Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

LadyMarion898

Utente Attivo

  • "LadyMarion898" è una donna
  • "LadyMarion898" ha iniziato questa discussione

Posts: 64

Activity points: 227

Data di registrazione: mercoledì, 27 aprile 2016

  • Invia messaggio privato

1

giovedì, 01 febbraio 2018, 07:43

Distruggere il cibo

Ciao a tutte e a tutti. Tempo fa avevo già scritto un post in cui parlavo dei problemi legati alla sfera alimentare.
Da qualche tempo, mi pare che la situazione stia peggiorando nuovamente. Sport eccessivo, vomito, e cibo sbriciolato.
Un paio di mesi fa sono finita in ospedale per un crollo dei valori e disidratazione. Le persone dicono che io sia dimagrita molto, ma la mia immagine è sempre la stessa: della ragazzina paffutella e imbranata che tutti prendevano in giro. Quella sbagliata, incapace, poco sveglia. Almeno, questa è la visione che ho di me.
Sono tornata a fissarmi con le ossa, la magrezza. A volte mangio "cibi proibiti" dopo intere giornate trascorse a digiuno o quasi, e accade io vomiti. Stamattina, per esempio, ho fitte lancinanti allo stomaco.
Ma una delle situazioni più angoscianti è la distruzione del cibo.. che siano biscotti o crackers. Tutto quello che passa sotto le mie mani, specie in periodi di forte stress, è sbriciolato. Ne mangio qualche pezzetto più grande, e se per caso credo di avere "esagerato", compenso con le solite pratiche.
Più sono stressata e depressa, più aumenta questo circolo.
E in questo periodo non posso manco permettermi uno psicologo. A qualcuno è capitato? Come avete trovato un rimedio?