Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

Hallomarc

Piezz e' core...

  • "Hallomarc" è un uomo
  • "Hallomarc" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.548

Activity points: 5.715

Data di registrazione: martedì, 14 giugno 2011

Località: Milano

  • Invia messaggio privato

1

domenica, 27 novembre 2011, 22:13

Intolleranze alimentari

Quando mia cugina me ne ha parlato per la prima volta, ho avuto subito la mia idea: una bufala.

Ma lei vive in funzione di una dieta tutta astrusa. Chissà mai perché.

Oggi avevo a pranzo il mio medico, che venerdì è andata a un convegno organizzato dall'ASL appunto sulle intolleranze. La ASL ha inviato tre campioni di sangue di capra a uno dei laboratori di analisi per le intolleranze, il quale non si è nemmeno accorto che non era sangue umano.

La cosa stupefacente è che nel terzo campione hanno trovato UN'INTOLLERANZA ALLA CARNE BOVINA.

Anch'io sono intollerante: agli imbroglioni.
Se non ci fossero i miei difetti, non ci sarei nemmeno io.

mr

Utente Avanzato

Posts: 574

Activity points: 1.869

Data di registrazione: mercoledì, 02 novembre 2011

  • Invia messaggio privato

2

lunedì, 28 novembre 2011, 02:53

io da piccolo, dopo essere quasi annegato nel mare inquinato da catrame e chi sa' che, e aver vomitato verde, ho sviluppato un'allergia, per cui, tra le altre cose, se mangiavo troppo di una cosa (soprattutto latte e uova o alimenti che li contenevano, quindi ad esempio pasticcini mai più di tre, zero se avevo avuto crisi di recente) diventavo temporaneamente allergico a tale cosa (mi venivano delle bolle come degli ematomi ma senza il viola).

quindi la mia dieta prevedeva due regole:
* varietà
* poche schifezze

(anche oggi anche se in misura minore)

mi è andata ancora bene...

Hallomarc

Piezz e' core...

  • "Hallomarc" è un uomo
  • "Hallomarc" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.548

Activity points: 5.715

Data di registrazione: martedì, 14 giugno 2011

Località: Milano

  • Invia messaggio privato

3

lunedì, 28 novembre 2011, 10:19

Beh, all'origine hai subito un'intossicazione grave.

Il punto è che chiunque si rivolga a personale che misura queste mitologiche intolleranze alimentari, troverà gli alimenti che non vanno bene.

A un cosiddetto intollerante potrenno dire che non può mangiare i pomodori, i ceci, il mais, i farinacei lievitati, le prugne, i cachi, il coniglio, il ciocclato fondente, l'orzo, le melanzane, i peperoni, il miele.

Tutti alimenti molto diversi tra loro. Allora la natura è così stupida?
Ma quanto costano le terapie per le intolleranze?
Ed è qualificato chi le studia?
Se non ci fossero i miei difetti, non ci sarei nemmeno io.

4

martedì, 29 novembre 2011, 10:24

Non ho capito il senso del tuo post.
In genere se si fanno delle analisi per capire se si ha un'intolleranza è perchè manifesti dei sintomi che possono far sospettare un'intolleranza,non è che prima vai a farti l'esame e poi diventi magicamente intollerante così da un giorno all'altro.
Cmq c'è una forma di allergia che si sta diffondendo,quella al nichel:esiste sia la forma da contatto(quindi niente bigiotteria addosso e bisogna mettere i guanti per lavare i piatti)sia la forma alimentare e quets'ultima è molto più brutta dato che il nichel si ritrova ovunque o quasi,si tratta infatti di ioni metallici naturalmente presenti negli alimenti,come quelli del ferro e del nichel appunto.