Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" è una donna
  • "cambi24" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.217

Activity points: 14.562

Data di registrazione: venerdì, 05 dicembre 2008

Località: Modena

Lavoro: impiegata

  • Invia messaggio privato

1

martedì, 20 gennaio 2009, 21:38

VOI COSA NE PENSATE?
2 persone possono essere amiche anche se hanno punti di vista diversi.

E' giusto xrò, far vedere altri punti di vista, x fare in modo di migliorare la situazione di qualcuno?
x me sì.

x es

se una persona non trova lavoro e continua a spedire i curriculum solo x mail o alle agenzie interinali e basta, forse si può dire: prova a portarli anche a mano direttamente nelle aziende, o no?

grazie :)

sud82

Giovane Amico

  • "sud82" è una donna

Posts: 240

Activity points: 755

Data di registrazione: martedì, 29 aprile 2008

  • Invia messaggio privato

2

martedì, 20 gennaio 2009, 22:01

Ciao :)
Io penso che nell'amicizia ci debba essere concordanza sostanzialmente su questioni fondamentali, sul modo di vedere la vita, e ci deve essere una certa affinità di caratteri, ma questo non vuol dire, secondo me, pensarla esattamente allo stesso modo su tutto...sarebbe anche un po' noioso!!! Anzi il confronto su argomenti su cui la si pensa in modo diverso è stimolante e utile sia per conoscere meglio l'altra persona sia per allargare le proprie idee e nel caso migliorarsi.

Nell'esempio che citi credo sia giusto far notare che vi sono altri modi per proporsi nel mondo del lavoro che potrebbero avere più successo...non si parla di imporre la propria idea, ma di dare un semplice consiglio, che può essere accettato o no e ritengo che in un'amicizia sincera questo comportamento non debba mai essere visto come una intromissione ingiustificata nella propria vita ma semplicemente come manifestazione d'affetto.
Ama il tuo sogno seppur ti tormenta

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" è una donna
  • "cambi24" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.217

Activity points: 14.562

Data di registrazione: venerdì, 05 dicembre 2008

Località: Modena

Lavoro: impiegata

  • Invia messaggio privato

3

mercoledì, 21 gennaio 2009, 14:49

grazie sud 82,
io cerco di fare come dici, solo che, sia in casa, sia fuori, questo mio semplice consiglio, viene interpretato come un

VUOI SEMPRE AVER RAGIONE.

E IO NON CE LA FACCIO +.

Cosa posso fare???!

Mi sto preoccupando xchè ormai non riesco + ad essere d'accordo su niente, ma non x questo, voglio aver ragione....

grazie

lully

vita dipendente

Posts: 2.258

Activity points: 6.809

Data di registrazione: martedì, 11 dicembre 2007

  • Invia messaggio privato

4

mercoledì, 21 gennaio 2009, 14:54

cambi, forse le persone con le quali ti confronti non ascoltano quello che dici ma il modo in cui lo dici.
a volte il tono della voce o la durezza con la quale ci si pone agli altri, rende il concetto che si esprime totalemnte differente da quello si intendeva esprimere.
non sò se è il tuo caso, ovviamente non ti conosco, ma potrebbe essere l'esempio di una motivazione.
La vita non è una questione di come sopravvivere alla tempesta,
ma di come danzare nella pioggia.

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" è una donna
  • "cambi24" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.217

Activity points: 14.562

Data di registrazione: venerdì, 05 dicembre 2008

Località: Modena

Lavoro: impiegata

  • Invia messaggio privato

5

mercoledì, 21 gennaio 2009, 16:09

no è vero, è il tono, come a me dà fastidio il tono degli altri anche agli altri darà fastidio il mio.
Ma in casa, appena dico qualsiasi cosa, mi viene detto così, quindi, come dicevo, a un'amica, L'ELASTICO SI E' ROTTO.
I miei toni sono sbagliati x quello, ma non riesco a controllarmi.
Capisco che devi calmarmi, ma io dico, appena apro bocca, che è solo la mia opionione, ma non serve.
Loro iniziano con la frase, e io continuo.....

:cry:

non c'è via d'uscita in questa catena, almeno in famiglia

lully

vita dipendente

Posts: 2.258

Activity points: 6.809

Data di registrazione: martedì, 11 dicembre 2007

  • Invia messaggio privato

6

mercoledì, 21 gennaio 2009, 17:35

ti dirò una cosa, io sono cresciuta con il ritornello che tutta la mia famiglia mi ripeteva di continuo "come sei acida!"
ci rimanevo malissimo, perchè non riuscivo a far loro capire che non era quella la mia intenzione e perchè non riuscivo a modificare il mio modo di esprimermi, poi non sò nemmeno quando, piano piano quel ritornello è sparito e tutto mi si può dire tranne che sono acida! pensa che poco tempo fà mi sono sentita dire che sono sempre molto dolce.....sono rimasta senza parole!!!!

oggi mi ocnfronto con una figlia che si sente dire esattamente la stessa cosa. ha dei toni terribili e mi infastidiscono talmente tanto che a volte neanche riesco ad ascoltare cosa vuole dire.
ne parliamo tantissimo perchè , forte poi della mia di esperienza, capisco bene il suo malessere come anche il tuo.
nel mio caso mi sentivo molto arrabbiata con i miei genitori x situazioni forti che stavamo vivendo, nel suo ancora non ho chiare le motivazioni...e x te invece?

cambi, esprimersi con + calma farà bene soprattutto a te. prova a riflettere sempre su quali toni utilizzare prima di parlare e in particolare prova a scindere il disagio che potresti provare nel momento in cui parli dalla situazione in cui ti trovi sempre mentre stai parlando.
un prb alla volta, persona dopo persona, momento e momento.
la vita è così, un movimento continuo di pensieri, parole, persone, situazioni.....e cerca di essere + paziente con te stessa e con gli altri. da qui poi potresti trovare i motivi che ti rendono nervosa e astiosa pur non volendolo essere.

a presto
La vita non è una questione di come sopravvivere alla tempesta,
ma di come danzare nella pioggia.

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" è una donna
  • "cambi24" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.217

Activity points: 14.562

Data di registrazione: venerdì, 05 dicembre 2008

Località: Modena

Lavoro: impiegata

  • Invia messaggio privato

7

giovedì, 22 gennaio 2009, 16:22

sì anche io non sopporto i miei genitori, ma non è la solita frase da adolescente, anche xchè non lo sono +, x fortuna: ho 24 anni.
Non li sopporto non xchè non ci sono fisicamente (il papà c'è ma non c'è, nel senso che lui legge e dorme, non fa altro, e non dice niente) xchè ci sono: poi mi aiutano nelle cose pratiche come dicevo anche in un'altro post (vestirmi, lavorarmi, trasporto).
Non li sopporto xchè non ci sono psicologicamente.
E' x quello che mi arrabbio.
E' x quello che ho fatto 9 anni di terapia.
Quando parlo di qualsiasi cosa con la mamma (xchè con il papà non parlo di niente) lei va in un'altra stanza o non mi guarda in faccia.
Così mi dà fastidio. :cry:
Per lei si può ascoltare anche in questo modo... :( :shock: :fuoco:

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" è una donna
  • "cambi24" ha iniziato questa discussione

Posts: 4.217

Activity points: 14.562

Data di registrazione: venerdì, 05 dicembre 2008

Località: Modena

Lavoro: impiegata

  • Invia messaggio privato

8

giovedì, 19 marzo 2009, 17:12

ho cambiato idea

doopo gli episodi in famiglia ho cambiato idea.
BISOGNA ESSERE D'ACCORDO in certi casi.
In famiglia di sicuro, se no non si fa niente.

Se uno dice A l'altro B non si è d'accordo.

Bisogna avere dei punti in comune se no non si arriva a niente.

:( ;( ;( ;(

l'ho provato in famiglia: loro non sono d'accordo sulla terapia e la terapia non si fa.... ;( ;( ;( ;( ;( ;(