Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

marysweet

Utente Attivo

  • "marysweet" is female
  • "marysweet" started this thread

Posts: 66

Activitypoints: 359

Date of registration: Aug 9th 2011

  • Send private message

1

Thursday, August 11th 2011, 8:54pm

come si fa a capire se si hanno dei disturbi alimentari? cosa fare?

come si fa a capire sesi hanno dei disturbi alimentari? cosa fare?

Moretta

Utente Attivo

  • "Moretta" is female

Posts: 14

Activitypoints: 63

Date of registration: Jan 31st 2011

Location: Edimburgo

Occupation: Studentessa

  • Send private message

2

Thursday, August 11th 2011, 10:13pm

Ciao. Pare che ci rincorriamo nel forum! Anche io ho il tuo stesso dilemma. All'inizio, circa 2 mesi fa, era un periodo di inappetenza: non avevo piu' voglia di mangiare cosi' come non avevo piu' voglia di dedicarmi a tutto cio' che riempiva la mia vita di persona "normale". Poi l'inappetenza e' diventata rifiuto (deliberato) del cibo. Non sono sicura che si tratti di disturbo alimentare, pero', perche' non sono ossessionata dalle calorie ecc. e perche' soffro di disturbi ossessivo-compulsivi, per cui questo potrebbe essere uno nuovo che va ad aggiungersi ai precedenti... perche' dopo un po' ci si annoia ad avere sempre le stesse fisime...
Ultimissime: Le parole di una sola sillaba (sto,fa,ecc.) hanno indetto una petizione per protestare contro il proliferare di accenti superflui. Nel suo ultimo comunicato, il monosillabo "po' " rivendica il suo status di parola tronca e con esso il diritto a fregiarsi di un apostrofo anziche' del plebeo accento.

marysweet

Utente Attivo

  • "marysweet" is female
  • "marysweet" started this thread

Posts: 66

Activitypoints: 359

Date of registration: Aug 9th 2011

  • Send private message

3

Thursday, August 11th 2011, 11:16pm

risp

io son confusa in questo senso ...la mia psicologa dice che ho un problema alimentare ...so che qualcosa non va ma non voglio ammetterlo accettarlo ...se solo riuscissi a capirne qualcosa sarebbe un inzio :S

cucuzzolo

Dissero della grande Marlène Dietrich "Marlène, un nome che inizia con una carezza e finisce con una frustata"

  • "cucuzzolo" is female

Posts: 395

Activitypoints: 1,199

Date of registration: Jun 28th 2011

Location: Ancona

Occupation: Assistente Sociale Ospedaliera

  • Send private message

4

Friday, August 12th 2011, 9:00am

come si fa a capire se si hanno dei disturbi alimentari? cosa fare?

Cara marysweet, te ne accorgi perchè anzitutto se mangi male hai appunto dei 'disturbi' , dei fastidi...
A partire da una cattiva digestione, al mal di testa, alle intolleranze alimentari...oppure ad un senso di nausea!
Poi se sei di una certa costituzione inizi a cambiare, se eri magra , magari ingrassi eccessivamente per la tua corporatura o il contrario, dimagrisci spaventosamente e ti senti fiacca e debilitata.
O addirittura mangi senza un vero stimolo della fame, per un fatto nervoso, vai sempre a 'spiluccare' qui e là anche fuori dall'orario dei pasti.
Insomma te ne accorgi da tante piccole oppure più evidenti manifestazioni.
Soprattutto dovrebbe sopraggiungere un totale mutamento nelle abitudini alimentari, che diventa un campanello d'allarme e ti dice che qulcosa non và...
Io credo sia così.
Ciao :hi:

sergio67

Utente Attivo

Posts: 40

Activitypoints: 134

Date of registration: Nov 13th 2009

  • Send private message

5

Tuesday, August 23rd 2011, 10:49am

Per come lo vedo io un disturbo del comportamento alimentare significa l'utilizzo del cibo in maniera non occasionale per scopi diversi dalla nutrizione. Ovvero, tutti possiamo avere dei momenti in cui ci "consoliamo" con qualcosa da mangiare o magari saltiamo la cena dopo un pranzo eccessivamente abbondante ma quando questo tipo di comportamenti (mangiare in eccesso, non mangiare o avere comportamenti compensativi della alimentazione eccessiva) assume una dimensione rilevante nella quantità e nella durata si parla di "disturbi del comportamento alimentare".

Si può parlare quindi di rifiuto del cibo, di abbuffate e di vomito come indicatori del disturbo alimentare ma è importante che questo tipo di comportamenti siano collocati sia in una dimensione temporale che in un contesto più ampio di "situazione psicologica generale".
Per questo un disturbo del genere non può essere semplicemente diagnosticato rispondendo a qualche domandina nei test che si trovano in rete, ma è necessario il colloquio con uno specialista. I test in rete possono comunque dare una indicazione sulla necessità di approfondire l'argomento.

Spesso i disturbi del comportamento alimentare si associano con altre difficoltà di natura psicologica, e in genere ne sono effetto piuttosto che causa, per cui sapere o non sapere di soffrire per questo disturbo non cambia molto la strategia necessaria per risolverlo anche se è comprensibile che si abbia l'esigenza di assegnare un nome alla sofferenza che inevitabilmente a tali disturbi è collegata.
Puoi sentirti perso, ma non puoi mai veramente perdere te stesso.

Non esiste un autobus per il Nibbana.

Facilitatore gruppo AMA 'Sbilànciati!' su amaeleusi

cornetta

Nuovo Utente

  • "cornetta" is male

Posts: 10

Activitypoints: 37

Date of registration: Aug 12th 2011

Location: Brescia

Occupation: studente universitario

  • Send private message

6

Tuesday, August 23rd 2011, 1:16pm

moretta adesso come stai? con il cibo come va?

Moretta

Utente Attivo

  • "Moretta" is female

Posts: 14

Activitypoints: 63

Date of registration: Jan 31st 2011

Location: Edimburgo

Occupation: Studentessa

  • Send private message

7

Friday, August 26th 2011, 8:26pm

Sempre uguale, ma il problema vero non e' il cibo: se il resto andasse a posto, andrebbe a posto anche l'alimentazione. Spero a te le cose inizino a smuoversi.
Ultimissime: Le parole di una sola sillaba (sto,fa,ecc.) hanno indetto una petizione per protestare contro il proliferare di accenti superflui. Nel suo ultimo comunicato, il monosillabo "po' " rivendica il suo status di parola tronca e con esso il diritto a fregiarsi di un apostrofo anziche' del plebeo accento.

cornetta

Nuovo Utente

  • "cornetta" is male

Posts: 10

Activitypoints: 37

Date of registration: Aug 12th 2011

Location: Brescia

Occupation: studente universitario

  • Send private message

8

Saturday, August 27th 2011, 1:50pm

ma io non ci sto capendo più niente.. anche io ho come un rifiuto deliberato del cibo ma non capisco il perchè.. come se non mi piacesse più.. credo anche io che ci sia qualcosa sotto.. qualche insoddisfazione che compromette tutto.. bhà.. speriamo bene per tutti e due!

sergio67

Utente Attivo

Posts: 40

Activitypoints: 134

Date of registration: Nov 13th 2009

  • Send private message

9

Monday, August 29th 2011, 10:32am

Perdonami ma sperare non basta. Credo sia più utile cercare attivamente "quello che ci sta sotto". Qualunque cosa sia, per quanto difficile e dolorosa, difficilmente se ne andrà se non la si affronta.

Un abbraccio
Puoi sentirti perso, ma non puoi mai veramente perdere te stesso.

Non esiste un autobus per il Nibbana.

Facilitatore gruppo AMA 'Sbilànciati!' su amaeleusi