Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

sandras

e quindi?

  • "sandras" is female
  • "sandras" started this thread

Posts: 107

Activitypoints: 419

Date of registration: Mar 5th 2010

  • Send private message

1

Saturday, May 8th 2010, 1:26pm

ora lo so

:hmm:
Ora lo so , non sarò mai felice, non riuscirò mai a compensare i vuoti, le carenze affettive, le esperienze dolorose, non sarò mai in grado di vivere una vita piena, serena, appagante, men che meno un rapporto con un gruppo di amici e/o con un compagno. Devo abituarmi all'idea, quanto meno per smetterla di 'piangermi addosso' nella profonda ed inconfessabile speranza che qualcosa cambi. Accetto come dato di fatto e stop, questo è e questo sarà.
Qualcuno di voi è riuscito? gli è servito? è riuscito almeno così a trovare un equilibrio?
Vado a dirlo alla mia analista và, spero mi aiuti a sentire meno il peso della consapevolezza e della rassegnazione (almeno questo!)
Ciao :-)
wishful thinking... serendipità :sos:

Svogliato

Nato stanco.

  • "Svogliato" is male

Posts: 1,225

Activitypoints: 3,948

Date of registration: Mar 25th 2010

Occupation: Pucci

  • Send private message

2

Saturday, May 8th 2010, 1:33pm

Ora lo so , non sarò mai felice, non riuscirò mai a compensare i vuoti, le carenze affettive, le esperienze dolorose, non sarò mai in grado di vivere una vita piena, serena, appagante, men che meno un rapporto con un gruppo di amici e/o con un compagno. Devo abituarmi all'idea, quanto meno per smetterla di 'piangermi addosso' nella profonda ed inconfessabile speranza che qualcosa cambi. Accetto come dato di fatto e stop, questo è e questo sarà.
E quindi,ora che sei arrivata a questo cosa ti proponi di fare?
Apatico,da smuovere con le granate.

Non ci sono femministe in una nave che sta affondando.
"Togliete dalla chiesa i miracoli, il soprannaturale, l’incomprensibile,
l’irragionevole, l’impossibile, l’inconoscibile, l’assurdo e non rimane
niente altro che il vuoto." Robert G. Ingersoll

3

Saturday, May 8th 2010, 1:51pm

Cara Sandras,
io non ho pensato che non sarò mai felice ecc. ecc., ma ho finalmente accettato il fatto che quel che è perso è perso.
Non avrò mai più l'occasione di avere una madre che si prenda cura di me, un padre che mi protegga... insomma non posso tornare ad essere bambina e ricevere quello che non mi è stato dato.
E ora che sono adulta sarebbe davvero (ed è) un guaio pretendere certe cose, proprio perchè c'è un tempo per tutto, e io la mia occasione l'ho persa, sono stata sfortunata.
E' andata così. E' stato doloroso accettarlo finalmente, ma è stato anche liberatorio. Non ho più rabbia, non mi sento più schiava del bisogno, non devo più lottare per ottenere ciò che è impossibile ottenere... e così le mie energie si sono liberate e finalmente mi sento viva. Vivo il presente.
Sarò felice, a volte, come posso. Avrò una vita serena e appagante entro i miei limiti. Ho migliorato notevolmente il mio modo di relazionarmi agli altri anche se ciò non implica che gli altri stiano lì a cercare di colmare le mie incolmabili carenze affettive, ... e il mio compagno non è certo mia madre o mio padre e se rompo troppo mi manda a quel paese com'è giusto che sia (non esisto solo io con i miei problemi e gli altri non possono fare miracoli)....
Cosa voglio dire?
Voglio dire che nessuno ti farà sconti perchè hai avuto sfortuna, hai le carenze affettive e hai sofferto.
O meglio, qualcuno ci sarà, certo, si incontrano persone generose, magari che hanno sofferto a loro volta e sanno cosa vuol dire.
Ma per la maggior parte della gente tu sei una donna normale,a nche se hai sofferto, e da te le persone (amici, compagno ecc.) si aspettano cose normali, nè più, nè meno.
L'ho trovato ingiusto per molto tempo, ho creduto di aver diritto a qualche sconto e a un surplus di comprensione... ma poi ho capito che dovevo mollare questa convinzione, perchè non mi portava a niente, solo a star male, anzi a star peggio.
Secondo me fai bene ad accettare il passato come dato di fatto, fai bene a prendere contatto con i tuoi vuoti, con la tua ferita e farci un bel pianto e vivere questo lutto una buona volta... sbagli però a dire che non sarai mai felice ecc.
Ci vedo rabbia, e se c'è rabbia non c'è accettazione.
Ci vedo vittimismo, che a volte è tanto dolce e romantico e ci da un senso e un'identità, ma dove c'è vittimismo non c'è accettazione.
Ci vedo il tentativo del tuo genitore interiore di darti uno scossone violento del tipo: abbozzala di piangere, il giocattolo è rotto e non si ripara, prima lo accetti e meglio è. Non sarai mai una bambina felice!
Ti da lo scossone perchè anche il genitore soffre se il bambino soffre, e ci deve mettere una pezza... ma in certi scossoni io ci vedo anche il tentativo di autopunirsi per qualcosa... forse ci si autopunisce perchè ancora si spera e invece non si deve sperare, perchè sperare fa male...
Un pensiero più realistico non richiede vittime sacrificali o maledizioni...
Sarai felice, come solo tu sai esserlo, e avrai amici e un compagno e a volte ti sentirai appagatissima, altre volte dovrai lottare contro qualche fantasmino perenne... ma non sarà dura, orribile e buia come ti aspetti.
Ci vuole tempo per digerire certe perdite, conceditelo.
Ma ricordati che dopo la vita continua!
"Diventa ciò che sei"
F. Nietzsche

This post has been edited 1 times, last edit by "hiba" (May 8th 2010, 2:11pm)


sandras

e quindi?

  • "sandras" is female
  • "sandras" started this thread

Posts: 107

Activitypoints: 419

Date of registration: Mar 5th 2010

  • Send private message

4

Sunday, May 9th 2010, 4:36pm


non devo più lottare per ottenere ciò che è impossibile ottenere... e così le mie energie si sono liberate e finalmente mi sento viva. Vivo il presente.

ma in certi scossoni io ci vedo anche il tentativo di autopunirsi per qualcosa... forse ci si autopunisce perchè ancora si spera e invece non si deve sperare, perchè sperare fa male...


Grazie hiba, sei sempre efficace, con i tuoi interventi riesci a rasserenarmi ed al contempo a farmi riflettere, marcando i punti che io ritengo fondamentali per riuscire a stare meglio. Credo di aver lasciato la pagina aperta su questa risposta per almeno un paio di ore prima di riuscire a comunicare qualcosa. E' diventato difficicilissimo esprimermi, scirivere il più delle volte è faticoso, perché è difficile pensare, concentrarsi, anche se pare io non sappia fare altro. Ho citato le due frasi che più delle altre hanno per me un significato profondo: la prima 'lottare per ottenere ciò che è impossibile ottenere...' è esattamente la sensazione che vivo da sempre, una continua lotta contro i mulini a vento, mulini che non riesco a identificare, non ho idea in verità di chi o cosa possano essere, perché è un insieme di paure, di insicurezze, di dolori, a volte così chiari e ben definiti, altre così vaghi e grandi da rendermi difficoltosa anche l'eventuale lotta. Posso sbagliare, mi è concesso, questa è una delle cose che mi disse molto tempo fa la mia psicologa e che provo a ripetermi quando (spesso, troppo spesso) me ne dimentico.
L'altra tua frase relativa all'autopunizione... sì, mi punisco perché così mi è stato insegnato, devo pagare per aver cambiato (in peggio ovviamente) la vita di mio padre, che mi ha sempre addossato tutte le colpe dei suoi fallimenti, sono dovuta scappare lontano più di una volta per riuscire, se non a sconfiggere, almeno ad allontanare questo peso che mi è stato 'donato'. Pago colpe non mie, inutile raccontare che nella vita i fatti contingenti non mi hanno aiutata e le eprsone incontrate da amorevoli sono diventate carnefici, ma... ora vorrei capire che anche se ho di difetti, dei vuoti delle mancanze e non sono ciò che gli altri vogliono che io sia, non significa che non sono degna del loro amore (e parlo di amore non di affetto...) Purtroppo capire non significa risolvere, anzi a volte capire è doloroso, penso ad esempio che per quanto io mi fidi della mia psicologa e la ritenga molto capacae, lei è solo un sostegno alla mia situazione, probabilmente avrei più bisogno di qualcuno che scardini alcuni miei mecanismi e mi aiuti a ritrovare quell'equilibrio che sento così precario.
Stavolta sono stata prolissa, mi spiace, così divento anche noiosa. :blush:
Un abbraccio.
http://www.youtube.com/watch?v=K-8DO6k3HJ8&feature=related
wishful thinking... serendipità :sos:

5

Sunday, May 9th 2010, 5:46pm

Grazie hiba, sei sempre efficace, con i tuoi interventi riesci a rasserenarmi ed al contempo a farmi riflettere, marcando i punti che io ritengo fondamentali per riuscire a stare meglio. Credo di aver lasciato la pagina aperta su questa risposta per almeno un paio di ore prima di riuscire a comunicare qualcosa. E' diventato difficicilissimo esprimermi, scirivere il più delle volte è faticoso, perché è difficile pensare, concentrarsi, anche se pare io non sappia fare altro. Ho citato le due frasi che più delle altre hanno per me un significato profondo: la prima 'lottare per ottenere ciò che è impossibile ottenere...' è esattamente la sensazione che vivo da sempre, una continua lotta contro i mulini a vento, mulini che non riesco a identificare, non ho idea in verità di chi o cosa possano essere, perché è un insieme di paure, di insicurezze, di dolori, a volte così chiari e ben definiti, altre così vaghi e grandi da rendermi difficoltosa anche l'eventuale lotta.

Sì, questa è una cosa da fare di volta in volta. Io ti posso dire per che cosa ho lottato io (e ancora non sempre mi rassegno). Ho lottato per ottenere accudimento. Dietro i miei "nessuno mi vuol bene, nessuno mi capisce, nessuno mi apprezza" c'era in realtà la pretesa di essere amata incondizionatamente e accudita come si fa con i bimbi piccoli. Purtroppo io non sono più una bambina piccola, e le persone da cui pretendo questo non sono mia madre o mio padre. In quanto a mia madre e a mio padre... la guerra finalmente l'ho dichiarata persa, e a parte qualche rabbia contingente il fatto di non essere vista, amata come avrei voluto, apprezzata, coccolata, ecc. ecc. non mi avvelena più la vita. Ma quando ero in terapia ho dovuto fare i conti con questa realtà che io non vedevo, e con la rabbia che ne conseguiva.

Posso sbagliare, mi è concesso, questa è una delle cose che mi disse molto tempo fa la mia psicologa e che provo a ripetermi quando (spesso, troppo spesso) me ne dimentico.

Eh, lo so. Quando una persona è convinta che l'amore degli altri ( e di se stessa) dipenda dalle sue prestazioni è chiaro che sbagliare diventa intollerabile, perchè sbagliare significa non essere degni di amore. Ma piano piano si migliora. Bisogna riprogrammare il cervello. Se per 30 anni ti sei detta che "se faccio questo, allora sarò ammirata, amata ecc." è chiaro che non basterà un mese, anno, e nemmeno due anni per cancellare questa brutta abitudine. Non importa quanto spesso ancora te ne dimentichi. Piano piano queste dimenticanze si diraderanno..

L'altra tua frase relativa all'autopunizione... sì, mi punisco perché così mi è stato insegnato, devo pagare per aver cambiato (in peggio ovviamente) la vita di mio padre, che mi ha sempre addossato tutte le colpe dei suoi fallimenti, sono dovuta scappare lontano più di una volta per riuscire, se non a sconfiggere, almeno ad allontanare questo peso che mi è stato 'donato'. Pago colpe non mie,

Io ho iniziato a cambiare quando ho iniziato ad assumermi in prima persona la responsabilità del mio benessere o malessere, delle mie sensazioni, emozioni e sentimenti. Facendo questo ho capito anche che nessun adulto capace di intendere e di volere può addossarmi le colpe dei suoi fallimenti, così come io non posso addossare tutte le colpe alla gente o ai miei genitori ecc. Oggi sono adulta e rispondo di me in prima persona, e PRETENDO che gli altri facciano altrettanto!!!
So cosa vuol dire portare il peso di un destino che non mi appartiene. Bene, quel peso puoi restituirlo al legittimo proprietario. Etty Hillessum diceva che sotto un simile peso si può anche morire. Ed aveva ragione. Puoi farcela, la tua psicologa sa come fare per aiutarti, non mollare!


inutile raccontare che nella vita i fatti contingenti non mi hanno aiutata e le eprsone incontrate da amorevoli sono diventate carnefici, ma... ora vorrei capire che anche se ho di difetti, dei vuoti delle mancanze e non sono ciò che gli altri vogliono che io sia, non significa che non sono degna del loro amore (e parlo di amore non di affetto...)

Esatto. Io nei momenti più bui mi ricordo di amare e voler bene a delle persone che non sono nè Apolli, nè santi, ne consegue che anche loro mi vogliono bene nonostante le mie cadute di stile, i miei difetti e il mio lato non-bello. E' una sfida amare, una sfida per noi e per gli altri. E' una sfida perchè richiede coraggio, il coraggio di affrontare il non-bello del'altra persona, ma anche il non-bello nostro, che lo sguardo dell'altra persona ci rimanda. In amore si fanno i conti con i propri limiti e con quelli altrui. Non è facile amare, non è automatico, non è un percorso in discesa. Ma è un percorso di crescita e come tale è irto di difficoltà, di ostacoli, di paure. Tutti siamo degni di amore, a questo mondo. Diciamo che alcuni non pongono particolari problemi, altri ne pongono parecchi. Non perchè sono fatti peggio, ma perchè magari sono persone problematiche o complesse... oppure, come dice Saffo, sono come quelle mele alte, sui rami più alti. Ed è difficile coglierle!

Purtroppo capire non significa risolvere, anzi a volte capire è doloroso, penso ad esempio che per quanto io mi fidi della mia psicologa e la ritenga molto capacae, lei è solo un sostegno alla mia situazione, probabilmente avrei più bisogno di qualcuno che scardini alcuni miei mecanismi e mi aiuti a ritrovare quell'equilibrio che sento così precario.

Dopo anni di terapia e di impegno ho attraversato un momento di grande sconforto... e ho detto con rabbia e disperazione al mio psicologo che alla fin fine ero sola, sola!!! E che anche se lui era lì io ero sola lo stesso di fronte a questi problemi, e che mi sembrava tutto senza speranza. Lui mi ha risposto che era vero, lui non poteva "salire sulla mia stessa barca", ma poteva accostare la sua alla mia e farmi dei segnali per aiutarmi a superare la tempesta.
Purtroppo è così.
Ma anche se a noi sembra troppo poco... invece è tanto, tantissimo!
Solo noi possiamo scardinare certi meccanismi e trovare l'equilibrio. In quanto al fatto che sia precario... lo è per tutti. La vita ci riserva grandi sfide, di fronte alle quali anche la persona più equilibrata del mondo può sbarellare. Chi lo diceva? Pazzy in un altro 3d. L'equilibrio lo vedi nell'insieme, nella traiettoria che stai percorrendo. Nel lungo tratto. Mentre in quello breve dovrai sempre fare dei piccoli aggiustamenti perchè a volte finirai un pò troppo a destra o un po' troppo a sinistra. Solo i monaci buddhisti riescono a caminare in perfetto equilibrio su un filo di seta. Io ti auguro di farcela, ma ci vuole molta disciplina... Io ne ho fino ad un certo punto... :assi: Poi mi piace perdermi pure nelle cazzate. :P


Stavolta sono stata prolissa, mi spiace, così divento anche noiosa.
Un abbraccio.

http://www.youtube.com/watch?v=K-8DO6k3HJ8&feature=related
"Diventa ciò che sei"
F. Nietzsche

dora

Forumista Incallito

  • "dora" is female

Posts: 4,694

Activitypoints: 15,083

Date of registration: Mar 14th 2010

Location: Zacatecas

Occupation: Dama della Nuova Spagna

  • Send private message

6

Sunday, May 9th 2010, 7:00pm

Grazie Hiba questa tua riflessione serve tanto anche a me.

sandras

e quindi?

  • "sandras" is female
  • "sandras" started this thread

Posts: 107

Activitypoints: 419

Date of registration: Mar 5th 2010

  • Send private message

7

Sunday, May 9th 2010, 8:26pm

la vita difficile, ma non è grave :-)
cito etty Hillesum e ti ringrazio davvero Hiba.
Ci sarebbero moltissime cose da dire, sulle quali potersi confrontare, ma come al solito riesco a concentrarmi su quel che voglio scrivere, solo per poco e con un non lieve sforzo. Continuerò a farlo perché quel che ne traggo è solo un grande beneficio, piccoli passi grandi mete.
Volli, sempre volli, fortissimamente, (indicibilmente) volli stare meglio che posso.
Proverò ad essere più disciplinata, mantenendo il gusto per il sano cazzeggio :-)

(e proverò soprattutto ad essere meno ingenua, questo è quel che è venuto fuori dall'ultima seduta, tengo le porte spalancate anche a chi mi ha già devastato casa)

P.S.: ciao dora :-)
wishful thinking... serendipità :sos: