Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Sienne

Utente Avanzato

  • "Sienne" is female
  • "Sienne" started this thread

Posts: 730

Activitypoints: 1,918

Date of registration: Aug 21st 2017

  • Send private message

1

Wednesday, December 13th 2017, 9:58pm

La grande avventura dell'arte

La serie in sei episodi “La grande avventura dell’arte moderna” ci trasporta nella vita parigina di inizio Novecento, al cospetto di grandi menti e grandi talenti che hanno dato vita a movimenti artistici (fauvismo, cubismo, dada, surrealismo) che hanno profondamente segnato i decenni a venire. Protagonisti della serie sono i quartieri della bohème parigina e i loro stravaganti e geniali abitanti: Max Jacob, Georges Bracque, Guillaume Apollinaire, Ernest Hemingway, Henri Matisse, Amedeo Modigliani, Jean Cocteau, Pablo Picasso. Le idee e le vite straordinarie di quei rivoluzionari artisti vengono ricostruite attraverso l'insolita e innovativa interazione tra rari materiali di repertorio restaurati e animazione di foto e disegni originali.
Su rai5 e su raiplay.

Leyla

Santa Impazienza

  • "Leyla" is female

Posts: 946

Activitypoints: 2,831

Date of registration: Apr 3rd 2015

  • Send private message

2

Thursday, December 14th 2017, 6:13am

La seguo anch'io. Molto interessante, anche se preferivo i programmi di Philippe Daverio.
La quiete di coloro che ci hanno preceduto non può alleviare l'inquietudine di coloro che seguono.

Euridice

Nuovo Utente

Posts: 6

Activitypoints: 18

Date of registration: Jun 24th 2019

  • Send private message

3

Sunday, November 4th 2018, 12:39am

Questo post è vecchio ma quando sento parlare di arte mi batte forte il cuore e non posso esclamare che " Che meraviglia! " ^^

Lady Joan Marie*

Regina D'Autunno

  • "Lady Joan Marie*" is female

Posts: 240

Activitypoints: 814

Date of registration: Nov 6th 2011

  • Send private message

4

Thursday, November 8th 2018, 12:50pm

L'arte è bella perchè è varia...
Per me prima arte significava solo ed esclusivamente Rinascimento e artisti come Michelangelo, Leonardo e soprattutto Botticelli, ma da quando ho scoperto un talento come Giacomo Balla e il Futurismo ho imparato ad apprezzare anche l'arte del Novecento e artisti come De Chirico, Kandinsky fino alla Pop Art!
:blush:
Corteggiata da l'aure e dagli amori, siede sul trono de la siepe ombrosa, bella regina dè fioriti odori, in colorita maestà la rosa.
CLAUDIO ACHILLINI ^^

5

Thursday, November 8th 2018, 2:16pm

Il problema dell'arte è che per 3/4 relativa.
In pratica quel che fa divenire una masa convulsa ed informa di segni un opera d'arte e non due linee tracciate a m&%$a è il giudizio di un altro essere umano...titolato da chi a farlo?
Apatico,da smuovere con le granate.

Non ci sono femministe in una nave che sta affondando.
"Togliete dalla chiesa i miracoli, il soprannaturale, l’incomprensibile,
l’irragionevole, l’impossibile, l’inconoscibile, l’assurdo e non rimane
niente altro che il vuoto." Robert G. Ingersoll

Euridice

Nuovo Utente

Posts: 6

Activitypoints: 18

Date of registration: Jun 24th 2019

  • Send private message

6

Friday, November 9th 2018, 3:16am

Il problema dell'arte è che per 3/4 relativa.
In pratica quel che fa divenire una masa convulsa ed informa di segni un opera d'arte e non due linee tracciate a m&%$a è il giudizio di un altro essere umano...titolato da chi a farlo?



Una massa convulsa ed informe di segni? Ti riferisci all'astrattismo??? La pittura astratta è il risultato di un lungo e attento percorso artistico, è una delle vette più alte dell'espressione artistica che pochi riescono a comprendere. L'astrattismo è una personalizzazione della realtà. È qualcosa di molto forte, è un modo superiore di concepire l'immagine. in realtà costituisce forse il più elevato e difficile linguaggio per rappresentare parte della propria visione del mondo; è una disciplina e un percorso complesso e meraviglioso così pieno in realtà di significato che non lo si può descrivere e liquidare con poche frasi: diventa un mezzo concreto di espressione di pensieri e concetti profondi, in grado di superare la mera superficialità di tecnicismi stupefacenti ma concettualmente vacui. Pertanto, il non riuscire a comprendere l'astrattismo implica limiti nella capacità di analisi dell'osservatore, più che limiti nella capacità artistica dell'autore.Trasmettere sensazioni senza necessariamente associarle alle forme delle cose, richiede grande maestria e personalità. Non è semplice.

Euridice

Nuovo Utente

Posts: 6

Activitypoints: 18

Date of registration: Jun 24th 2019

  • Send private message

7

Friday, November 9th 2018, 3:17am

L'arte è bella perchè è varia...
Per me prima arte significava solo ed esclusivamente Rinascimento e artisti come Michelangelo, Leonardo e soprattutto Botticelli, ma da quando ho scoperto un talento come Giacomo Balla e il Futurismo ho imparato ad apprezzare anche l'arte del Novecento e artisti come De Chirico, Kandinsky fino alla Pop Art!
:blush:



:love:

8

Friday, November 9th 2018, 9:58am

Il problema dell'arte è che per 3/4 relativa.
In pratica quel che fa divenire una masa convulsa ed informa di segni un opera d'arte e non due linee tracciate a m&%$a è il giudizio di un altro essere umano...titolato da chi a farlo?



Una massa convulsa ed informe di segni? Ti riferisci all'astrattismo??? La pittura astratta è il risultato di un lungo e attento percorso artistico, è una delle vette più alte dell'espressione artistica che pochi riescono a comprendere.

No, parlo del fatto che post mortem potrebbe arrivare uno di questi "esperti" ad attribuire ad un mio scarabocchio qualche profondo ed elevato significato metafisico e balle varie...quando invece magari lo ho fatto mentre invece magari cercare di far funzionare una maledetta biro...
Preferisco stare nella moltitudine di non capisce se questo significa decidere da me cosa sia arte o meno.
Apatico,da smuovere con le granate.

Non ci sono femministe in una nave che sta affondando.
"Togliete dalla chiesa i miracoli, il soprannaturale, l’incomprensibile,
l’irragionevole, l’impossibile, l’inconoscibile, l’assurdo e non rimane
niente altro che il vuoto." Robert G. Ingersoll