Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


This thread is closed.

Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

  • "lea" has been banned

Posts: 4,710

Activitypoints: 14,389

Date of registration: Jun 8th 2008

  • Send private message

106

Thursday, May 6th 2010, 2:22am

tutto ciò corrisponde sorprendentemente al grido di ringraziamento di Gesù al Padre per "avere nascosto la verità agli intellettuali e per "averla rivelata agli ignoranti"


Non so se vado in OT e nel caso me ne scuso, ma... da questa considerazione sorgerebbe spontanea una domanda (per me, ma forse non solo per me) , ossia : e perchè Dio (che in questo caso va scritto con la maiuscola perchè è nome proprio di un ben preciso dio) avrebbe creato gli intellettuali (che già soffronto parecchio per conto loro, anche tra gli agi) per poi privilegiare i semplici (che di certo soffrono molto meno, quando hanno pane, rifugio e salute) :?:
La cultura è quel che resta........quando hai dimenticato TUTTO! (non è mia, ma non mi ricordo chi l'abbia detta. Cambia qualcosa? :roftl: )

Licurgo

Forumista Incallito

Posts: 4,426

Activitypoints: 13,901

Date of registration: Jul 15th 2008

  • Send private message

107

Thursday, May 6th 2010, 2:34am

perchè Dio (che in questo caso va scritto con la maiuscola perchè è nome proprio di un ben preciso dio) avrebbe creato gli intellettuali (che già soffronto parecchio per conto loro, anche tra gli agi) per poi privilegiare i semplici (che di certo soffrono molto meno, quando hanno pane, rifugio e salute)


Forse per diversificare, un mondo di soli semplici risulterebbe noioso quanto un mondo di intellettuali, forse perchè per ognuno c'è un progetto diverso, forse perchè il semplice nell'ottica cristiana non corrisponde a priori ad una categoria, forse ecc ecc.
totus tuus

viaggio all'inferno e ritorno.
una testimonianza di conversione.

http://www.santissimo.it/libri/GLORIA%20…o%20Patrizi.pdf

  • "lea" has been banned

Posts: 4,710

Activitypoints: 14,389

Date of registration: Jun 8th 2008

  • Send private message

108

Thursday, May 6th 2010, 2:43am

Forse per diversificare, un mondo di soli semplici risulterebbe noioso quanto un mondo di intellettuali, forse perchè per ognuno c'è un progetto diverso, forse perchè il semplice nell'ottica cristiana non corrisponde a priori ad una categoria, forse ecc ecc.


:hmm: Quanti "forse"......

La certezza adamantina che Dio privilegi i semplici....... supportata da così tanti "forse" ? :hmm:

Perchè non c'è una risposta certa e trionfale , al perchè (certo e trionfale) che Dio privilegi i semplici?

(chiedo, eh! siamo qui per capire insieme..... :blush: ..... io non lo capisco e chiedo per questo :S )
La cultura è quel che resta........quando hai dimenticato TUTTO! (non è mia, ma non mi ricordo chi l'abbia detta. Cambia qualcosa? :roftl: )

Licurgo

Forumista Incallito

Posts: 4,426

Activitypoints: 13,901

Date of registration: Jul 15th 2008

  • Send private message

109

Thursday, May 6th 2010, 3:05am

Lea, se avessi la risposta forse non sarei qua e vivrei sul cucuzzolo della montagna con una barba lunga così, a parte che è un immagine che mi pare di scrutare in alcuni partecipanti a questo forum, le quali idee (di fede o di scienza) sono per la maggiore, certezze incrollabili non opinabili, ma questo è uno di quei concetti di Fede più duri da districare, perchè cozza con la ragione.
Dunque si stilano ipotesi, la mia impressione è che la semplicità sia un dono anch'esso, le cui caratteristiche si conoscono grazie ad alcuni indizi scritti, le modalità per il quale viene elargito restano misteriose. Il risultato è quello, a quanto pare gli inidonei secondo i canoni umani sono coloro che hanno le chiavi per accedere all'unica vera conoscenza.
Semplicità è anche un anelito, è scritto che è possibile "tornare" ad essere semplici.
totus tuus

viaggio all'inferno e ritorno.
una testimonianza di conversione.

http://www.santissimo.it/libri/GLORIA%20…o%20Patrizi.pdf

110

Thursday, May 6th 2010, 3:09am

Se vogliamo fare un'analogia estrapolare si potrebbe interpretare questa osservazione col fatto che la persona semplice potrebbe essere più vicina allo "stato di natura" e di conseguenza a Dio.

Licurgo

Forumista Incallito

Posts: 4,426

Activitypoints: 13,901

Date of registration: Jul 15th 2008

  • Send private message

111

Thursday, May 6th 2010, 3:15am

Certo è un' ipotesi anch'essa, d'altro canto la mia idea è che dobbiamo tornare ad essere ciò che eravamo, non qualcosa a noi sconosciuto, semplicemente dimenticato. Questa ovviamente è speculazione.
totus tuus

viaggio all'inferno e ritorno.
una testimonianza di conversione.

http://www.santissimo.it/libri/GLORIA%20…o%20Patrizi.pdf

112

Thursday, May 6th 2010, 3:23am

Cosa intendi per qualcosa di dimenticato?

Io lo dico sempre che la morte l'abbiamo già vissuta tutti, o meglio... la non vita. L'abbiamo vissuta prima della nascita e dov'eravamo allora ritorneremo dopo.

Licurgo

Forumista Incallito

Posts: 4,426

Activitypoints: 13,901

Date of registration: Jul 15th 2008

  • Send private message

113

Thursday, May 6th 2010, 4:38am

Intendo dire che mi associo al pensiero di Dante quando afferma che la condizione morale dell'uomo è quella di chi si sente in esilio, come confinato sulla terra, mentre continua a portare interiormente l'immagine della patria perduta, sopravvissuta nella coscienza e da riconquistare.
totus tuus

viaggio all'inferno e ritorno.
una testimonianza di conversione.

http://www.santissimo.it/libri/GLORIA%20…o%20Patrizi.pdf

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,444

Activitypoints: 22,857

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

114

Thursday, May 6th 2010, 11:14am

....non dipende dalla nostra volonta', ma dal Genitore interiore che ci dira':- OK, hai fatto un buon laqvoro. Vai tranquillo-, oppure - Potevi fare di piu'-, o - Non hai fatto a sufficenza-.

Eccolo li il giudice.
DOCTOR FAUST, tu dici che il giudice è il genitore interiore: giusto?
Mi diresti che cosa dice il genitore interiore ad uno che fa il killer, oppure lo spacciatore di droga ecc.?
Come può dirgli "Hai fatto un buon lavoro?" oppure "Potevi fare di più?"


Vuol dire semplicemente che quella persona non ha interiorizzato un Genitore.
O perche' non c'era proprio, o perche lui l'ha rifiutato.

Succede spesso, per esempio, in chi ha avuto genitori particolarmente crudeli.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,444

Activitypoints: 22,857

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

115

Thursday, May 6th 2010, 11:21am

Ciò non significa essere più o meno importanti rispetto ad altre forme di vita, semplicemente la vita stessa nella sua interezza e' il bene supremo, che siano batteri o esseri senzienti, e non vedo dove starebbe il pessimismo in questa visione


Gia. In affetti sembrerebbe sano realismo.
Ma prevede una soppressione della nostra parte bambina. Forse e' per questo che la cosa non mi convince completamente.

Mi pare una forzatura. Ma e' una sensazione.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,444

Activitypoints: 22,857

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

116

Thursday, May 6th 2010, 11:24am


Doctor, quello che avremmo fatto al momento della nostra morte sarà semplicemente quello, niente giudici nè interiori nè esteriori, come l'oceano non chiede conto alle gocce d'acqua di quello che hanno fatto quando erano staccate da esso.


...e anche qui ho la stessa sensazione.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,444

Activitypoints: 22,857

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

117

Thursday, May 6th 2010, 11:34am

Bernadette non ha nulla della manipolatrice, e se i bambini in buona fede sono pieni di immaginazione perchè bisognerebbe credere proprio a lei e non a un'altra? Come fa una contadina a scuotere un'intera società? Non è certo per aiuti "dall'alto" visto che la tentazione della gerarchia ecclesiale è non favorire mai questi prodigi, sono vissuti come una minaccia e non come un appoggio all'istituzione, nessuna iniziativa della Chiesa all'inizio, tutto parte dal basso, dal popolo.
Eppure tutto ciò corrisponde sorprendentemente al grido di ringraziamento di Gesù al Padre per "avere nascosto la verità agli intellettuali e per "averla rivelata agli ignoranti"



Lourdes piu' che un luogo di preghiera e' un luogo di isteria collettiva.
Gesu ha detto: quando devi pregare, vai nella tua stanza e chiudi la porta. E poi: non cospargerti il capo di cenere mettendotii in prima fila per farti vedere, ma mettiti la brillantina e sorridi sempre. Il padre tuo ti ricompensera'.

Bernardette non c'e'ntra nulla, come non cerntrano nulla i bambini di fatima o tutti gli altri che hanno avuto o avranno queste visioni.
Se i bambini indaco citati da Dave sono capaci di descriverti altri mondi, tu puoi immaginare se mi stupisco che una ragazzina mi dica che vede la madonna, e che questa dice che dobbiamo pregare, perche' cosi saremo salvati.
Salvati da cosa?

I messaggi sono di una banalita estrema e chiunque li puo' formulare. Non bisogna vedere la madonna per farlo.
Basta dire:- Non dovremmo essere pezzi di merda. Dovremmo essere persone per bene-.

E io non ho visto la madonna. Non ancora almeno.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,444

Activitypoints: 22,857

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

118

Thursday, May 6th 2010, 11:39am

Certo è un' ipotesi anch'essa, d'altro canto la mia idea è che dobbiamo tornare ad essere ciò che eravamo, non qualcosa a noi sconosciuto, semplicemente dimenticato. Questa ovviamente è speculazione.

Se vogliamo fare un'analogia estrapolare si potrebbe interpretare questa osservazione col fatto che la persona semplice potrebbe essere più vicina allo "stato di natura" e di conseguenza a Dio.


Non mi sembrano speculazioni.

Adamo ed eva, perche per la bibbia tutto parte da li, erano innocenti come bambini quando erano perfetti, e cioe' erano puri animali.
Cosi dovrenmmo ri-diventare quando saremo perfetti.
Ecco il progetto finale.

Dave64_128

Utente attivo

  • "Dave64_128" has been banned
  • "Dave64_128" started this thread

Posts: 484

Activitypoints: 1,690

Date of registration: Dec 8th 2009

  • Send private message

119

Thursday, May 6th 2010, 1:03pm

vorrei sapere dal doctor faust e anche dagli altri..

riguardo a Brian Weiss, come vedono il fatto che i pazienti da lui ipnotizzati non solo sembrano ricordare episodi chiari di altre vite, ma sembra che riconoscano senza alcun dubbio i propri parenti.
Ricordano scene chiare e ritrovano luoghi da loro descritti.

Possibile che si tratti solo di inconscio collettivo ?

Non potrebbe essere la spiegazione del contratto karmico ?

Lo stesso Weiss era il primo ad essere scettico riguardo a questi fenomeni, aveva ricevuto una formazione scientifica ed empirica.
Ha frequentato la Columbia e la Yale e già da prima era direttore di una facoltà di psichiatria importante.

Una cosa che mi chiedo è come mai una persona abbia sentito il bisogno di rischiare la propria carriera scrivendo su un'esperienza così stravagante che avrebbero potuto rovinare soprattutto una persona come lui.

Perchè avrebbe dovuto rischiare tanto ?
Se non avesse creduto a quello che faceva ? E rischiando di passare lui per primo come uno spostato ?

Io credo che lui ci abbia creduto.
Credo che solo qualcosa al di fuori dell'ordinario avrebbe potuto scuoterlo così dal profondo.
Diversamente una persona non decide di esporsi tanto e di rischiare tanto, secondo me.

Non lo avrebbe fatto per qualcosa in cui non crede.
Non avrebbe senso scrivere libri interi su qualcosa in cui non si crede.
Dedica la propria vita a questo, come farebbe a non essere in buona fede ?

Voi che cosa dite ?

120

Thursday, May 6th 2010, 2:44pm

Ciò non significa essere più o meno importanti rispetto ad altre forme di vita, semplicemente la vita stessa nella sua interezza e' il bene supremo, che siano batteri o esseri senzienti, e non vedo dove starebbe il pessimismo in questa visione


Gia. In affetti sembrerebbe sano realismo.
Ma prevede una soppressione della nostra parte bambina. Forse e' per questo che la cosa non mi convince completamente.

Mi pare una forzatura. Ma e' una sensazione.

La parte bambina, in quanto tale, può essere ferocemente egoista ed infantile tanto da farci illudere di essere in qualche modo "speciali" nell'economia dell'universo. La visione antropocentrica mi pare ormai fuori tempo massimo, ma la nostra curiosità ed il nostro senso del meraviglioso non deve certo scomparire per questo, anzi prendendo coscienza delle infinite permutazioni dell'esistenza trovare un punto d'equilibrio più altro e meno gretto.

Anche i bambini alla fine crescono e diventano adulti, ma non necessariamente cinici.