Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

tinetta

Utente Attivo

  • "tinetta" ha iniziato questa discussione

Posts: 39

Activity points: 201

Data di registrazione: lunedì, 13 ottobre 2008

  • Invia messaggio privato

1

domenica, 13 marzo 2011, 22:36

Educazione e capacità di dire no

salve! Oltre a chiedere un consiglio per una situazione particolare vorrei porre il problema in un senso più generale.

Ho avuto un educazione molto severa (nel senso che mi hanno insegnato
l'importanza del dire grazie, rispettare i più anziani etc..) ma questa
educazione diventa un problema quando vorrei dire no. Tante volte vorrei dire non mi va e invece dico sì per paura di dispiacere gli altri. Ma essere così non mi piace: mi fa sentire ipocrita e senza personalità. Ecco il caso particolare: abito in Germania da mesi e tornerò un paio di giorni a casa per
il compleanno di mio padre. Il problema è che la mia coinquilina mi ha
chiesto di poter venire con me perché avrà dei giorni liberi dal lavoro e
non vorrebbe stare qui da sola. All'inizio l'ha detto in modo vago
dicendo che sarebbe volluta venire con me ma che forse si sarebbe
trovata male e io le ho risposto "dovresti venireee, se non questi
giorni magari puoi venire a maggio..." sperando che desistesse. Oggi me
l'ha chiesto di nuovo, vuole proprio fare i biglietti! Io invece vorrei
tornare nel mio paese e passare questi 2 giorni in tranquillità con la
mia famiglia che non vedo da Natale, senza dover pensare "all'ospite",
diciamo.

Potrei invitarla con più calma in un altro momento.

Ma cosa posso rispondere? Le dico sì, vieni, anche se non mi va proprio?
Le sputo in faccia quello che penso o invento una bella scusa? Come si può dire no senza essere maleducati o senza ferire gli altri? ?(
Uno, nessuno e centomila....

2

lunedì, 14 marzo 2011, 11:15

Ciao Tinetta,
secondo me è giusto dire quello che provi, e poi hai perfettamente ragione a voler stare in tranquillità con la tua famiglia,visto che non la vedi da Natale. Io ti consiglierei di dire alla tua coinquilina la verità, non c'è nulla di male o di sbagliato in quello che provi!! Su Tinetta coraggio :clap: :clap: Spero di esserti stata utile, ciao e buone vecanze!!
Ci metto tempo ogni mattina a diventare me stessa.

  • "maya." è una donna

Posts: 566

Activity points: 1.810

Data di registrazione: lunedì, 27 dicembre 2010

  • Invia messaggio privato

3

lunedì, 14 marzo 2011, 18:51

Un no agli altri è un si per te, tinetta. In maniera molto chiara e schietta le dici che vorresti stare per qualche giorno sola in piena tranquillità con la tua famiglia e che avrà comunque modo di conoscerla il prima possibile ma non ora, capirà. Dire di no non è sinonimo di maleducazione, tinetta assolutamente ci mancherebbe. Imparare a dimostrare quello che si vuole o meno è fondamentale per cominciare davvero a star bene con se stessi.
E non c'è niente niente al mondo che mi salva.

Pellegrina

Giovane Amico

Posts: 212

Activity points: 818

Data di registrazione: mercoledì, 03 dicembre 2008

  • Invia messaggio privato

4

lunedì, 14 marzo 2011, 21:29

Evviva i noo!!
Non devi dirle di no 'sputandole in faccia' niente...vedi...puoi usare la gentilezza che ti contraddistingue e trasformarla in fermezza. Ciò che cerchi tu è forse la differenza tra aggressività e fermezza. Non è necessario essere aggressivi e maleducati, per essere fermi nei propri propositi. Davvero! Anche se molti cercheranno ogni via per farti capire il contrario, perché cercano di insistere o di farti sentire in colpa se non fai questa o quella cosa...beh, usa due armi: la verità e la gentilezza! Niente di più! un abbraccio immenso, e buone buonissime vacanze!!

Aiden il venerabile

Colonna del Forum

Posts: 2.301

Activity points: 7.323

Data di registrazione: venerdì, 25 dicembre 2009

  • Invia messaggio privato

5

martedì, 15 marzo 2011, 03:21

o se proprio non riesci a dire sto no prova almeno a non dire sempre si

tinetta

Utente Attivo

  • "tinetta" ha iniziato questa discussione

Posts: 39

Activity points: 201

Data di registrazione: lunedì, 13 ottobre 2008

  • Invia messaggio privato

6

martedì, 15 marzo 2011, 17:55

Grazie a tutti davvero :) Ho detto no, o meglio ho detto che devo risolvere delle questioni a casa. Fatto sta che adesso mi sento in imbarazzo e un po' in colpa: mi dispiace sapere che lei è qui da sola, anche lei lontana dalla sua famiglia. Allo stesso tempo però so di aver fatto bene, anche perché la mia famiglia sarà felice di avermi senza avere "sconosciuti" di cui occuparsi. La verità è che riesco a dire "no" solo quando ho un rapporto stretto con le persone. Credo che il problema sia la mia paura, non solo di dispiacere gli altri, ma anche di non piacere. Certo con gli anni sono migliorata, chissà che fra un po' non diventi capace di dire sempre quello che penso e esternare le mie necessità(in modo educato e gentile ovviamente ;) )
Uno, nessuno e centomila....

dora

Forumista Incallito

  • "dora" è una donna

Posts: 4.750

Activity points: 15.244

Data di registrazione: domenica, 14 marzo 2010

Località: Zacatecas

Lavoro: Dama della Nuova Spagna

  • Invia messaggio privato

7

martedì, 15 marzo 2011, 22:31

Un mio amico dice che dire di no alle persone per cinque volte al giorno aiuta a non farsi prendere dalle rabbie a causa del comportamento altrui e a non essere calpestato. Comunque scusa la tua amica mi sembra un po' invadente oltre a ire di no le farei capire che hai voglia di stare da sola coi tuoi. i diritto anche di parlare con lor dei fatti vostri, no?

Pellegrina

Giovane Amico

Posts: 212

Activity points: 818

Data di registrazione: mercoledì, 03 dicembre 2008

  • Invia messaggio privato

8

mercoledì, 16 marzo 2011, 11:58

Io questo problema ce l'ho sempre avuto, perché mi sembra che gli altri tendano a volersi mangiare un pezzettino della mia vita, ma un bocconcino moltiplicato per quanti sono fa una gran fetta di torta!
Quindi se dico di no passo per quella bastarda...anche se le motivazioni le ho e le avrei, ma non so perché finiscon sempre per farmi sentire in colpa. Beh, da un pò ho deciso che va pur bene sentirsi bastarda, vorrà dire che mi presenterò così: ciao caio, mi chiamo tizio, e sono un grande egoista! è un mio difetto? pace, ne abbiamo tanti, di difetti!