Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


AriaStark

Utente Attivo

  • "AriaStark" è una donna
  • "AriaStark" ha iniziato questa discussione

Posts: 58

Activity points: 237

Data di registrazione: mercoledì, 03 agosto 2016

  • Invia messaggio privato

1

domenica, 02 luglio 2017, 16:47

Pensiero positivo: funziona?

Ciao a tutti, pratico da tempo meditazione a livello autodidatta attraverso meditazioni guidate che trovo su youtube. Riconosco sulla mia pelle che è una pratica che dà molti benefici se praticata con costanza. Mi sono imbattuta in una meditazione di Louse Hay, una autrice americana che scrive libri di auto-aiuto. Ho ascoltato alcune meditazioni tratte dal suo libro più noto "Puoi guarire la tua vita", basato sul pensiero positivo in cui sostiene addirittura che il pensare positivamente possa guarire malattie e disturbi.
Conoscete questo filone di pensiero? Mi rivolgo anche agli psicologi qui sul forum. Ci sono riscontri sul fatto che l'ascolto di questi nastri possa cambiare il proprio modo di vedere la vita e di pensare?
Sinceramente sono cresciuta con bicchieri mezzi vuoti e libri di Schopenhauer, dunque per farmi cambiare serve davvero un miracolo. Come l'ascolto giornaliero di un nastro possa essere in grado di farmi cambiare?

Garet74

Utente Fedele

  • "Garet74" è stato interdetto da questo forum

Posts: 560

Activity points: 1.715

Data di registrazione: venerdì, 10 marzo 2017

  • Invia messaggio privato

2

domenica, 02 luglio 2017, 20:55

Io non lo conosco però mi sembra interessante è sicuramente ha il suo perché,comunque la meditazione e molto valida,io abito su una strada molto trafficata e non riesco a praticarla ,ogni secondo passa o una macchina o un camion... :assi:

Morpheus88

Utente Avanzato

  • "Morpheus88" è un uomo

Posts: 578

Activity points: 1.790

Data di registrazione: martedì, 09 agosto 2011

Località: Abruzzo

Lavoro: Freelance

  • Invia messaggio privato

3

domenica, 02 luglio 2017, 22:03

Guardare al bicchiere mezzo pieno piuttosto che quello vuoto secondo me produce vantaggi positivi, ma secondo me ne produce ancora di più guardare il bicchiere nella sua interezza, ovvero essere realisti, cosa che a quanto pare oggi non riesce a fare nessuno.

diana33

Forumista Incallito

  • "diana33" è stato interdetto da questo forum

Posts: 4.458

Activity points: 14.214

Data di registrazione: mercoledì, 13 maggio 2015

  • Invia messaggio privato

4

lunedì, 03 luglio 2017, 18:46

Io credo che possa funzionare.
E come ha detto morpheus in chiave realista.
Se voglio scalare una montagna dirsi che non c'è la farai mai non aiuta di certo. Però se non si ha l'allenamento e il mio sport preferito e affosso sul divano forse è meglio dire "ok scalo la montagna c'è la posso fare ma inizio dalla collinetta di fronte casa".
Insomma trasformare il pensiero negativo in positivo è utile, ma è utile guardarlo con la visione dei proori limiti e possibilità.

Il filone della meditazione guidata io lo posso consigliare...però ecco non è che ripetete che c'è la posso fare come unnpappagallo cambia qualcosa(a mw viene da ridee a vedera questi video motivazionali ). Darsi la possibilità di raggiungere un obiettivo può essere un modo attivo di farlo.

rucola

Giovane Amico

  • "rucola" è una donna
  • "rucola" è stato interdetto da questo forum

Posts: 141

Activity points: 479

Data di registrazione: mercoledì, 12 luglio 2017

  • Invia messaggio privato

5

sabato, 22 luglio 2017, 15:57

*messaggio cancellato*

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "rucola" (07/02/2018, 11:37)


Michele®

Colonna del Forum

Posts: 1.911

Activity points: 6.398

Data di registrazione: giovedì, 20 luglio 2017

  • Invia messaggio privato

6

mercoledì, 26 luglio 2017, 23:06


Poi in realtà a dire il vero io conosco 3 persone che fanno meditazione, ma che al contempo sono anche le 3 persone più malvagie, meschine, schifose e soprattutto drasticamente PASSIVO AGGRESSIVE che io abbia mai conosciuto. Che ora anziché sentirsi odiabili o rifiutati si "rifugiano" in questa farsa della serenità perenne, a parte quando capita qualcosa di imprevisto che vanno in escandescenza peggio che prima. Lo fanno sicuramente per sentirsi elevati e superiori rispetto a coloro che sono sempre rabbiosi e frustrati (cosa che invece sono loro).
Io penso che sia un caso che i miei 3 casi su 3 siano così, comunque... Ma volevo portare questo esempio lo stesso per raffigurare che gente potrebbe anche attirare questo filone.

Il mio responso è: convincersi di valere ed imporsi la fiducia in sé serve sul pratico e quindi usa questo metodo. Ma, considera che quando dovrai tirare fuori le unghie è meglio farlo e non reagire trascendendo. Nel frattempo sarebbe utile farsi seguire da un/a terapeuta comunque, o psicologo/a.

Mi associo al 100%
Nemmeno la notte più buia impedirà al sole di risorgere