Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

elair

Pilastro del Forum

  • "elair" is female
  • "elair" started this thread

Posts: 2,309

Activitypoints: 7,781

Date of registration: Dec 24th 2007

Location: milano

Occupation: psicologa tirocinante

  • Send private message

1

Thursday, September 17th 2009, 11:08pm

borderline

Chi ha avuto esperienze con persone con questo disturbo ? Che tipo di legame ? Che effetto ha avuto ? ( io ne ho avuta una, vorrei solo confrontarmi.. )

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" is female

Posts: 2,093

Activitypoints: 6,608

Date of registration: Sep 10th 2009

Occupation: insegnante (una specie)

  • Send private message

2

Friday, September 18th 2009, 9:10am

borderline

Ciao. Io ho una sorella borderline di tipo bipolare. Lei è molto grave. Ha lavorato 10 o più anni per lo stato come infermiera molto in gamba, ma a un certo punto il crollo. Da lì sempre peggio perchè ha cercato sempre di evadere in modi sbagliati che hanno peggiorato il suo malessere. Vari vizi e varie dipendenze si sono alternate (alcol, uomini come fissa, spinelli, abuso di farmaci fino a scatole intere...). Lei è autolesionista quindi se prova ad affrontare i suoi mali senza evadere e se non la si aiuta al massimo inizia a tagliarsi con qualsiasi cosa. le sue braccia sono come cartine geografiche e il suo corpo è oggi tutto deformato. Era molto bella e non facilmente si accetta così, quindi altra ricerca di evasione... è soprattutto molto difficile da gestire e la sua gravità è molto legata al difficile lato caratteriale. Non ascolta i buoni consigli, non l'attirano per niente e vuole fare come vuole, ma essere sostenuta al tempo stesso ed è impossibile...
judging a person does not define who they are, it defines who you are

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,444

Activitypoints: 22,857

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

3

Friday, September 18th 2009, 3:13pm

RE: borderline

Ciao. Io ho una sorella borderline di tipo bipolare. Lei è molto grave. Ha lavorato 10 o più anni per lo stato come infermiera molto in gamba, ma a un certo punto il crollo. Da lì sempre peggio perchè ha cercato sempre di evadere in modi sbagliati che hanno peggiorato il suo malessere. Vari vizi e varie dipendenze si sono alternate (alcol, uomini come fissa, spinelli, abuso di farmaci fino a scatole intere...). Lei è autolesionista quindi se prova ad affrontare i suoi mali senza evadere e se non la si aiuta al massimo inizia a tagliarsi con qualsiasi cosa. le sue braccia sono come cartine geografiche e il suo corpo è oggi tutto deformato. Era molto bella e non facilmente si accetta così, quindi altra ricerca di evasione... è soprattutto molto difficile da gestire e la sua gravità è molto legata al difficile lato caratteriale. Non ascolta i buoni consigli, non l'attirano per niente e vuole fare come vuole, ma essere sostenuta al tempo stesso ed è impossibile...


Cara pianista,
suoni il piano? Anche io.

Perche' non mi dici un po' come sono stati e come sono ora i tuoi genitori?

Che rapporto c'era fra te e loro, e con tua sorella?
Sei tu la primogenita?

Ho letto del tua ricerca sulla Sindrome di Asperger. Fin' ora sei mai stata presa in cura da qualcuno? e come e' andata? Fai uso di farmaci?

Se hai voglia di rispondere...magari vien fuori qualcosa di interesssante.

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" is female

Posts: 2,093

Activitypoints: 6,608

Date of registration: Sep 10th 2009

Occupation: insegnante (una specie)

  • Send private message

4

Friday, September 18th 2009, 3:48pm

borderline

Si posso parlarne. I miei genitori ci hanno impartito una educazione molto rigida per via della credenza religiosa, molto valida, ma secondo me appesantita da loro ansie e loro esperienze personali non facili. Comunque con me e mia sorella borderline sono stati molto maneschi, mentre con i miei fratelli più piccoli avevano capito che era sbagliato ed è andata un pò meglio. Anche il mio fratello più piccolo era stato segnalato addirittura all'asilo, ma si è lasciata cadere la cosa ed ora se la cava nella vita, ma non ha vita sociale. Siamo in 4: 3 femmine e 1 maschio (più una che viveva con noi, ma è deceduta, era in affidamento alla nostra famiglia). L'altra sorella meno problematica lo è invece per salute, ha molti problemi ormonali. Secondo alcuni medici il tutto ha origine dalla tubercolosi che ebbe mio nonno definito schizzofrenico, ma non so se a livello medico (il paterno)... Il padre di mia mamma era chiuso nel suo mondo e parlava e gesticolava da solo tutto il giorno, ma era molto calmo. Io sembravo molto attaccata al papà da piccola, ma non so se è perchè ci hanno insegnato che dovevo per forza dargli il bacino e farmi coccolare, però preferivo di no.La mamma per fortuna non lo richiedeva, così non ha avuto gran contatto fisico con lei e, nel tempo, nemmeno con mio padre. Può anche essere che semplicemente non lo dovevo dividere, perchè gli altri fratelli volevano tutti la mamma (per me inizialmente fu molto difficile e cercavo di uccedere mia sorella più piccola). Lo cercavo però perchè mi piaceva sentirlo parlare. Ha una grande saggezza di fronte alle problematiche della vita. Solo che esserne figlia significa che dovrebbe decidere sempre lui per me anche ora e così evito. Poi so che non posso arrivare alle discussioni perchè inizio a sentirmi minacciata e mi scattano crisi molto violente. Io sono stata abbastanza ubbidiente per le cose che capivo, ma quelle che non capisco non le posso fare assolutamente, anche a costo di molte botte (quando ero piccola).



Sono stata seguita poco bene, prima da uno psichiatra che mi ha fatto i test e non mia dato i risultati. Mi ha mandato a un'altra psichiatra perchè non ero del suo territorio e quella seguiva già mia sorella per cui c'erano problemi però non mi ha di fatto mai assegnata a un'altra collega. Dal centro autismo della mia città non vogliono fare nulla se prima non gli arriva un foglio di rimando dalla psichiatria adulti. Per fortuna, dopo due anni di questi giri, in cui nemmeno sono capace a starci dietro (ragion per cui forse sono diventati 2 anni), mi hanno contattata ieri da un grosso centro di Roma e sembra che mi prenderanno lì per una diagnosi... speriamo vada in porto...
judging a person does not define who they are, it defines who you are

artista1978

ricomincio da te

  • "artista1978" is female

Posts: 254

Activitypoints: 804

Date of registration: Aug 4th 2009

  • Send private message

5

Friday, September 18th 2009, 6:21pm

mi spiace molto per la situazione tua e di tua sorella..ogni volta che leggo una storia su una persona bipolare penso al mio ex.. e alla nostra storia..anche lui un bel ragazzo..mi fa tanta rabbia che si trovi rinchiuso in quella casa che è adesso la sua prigione..mi sento impotente davanti a tutto questo..vorrei tanto aiutarvi e aiutarlo..non è possibile che anche tua sorella si sia ridotta cosi' male anche fisicamente..perche' arrivare ad essere autolesionisti?..alcune volte penso..e se lui finisse cosi'? se peggiorasse con gli anni invece di migliorare?..ma non voglio e non posso pensarci..voglio ricordarlo come l'uomo dei miei sogni..e come una persona che mi ha regalato la felicita'..per la prima volta in vita mia..spero tanto che le persone come voi siano aiutate come di dovuto da persone competenti ma c'e' di fatto anche la componente familiare che influenza non poco la cosa..mi duole davvero il cuore a dover scoprire come cosi' tanta gente sia afflitta da questo male..ti faccio un grande in bocca al lupo..e spero di sentire notizie positive ..un bacio

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" is female

Posts: 2,093

Activitypoints: 6,608

Date of registration: Sep 10th 2009

Occupation: insegnante (una specie)

  • Send private message

6

Friday, September 18th 2009, 8:20pm

borderline

Allievo ciao!

Come mai è il tuo ex?

Non siete riusciti a reggere per il suo problema?

Da parte di chi?

Ti manca?

Un saluto affettuoso.
judging a person does not define who they are, it defines who you are

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" is female

Posts: 2,093

Activitypoints: 6,608

Date of registration: Sep 10th 2009

Occupation: insegnante (una specie)

  • Send private message

7

Friday, September 18th 2009, 8:21pm

borderline

scusa ho sbagliato dovevo chiamarti artista... le solite brutte figure mie!!!
judging a person does not define who they are, it defines who you are

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,444

Activitypoints: 22,857

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

8

Friday, September 18th 2009, 10:36pm

RE: borderline

Si posso parlarne. I miei genitori ci hanno impartito una educazione molto rigida per via della credenza religiosa, molto valida, ma secondo me appesantita da loro ansie e loro esperienze personali non facili.
Comunque con me e mia sorella borderline sono stati molto maneschi, mentre con i miei fratelli più piccoli avevano capito che era sbagliato ed è andata un pò meglio. Anche il mio fratello più piccolo era stato segnalato addirittura all'asilo, ma si è lasciata cadere la cosa ed ora se la cava nella vita, ma non ha vita sociale. Siamo in 4: 3 femmine e 1 maschio (più una che viveva con noi, ma è deceduta, era in affidamento alla nostra famiglia). L'altra sorella meno problematica lo è invece per salute, ha molti problemi ormonali. Secondo alcuni medici il tutto ha origine dalla tubercolosi che ebbe mio nonno definito schizzofrenico, ma non so se a livello medico (il paterno)...

Il padre di mia mamma era chiuso nel suo mondo e parlava e gesticolava da solo tutto il giorno, ma era molto calmo.

Io sembravo molto attaccata al papà da piccola, ma non so se è perchè ci hanno insegnato che dovevo per forza dargli il bacino e farmi coccolare, però preferivo di no.La mamma per fortuna non lo richiedeva, così non ha avuto gran contatto fisico con lei e, nel tempo, nemmeno con mio padre.

Può anche essere che semplicemente non lo dovevo dividere, perchè gli altri fratelli volevano tutti la mamma (per me inizialmente fu molto difficile e cercavo di uccedere mia sorella più piccola). Lo cercavo però perchè mi piaceva sentirlo parlare. Ha una grande saggezza di fronte alle problematiche della vita. Solo che esserne figlia significa che dovrebbe decidere sempre lui per me anche ora e così evito.
Poi so che non posso arrivare alle discussioni perchè inizio a sentirmi minacciata e mi scattano crisi molto violente. Io sono stata abbastanza ubbidiente per le cose che capivo, ma quelle che non capisco non le posso fare assolutamente, anche a costo di molte botte (quando ero piccola).



Sono stata seguita poco bene, prima da uno psichiatra che mi ha fatto i test e non mia dato i risultati. Mi ha mandato a un'altra psichiatra perchè non ero del suo territorio e quella seguiva già mia sorella per cui c'erano problemi però non mi ha di fatto mai assegnata a un'altra collega. Dal centro autismo della mia città non vogliono fare nulla se prima non gli arriva un foglio di rimando dalla psichiatria adulti. Per fortuna, dopo due anni di questi giri, in cui nemmeno sono capace a starci dietro (ragion per cui forse sono diventati 2 anni), mi hanno contattata ieri da un grosso centro di Roma e sembra che mi prenderanno lì per una diagnosi... speriamo vada in porto...


Sono valutazioni personali, per cui non prenderle come sentenze, ma solo come commenti e stimoli.

Non dici se sei stata primogenita ma mi pare di si.
E tipico della primogenita avere un atteggiamento piu riflessivo e misurato, perche' a lei arrivano ingiunzioni come:- Non fare la bambina!-, o- Pensa tu ai fratellini-, per cui il senso del dovere viene interiorizzato piu che nei figli successivi.
Le tue menifestazioni sembrano adattarsi a questa situiazione.

Anche la gelosia verso la sorellina, e' normale. Ma ne consegue che, dopo alcuni tentativi per riprendersi il posto da mamma non andati a buon fine, c'e' la rassegnazione, con la conclusione:- Non c'e' nulla da fare! Dovro' arrangiarmi da sola-. Questo porta ad un progressivi allontanamento emotivo dai genitori, e un desiderio di liberta' e di fuga.

Anche la sensazione di minaccia e' una conseguenza alle violenze ricevute da piccina. L'alzare la voce, o il gesticolare, viene immediatamente interpretato come la paura della bambina di fronte al 2 grande" che ora la picchiera'. Da qui la tua reazione di paura, di rabbia e di fuga.
Questo da adulta puo riflettersi anche nei rapporti con gli altri sopratutto cio maschi, e puo rendere insoddisfacente anche la vita sessuale, vissuta come un'aggressione.

Anche il tentativo di rinchiuderti in un mondo ineriore, con fantasie, situazioni immaginarie, confusione del pensiero, fuga nella musica o nell'arte, ma a volte anche nei farmaci e altro, e da individuare nella pesantezza della situazione, la sensazione di non essere accetata e sentirsi di troppo, solo parzialmente compensata da un aumento della responsabilita', che a volte puo' essere vissuto come un riconoscimento e a volte come un peso insopportabile.

Gli altri fratelli reagiscono a modo loro, sia perche' nati in momenti differenti, sia perche' hanno un pul genetico diverso l'uno dall'altro. I nomi dati al quadro non aggiungono nulla. Il problema e' lo stesso. Cambiano solo i sintomi manifestati.

Pesa parecchio quella che sembra una predisposizione famigliare, di ambo i rami, con disturbi non ben definiti, ma comunque evidenti, del sistema nervoso. Si potrebbero definire delle tare familgliari, che si sono manifestate anche nei genitori, che pero' hanno compensato con un morboso attaccamento religioso, che fungeva da genitore vicariante. Un modello a cui equipararsi, in sostituzione di modelli genitoriali insoddisfacenti.

Questi disturbi si sono presentati anche in tutti voi figli, in vari modi, congeniali alla situazione personale di ognuna di voi.

Tu cerchi una diagnosi...ma credo che, come al solito, dovrai cavartela da sola, perche' anche se confermassero quella sindrome di cui parli, non e' che si possa cambiare qualcosa. Parlare con qualcuno che abbia voglia di starti ad ascoltare puo' essere senz'altro utile e se puoi, fatti aiutare nelle cose pratiche, in modo di avere la sensazione di non essere sola.

Solo una cosa: non parlare di tua sorella come "quella borderline", perche' e' un'etichetta che non e' che faccia sentire meglio. E non serve a nulla.

Spero che troveranno il modo di seguirvi adeguatamente, in quanto le persone affette da questi disturbi, indipendntemente dal nome, hanno bisogno sopratutto di compresione e di affetto, e sentirsi accetati e normali, come tutti gli altri.

enemyofthesun

Su un binario morto...

  • "enemyofthesun" is male

Posts: 340

Activitypoints: 1,202

Date of registration: Sep 2nd 2007

Location: Brianza lecchese

  • Send private message

9

Saturday, September 19th 2009, 1:34am

RE: borderline

Chi ha avuto esperienze con persone con questo disturbo ? Che tipo di legame ? Che effetto ha avuto ? ( io ne ho avuta una, vorrei solo confrontarmi.. )


La mia prima ragazza :rolleyes:
Forse per quello sono rimasto ancora più sconvolto dopo quell'anno :roftl:
***Cerco persone dell'Alta Brianza con difficoltà a uscire di casa e/o poche amicizie, per confronto virtuale ed eventualmente reale***

Un gruppo chiuso. Per persone chiuse.
https://www.facebook.com/groups/1559314747629517/
E' come vostro. Se volete.

elair

Pilastro del Forum

  • "elair" is female
  • "elair" started this thread

Posts: 2,309

Activitypoints: 7,781

Date of registration: Dec 24th 2007

Location: milano

Occupation: psicologa tirocinante

  • Send private message

10

Saturday, September 19th 2009, 1:40am

RE: RE: borderline

Chi ha avuto esperienze con persone con questo disturbo ? Che tipo di legame ? Che effetto ha avuto ? ( io ne ho avuta una, vorrei solo confrontarmi.. )


La mia prima ragazza :rolleyes:
Forse per quello sono rimasto ancora più sconvolto dopo quell'anno :roftl:
dai ? Non lo sapevo.. :P eh già probabile !!!

enemyofthesun

Su un binario morto...

  • "enemyofthesun" is male

Posts: 340

Activitypoints: 1,202

Date of registration: Sep 2nd 2007

Location: Brianza lecchese

  • Send private message

11

Saturday, September 19th 2009, 1:48am

RE: RE: RE: borderline

Chi ha avuto esperienze con persone con questo disturbo ? Che tipo di legame ? Che effetto ha avuto ? ( io ne ho avuta una, vorrei solo confrontarmi.. )


La mia prima ragazza :rolleyes:
Forse per quello sono rimasto ancora più sconvolto dopo quell'anno :roftl:
dai ? Non lo sapevo.. :P eh già probabile !!!


L'ho scoperto nel periodo in cui ho visto dal vivo la Ele...
La mia prima ex mi ha contattato su Facebook e mi ha spiegato tutto, si è scusata...vabbè, acqua passata...ai tempi mi aveva cornificato e mollato subito dopo. 8|
Ora ci sentiamo ancora tramite Facebook, sta meglio anche se non al top...meglio di me, sicuramente :pinch:
***Cerco persone dell'Alta Brianza con difficoltà a uscire di casa e/o poche amicizie, per confronto virtuale ed eventualmente reale***

Un gruppo chiuso. Per persone chiuse.
https://www.facebook.com/groups/1559314747629517/
E' come vostro. Se volete.

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" is female

Posts: 2,093

Activitypoints: 6,608

Date of registration: Sep 10th 2009

Occupation: insegnante (una specie)

  • Send private message

12

Sunday, September 20th 2009, 3:41pm

borderline

non so... io posso dare informazioni più e meno realistiche riguardo ai miei vissuti, ma non è uno sfogo o che mi senta di aver avuto un brutto passato rispetto algi altri e nemmeno autocommiserazione... é solo per aiutaregli altri a darmi delle risposte...



io ho un gran bisogno delle risposte e la prima domanda che ho fatto ai primi a cui mi sono rivolta, giunta all'età di 33 anni pur sembrando una ragazzina in apparenza, ma con tante e tantissime esperienze alle spalle, la maggior parte delle quali non comprese in me stessa, la prima e ancora più bisognosa domanda è: perchè sono così famigliare agli autistici?

... tenendo conto che nella vita mi sono sempre sentita un pesce fuor d'acqua e della mia sete di ritrovarmi nella specie dei miei simili...

in uno dei primi colloqui, dopo che la prima dott.ssa aveva azzardato l'ipotesi di disturbo asperger per prima (io al tempo non avevo idea di cosa fosse), dissi che per me era come ritrovarmi con degli individui, così come ci sono varie razze fra gli esseri umani... e allo stesso tempo vedere che nella mia razza "ogniuno ha la sua faccia".



In un esperienza particolare me ne ero resa conto, senza sapere ancora cos'era il nome autismo. Avevo trovato un individuo della mia razza e mi sembrava fosse un tutt'uno con me sin dal primo incontro... poi dopo mei di esperienze insieme... scoprii che eravamo simili, ma che ognino di noi aveva la sua faccia...
judging a person does not define who they are, it defines who you are

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,444

Activitypoints: 22,857

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

13

Sunday, September 20th 2009, 6:52pm

RE: borderline

non so... io posso dare informazioni più e meno realistiche riguardo ai miei vissuti, ma non è uno sfogo o che mi senta di aver avuto un brutto passato rispetto algi altri e nemmeno autocommiserazione... é solo per aiutaregli altri a darmi delle risposte...



io ho un gran bisogno delle risposte e la prima domanda che ho fatto ai primi a cui mi sono rivolta, giunta all'età di 33 anni pur sembrando una ragazzina in apparenza, ma con tante e tantissime esperienze alle spalle, la maggior parte delle quali non comprese in me stessa, la prima e ancora più bisognosa domanda è: perchè sono così famigliare agli autistici?

... tenendo conto che nella vita mi sono sempre sentita un pesce fuor d'acqua e della mia sete di ritrovarmi nella specie dei miei simili...

in uno dei primi colloqui, dopo che la prima dott.ssa aveva azzardato l'ipotesi di disturbo asperger per prima (io al tempo non avevo idea di cosa fosse), dissi che per me era come ritrovarmi con degli individui, così come ci sono varie razze fra gli esseri umani... e allo stesso tempo vedere che nella mia razza "ogniuno ha la sua faccia".



In un esperienza particolare me ne ero resa conto, senza sapere ancora cos'era il nome autismo. Avevo trovato un individuo della mia razza e mi sembrava fosse un tutt'uno con me sin dal primo incontro... poi dopo mei di esperienze insieme... scoprii che eravamo simili, ma che ognino di noi aveva la sua faccia...


Siceramente l'unica cosa che io riesco a rilevare e che tu ti senti "diversa", fuori dal mondo, di un'altra razza.

Questo e' spiegabile con quello che ti ho detto sopra, oppure con altre ipotesi sensate.
Ma cerca di capire che le persone con qualche disturba caratteriale non si sentono MAI come le altre.

Se vai in una comunita di drogati, l'unica cosa che li accomuna e' un passato di droga, per il resto tutti ci tengono a dire che:- Nessuno mi capisce, sono fuori dal mondo, non sono compreso-, ecc.

Questa e' la caratteristica di borderline, nascisiti, sociopatici, aspergisti, iperattivi, ecc.

E tutti vogliono essere unici. Per questo sono disadattati.

Del resto a trent' anni, i segni dell'autismo dovrebbero essere cosi' evidenti, che la diagnosi e' solo una proforma.
Per il resto scrivi correttamente, possiedi una logica conseguenziale, sei opportuna. Anche se forse non cogli tutto quello che gli altri ti dicono, perche' troppo rivolta ai tuoi stati mentali. Poi molto dice l'osservarti dal vivo, cosa che qui non e' possibile.

Comunque, spero che avere questa sospirata diagnosi, posa darti tranquillita'. A volte basta poco. Anche sapere di avere una sindrome ci fa appartenere a questo mondo. Meglio di nulla.

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" is female

Posts: 2,093

Activitypoints: 6,608

Date of registration: Sep 10th 2009

Occupation: insegnante (una specie)

  • Send private message

14

Sunday, September 20th 2009, 7:49pm

borderline

Questa e' la caratteristica di borderline, nascisiti, sociopatici, aspergisti, iperattivi, ecc.

tu dici... ma la cosa particolare è che gli autistici non lo dicono, come io non ho fatto, ma si sentono così e se posti davanti alla domenda lo dicono anche... credo sia problematico perchè non lo dicono, ma ne sentono la tensione, la paura, la rabbia e trovano modo di darne sfogo, sempre incomprensibile per gli altri...



quando un interesse attira l'attenzione dell'autistico intelligente, diventa la principale occupazione sua... questo avviene anche a me e il problema è che sta volta il mio interesse, da ben due anni, è diventato capire cosa sono, che legami con l'autismo... e non corrisponde più al mio lavoro, come fin ora la musica invece si (ragion percui ha avuto sempre tanto lavoro, anche se precario, discontinuo...). Se non risolvo questa fase presto e non inizio a lavorare per costruire, rimango intoppata lì a chiedermi chi sono e per quanto io provi a pensare ad altro non mi è possibile...



comunque sono sicura che potrò dare una svolta alla situazione con la diagnosi e mi auguro arrivi presto...



Mi puoi spiegare perchè sei maestro? Non mi ricordo se è spiegato nelle regole... Rispondi a temi particolari perchè preparato? O per interesse?



Ciao, ciao! e grazie...
judging a person does not define who they are, it defines who you are

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,444

Activitypoints: 22,857

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

15

Sunday, September 20th 2009, 9:38pm

Mi puoi spiegare perchè sei maestro? Non mi ricordo se è spiegato nelle regole... Rispondi a temi particolari perchè preparato? O per interesse?


mestro...penso riguardi il numero dei post.

Rispondo perche' e' la continuazione del mio lavoro, che coincide anche col mio interesse. Invece che andare a funghi o compilare parole crociate, vengo qui a risolvere rebus, e quando ci riesco sono contento.

Vedo, piuttosto, che sei insegnante...hai a che fare coi bambini?

Similar threads