Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" è una donna

Posts: 2.091

Activity points: 6.602

Data di registrazione: giovedì, 10 settembre 2009

Lavoro: insegnante (una specie)

  • Invia messaggio privato

46

giovedì, 15 ottobre 2009, 20:27

la mente?

il navigatore costruiscilo da te con qualche piccolo accorgimento:

in ogni scelta quotidiana comincia con il dialogare con te stesso per conoscere e rispettare le tue esigenze , desideri e bisogni;
presta attenzione ai tuoi stati d'animo con "distacco", per evitare la reattività negativa e per non sottoporli a critica;
dai significato a ciò che ti accade e non perdere mai la fiducia nel valore delle tue capacità;
definisci con il linguaggio ciò che provi.

strada facendo il tuo navigatore diventerà sempre più...abile nel trovare il percorso.







... la prima parte l'ho capita e penso sia corrispondente. Questa che cito è più difficile, perchè è proprio nel fare le operazioni descritte e nel chiedermi cosa provo e perchè... soprattutto cosa voglio ...



CHE MI PERDO INESORABILMENTE...
judging a person does not define who they are, it defines who you are

briefly

nessun titolo

  • "briefly" è una donna

Posts: 751

Activity points: 2.260

Data di registrazione: domenica, 06 settembre 2009

  • Invia messaggio privato

47

venerdì, 16 ottobre 2009, 00:01

è proprio nel fare le operazioni descritte e nel chiedermi cosa provo e perchè... soprattutto cosa voglio ...



CHE MI PERDO INESORABILMENTE...

non ho alcuna competenza professionale, mi baso sull'esperienza ed il buon senso (ammesso che lo abbia) :hmm: :) ;
posso solo fare ipotesi, per cui accettale solo come tali;

l'azione è prioritaria rispetto alla riflessione .....su te e sul tuo sentire interiore;
non ti soffermi a riconoscere e a denominare le tue emozioni o se lo fai le metti a tacere o addirittura le neghi;
sei poco flessibile ai cambiamenti, assumendo un atteggiamento di chiusura, perchè provi disagio;
non sai vedere e gestire le tue risorse;
quando la mente che si è rifugiata dietro le mura dell'autoprotezione, riesce a liberarsi della prigione che essa stessa ha costruito, solo allora può conoscere la belleza della realtà

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" è una donna

Posts: 2.091

Activity points: 6.602

Data di registrazione: giovedì, 10 settembre 2009

Lavoro: insegnante (una specie)

  • Invia messaggio privato

48

venerdì, 16 ottobre 2009, 09:12

la mente?

l'azione è prioritaria rispetto alla riflessione .....su te e sul tuo sentire interiore;
non ti soffermi a riconoscere e a denominare le tue emozioni o se lo fai le metti a tacere o addirittura le neghi;
sei poco flessibile ai cambiamenti, assumendo un atteggiamento di chiusura, perchè provi disagio;
non sai vedere e gestire le tue risorse;




ciò corrisponde, ma le soluzioni?



affrontare il disagio?



riprovare con la psicoterapia?
judging a person does not define who they are, it defines who you are

briefly

nessun titolo

  • "briefly" è una donna

Posts: 751

Activity points: 2.260

Data di registrazione: domenica, 06 settembre 2009

  • Invia messaggio privato

49

venerdì, 16 ottobre 2009, 12:45


ciò corrisponde, ma le soluzioni?



affrontare il disagio?



riprovare con la psicoterapia?
ribadisco, ancora, che nell'area psicologica non ho competenze professionali;

a mio avviso, non ci sono soluzioni che possano andare bene per tutti;
ma, acquisendo una "base" di conoscenze/ informazioni, si inquadrerà meglio il proprio problema, cioè si vedrà meglio ciò che manca (che è la fonte della sofferenza) e si potranno individuare le risorse personali disponibili;
sono convinta che la conoscenza di sè debba essere il punto di partenza; non solo una conoscenza intellettiva, ma, principalmente, emozionale;

se, per esempio, vuoi cucinare un buon piatto, ma non puoi uscire a fare la spesa, per prima cosa devi vedere quali ingredienti hai in casa e dopo vedere come "intregarli" tra loro, per farne venire fuori un buon piatto;

tu potresti chiedermi...
come si fa a conoscere se stessi?.....fermandosi un poco... per "ascoltarsi";
in che modo ci si ascolta?..........cercando di cogliere le nostre più intime reazioni....osservarle...per poterne trovare, capire... il senso;

è un lavoro che richiede una pazienza "certosina";
se si fallisce in questo lavoro di ricerca di sè..... si ricomincia, chiedendosi ..............................
perchè ho fallito?..........per rifiuto o per mancanza di strumenti?
tieni presente che per riuscire in un determinato compito ci vuole una "forte" motivazione, quindi, bisogna imparare a sapersi motivare....ecc.....;

data l'ora e l'esempio precedente mi fermo per....non mettere troppa carne sul fuoco......non sono una cuoca eccellente, per cui rischierei di bruciare tutto...

p.s.
il disagio non lo si affronta come se fosse il nemico, la causa del "malessere"; il disagio è solo uno dei tanti sintomi e come tale va, pazientemente, accettato,ma, nello stesso tempo, gestito per alleviare la sofferenza che determina.

a mio avviso, ogni terapia sia fisica che psicologica per dare frutti "buoni" deve essere "mirata";
perchè ciò sia possibile devono essere stati individuati e definiti "le radici più profonde" che stanno all'origine dei sintomi.
quando la mente che si è rifugiata dietro le mura dell'autoprotezione, riesce a liberarsi della prigione che essa stessa ha costruito, solo allora può conoscere la belleza della realtà

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" è un uomo
  • "doctor Faust" ha iniziato questa discussione

Posts: 8.663

Activity points: 26.640

Data di registrazione: sabato, 28 marzo 2009

Località: Italia

Lavoro: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Invia messaggio privato

50

venerdì, 16 ottobre 2009, 13:57

che strano...dici di non avere competenze psicologiche ma ne parli con una certa disinvoltura.
Tanto da sembrare competente.

Prova a dare una risposta piu' "attiva"...
Che cosa dovrebbe fare in pratica?
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

briefly

nessun titolo

  • "briefly" è una donna

Posts: 751

Activity points: 2.260

Data di registrazione: domenica, 06 settembre 2009

  • Invia messaggio privato

51

venerdì, 16 ottobre 2009, 17:33

che strano...dici di non avere competenze psicologiche ma ne parli con una certa disinvoltura.
Tanto da sembrare competente.
Ho competenze professionali in un'area cognitiva che non ha nulla a che "spartire" con la psicologia; anzi, in teoria, per certe mie caratteristiche professionali, dovrei disconoscerne il valore.
Per uno strano gioco della mia mente, mi sono accostata (da autodidatta) allo "studio" della psicologia, con una curiosità ed un interesse che definirei "viscerale".
In questo mio interesse/studio ho usato come strumenti di lavoro le mie deformazioni professionali (cioè quei modi di fare ed essere che la professione tira fuori e codifica in ciascuno di noi), trasformandole, almeno credo, in risorse.
In questa mia passione ho investito molto del mio tempo libero( e ne ho poco); ho fatto fatica a capire e continuo a fare fatica, ma non mi arrendo.
La psicologia si occupa di quelle sofferenze dell'uomo quasi "disconosciute", perchè impalpabili cioè non fisiche, almeno inizialmente; ecco perchè amo la psicologia e la porterei, se potessi, in ogni contesto umano/sociale. D'altra parte, riconosco che occorrerebbe un'attività di studio, ricerca, sperimentazione più capillare; ma questo è un altro discorso che investe le dinamiche sociali e non individuali.
Non ho, ovviamente, titoli e ci tengo a precisarlo.


Prova a dare una risposta piu' "attiva"...
Che cosa dovrebbe fare in pratica?
Conosco le istruzioni per l'uso..... solo degli elettrodomestici, di alcuni giocattoli "sofisticati"..... ma non dell'essere umano;

il "cucciolo d'uomo" non nasce con le istruzioni per l'uso;
anche da adulto...dovrà faticare molto per capire se stesso e gli altri...gli animali vivono secondo l'istinto e tutto procede secondo natura....ma l'uomo ha la libertà...di decidere...da sè e per sè.

l'arte della "maieutica"... esiste per facilitargli il compito....;
a mio avviso, non si applica quest'arte solo con il fare domande, ma.....facendo nascere l'esigenza di fare domande e di provare a rispondere ad esse;
quando la mente che si è rifugiata dietro le mura dell'autoprotezione, riesce a liberarsi della prigione che essa stessa ha costruito, solo allora può conoscere la belleza della realtà

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" è una donna

Posts: 2.091

Activity points: 6.602

Data di registrazione: giovedì, 10 settembre 2009

Lavoro: insegnante (una specie)

  • Invia messaggio privato

52

venerdì, 16 ottobre 2009, 18:31

la mente?

forse ora dovrei mandarvi al mio nuovo post: in umore depresso (batticuore ai 1000...)
judging a person does not define who they are, it defines who you are

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" è un uomo
  • "doctor Faust" ha iniziato questa discussione

Posts: 8.663

Activity points: 26.640

Data di registrazione: sabato, 28 marzo 2009

Località: Italia

Lavoro: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Invia messaggio privato

53

venerdì, 16 ottobre 2009, 18:35


La psicologia si occupa di quelle sofferenze dell'uomo quasi "disconosciute", perchè impalpabili cioè non fisiche, almeno inizialmente; ecco perchè amo la psicologia e la porterei, se potessi, in ogni contesto umano/sociale. D'altra parte, riconosco che occorrerebbe un'attività di studio, ricerca, sperimentazione più capillare; ma questo è un altro discorso che investe le dinamiche sociali e non individuali.

il "cucciolo d'uomo" non nasce con le istruzioni per l'uso;
anche da adulto...dovrà faticare molto per capire se stesso e gli altri...gli animali vivono secondo l'istinto e tutto procede secondo natura....ma l'uomo ha la libertà...di decidere...da sè e per sè.

l'arte della "maieutica"... esiste per facilitargli il compito....;
a mio avviso, non si applica quest'arte solo con il fare domande, ma.....facendo nascere l'esigenza di fare domande e di provare a rispondere ad esse;


Sei sfuggente. Da una parte dici che e' importante che l'uomo si conosca e si ponga delle domande, dall'altra rinvii a sperimentazioni studi e dinamiche sociali.
Quindi da una parte invochi la responsabilita' individuale, la decisionalita', il libero arbitrio, e dall'altra differisci il tutto demandando ad altri la soluzione.

Ragioniamo un po': con le domande non si passa all'azione, d'altra parte si ha bisogno di imparare, per cui le domande sono necessarie.

Le risposte chi le da? Se me le do da me, ma senza aver acquisito dati esterni, rischio di non risolvere il problema.
Per cui ho bisogno di informazioni, prima di prendere una decisione.Un confronto con la realta' condivisa.
Ma una volta che mi sono risposto, dopo aver avuto le informazioni, bisognera' che agisca.

Ma spesso mancano gli stumenti. Come dici tu mancano le istruzioni.

Ma allora ho bisogno di altre domande che non continuino a girare intorno al problema, che che mi dicano come risolverlo.
Altrimenti passo la vita a farmi domande e darmi risposte. Come Socrate, mentre era Santippe che preparava il pranzo, si preoccupava delle bollette, e pensava al benessere dei figli.
E Santippe non si faceva molte domande. Andava subito al nocciolo del problema.

Ora, cosa rispondiamo a miss Pianista, che possa essere utile per risolvere il problema?
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

briefly

nessun titolo

  • "briefly" è una donna

Posts: 751

Activity points: 2.260

Data di registrazione: domenica, 06 settembre 2009

  • Invia messaggio privato

54

venerdì, 16 ottobre 2009, 21:42

Sei sfuggente. Da una parte dici che e' importante che l'uomo si conosca e si ponga delle domande, dall'altra rinvii a sperimentazioni studi e dinamiche sociali.
Quindi da una parte invochi la responsabilita' individuale, la decisionalita', il libero arbitrio, e dall'altra differisci il tutto demandando ad altri la soluzione.
sfuggente??? il tuo è un giudizio di valore ....sul mio modo di essere.......pensi di conoscermi??? :)
avresti potuto dire che la logica di ciò che ho scritto è....sfumata.....; (la risposta è data dall'adultina ....povera piccola , non posso sempre mettergli la museruola)
Ma allora ho bisogno di altre domande che non continuino a girare intorno al problema, che che mi dicano come risolverlo.
Altrimenti passo la vita a farmi domande e darmi risposte. Come Socrate, mentre era Santippe che preparava il pranzo, si preoccupava delle bollette, e pensava al benessere dei figli.
E Santippe non si faceva molte domande. Andava subito al nocciolo del problema.
il mio nome è....Socratippe....somiglio a mamma e a papà...nel senso che...ho modi di essere e di fare dell'uno e dell'altra nel caso in cui ho tutte le coordinate del problema....mio problema e non di altri..... di cui ignoro praticamente tutto...(sempre l'adultina)
Ora, cosa rispondiamo a miss Pianista, che possa essere utile per risolvere il problema?
rispondiamo????..

nel senso che rispondi tu?
dai ....su.... sono curiosa di leggere!!!!

nel senso che devo rispondere io?????
sappi che il mio copione non si regge sulla ..."spinta"....per cui....il....compiacimi!...sforzati!....non funzionano.
:hi:
quando la mente che si è rifugiata dietro le mura dell'autoprotezione, riesce a liberarsi della prigione che essa stessa ha costruito, solo allora può conoscere la belleza della realtà

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" è un uomo
  • "doctor Faust" ha iniziato questa discussione

Posts: 8.663

Activity points: 26.640

Data di registrazione: sabato, 28 marzo 2009

Località: Italia

Lavoro: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Invia messaggio privato

55

sabato, 17 ottobre 2009, 14:35

E gia'...non sei sfuggente. Sei inconcludente.
Giudizio dato dal Genitore alla Bambina, perche' qui l'Adultino e'...sfuggente.

Socratippe? Vuol dire che sei sola e devi pensare tu a tutto? A fare sia il marito che la moglie? Capita a chi e' pieno di domande [Socrate] ma non trova risposte. Se non drastiche [Santippe]. [ma non ti conosco, per cui...intuizione?].

Ma com'e' che a me invece sembra di conoscerti? Quanti nick hai?

Citato

rispondiamo????..

nel senso che rispondi tu?
dai ....su.... sono curiosa di leggere!!!!


Be'...visto che tu le risposte non le hai, provo a rispondere io.

La risposta e' che la persona in oggetto sa molto bene cosa vuole, e sta facendo di tutto per perseguirlo e conseguirlo, consciamente e inconsciamente, per cui sta solo cercando di confondere e confonder-si le acque, per convincersi di essere nel giusto.

Ma e' una pura supposizione, visto che non conosco nemmeno lei.
Ciao cara.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

briefly

nessun titolo

  • "briefly" è una donna

Posts: 751

Activity points: 2.260

Data di registrazione: domenica, 06 settembre 2009

  • Invia messaggio privato

56

sabato, 17 ottobre 2009, 16:52

la cosa buffa... di questa situazione è che.....mentre leggo le tue risposte...mi ritrovo a sorridere...senza volontà di farlo.....
E gia'...non sei sfuggente. Sei inconcludente.
Giudizio dato dal Genitore alla Bambina, perche' qui l'Adultino e'...sfuggente.
che fosse il tuo Genitore a scrivere...mi è stato chiaro subito...per questo ho permesso di rispondere ....alla Bambina/Adultina;

il tuo Genitore afferma che io sono inconcludente e L'Adultina è sfuggente......è solo il suo punto di vista.

Socratippe? Vuol dire che sei sola e devi pensare tu a tutto? A fare sia il marito che la moglie? Capita a chi e' pieno di domande [Socrate] ma non trova risposte. Se non drastiche [Santippe]. [ma non ti conosco, per cui...intuizione?].
curioso....eh?....vorresti elementi!...conferme o smentite! :)

ci provo gusto.... a far venire fuori.... il tuo Bambino...reattivo, curioso, permalosetto ...competitivo al punto da non potersi permettere di.."lasciar correre ".......e......il tuo Genitore intimidatore...nel suo ruolo di educatore;

ma.... tranquillo...per me resti sempre un Si...... :) ...dove trovo un'altro così...reattivo come te?....(anche se preferirei delle reazioni più immediate e meno pensate)

definisci queste tue affermazioni... "intuizioni"...io le chiamerei,
più semplicemente, punti di vista, perchè...non assurgono alla dignità
delle..."intuizioni"..che sono altro...in termini di "valore";



Ma com'e' che a me invece sembra di conoscerti? Quanti nick hai?






non puoi conoscermi....spero che ...."non tormenterai".... qualche tua conoscente....immaginando che sia io;
idea!..........potrebbe essere che poi alla fine......io sono te.....e tu sei me?....in un gioco intrigante di..."proiezioni"?

mi hai dato un' altra idea......prossimamente cambierò ...nick :)

Be'...visto che tu le risposte non le hai, provo a rispondere io.
mi sembra giusto che le risposte le abbia tu e non io.........sei tu "l'addetto ai lavori"!
La risposta e' che la persona in oggetto sa molto bene cosa vuole, e sta facendo di tutto per perseguirlo e conseguirlo, consciamente e inconsciamente, per cui sta solo cercando di confondere e confonder-si le acque, per convincersi di essere nel giusto.
su questa tua risposta....rifletterò "intensamente"....durante questo fine settimana.

Ciao cara.
ciao caro...se non ci fossi dovrei....inventarti... :friends:
quando la mente che si è rifugiata dietro le mura dell'autoprotezione, riesce a liberarsi della prigione che essa stessa ha costruito, solo allora può conoscere la belleza della realtà

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "briefly" (17/10/2009, 17:11)


doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" è un uomo
  • "doctor Faust" ha iniziato questa discussione

Posts: 8.663

Activity points: 26.640

Data di registrazione: sabato, 28 marzo 2009

Località: Italia

Lavoro: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Invia messaggio privato

57

sabato, 17 ottobre 2009, 18:31

definisci queste tue affermazioni... "intuizioni"...io le chiamerei,
più semplicemente, punti di vista, perchè...non assurgono alla dignità
delle..."intuizioni"..che sono altro...in termini di "valore";


E cosa e' per te una intuizione?

Mi sembra che gia' ti avevo invitato per un caffe' e una chiacchierata...ma se vuoi rinnovo l'invito.

Dentro ogni Genitore si nasconde un Bambino discolo e screanzato, e io non faccio eccezione. Bacini [non dirmi che sei un ometto...ne va della mia reputazione].
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

briefly

nessun titolo

  • "briefly" è una donna

Posts: 751

Activity points: 2.260

Data di registrazione: domenica, 06 settembre 2009

  • Invia messaggio privato

58

sabato, 17 ottobre 2009, 21:29

E cosa e' per te una intuizione?
il punto di vista è ...il "prodotto" ....di un procedimento mentale soggettivo;
scriveva...Adler: "sono i nostri punti di vista che ci inducono a scegliere l'orientamento che prendiamo e non i fatti in se stessi considerati";

l'intuizione.....che, poi, è la sola capace di innescare il processo della vera comprensione ....l'intuizione, dicevo, arriva alla mente ma......proviene da ...molto lontano....da una profondità inesplorabile...e....per poterla cogliere bisogna essere più recettivi che reattivi;

Mi sembra che gia' ti avevo invitato per un caffe' e una chiacchierata...ma se vuoi rinnovo l'invito.
non mi avevi ancora invitata :) ...e ti ringrazio per averlo fatto;

ti voglio troppo bene per smentirti.....se accettassi...darei prova di non essere, poi,...tanto sfuggente ed inconcludente....per non smentirti declino l'invito;


Dentro ogni Genitore si nasconde un Bambino discolo e screanzato, e io non faccio eccezione. Bacini [non dirmi che sei un ometto...ne va della mia reputazione].
si non fai eccezione alla regola....peccato!

ci tieni alla reputazione......eh?

tranquillo.....questa volta ...ti è andata bene :hi:
quando la mente che si è rifugiata dietro le mura dell'autoprotezione, riesce a liberarsi della prigione che essa stessa ha costruito, solo allora può conoscere la belleza della realtà

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" è un uomo
  • "doctor Faust" ha iniziato questa discussione

Posts: 8.663

Activity points: 26.640

Data di registrazione: sabato, 28 marzo 2009

Località: Italia

Lavoro: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Invia messaggio privato

59

domenica, 18 ottobre 2009, 11:50


il punto di vista è ...il "prodotto" ....di un procedimento mentale soggettivo;
scriveva...Adler: "sono i nostri punti di vista che ci inducono a scegliere l'orientamento che prendiamo e non i fatti in se stessi considerati";

l'intuizione.....che, poi, è la sola capace di innescare il processo della vera comprensione ....l'intuizione, dicevo, arriva alla mente ma......proviene da ...molto lontano....da una profondità inesplorabile...e....per poterla cogliere bisogna essere più recettivi che reattivi;


Anche qui non ti smentisci...
Cosa vuol dire: molto lontano, profondita' inesplorate, piu' ricettivi che reattivi?

Sembra che stai parlando di una favola invece che di un argomento scientifico, per quanto volgarizzato.
Poi mi citi Adler, che nella triade dei grandi, e' sicuramente quello piu' pragmatico, immediato e reattivo. Per lui era tutta colpa del complesso di inferiorita'. Punto.

Forse dovevi citare Jung, che fra tutti e' il piu' fumoso ed evanescente. E' gia'...

Mi spiace contraddirti, perche' un po' te la prendi. Si sente che hai una buona opinione di te. Ma devo dire che l'intuizione non e' nulla di cosi' misterioso e indescrivibile.
E semplicemente una ristrutturazione delle idee, dovuto ad un immediato cambiamento di prospettiva. E' studiata dalla Gestalt, e conosciuta in psicologia col termine insight.

Invece che arrivere al punto attraverso una concatenzione logica di argomenti, ci arriva per ristrutturazione del campo percettivo. Una reazione, piu' che il mantenimento della precedente percezione.Anzi, uno stravolgimento della percezione precedente.

Ecco perche' l'intuizione e' tipica del Bambino [la parte adulta del Bambino, chiamata Piccolo Professore], e si perde crescendo.
Dal punto di vista neurologico, si ha una improvvisa variazione di tensione neuronale, un lampo, una luce, una lampadina che si accende, e che ci mostra cio' che prima vedavamo in modo diverso o oscurato. Una immagina chiara.

Per usare una immagine metaforica e' come se improvvisamente, nello stesso istante, tutte le auto di una citta' cambiassero contemporamente tragitto, e risolvessero una condizione di ingorgo.

Ma tu dirai...e la regia dove sta?
Meraviglia delle meraviglie, la regia sta in tutti i neuroni coivolti, che riconoscono come meno faticosa quella strada, invece che la precedente, assolvendo cosi' semplicemente una questione di economia nervosa.

Ma tu mi chiederai: Quale e' il primo neurone che ha questa brillante idea?
Ma quello piu' intuitivo, ovviamente. Mistero svelato. :whistle:
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

briefly

nessun titolo

  • "briefly" è una donna

Posts: 751

Activity points: 2.260

Data di registrazione: domenica, 06 settembre 2009

  • Invia messaggio privato

60

domenica, 18 ottobre 2009, 16:18

Sembra che stai parlando di una favola invece che di un argomento scientifico
il mio "sogno" è... scrivere "favole" per bambini...partendo dalle più recenti conquiste scientifiche...in campo medico/fisico/psicologico;
io credo che le favole trdizionali....siano troppo "sentimentali"....avulse dal contesto della vita reale...per cui deformano le menti in formazioni...(io ne sono un esempio) :roftl: :hmm:
ecco un modo di trasformare una..."mancanza"...in "risorsa" :thinking:


Mi spiace contraddirti, perche' un po' te la prendi.
no....se mi confronto con persone intelligenti, curiose ed oneste intellettualmente;
solo gli stupidi (psicologicamente parlando) mi infastidiscono;

amo conoscere tutto ciò che ancora non conosco....ecco perchè ci provo gusto a confrontarmi con persone che hanno modi di essere e punti di vista diversi dai miei.....;
confrontarmi con chi è simile a me non mi arricchisce....ricevo solo conferme gratificanti (necessarie pure queste)...;
mi piace il "contraddittorio"....se l'interlocutore è .....pronto... non solo a dire sempre no, ma, anche si....almeno ogni tanto.........
i "fanatici"...cioè quelli che credono di avere sempre ragione....non li gradisco;
nel tuo caso non ho, fino ad oggi, riscontrato accenni di fanatismo, ma....solo...e.., non sempre,...la sgradevolezza delle tue parole......;
a mio avviso...tu volutamente hai attivato queste modalità nel porgere....per non far venire fuori una sensibilità, che vedi come...vulnerabilità.

Dal punto di vista neurologico, si ha una improvvisa variazione di tensione neuronale,
ero convinta che.... nel caso delle intuizioni si attivassero...altre connessioni neurali....dato che la struttura del nostro cervello non è rigida ma plastica....e che la forma dei circuiti cerebrali continuano a cambiare in relazione alle nostre esperienze e relazioni;
quando la mente che si è rifugiata dietro le mura dell'autoprotezione, riesce a liberarsi della prigione che essa stessa ha costruito, solo allora può conoscere la belleza della realtà