Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

settepassi

Utente Attivo

  • "settepassi" è una donna
  • "settepassi" ha iniziato questa discussione

Posts: 60

Activity points: 215

Data di registrazione: sabato, 06 agosto 2011

  • Invia messaggio privato

1

venerdì, 12 agosto 2011, 18:35

ciò che dai ti ritorna centuplicato

Vorrei condividere con voi un fatto che mi è accaduto oggi e che mi ha scaldato il cuore. Stamattina un mio vecchio amico, che non vedevo da diverso tempo e che diversi anni fa ha avuto problemi di panico ora risolti, mi chiama per sapere se potevamo vederci a pranzo. Gli rispondo di si e ci diamo appuntamento in un certo posto. Premetto che lui abita a 40 km di distanza da casa mia. Quando arriva mi dice che giusto un minuto prima gli si era staccata la marmitta dell'auto in un punto centrale dell'auto, per intenderci, non vicino al paraurti posteriore ma più in centro (chiedo venia, non capisco nulla di auto!). Allora chiamo il mio carrozziere che mi dice di portargli l'auto. Lo accompagno, il mio amico lascia l'auto con le chiavi sul cruscotto perchè il capo era a pranzo e andiamo a mangiarci una pizza. Era preoccupato perchè pensava che avrebbe dovuto lasciargliela fino dopo ferragosto e soprattutto perchè alle 16 doveva di nuovo essere nella città dove abita e probabilmente avrebbe dovuto prendere il treno. A pranzo, dopo un riepilogo dei fatti accaduti negli ultimi mesi, gli ho chiesto se alle 16 doveva andare a lavoro. Mi ha risposto: "No, ieri ho fatto la notte. Vado a fare volontariato tutti i giorni dalle 16 alle 19". Gli rispondo: "Che bello, dove?" Lui mi spiega: "Tempo fa ho trovato un volantino che descriveva un'iniziativa chiamata "estate serena" che si occupa di dare compagnia ai cardiopatici. E' una villa in mezzo al verde, dove gli anziani giocano a carte, prendono il the insieme, fanno passeggiate nel grande giardino...il mio compito è di tener loro compagnia, bagnare i fiori e portare il the. Quando ho visto quel volantino, che non era rivolto alla ricerca di volontari, mi si è mosso qualcosa dentro, così mi sono presentato e ho solo offerto la mia disponibilità ad aiutare, se serviva una mano. La "capa" della struttura mi ha guardato e mi ha detto che doveva essere il cielo a mandarmi perchè stavano giusto cercando un volontario". Ha proseguito il racconto dicendomi di quanto si sentiva bene da quando aiutava quelle persone e di come quelle persone, a loro volta, fossero contente della sua presenza. Finito di pranzare, verso le 14.30, telefona il carrozziere dicendo che l'auto era pronta. Ovviamente il mio amico era contentissimo: mai si sarebbe immaginato tanta solerzia! Lo accompagno a ritirare l'auto e il carrozziere, oltre ad avergli fatto il lavoro in neanche 2 ore, gli chiede solo 20 euro! Al che il mio amico mi ringrazia e mi dice: "E' merito tuo, se non c'eri tu sarebbe stato un bel problema". Gli ho risposto: "No, amico, il merito è tuo: questo è il bene che tu fai e che ti ritorna centuplicato!".Spero che questa bella storia scaldi il cuore anche a voi e che vi sia di sprono alla vostra guarigione per poter fare cose belle come queste e anche di più!

Candy Candy

Futura psicologa

  • "Candy Candy" è una donna

Posts: 633

Activity points: 2.053

Data di registrazione: mercoledì, 22 giugno 2011

Lavoro: Libero professionista.

  • Invia messaggio privato

2

sabato, 13 agosto 2011, 10:15

Spero che questa bella storia scaldi il cuore anche a voi

Sicuramente cara settepassi perchè leggere di persone che offrono se stessi per aiutare il prossimo è sempre una nota positiva in mezzo ad una sequela di note stonate sparse lungo questa umanità.
Sai, io sono sempre stata convinta che nel dare è già insito il ricevere perchè nello stesso momento in cui hai donato con tutto il tuo cuore e con tutto il tuo essere, hai soddisfatto non solo l'altro rendendolo felice ma anche te stesso perchè in quel sorriso ricevuto è racchiuso il benessere che serve per continuare questo percorso di vita.
Grazie per questo piccolo raggio di sole.
Un abbraccio.
"Solo chi è così folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero"
- Mahatma Gandhi

Arianna_

Amico Inseparabile

  • "Arianna_" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.473

Activity points: 4.496

Data di registrazione: domenica, 15 maggio 2011

  • Invia messaggio privato

3

sabato, 13 agosto 2011, 15:55

Devo dire che questo 3d invece mi ha smosso dentro diverse sensazioni fastidiose. Dovrò rifletterci su e capire il perché.

Grazie comunque per lo spunto di riflessione, è di quelli utili.
Ma cos'è l'oceano, se non una moltitudine di gocce?

4

sabato, 13 agosto 2011, 22:50

Spostato in area adatta

Alexander per lo Staff
Tutto ciò mi perplime

rocco smitherson

  • "fede87" è un uomo

Posts: 2.161

Activity points: 6.532

Data di registrazione: mercoledì, 12 gennaio 2011

Località: roma

  • Invia messaggio privato

5

sabato, 13 agosto 2011, 23:17

è proprio cosi, questa è una delle leggi della natura invisibile, si deve andare sempre a pareggio con l'energia, se rubi sei in debito e allora sarai derubato (magari non d soldi ma di affetto) se fai del bene riceverai del bene, non so se lo diceva anche gesù, sembra una favoletta e per questo nel mondo moderno sembra una sciocchezza ma se si portasse alla coscienza molta gente starebbe meglio..occhio però a non fare cose solo per poi ricevere, tipo fare del bene per poi aspettarsi una grazie,e se poi quel grazie non arriva ci si arrabbia.
"La lontananza dal nulla,spegne l'infinito"

6

sabato, 13 agosto 2011, 23:42

è proprio cosi, questa è una delle leggi della natura invisibile, si deve andare sempre a pareggio con l'energia, se rubi sei in debito e allora sarai derubato (magari non d soldi ma di affetto) se fai del bene riceverai del bene



fede, non so se conosci la legge della "causa - effetto" del karma. Produci Karma positivo ed esso ti tornerà etc.

Quello che è difficile da identificare è un'equazione matematica... beh diciamo impossibile.

Perché non è un x=y, o in riferimento al titolo x=100y.

Bensì la quantità di variabili prodotte, e ambientali sono così vaste da avere un risultato indeterminato in quantità, qualità e tempi di "risposta".
Tutto ciò mi perplime

rocco smitherson

Caos

Colonna del Forum

  • "Caos" è un uomo

Posts: 1.907

Activity points: 6.400

Data di registrazione: sabato, 07 maggio 2011

Località: Città del Capo

  • Invia messaggio privato

7

domenica, 14 agosto 2011, 15:31

Io ci credo alexander l'ho sperimentato sulla mia pelle anni fa in senso negativo!
Un uomo mi ha tamponato con l'auto e ho fatto il furbo chiedendogli di non metterci di mezzo le assicurazioni, gli ho chiesto una cifra esagerata per il danno corrisposto!
Lui a malincuore mi ha pagato pur di non mettere in mezzo le assicurazioni!
Be' dopo pochi giorni ho tamponato io un ragazzo e mi ha chiesto la stessa identica cifra!
Bisogna correre i rischi, perché il rischio più grande nella vita è quello di non rischiare nulla.
La persona che non rischia nulla, non è nulla e non diviene nulla. Può evitare la sofferenza e l'angoscia, ma non può imparare a sentire e cambiare e progredire e amare e vivere. Incatenata alle sue certezze, è schiava.
Solo la persona che rischia è veramente libera.(Leo Buscaglia)

Arianna_

Amico Inseparabile

  • "Arianna_" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.473

Activity points: 4.496

Data di registrazione: domenica, 15 maggio 2011

  • Invia messaggio privato

8

domenica, 14 agosto 2011, 18:54

Mah, applicando alla lettera il ragionamento: se io do 1 e ricevo 100 in cambio, significa che c'è qualcuno che ha dato 100 ricevendo 1, oppure ci sono 100 persone che hanno dato 1 senza aver ricevuto niente. Il che ha un significato preciso.

No, giusto: chi ha dato 100 riceverà 10000 oppure le altre 100 persone riceveranno ognuna 100. Da chi? Da un'altra persona che avrà dato 10000 oppure altre avranno dato 100 ognuna, così, a fondo perduto. Ma no, anche loro riceveranno centuplicato, perché c'è tutto sto bene, infinito, che si ridistribuisce se fai una buona azione. E a sto punto, se questo bene è davvero infinito, perché c'è bisogno della buona azione per riceverlo? In genere le ridistribuzioni si basano sulla scarsità del bene, non sulla sua infinita presenza.

Povero lo sfigato che per una buona azione ha ricevuto solo 100, mentre che ne sono altre che per una sola buona azione riceveranno 10^10. Persone fortunate, perché dotate talmente tanto di bene di partenza, da poter donare 10^8.



Io due cose ho constatato nella vita: la prima è la facilità a dare significati fondamentali alle coincidenze, la seconda è quella che una scrittrice ha chiamato la sindrome rancorosa del beneficato.


Però questa teoria funziona, dai. Se non ricevi 100 in cambio, se il caso non ti regala un episodio compensatorio, tutto torna: è che avevi donato per sentirti dire grazie. :rolleyes:


Un vecchio detto diceva: "fai bene e scorda" e riassume uno dei modi migliori per avvicinarsi alla serenità. Se è tanto diffuso un significato pure ci sarà.
Ma cos'è l'oceano, se non una moltitudine di gocce?

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "Arianna_" (14/08/2011, 19:08)


Candy Candy

Futura psicologa

  • "Candy Candy" è una donna

Posts: 633

Activity points: 2.053

Data di registrazione: mercoledì, 22 giugno 2011

Lavoro: Libero professionista.

  • Invia messaggio privato

9

domenica, 14 agosto 2011, 19:20

Io sostengo che cercare di associare il dare e il ricevere pensando necessariamente al karma o a Cristo o ad altri concetti filosofici e/o religiosi, spesso porta a generare equivoci, prese di posizioni ecc..mentre sarebbe più semplice e meno conflittuale il dare senza tornaconti di alcun genere.
Per quel che mi riguarda, nel messaggio di settepassi, ho voluto leggere ciò che penso andrebbe fatto per sentirsi bene al di là del ritorno.
Se si sente di fare del bene, che lo si faccia ma senza pretendere mai nulla, ne muoversi con questo spirito partendo a priori dal concetto che tutto ciò che si fa ritorna, sia in forma di male che di bene. Attenzione, non sto dicendo che la legge di causa effetto non esista, ma credo che ciò che importi a chi compie il bene non sia il fatto che ritorni il bene, altrimenti tutto sarebbe pura logica matematica ed egoismo allo stato pure senza nessun briciolo di spontaneità.
Per me in quel dare è racchiuso il tutto, sia la possibilità di ricevere sottoforma di 1 a 1 o di 1 a 100 o di non ricevere nulla sottoforma di ritorno tangibile,ma la mia ricompensa è già nell'aver dato, perchè rendo il mio cuore e la mia coscienza più felice. :)
"Solo chi è così folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero"
- Mahatma Gandhi

Arianna_

Amico Inseparabile

  • "Arianna_" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.473

Activity points: 4.496

Data di registrazione: domenica, 15 maggio 2011

  • Invia messaggio privato

10

domenica, 14 agosto 2011, 19:23

Se si sente di fare del bene, che lo si faccia ma senza pretendere mai nulla, ne muoversi con questo spirito partendo a priori dal concetto che tutto ciò che si fa ritorna



:hail:



C'è un concetto insidioso nella storia raccontata, quello di transazione. Dare e ricevere. Quantificando anche il tutto, rapporto 1 a 100.

Non so fino a che punto la transazione sia associabile alla generosità d'animo, nella mia mente non di certo.
Ma cos'è l'oceano, se non una moltitudine di gocce?

Candy Candy

Futura psicologa

  • "Candy Candy" è una donna

Posts: 633

Activity points: 2.053

Data di registrazione: mercoledì, 22 giugno 2011

Lavoro: Libero professionista.

  • Invia messaggio privato

11

domenica, 14 agosto 2011, 19:30

Se si sente di fare del bene, che lo si faccia ma senza pretendere mai nulla, ne muoversi con questo spirito partendo a priori dal concetto che tutto ciò che si fa ritorna



:hail:
Ciao Arianna...scusami ma non ho capito? :)
Vero è che mi sento un pò rinco :D per le goccine...ma davvero non capisco quell'omino lì perchè. Sono una mezza frana ad interpretare le faccine ma credo di aver capito almeno quello cosa voglia dire....Se ti va mi spieghi meglio?
Un abbraccio!
"Solo chi è così folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero"
- Mahatma Gandhi

Arianna_

Amico Inseparabile

  • "Arianna_" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.473

Activity points: 4.496

Data di registrazione: domenica, 15 maggio 2011

  • Invia messaggio privato

12

domenica, 14 agosto 2011, 19:32

Significa che meriti una statua per quello che hai scritto, una maniera enfatica per dire "quoto".

:thumbup:
Ma cos'è l'oceano, se non una moltitudine di gocce?

Candy Candy

Futura psicologa

  • "Candy Candy" è una donna

Posts: 633

Activity points: 2.053

Data di registrazione: mercoledì, 22 giugno 2011

Lavoro: Libero professionista.

  • Invia messaggio privato

13

domenica, 14 agosto 2011, 19:32





Citato da "Candy Candy"



Se si sente di fare del bene, che lo si faccia ma senza pretendere mai nulla, ne muoversi con questo spirito partendo a priori dal concetto che tutto ciò che si fa ritorna



:hail:



C'è un concetto insidioso nella storia raccontata, quello di transazione. Dare e ricevere. Quantificando anche il tutto, rapporto 1 a 100.

Non so fino a che punto la transazione sia associabile alla generosità d'animo, nella mia mente non di certo.

Ok scusami mi era arrivato solo l'omino senza la scrittura! Eh si...mi sa che sono proprio rinco oggi! ;)
"Solo chi è così folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero"
- Mahatma Gandhi

Candy Candy

Futura psicologa

  • "Candy Candy" è una donna

Posts: 633

Activity points: 2.053

Data di registrazione: mercoledì, 22 giugno 2011

Lavoro: Libero professionista.

  • Invia messaggio privato

14

domenica, 14 agosto 2011, 19:37

Se si sente di fare del bene, che lo si faccia ma senza pretendere mai nulla, ne muoversi con questo spirito partendo a priori dal concetto che tutto ciò che si fa ritorna



:hail:



C'è un concetto insidioso nella storia raccontata, quello di transazione. Dare e ricevere. Quantificando anche il tutto, rapporto 1 a 100.

Non so fino a che punto la transazione sia associabile alla generosità d'animo, nella mia mente non di certo.

Significa che meriti una statua per quello che hai scritto, una maniera enfatica per dire "quoto".

:thumbup:

Grazie Arianna, ma più che una statua mi piacerebbe che la gente cominciasse a vedere ciò che vedo io quando mi offro agli altri, vedere cioè nell'altro se stesso senza utilizzarlo e senza mai approfittarne, ed è per questo che grido a gran voce che se si ha un dono, una passione, una forte predisposizione all'altruismo non bisognerebbe mai beccare un quattrino.
Se poi qualcosa torna, sottoforma di affetto, stima, amore ecc.. bene, ma se non torna io ho sicuramente già ricevuto vedendo sorridere la gente.
Un bacio e scusa l'equivoco ma davvero non era comprasa la tua scritta. :hi:
"Solo chi è così folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero"
- Mahatma Gandhi

Arianna_

Amico Inseparabile

  • "Arianna_" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.473

Activity points: 4.496

Data di registrazione: domenica, 15 maggio 2011

  • Invia messaggio privato

15

domenica, 14 agosto 2011, 20:20

My fault, avevo editato il post per aggiungerla subito dopo averlo inviato. Coincidenza o chissà quale significato cosmico nella teoria della transazione benefica? :D


:friends:
Ma cos'è l'oceano, se non una moltitudine di gocce?