Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


cornetta

Nuovo Utente

  • "cornetta" è un uomo
  • "cornetta" ha iniziato questa discussione

Posts: 10

Activity points: 37

Data di registrazione: venerdì, 12 agosto 2011

Località: Brescia

Lavoro: studente universitario

  • Invia messaggio privato

1

venerdì, 12 agosto 2011, 19:22

problema strano col cibo

Ciao a tutti.. sono nuovo e dopo aver letto un po' di articoli su questo forum penso che sia giunta l'ora di parlare del mio problema che mi sta assillando da qualche settimana.. spero in un aiutino o in qualche parere grazie!
Allora comincio col dire di essere un ragazzo di altezza 1.74 e peso 60kg circa, quindi magrino ma comunque normopeso.. è successo praticamente che da settembre dell'anno scorso mi sono messo in testa l'idea di ingrassare.. io ho sempre amato il cibo e amato mangiare, soprattutto fuori casa e sopratutto porcate come mcdonald's e vari, così aumentando un po' le dosi sono riuscito a prendere qualche kg.. fin lì tutto bene e tutto felice, fino a quando a maggio sono stato colpito da gastroenterite, insomma vomitavo dopo ogni pasto, ho perso peso e la paura di non riuscire a mangiare mi ha mandato in crisi.. però grazie al medico sono riuscito diciamo a tranquillizzarmi perchè non avevo nesun problema organico e quindi potevo benissimo tornare a mangiare.. dopo qualche giorno sono stato meglio finchè è arrivato luglio.. ho cominciato ad ossessionarmi al fatto di dover mangiare e dover riprendere peso, finendo col bloccarmi l'appetito davanti ad un pranzo o ad una cena, a volte addirittura vomitavo dal nervoso!
così sono tornato dal dottore che mi ha detto che l'unico problema ero io, che dovevo star calmo, mi ha anche dato il levopraid da prendere prima dei pasti per calmarmi...
Adesso, agosto, sono arrivato al punto di essere tranquillo e rilassato e percepire bene la fame, l'unico problema è che mi è venuto un rifiuto inspiegabile nei confronti del cibo, ogni volta vedo il cibo mi viene quasi la nausea, mangio sotto sforzo perchè ovviamente non voglio nè dimagrire nè morire! ma è una sensazione bruttissima che mi sta condizionando la vita, esco molto meno con gli amici, mi sento diverso e ogni volta che si parla di cibo mi viene il terrore e mi tiro indietro, non capisco che mi succede ho pensato a tutto, dall'avere dei disturbi alimentari all'essere depresso non so più che fare, ho quasi perso il sorriso. Le mie giornate non sono più spensierate come prima, ho sempre avuto un'enorme energia, sono sempre stato positivissimo, ma ora non più, sono condizionato dal cibo, quasi ossessionato :(.
Premetto che ho smesso a maggio di studiare perchè non mi piaceva l'università che frequentavo, poi ho provato a lavorare ma non ce l'ho fatta, ora a settembre ricomincerò un'altra università.. però ora il fatto di essere a casa tutto il giorno peggiora le cose.. peggiora la mia ossessione nel cibo.. a volte vorrei solo dormire così almeno non penso al cibo..
Lo so che può sembrare una banalità ma non so davvero che fare.. nessuno ha una soluzione o ha provato qualcosa di simile? ne uscirò prima o poi o dovrò convivere per sempre col pensiero del cibo tutti i santi giorni :(
Grazie per le vostre risposte

cornetta

Nuovo Utente

  • "cornetta" è un uomo
  • "cornetta" ha iniziato questa discussione

Posts: 10

Activity points: 37

Data di registrazione: venerdì, 12 agosto 2011

Località: Brescia

Lavoro: studente universitario

  • Invia messaggio privato

2

sabato, 13 agosto 2011, 19:00

nessuno mi dà una risposta.. :(..
comunque in questi due giorni mi sento meglio anche se continuo a pensare tutto il giorno se riuscirò a finire il pasto.. mi sembra una cavolata scriverlo ma in fin dei conti è vero...

moonshine

Nuovo Utente

Posts: 10

Activity points: 37

Data di registrazione: venerdì, 19 agosto 2011

  • Invia messaggio privato

3

venerdì, 19 agosto 2011, 21:29

nel periodo di preparazione della tesi mi sono trovata per la prima volta a non volere mangiare, a provare nausea davanti al cibo;mi sono fatta allora una lista dei cibi in ordine di mio gradimento solito, senza considerazioni di salute o dietetiche e mi sono sforzata di mangiare solo quei cibi, junk food, certo, ma erano i cibi che mi procuravano un ricordo piacevole e nel giro di una, due settimane ho ritrovato il piacere del cibo.
Ti consiglio la lettura di un libro, "Mangia, prega, ama":la prima parte, che si svolge in Italia, è un inno al cibo ed è scritto, secondo me, così bene che...mi sono ritrovata a mangiare con un piacere intenso :P

cornetta

Nuovo Utente

  • "cornetta" è un uomo
  • "cornetta" ha iniziato questa discussione

Posts: 10

Activity points: 37

Data di registrazione: venerdì, 12 agosto 2011

Località: Brescia

Lavoro: studente universitario

  • Invia messaggio privato

4

sabato, 20 agosto 2011, 18:39

grazie per la risposta! leggerò il libro e ascolterò il tuo consiglio, mi era proprio venuta voglia di leggere in questi giorni :)

moonshine

Nuovo Utente

Posts: 10

Activity points: 37

Data di registrazione: venerdì, 19 agosto 2011

  • Invia messaggio privato

5

sabato, 20 agosto 2011, 19:07

pensando oggi a quello che hai scritto mi sono chiesta se poteva esserti utile anche un percorso personale sul cibo a partire dai cinque sensi:io, ad esempio, trovo piacevole il profumo di alcuni cibi, anche se non li mangio e mi piace usare prodotti per l'igiene alla frutta, passare vicino ad una panetteria, spezzare una foglia di basilico, insomma privilegio l'olfatto, forse a te può piacere di più la vista di un cibo o la percezione al tatto;qualsiasi cosa ti venga da fare, falla, anche prepararti un bagno nel cioccolato :P...ci sono poi olii essenziali adatti, erbe stimolanti l'appetito e infine il complesso vitaminico B fa aumentare il desiderio di cibo ;)

lady_urano

... l'illimitato silenzio di una ragazza tenue...

  • "lady_urano" è una donna

Posts: 367

Activity points: 1.325

Data di registrazione: domenica, 01 agosto 2010

  • Invia messaggio privato

6

domenica, 21 agosto 2011, 20:00

Ma non potrebbe essere che questo tuo improvviso "rigetto del cibo" sia dovuto proprio, a livello psicologico, a questo tentativo di ingrassare? La mia è solo un'ipotesi eh... però se dici che prima mangiavi un sacco e non ingrassavi, e da quando ti sei messo in testa di voler ingrassare hai cominciato ad avere questo problema...
Non so, tu perché vuoi ingrassare Cornetta? Quali sono le motivazioni che ti spingono a questo? Perché senti che staresti meglio con qualche chilo in più, o per aderire a determinati modelli? In quest'ultimo caso potrebbe esserci una parte di te che rifiuta di ingrassare, perché non vuole aderire a degli stereotipi che non le appartengono...
Non so... questa ovviamente è una mia supposizione, assolutamente opinabile...
"E miracolosamente non ho smesso di sognare
E miracolosamente non riesco a non sperare
E se c'è un segreto è fare tutto come se vedessi solo il sole"

Elisa - Qualcosa che non c'è

Bilbo

Utente Attivo

Posts: 53

Activity points: 159

Data di registrazione: giovedì, 07 luglio 2011

  • Invia messaggio privato

7

lunedì, 22 agosto 2011, 08:09

Ciao cornetta, senza entrare nel merito delle varie implicazioni psicologiche del tuo rapporto con il cibo (che senza dubbio è bene che tu approfondisca) vorrei darti qualche consiglio da magro a magro ;) ... anche io fino ad alcuni anni fa non mi sentivo molto a mio agio col mio corpo per via della magrezza poi, poco prima dei trent'anni, ho cominciato a fare sport, prima nuoto per un paio di anni, poi ciclismo, che è diventato la mia grande passione (sempre a livelli amatoriali), in pochi anni il mio corpo e soprattutto la mia immagine corporea sono radicalmente cambiati, ho aumentato la mia massa muscolare, mi sono tonificato, pur mantenendo un fisico molto longilineo e a tutti gli effetti magro (il nuoto in particolare mi ha come raddrizzato e ulteriormente slanciato). Ora peso 73 chili per 186 cm di altezza, mi piaccio, e sono in un certo senso affezionato alla mia magrezza che fa parte di me da sempre. Quello che voglio dirti è che non dovresti considerare la magrezza in sé stessa un problema e che potresti passare ad una magrezza più sana e atletica volendolo....Il modello fisico maschile che va per la maggiore sembra essere piuttosto nerboruto :pump: (oltre che tatuato, e lampadato), non dirmi che aspiri a cotanta tamarraggine ragazzo?! Fregatene dei modelli, sii fiero della tua magrezza.

p.s. lascia perdere mr mcdonalds

cornetta

Nuovo Utente

  • "cornetta" è un uomo
  • "cornetta" ha iniziato questa discussione

Posts: 10

Activity points: 37

Data di registrazione: venerdì, 12 agosto 2011

Località: Brescia

Lavoro: studente universitario

  • Invia messaggio privato

8

lunedì, 22 agosto 2011, 11:57

grazie a tutti per le risposte!! :)
per lady urano: in questi giorni mi sono proprio posto la tua domanda, penso che il mio bisogno di ingrassare sia dovuto alla paura di dimagrire! cioè mi spiego, mi sono come fissato in testa che se non mangio dimagrisco e finisco all'ospedale con le flebo, il che può sembrare una stupidata, ma in effetti la penso così.. e questo ha provocato il fatto che ora vedo il cibo come un dovere per vivere, un dovere per non dimagrire e "sparire" , così ho perso il gusto del mangiare e sinceramente anche la voglia.. lo vedo proprio come un dovere e questo mi fa anche arrabbiare sinceramente, perchè mangiare deve essere un piacere! questa paura penso che derivi dal fatto che conosco una ragazza anoressica.. che mi ha un po' impressionato...
per bilbo: anche io pratico nuoto da circa 2 anni e il mio fisico è decisamente migliorato ;) poi non penso proprio di aspirare alla tamarraggine ahah! anzi in questi giorni invidio chi ha la pancia! perchè mi sembra di vedere una persona in salute!
bhaaaaa queste paranoie mi stanno compromettendo l estate :wacko:

cucuzzolo

Dissero della grande Marlène Dietrich "Marlène, un nome che inizia con una carezza e finisce con una frustata"

  • "cucuzzolo" è una donna

Posts: 395

Activity points: 1.199

Data di registrazione: martedì, 28 giugno 2011

Località: Ancona

Lavoro: Assistente Sociale Ospedaliera

  • Invia messaggio privato

9

lunedì, 22 agosto 2011, 15:04

problema strano col cibo

Ciao cornetta, credo potrebbe sortire un effetto positivo analizzare, con l'aiuto di un bravo psicologo, il tuo rapporto col cibo.
Il punto focale sembra essere quello.
Se non hai nulla di organico, infatti, non si comprende il perchè del tuo rifiuto nei confronti del mangiare in generale...
Lo psicologo ti spiegherà cosa ti è accaduto e cosa si sta verificando, e seppure non avrai una guarigione istantanea e miracolosa, almeno te ne farai una ragione e ti saranno chiari i 'perchè', e non è cosa da poco.
Auguroni :hi: