Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" is female
  • "cambi24" started this thread

Posts: 4,212

Activitypoints: 14,957

Date of registration: Dec 5th 2008

Location: Modena

Occupation: impiegata

  • Send private message

1

Tuesday, December 16th 2008, 4:40pm

Anche quando andavo da Flavia, la psicoterapeuta, mangiavo di + di quello che dovevo, x riempire il vuoto interiore: pane e nutella quando stavo male.
Flavia diceva sempre che i dolci fanno bene x l'umore ma che non dovevo esagerare.
Non credevo di avere esagerato anche adesso, ma ho scoperto di essere ingrassata 5 chili! :evil: :cry:
I dolci li mangio proprio solo quando sto male, per il resto mangio solo, o un primo o un secondo!
Solo pensare di iniziare una dieta, mi vengono i brividi e la depressione........
Anche xchè nelle diete si mangia sempre di + di quello che mangio io (primo, secondo, verdura).
Lo so, è questione di DOSARE, xrò è deprimente, mangiare la minestrina in brodo e alzarsi da tavola, x non cadere in tentazione!

mangiare è uno dei piaceri della vita, uffa!!!!!!!!!!!!!!

Sicuramente, uno dei motivi principali del fatto che ingrasso, è anche che NON MI MUOVO, essendo disabile motoria

ciao

nomorepain

Utente Fedele

  • "nomorepain" is female

Posts: 544

Activitypoints: 1,749

Date of registration: Aug 7th 2008

Location: dal mio piccolo mondo....

  • Send private message

2

Tuesday, December 16th 2008, 6:58pm

Ciao Cambi, piacere di conoscerti! Anche io ho sempre mangiato dolci soprattutto nei periodi di tristezza, di ansia...mi viene dentro una voragine! ma non nego di essere golosa...:) pensa che quand'ero incinta del mio primo bambino, avevo la fissa per la pizza e le patatine fritte...ne ho fatto una scorpacciata!!! sono ingrassata 17 kg!!!
Ora sono a dieta per questioni di salute, nel senso che ho problemi di digestione lenta, a causa di un fegato un pò capriccioso, anche a causa di una colite che mi accompagna da sempre praticamente! però come ti capiscoooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
mi alzo da tavola che apparentemente ho mangiato più di tutti ma ho ancora la mia voragine NON SAZIA...credo proprio sia un fattore psicologico e che ci possiamo fare? la nutella poi!!!! mamma mia quant'è buona!!!! e neanche io faccio moto, visto che con due bimbi con le loro esigenze, più i soldi che sono necessari per vivere, non riesco a ritagliarmi del tempo nè del denaro per fare un pò di sport...e che vogliamo fare...devo non mangiare se non voglio diventare un sacco di lardo!!! e poi sai che ti dico? io ho preso anche dei farmaci per la depressione...e a questo punto preferisco farmi rialzare la serotonina dalla cioccolata piuttosto che sprecare soldi in medicine? tu che pensi? e ogni tanto uno sfizio, bisogna pure toglierselo...e sennò che campiamo a ffà? bacioni....
Meglio Essere Pazzo Per Conto Proprio, Anziche' Savio Secondo La Volonta' Altrui!

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" is female
  • "cambi24" started this thread

Posts: 4,212

Activitypoints: 14,957

Date of registration: Dec 5th 2008

Location: Modena

Occupation: impiegata

  • Send private message

3

Wednesday, December 17th 2008, 5:43pm

sì è meglio la cioccolata che gli psicofarmaci!
Io prendo psicofarmaci naturali : fiori di bach o iperico.........
Ma fanno poco e niente!!!
La gioia che dà la nutella :cuori: niente la può dare.......... come dici tu!!!!!!!!!!!
Cmq mi sto sforzando di mangiare meno, e ci sto riuscendo...
Mangio già poco come dicevo, ma, se sto male, non riesco a DIRE BASTA!
Adesso invece sì... BELLO NO?
Va bè, che ci sono delle volte, che, se sto male, mangio meno, invece che di +, ma non sempre.

speriamo bene

ciao :)

Aprikose

Forumista Incallito

  • "Aprikose" is female

Posts: 4,768

Activitypoints: 14,783

Date of registration: Jun 5th 2007

Location: il pianeta delle Fate

  • Send private message

4

Thursday, December 18th 2008, 8:37am

La dieta non è necessariamente un insieme di privazioni...ma fa parte di uno stile di vita sano, in cui non ci si priva dei dolci ad esempio, ma li si mangia nelle giuste quantità...
Viviamo in un mondo in cui l'uomo è l'abito che indossa. Meno c'è l'uomo, più è necessario l'abito.

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" is female
  • "cambi24" started this thread

Posts: 4,212

Activitypoints: 14,957

Date of registration: Dec 5th 2008

Location: Modena

Occupation: impiegata

  • Send private message

5

Thursday, April 2nd 2009, 4:22pm

c'è stato un periodo che mangiavo di più perchè ero arrabbiata x il no dei miei alla terapia e non riuscivo di nuovo a dire basta.
Poi, quando sono salita sulla bilancia, ho capito che dovevo riprovare.
Ora quando ho finito il primo vado via e non mangio + dolci o altro.
Mi dà fastidio però che il papà tiri sempre fuori la nutella, proprio quando me ne vado!!! :cursing:

Nemes

Pilastro del Forum

  • "Nemes" is female

Posts: 2,898

Activitypoints: 9,009

Date of registration: Mar 31st 2008

Location: Nord

  • Send private message

6

Thursday, April 2nd 2009, 11:20pm

Mentre ti leggevo è venuto anche a me il pensiero che hai l'ostacolo di non poter provvedere con l'attività fisica...ma non ti scoraggiare!!!!
Come già hanno detto le altre non devi privarti dei piaceri del cibo ma dosarli, inoltre se hai un po' di fantasia in cucina puoi prepare delle cose buone a base di prodotti poco calorici e molto salutari, che sono una delizia, puoi abbondare un po' di più con la porzione e puoi alternarli alle goloserie... ;) .
Pensa solo alle verdure, puoi cucinarle in tanti modi e se le abbini sono anche così colorate e un piacere per gli occhi, non solo per il palato.
Le persone sane si innamorano follemente, amano ardentemente, si arrabbiano furentemente, possono provare gelosie violente, lottare per la propria realizzazione o sacrificare tutto, fino a consumarsi, per i valori in cui credono, e giungere alla battaglia. (C. Albasi)

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" is female
  • "cambi24" started this thread

Posts: 4,212

Activitypoints: 14,957

Date of registration: Dec 5th 2008

Location: Modena

Occupation: impiegata

  • Send private message

7

Saturday, April 4th 2009, 2:34pm

sì infatti la mamma cerca di cucinare un po' tutto.... :)
è che a volte dico "bene, non ho più fame, vado"
ma poi mi dicono "vuoi questo, quello?"
io dico di no poi cedo.... a volte, solo a volte, per fortuna...
:)

Nemes

Pilastro del Forum

  • "Nemes" is female

Posts: 2,898

Activitypoints: 9,009

Date of registration: Mar 31st 2008

Location: Nord

  • Send private message

8

Sunday, April 5th 2009, 3:38am

sì infatti la mamma cerca di cucinare un po' tutto.... :)
è che a volte dico "bene, non ho più fame, vado"
ma poi mi dicono "vuoi questo, quello?"
io dico di no poi cedo.... a volte, solo a volte, per fortuna...
:)
Hai provato a dire a tua mamma che stai cercando di tenerti un po' e preferiresti che non insistesse quando dici che non hai più fame?
Se ci hai provato e tua mamma continua....beh è normale, le mamme sono le mamme e non cè niente da fare ;) :assi:
Le persone sane si innamorano follemente, amano ardentemente, si arrabbiano furentemente, possono provare gelosie violente, lottare per la propria realizzazione o sacrificare tutto, fino a consumarsi, per i valori in cui credono, e giungere alla battaglia. (C. Albasi)

9

Monday, April 6th 2009, 12:37am

io alla fame nervosa sono soggettissima...
un paio di settimane fa mi si e' chiuso lo stomaco e mangiavo il necessario
questa settimana altro stress e mangio di piu'

Alcune cose sono piu' preziose perchè...
Non durano.

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" is female
  • "cambi24" started this thread

Posts: 4,212

Activitypoints: 14,957

Date of registration: Dec 5th 2008

Location: Modena

Occupation: impiegata

  • Send private message

10

Monday, April 6th 2009, 2:08pm

sì infatti la mamma cerca di cucinare un po' tutto.... :)
è che a volte dico "bene, non ho più fame, vado"
ma poi mi dicono "vuoi questo, quello?"
io dico di no poi cedo.... a volte, solo a volte, per fortuna...
:)
Hai provato a dire a tua mamma che stai cercando di tenerti un po' e preferiresti che non insistesse quando dici che non hai più fame?
Se ci hai provato e tua mamma continua....beh è normale, le mamme sono le mamme e non cè niente da fare ;) :assi:


sì lo dico e a volte smettono... meno male!!

oggi è stato il contrario però...
io volevo ancora mangiare, solo x voglia e non per fame, e la mamma mi ha detto di no...
meglio però... ;)

Nemes

Pilastro del Forum

  • "Nemes" is female

Posts: 2,898

Activitypoints: 9,009

Date of registration: Mar 31st 2008

Location: Nord

  • Send private message

11

Monday, April 6th 2009, 2:19pm

Beh, allora è una buona alleata :thumbup: .
Poi se è una brava cuoca potreste mettervi d'accordo su cosa fare da mangiare..
Le persone sane si innamorano follemente, amano ardentemente, si arrabbiano furentemente, possono provare gelosie violente, lottare per la propria realizzazione o sacrificare tutto, fino a consumarsi, per i valori in cui credono, e giungere alla battaglia. (C. Albasi)

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" is female
  • "cambi24" started this thread

Posts: 4,212

Activitypoints: 14,957

Date of registration: Dec 5th 2008

Location: Modena

Occupation: impiegata

  • Send private message

12

Monday, April 6th 2009, 3:40pm

Beh, allora è una buona alleata :thumbup: .
Poi se è una brava cuoca potreste mettervi d'accordo su cosa fare da mangiare..


sì è una brava cuoca a cui piace fare dolci...
è quello il problema!! :S :rolleyes:

comunque ci mettiamo d'accordo...
a me piace molto il riso (con tutto tranne che gli spinaci... questo piace a mio fratello) e la pasta con broccoli e pancetta... :popcorn:

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" is female
  • "cambi24" started this thread

Posts: 4,212

Activitypoints: 14,957

Date of registration: Dec 5th 2008

Location: Modena

Occupation: impiegata

  • Send private message

13

Saturday, March 19th 2011, 11:57am

Il 17 è stata una brutta giornata dal punto di vista psicolgico e mi è era venuta una voglia matta di mangiare, anche se non avevo fame.
Non ho magiato però! :thumbsup:
Perciò oggi ho pensato di cercare rimedi alla fame nervosa ed emotiva che a volte mi prende e ho trovato questo articolo su internet, così lo metto qui, per riprendere questa discussione.

Fame emotiva, fame nervosa: che fare?
di Vittoria Nervi

E’ incredibile ma nove volte su dieci, le persone mangiano non perché sono realmente affamate, ma perché una forte emozione le ha spinte verso il frigorifero.
Che tipo di problemi e di emozioni portano queste persone a mangiare troppo o a mangiare cibi ricchi di grassi e di calorie?
Una gratificazione immediata ma purtroppo di breve durata perche’ lo stato emotivo negativo non sparisce nel nulla e neanche il problema da risolvere.

Il primo passo per superare la fame nervosa / emotiva e’ ammettere di avere il problema.
Puo’ essere utile tenere un diario almeno per una settimana e ogni volta segnare:
- cosa si mangia
- quando si mangia
- perche’ abbiamo mangiato (motivazione che ci ha portato a…)
- che pensieri, emozioni abbiamo in quel momento o che cosa e’ accaduto per farci sentire cosi’. Se per esempio si e’ arrabbiati si puo’ parlarne con un amico o amica per sfogarsi, per essere ascoltati.
E’ utile valutare con una scala da 1 a 10 la fame.
Lo scopo del diario e’ di diventare consapevoli del proprio rapporto col cibo.

Il secondo passo e’ imparare delle tecniche per gestire le proprie emozioni al di la’ del cibo.

E’ utile farsi aiutare per capire quali sono i propri bisogni profondi e perche’ pensiamo e sentiamo che l’unica maniera di soddisfarli e’ il cibo.

Puo’ essere rabbia, una delusione, poca stima di se’, solitudine, un periodo che abbiamo passato o stiamo passando troppo pesante (una separazione, un lutto, il lavoro che non soddisfa, un rapporto affettivo che crea piu’ tensioni che gioia..), la sensazione di non farcela, di non essere all’altezza di…, di non piacere…

LA GESTIONE DELLE EMOZIONI
La maggioranza delle persone segue una routine e le solite abitudini. Si mangia quando l’orologio ci segnala ora di pranzo o cena anche se a quell’ora o in quel giorno non abbiamo ancora fame.
E’ necessario separare la fame da altri bisogni.

I 5 CLICK
Sono state identificate 5 situazioni e le relative emozioni che portano a mangiare:
1 SOCIALE quando ci troviamo con gli altri per esempio per le feste o in varie occasioni( riunioni,partite,battesimi,natale…..) e siamo incoraggiati a mangiare o lo facciamo per non sentirci diversi o esclusi
2 EMOTIVA quando mangiamo perche’ siamo annoiati,tesi,depressi,arrabbiati,ci sentiamo soli o in ansia o sentiamo un vuoto in genere affettivo
3 OGGETTIVA per esempio al ristorante o mentre passiamo davanti a una pasticceria oppure alla sera mentre guardiamo la Tv
4 MENTALE quando mangiamo in risposta a pensieri negativi(non valgo,non sono capace,non ce la faro’ a….)
5 FISIOLOGICA quando la fame e’ dovuta a medicine che stiamo assumendo o perche’ abbiamo saltato un pasto

La fame nervosa non riguarda la mancanza di volonta’.
E’ importante farsi spesso queste domande:
- come mi sento? stanco? stufo? triste?
E’ importante identificare che cosa sentiamo, che tipo di emozione, con esattezza.
Diamo un nome a cio’ che sentiamo
- di che cosa ho bisogno? cosa mi manca ora per prima cosa? come posso ottenerla?
- che problema ho da risolvere? quale e’ il mio obiettivo / la mia intenzione?
- che ostacoli ci sono?
- cosa posso fare io per risolverlo?
Decidete cosa fare fatelo subito invece di buttarvi sul cibo

STRESS E CIBO
Lo stress e’ uno dei fattori da tener presente nel rapporto problematico col cibo. Piu’ di 2/3 delle persone sotto stress si rifugiano nel cibo
(mangiano troppo, mangiano cibi ricchi di grassi e poco salutari chiamati junk food).
La gestione dello stress e’ alla base del proprio equilibrio psicofisico.
Alcuni spunti:
- eliminare le fonti di stress (stressors) per sedersi a tavola e mangiare correttamente.
- Stabilire cosa e’ piu’ importante da fare,le priorita’ a casa,al lavoro….serve per risparmiare energia.
- semplificare la propria giornata: imparare a delegare, chiedere aiuto se l’impegno e’ troppo gravoso e a dire ‘no’ se qualcuno ci chiede aiuto e non ce la sentiamo
- pianificare la propria giornata
- imparare a risolvere i conflitti con familiari, colleghi, amici con la tecnica del problem solvine evitera’ di arrivare all’ora dei pasti arrabbiati, col nodo allo stomaco o tesi.
Per prima cosa identificare quale e’ il problema in quel momento senza rinvangare cose passate o accusare (pero’ tu quella volta…)
- una modeata attivita’ fisica o un momento di pausa per staccare la spina e’ utile per scaricare le tensioni ( una breve passeggiata, ascoltare un po’ di musica, pochi minuti di meditazione…)
Ecco 4 step da seguire:
- STOP
per reagire alla rabbia o ad un’altra emozione negativa fermatevi: fate una cosa qualsiasi, uscite un attimo….Questo interrompe il circolo prima di mettervi a tavola e abbuffarvi
- RESPIRARE
la respirazione aiuta a scaricare le tesnioni e a sgombrare la testa dai pensieri negativi
- RIFLETTERE
Pensate prima di mangiare e chiedetevi: ‘perche voglio mangiare ora?’
Un‘altra domanda da farsi è ‘se mangio questo cibo ora..ne vale la pena?’
Queste domande aiutano a rendersi conto del motivo invece di agire sotto l’effetto di un impulso.
Queste domande forse non saranno sufficienti ad evitare a una persona sotto stress di abbuffarsi ma le daranno la possibilita’ di poter scegliere e rendersi conto di cio’ che sta facendo
- SCEGLIERE
La scelta puo’ essere:
-mangio lo stesso ma meno (esempio: invece di un pacchetto di patatine ne mangio meta’) e lo faccio lentamente concetrandomi su quello che sto facendo.
Questo rallentamento permette allo stomaco di segnalare al cervello la sensazione di sazieta’ (occorrono almeno 20 minuti) e di assaporare il cibo
- scelgo di mangiare un cibo piu’ salutare
- scelgo di fare altro (una telefonata, rimettere a posto, uscire per una mezz’ora….)

http://counseling.piuchepuoi.it/56/fame-…ervosa-che-fare

This post has been edited 1 times, last edit by "cambi24" (Mar 19th 2011, 12:07pm)


14

Saturday, March 19th 2011, 12:28pm

Cambi grazie x questo post, leggere mi è stato molto di aiuto!!
Ci metto tempo ogni mattina a diventare me stessa.

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" is female
  • "cambi24" started this thread

Posts: 4,212

Activitypoints: 14,957

Date of registration: Dec 5th 2008

Location: Modena

Occupation: impiegata

  • Send private message

15

Saturday, March 19th 2011, 1:09pm

mi è stato molto di aiuto


anche a me e spero mi servirà se mi dovesse capitare di avere altre giornate di fame nervosa ;)
scrivi pure la tua esperienza se vuoi :hi: