Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

Chicco

Giovane Amico

  • "Chicco" ha iniziato questa discussione

Posts: 274

Activity points: 913

Data di registrazione: giovedì, 05 giugno 2008

Località: Nord

  • Invia messaggio privato

1

martedì, 08 luglio 2008, 14:26

Dicono tutti che essere innamorati è bello...

...certo, ma se l'altro/a non ci corrisponde è davero ancora così bello ? O vale solo per chi è corrisposto ?

Secondo voi, è possibile creare un "manule" di sopravvivenza per chi non è corrisposto ? Ci sono dei consigli che si possono dare a chi è stato preda di un colpo di fulmine o di una amicizia trasformata in amore ma non corrisposto ?

C'è un modo per vivere l'amore di questo tipo attenuandone la sofferenza ?
Dio delle città e dell'immensità, magari tu ci sei e problemi non ne hai
ma quaggiù non siamo in cielo e se un uomo perde il filo,
è soltanto un uomo solo

PaulVerlaine

Il Poeta Maledetto

  • "PaulVerlaine" è un uomo

Posts: 1.642

Activity points: 5.080

Data di registrazione: sabato, 26 aprile 2008

Località: dans le bleu d'une mer sans fin

  • Invia messaggio privato

2

martedì, 08 luglio 2008, 14:33

Ciao chicco! Che buffo chiamarti così! Da piccolo era il mio soprannome, e ancora qualcuno ora mi chiama così tra i parenti ^^

Allora, secondo me, no, se è vero amore, non c'è modo di viverlo attutendone la sofferenza, ma è proprio quello il bello: perché lo scopo dell'amore è bruciare l'ego e portarci verso l'apertura del cuore. Certo, se siamo corrisposti può sembrare più piacevole, ma rischiamo di sentirci appagati e presto o tardi di dimenticare la pura gioia dei pochi momenti autentici e scivolare nella noia e nella ricerca di nuovi desideri più nuovi e più stimolanti, come capita ai più.. la 'felicità' come soddisfazione di un desiderio, secondo alcuni mistici, è un pericolo enorme, perché presto o tardi sorgerà un nuovo desiderio.. anche Wilde sottolineò questo punto con un suo celebre aforisma. Invece se non siamo corrisposti, può fare male, molto male. Ma non è detto che non sia 'bello' questo, o che non possa essere qualcosa di costruttivo e positivo.

Più soffriamo per amore - e qui per soffriamo intendo in modo sano, la sofferenza che ci apre, quella che deriva dal fatto che l'amore è più forte dei nostri desideri, dei nostri piccoli bisogni egoici e dei nostri capricci - e più il nostro cuore diventa puro e aperto al cosmo come il celebre simbolo del fiore di loto.

Se invece vero amore non è, il nostro ego, orgoglio, bisogni, passioni (in senso 'negativo'), etc.etc. saranno più forti, prima o poi l'amore finirà, e sarà sopraffatto da questi bisogni, in modo che lo proietteremo su qualcun altro e su qualcun altro ancora finché qualcuno non li soddisferà. Ma questo, per quanto possa sembrare bello in certi momenti, a parte che porta inevitabilmente a rotture, non fa crescere, è un rimanere chiusi in sé stessi.

Le ferite dell'amore bruciano le miserie del nostro piccolo ego e ci rendono aperti all'infinito. Dobbiamo esserne grati come se fosse un dono. Il giorno che ci rendiamo conto che il nostro amore è più forte - non di una cosa in particolare, ma "più forte" in generale - abbiamo trovato la via che ci riporta 'a casa', per usare le parole di Osho, alla nostra natura originaria e profonda..
and maybe I will see a different destiny
like knowing you at all was only a bad dream.

Chicco

Giovane Amico

  • "Chicco" ha iniziato questa discussione

Posts: 274

Activity points: 913

Data di registrazione: giovedì, 05 giugno 2008

Località: Nord

  • Invia messaggio privato

3

giovedì, 10 luglio 2008, 11:31

Certo Paul... ma l'approccio Zen non è sempre compreso e non è detto vada bene per tutti... per questo ho aperto il post... grazie per l'intervento
Dio delle città e dell'immensità, magari tu ci sei e problemi non ne hai
ma quaggiù non siamo in cielo e se un uomo perde il filo,
è soltanto un uomo solo

PaulVerlaine

Il Poeta Maledetto

  • "PaulVerlaine" è un uomo

Posts: 1.642

Activity points: 5.080

Data di registrazione: sabato, 26 aprile 2008

Località: dans le bleu d'une mer sans fin

  • Invia messaggio privato

4

giovedì, 10 luglio 2008, 12:16

Non è zen, è tantrico, e a parte questo, è sicuro che va bene per tutti, gli autori dei tantra parlavano a chiunque, non a certe persone... è chiaro che ci si può rifiutare di attraversare certe cose e la sola idea di lasciare l'ego può far star male: l'ego è fatto così! Però non dubitare che questo è ciò che succede sempre quando ci si innamora sul serio.. non è una scelta.. se ci si innamora profondamente, non c'è ferita che tenga, non resta che accettare e lasciare che le cose facciano il loro corso, e il corso porta inevitabilmente in un punto: il centro profondo di noi stessi ^^
and maybe I will see a different destiny
like knowing you at all was only a bad dream.

Juliette83

Utente Fedele

  • "Juliette83" è una donna

Posts: 418

Activity points: 1.422

Data di registrazione: mercoledì, 02 luglio 2008

  • Invia messaggio privato

5

giovedì, 10 luglio 2008, 12:32

Non credo sia giusto continuare a viverlo un amore di questo genere...che senso ha stare con una persona che non ti corrisponde? Vuol dire essere masochisti secondo me...perchè (oltre alle delusioni che ci si prende giorno per giorno) prima o poi anche questa persona s'innamorerà di qualcuno...e a quel punto? Troppo difficile da accettare...meglio chiudere prima di illudersi troppo...perchè vivere una relazione di questo tipo vuol dire vivere illudendosi che si possa accorgere che io esisto nel suo cuore...e le illusioni io ho imparato che portano solo a delusioni....perchè le persone non cambiano e i sentimenti nemmeno...possono solo peggiorare...sarò negativa ma io avrei forse troppa paura di star più male di quanto io possa accettare.
benvenuto sole!

essere

j'aime...c'est tout

  • "essere" è una donna

Posts: 1.890

Activity points: 5.754

Data di registrazione: lunedì, 24 marzo 2008

Località: près de la mer

  • Invia messaggio privato

6

giovedì, 10 luglio 2008, 12:46

[style=monotype corsiva]Paul so che hai ragione, ma è davvero molto doloroso

Juliette ciao, non credo che se ami davvero basti lasciare per smettere di soffrire. sono innamorata non sto con lui.........sto malissimo

mi auguro solo di riuscire a fare il percorso di cui ha parlato Paul........ci sto provando con tutte le mie forze
[/style]
non si vede bene che col cuore...l'essenziale è invisibile agli occhi
A. de Saint-Exupery

La nostra vera ricchezza...è la gioia radiosa dell'Essere...
Eckhart Tolle

Chicco

Giovane Amico

  • "Chicco" ha iniziato questa discussione

Posts: 274

Activity points: 913

Data di registrazione: giovedì, 05 giugno 2008

Località: Nord

  • Invia messaggio privato

7

giovedì, 10 luglio 2008, 17:34

Citato da "essere"

[style=monotype corsiva]Paul so che hai ragione, ma è davvero molto doloroso

Juliette ciao, non credo che se ami davvero basti lasciare per smettere di soffrire. sono innamorata non sto con lui.........sto malissimo

mi auguro solo di riuscire a fare il percorso di cui ha parlato Paul........ci sto provando con tutte le mie forze
[/style]

Per questo ho aperto il post... perchè volevo provare a raccogliere una serie di opinioni per questa particolare situazione.

I saggi, il tantra, i maestri cinesi o il Buddha hanno una loro filosofia che vivere caro Paul è difficile non è da tutti.
Dio delle città e dell'immensità, magari tu ci sei e problemi non ne hai
ma quaggiù non siamo in cielo e se un uomo perde il filo,
è soltanto un uomo solo

Kublai

Moderatore

  • "Kublai" è un uomo

Posts: 7.770

Activity points: 25.186

Data di registrazione: martedì, 05 giugno 2007

  • Invia messaggio privato

8

giovedì, 10 luglio 2008, 17:54

Di consigli definitivi non ce ne sono, secondo me.

Oltre al tempo, che attenua e spesso guarisce tutto quanto, ci sono dei comportamenti da evitare il più possibile.

Per esempio è fondamentale distrarre la propria mente. Quando si è innamorati si pensa continuamente alla persona amata, quando si è innamorati e non corrisposti la persona amata diventa un'ossessione. Le ossessioni fanno molto male, producono comportamenti stupidi e riescono a tirare fuori il peggio dagli esseri umani. Vanno evitate il più possibile!

Per distrarsi bisogna ricorrere ancora una volta alla fantasia, e dunque pensare alle cose che da sempre piacciono e regalano serenità. Poi iniziare a metterle in pratica queste cose, inventarsi degli hobbies, riprendere attività che erano state abbandonate in passato. Se si ha la fortuna di avere un buon lavoro sarà il caso di immergersi in esso, di lavorare quanto più possibile e al meglio delle proprie possibilità. Qualche piccola soddisfazione arriverà sicuramente a questo punto. Ed essa provocherà un innalzamento, seppur minimo, della propria autostima (che generalmente scende sotto 0 quando si corre dietro ad un amore impossibile).

Seconda cosa, evitare di raccogliere morbosamente informazioni sulla vita della persona amata. Concentrarsi dunque sulla propria di vita, lasciando completamente perdere quello che fa l'altra persona. Ogni nuova informazione sull'altra persona produce ulteriore dolore e delusione, per cui è meglio non sapere più nulla di personale su di essa, almeno finché la bruciatura non sarà passata. Anche qui si tratta di esercitare un controllo su di una ossessione... L'unico modo per farlo è quello di pensare ad altro, di cercare la condivisione delle proprie esperienze e dei propri pensieri con altre persone, ad esempio amici, familiari, utenti di questo e altri forum... Riscoprire il valore dell'amicizia, dello scambio umano disinteressato e della compagnia.

Al momento mi viene in mente questo.
E' il tuo comportamento a qualificarti, non ciò che possiedi o dici di essere...

PaulVerlaine

Il Poeta Maledetto

  • "PaulVerlaine" è un uomo

Posts: 1.642

Activity points: 5.080

Data di registrazione: sabato, 26 aprile 2008

Località: dans le bleu d'une mer sans fin

  • Invia messaggio privato

9

giovedì, 10 luglio 2008, 18:08

Citato da "Juliette83"

Non credo sia giusto continuare a viverlo un amore di questo genere...che senso ha stare con una persona che non ti corrisponde?

Perdonami Juliette83, che senso ha amare in cambio di qualcosa? Che senso ha chiamare amore un contratto capestro, qualcosa che fai per soddisfare un tuo bisogno?

Chicco, hai ragione, non è da tutti. Ma qui non si tratta di sceglierlo, rinunciare al mondo e andare a fare i monaci zen. L'amore non si sceglie: accade. E quando accade, ci forza a essere veramente noi stessi. E all'inizio è doloroso, perché non siamo autentici: abbiamo strati e strati di croste purulente, di maschere dell'ego che ci fanno per forza male, devono per forza dolere prima di staccarsi.

Quando è amore, per davvero, fa soffrire prima o poi: ma non è detto che sia un male.
and maybe I will see a different destiny
like knowing you at all was only a bad dream.

Chicco

Giovane Amico

  • "Chicco" ha iniziato questa discussione

Posts: 274

Activity points: 913

Data di registrazione: giovedì, 05 giugno 2008

Località: Nord

  • Invia messaggio privato

10

lunedì, 14 luglio 2008, 17:59

Oltre a ciò che ha scritto Kublai, io aggiungerei anche...

la forma mentale di sminuire dentro di noi l'oggetto del desiderio...

Anche nei colpi di fulmine dove non si è potuta conoscere l'altra persona per bene potrebbe aiutare lo "sminuirla" ...
Nei rapporti di amicizia...dove i sentimenti di uno si trasformano e quelli dell'altro rimangono di amicizia è più complicato ma potrebbe funzionare no ?
Dio delle città e dell'immensità, magari tu ci sei e problemi non ne hai
ma quaggiù non siamo in cielo e se un uomo perde il filo,
è soltanto un uomo solo

misteryo

Utente Avanzato

  • "misteryo" è stato interdetto da questo forum

Posts: 652

Activity points: 2.061

Data di registrazione: giovedì, 01 maggio 2008

  • Invia messaggio privato

11

lunedì, 14 luglio 2008, 23:43

Citato

Dicono tutti che essere innamorati è bello...

Tutti chi???...io no per esempio. Considero l'innamoramento alla stregua di una psicosi delirante.


Citato

Secondo voi, è possibile creare un "manule" di sopravvivenza per chi non è corrisposto ? Ci sono dei consigli che si possono dare a chi è stato preda di un colpo di fulmine o di una amicizia trasformata in amore ma non corrisposto ?

Certo: CRESCERE.

Citato

C'è un modo per vivere l'amore di questo tipo attenuandone la sofferenza ?

Certo: CRESCERE.

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" è una donna

Posts: 5.564

Activity points: 18.624

Data di registrazione: giovedì, 13 marzo 2008

Località: sicilia

  • Invia messaggio privato

12

martedì, 15 luglio 2008, 07:54

Misteryo, perchè sei così duro con te stesso.
Non ti permetti di innamorarti perchè pensi sia una psicosi delirante...sarà vero ma è un delirio piacevole, non credi? Fa bene al cuore e all'anima, fa sentire vivi.
A parte questo , per rispondere a chicco, vorrei dire che se l'innamoramento diventa ossessione allora fa male, ma se non lo è , se rimane una cosa piacevole , che ti fa stare bene e sentire vivo, perchè no?
Preferirei innamorarmi ogni giorno, pur di non vegetare!
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

pazzamentesana

Non registrato

13

martedì, 15 luglio 2008, 08:35

Amare incondizionatamente e a senso unico è possibile ?

Nella normalità non credo lo sia, perchè il rischio è che porti alla sofferenza e alla repressione di se stessi nel tentativo di piacere all'altro... questo risulta deleterio nel tempo. Riduce la propria autostima in genere, facendo sentire inadeguata la persona che prova questo sentimento non corrisposto.

Quando il sentimento è profondo e la persona vive un proprio equilibrio interiore "solido" pur non essendo corrisposta dall'altro, credo sposti l'attenzione non sulla persona come oggetto d'amore, ma come amore pulito che nulla pretende, quindi non cerca di essere ricambiata, ama desiderando il bene dell'altro indipendentemente da se stessa consapevole che non rientra nei suoi piani sentimentali.

Questo amore non è semplice da vivere se l'attuarlo fa sentire inacettati e abbandonati ad un destino di rifiuto.

La visione che si ha dell'amore è estremamente personale. Ognuno di noi reagisce in misura della sua profondità... perdere il controllo di se rispetto al realismo necessario al proprio equilibrio, conduce a danni gravi... le cadute richiedono il rialzarsi e non sempre si riesce ad attingere al proprio pozzo di energia positiva.

La sofferenza fa parte del gioco, è inevitabile, nessun manuale può eludere questo genere di sofferenza se non l'elevazione di se stessi verso una visione allargata dell'amore, nella quale nessuno è proprietà di nessuno e quindi l'amore diviene arma contro le avversità... si impara ad amare più se stessi per amare di più gli altri, compreso chi non ci corrisponde...

Quanto al vegetare... Patrizia, siamo sempre innamorati di qualcosa o di qualcuno... ogni essere umano nel suo intimo cuore ha amori diversi, chi è innamorato di un uomo/donna, chi ama i suoi cagnolini, chi le sue piante sul balcone... chi semplicemente l'aria che respira... altrimenti saremmo tutti quanti votati al suicidio...

La vedo così... nessun manuale per l'uso, solo singoli libri scritti senza inchiostro dentro sè.

Chicco

Giovane Amico

  • "Chicco" ha iniziato questa discussione

Posts: 274

Activity points: 913

Data di registrazione: giovedì, 05 giugno 2008

Località: Nord

  • Invia messaggio privato

14

martedì, 15 luglio 2008, 13:46

Ogni persona vive linnamoramento non corrisposto in maniera diversa... sia per la sua diversità verso le altre persone sia per la sua personale storia sia per la sua maturità ( a 10 anni è diverso che a 50), per la evoluzione emotiva.

Tuttavia amare non è cosa semplice quando non si è corrisposti... e provando a tirare le fila dei post abbiamo cinque regole :



1) Concentrarsi sugli hobbies, sul lavoro e su cose che ci facciano stare bene, trovando soddisfazione in ciò l'appagamento porterà via un po' di dolore.

2) Evitare di interessarsi per altre vie, alla persona amata onde evitare di essere ulteriormente feriti conoscendo particolari a noi spiacevoli ( es. lei/lui sta dietro ad un'altra persona ).

3) Possibilmente sminuire la persona amata dentro di noi perchè mettendola su di un piedistallo come fosse un dio\dea non farà altro che annullare noi stessi.

4) Cercare il conforto ed il confronto con altre persone che stiano passando o abbiano passato le stesse esperienze.

5) Il tempo guarisce tutto... bisogna portare pazienza perchè non possiamo decidere di chi innamorarci.
Dio delle città e dell'immensità, magari tu ci sei e problemi non ne hai
ma quaggiù non siamo in cielo e se un uomo perde il filo,
è soltanto un uomo solo

pazzamentesana

Non registrato

15

martedì, 15 luglio 2008, 13:49

Ciao, Chicco.

Sintetizzando mi pare di leggere : vivi e lascia vivere...