto ciò mi perplime

rocco smitherson

_Sehnsucht_

Io sono destinata ad avere l'anima perpetuamente in tempesta

  • "_Sehnsucht_" è una donna

Posts: 701

Activity points: 2.201

Data di registrazione: mercoledì, 06 marzo 2013

Località: Nowhere

  • Invia messaggio privato

67

sabato, 16 marzo 2013, 17:18

Beh, dopo aver visto pagine e pagine di stupidaggini a cui chiaramente meglio porre fine perché non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire quindi so tutte parole buttate al vento, probabilmente affinché ci sia meno squilibrio ci vorrebbe più rispetto fra utenti e l'eliminazione totale di persone che a mio avviso neanche stanno male o sanno cosa significhi stare male ma semplicemente vengono a sfogare la propria frustrazione ed inettitudine qua dentro solo perché non hanno di meglio da fare e neanche vogliono avere di meglio da fare, quando nel mondo di persone intelligenti un forum dovrebbe essere un'area di confronto e scambio di sensazioni di opinioni, non uno scarico di frustrazioni e offese gratuite a gente che oltretutto non si conosce quindi si apre la bocca tanto per dargli fiato tirando su discussioni stupidi e sterili senza approdare mai a qualcosa che abbia senso, non è un confronto ma una litigata da prima liceo alla fine.
Questi si chiamano troll e flame belli e buoni, quindi personalità che non tolgono o aggiungono niente a forum, danno fastidio e basta a chi magari invece vorrebbe fare discorsi seri con persone serie che ancora hanno un cervello nel cranio e non si sono completamente alienati dalla realtà per partito preso.
Il distinguo tra discussione costruttiva e distruttiva spetta a chi scrive, quindi bisogna avere cervello per chi non ne ha e piantarla, come farò io che infatti mi sono lasciata inutilmente prendere la mano.
"Il problema era che doveva continuare a scegliere tra un male o un altro." C. Bukowski

68

domenica, 17 marzo 2013, 10:55

Il distinguo tra discussione costruttiva e distruttiva spetta a chi scrive, quindi bisogna avere cervello per chi non ne ha e piantarla, come farò io che infatti mi sono lasciata inutilmente prendere la mano.
Capire se una discussione ha senso e quindi continuarla o lasciar perdere aspetta a chi scrive. Giusto... ma non sempre succede.
Tutto ciò mi perplime

rocco smitherson