Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Risultati della ricerca

Risultati della ricerca 1-25 di 77.

martedì, 19 febbraio 2013, 01:25

Autore: corinne_77

Fantasie sessuali per raggiungere l'orgasmo

Ciao mabe, manco da questo forum da molto tempo e stasera che sono sola ho sentito l'esigenza di tornarci. Il mio bisogno sessuale nei confronti di lui non è mutato, ho cercato di essere con lui nel presente, senza fantasie, ma sono ancora "schiava" di esse per eccitarmi fino in fondo. Ad oggi, ho raggiunto una conclusione diversa da quella meramente narcisistica. Probabilmente, non sono ancora consapevole fino in fondo della mia sessualità, non sono matura, e ho bisogno di immagini fittizie c...

lunedì, 11 giugno 2012, 11:07

Autore: corinne_77

Far valere i propri diritti.

Vi è mai capitato di non essere retribuiti per il vostro lavoro e di sentirvi come se steste elemosinando ciò che in realtà vi spetta? Come avete risolto?

domenica, 10 giugno 2012, 03:55

Autore: corinne_77

Aiutarsi con l'alcool nelle relazioni sociali

Per me è una medicina. Prescrittami dai letterati, poeti, filosofi, artisti. Ma come ogni medicina ha le sue controindicazioni. Per il momento mi domo così: capisco il confine tra l'esserci e l'annullarmi e mi fermo. Quando mi fermo, mi allontano. Ma ci sono ancora, da sola, e faccio altro. Secondo me smetterò davvero quando solo l'odore mi darà la nausea. E secondo me, manca poco.

venerdì, 08 giugno 2012, 17:09

Autore: corinne_77

Bambini abusati crescono. Perché non si vendicano?

No, nulla di così grave. O forse io cerco di sminuire, però sento che qualcosa su di me abbia lasciato un segno. Sono stata piccola, nelle mani di una madre con problemi di personalità paranoide (che solo oggi vengono considerati, visto che non c'era nessuno prima a prendersene cura). Lei non si accorgeva di nulla, poiché parlava di sé continuamente e, anche in presenza di estranei, l'importante era essere ascoltata. Nel frattempo io ero piccola. Chi fingeva di ascoltarla si prendeva "cura"...

venerdì, 08 giugno 2012, 16:40

Autore: corinne_77

Aiutarsi con l'alcool nelle relazioni sociali

Citato da "stradablu" Boh, io bevo in casa e non per aiutarmi nelle relazioni sociali. Beh, anche da sola, come adesso. Intanto, alla radio, passano questa http://www.youtube.com/watch?v=pNU7N6CZJDg

venerdì, 08 giugno 2012, 16:36

Autore: corinne_77

l ultima sigaretta

Si dovrebbero fare gruppi per i fumatori così come ci sono per gli alcolisti (o ci sono già?) Io smetto di fumare solo quando mi ammalo ma poi riprendo appena sto meglio. La cosa che più mi fa incazzare di tutto ciò è che sia le sigarette che l'alcol sono monopolio di Stato.

venerdì, 08 giugno 2012, 16:27

Autore: corinne_77

Aiutarsi con l'alcool nelle relazioni sociali

"L'alcol ti fa sentire come ti dovresti sentire senza l'alcol". Anche io vorrei farne a meno ma poi il risultato è che sto tra la gente con atteggiamento depresso, distaccato, comunicativo ma con riserve. Spleen.

giovedì, 07 giugno 2012, 01:25

Autore: corinne_77

Comportamento seduttivo

Citato da "maya." Come te, ho pressochè la stessa situazione. Siamo amiche strettissime da anni, non facciamo quasi mai nulla separatamente. Le voglio un bene dell'anima, ci capiamo solo guardandoci negli occhi e conosciamo qualsiasi sfumatura dell'altra. Lei è bellissima, ma davvero bella bella bella. Ed anche parecchio gattina, è la prima cosa che salta all'occhio. Vedendola è la classica fighetta che se la tira da pazzi, che poi lo fa velatamente perchè io che la conosco davvero so com'...

giovedì, 07 giugno 2012, 01:19

Autore: corinne_77

Comportamento seduttivo

Citato da "Severance" Perchè tu ti devi sforzare di accettare un comportamento che non ti piace, e quindi cambiare chi sei, e lei no? Perché noi non possiamo cambiare le persone che abbiamo intorno, devono essere loro a farlo, possiamo solo far riflettere. La mia idea di "cambiare me stessa" significa evolvere la mia condizione da negativa a positiva al cospetto del mondo esterno. Se la rabbia o altre emozioni distruttive prendono il sopravvento io non posso essere serena.

mercoledì, 06 giugno 2012, 18:08

Autore: corinne_77

Comportamento seduttivo

Separare le questioni, si. Ci sto provando. Ma le interazioni sono inevitabili, si esce con gli amici, se lui è il mio ragazzo ovviamente interagisce anche con le mie conoscenze, figuriamoci con gli amici più stretti. Tra l'altro lei mi ha anche chiamato per sapere se lui poteva farle un favore riguardante il suo mestiere e di certo non posso negarle un suo aiuto. Però io credo che tutti noi interagiamo e siamo un tutt'uno con il resto del mondo, è impossibile creare una separazione. Il mio ...

mercoledì, 06 giugno 2012, 14:27

Autore: corinne_77

Comportamento seduttivo

Io ho sempre riflettuto sul fatto che certi comportamenti si assumono nella vita per insicurezza o per traumi d'abbandono (conosco il background della mia amica) ma poi diventano parte integrante della personalità ed è difficile disfarsene perché bisognerebbe "ricostruirsi" e il percorso non è facile, soprattutto dopo i 30 anni. @freak_out: non mi sento in competizione con lei ma il fastidio rimane, se lei non può cambiare vorrei capire se almeno per me stessa possa fare di più per sentirm...

mercoledì, 06 giugno 2012, 12:47

Autore: corinne_77

Comportamento seduttivo

Ho una carissima amica, ci conosciamo da anni, siamo quasi come sorelle. C'è una cosa di lei che ancora non ho imparato a digerire, ovvero il suo comportamento seduttivo. Magari non lo fa apposta, ma se c'è un uomo, che le piaccia o meno, il suo atteggiamento è sempre equivoco sia nei modi di guardare, di parlare, di muoversi. Di certo il suo è un bisogno di stare al centro dell'attenzione, probabilmente si sente esistere solo suscitando interesse sessuale. Ne abbiamo parlato anche animatame...

mercoledì, 06 giugno 2012, 12:28

Autore: corinne_77

Apprezzamenti volgari...

Io di solito o faccio finta di non sentire o lancio un'occhiata omicida. Se poi in quel momento sono particolarmente nervosa mando poco gentilmente a quel paese.

venerdì, 25 maggio 2012, 15:48

Autore: corinne_77

generosità, empatia annullano l'individuo

Trovo sia inutile citare ciò che mi hai detto, basta andare a rileggere per comprendere che toni usi. Considera che io sto già cercando di ignorare i tuoi atteggiamenti cercando di andare alla sostanza dei fatti. Per me non può essere che un bene ignorarci, visto che non si ricava nulla dal parlare unicamente tra me e te.

venerdì, 25 maggio 2012, 15:27

Autore: corinne_77

generosità, empatia annullano l'individuo

Il "quasi tutti" a cui mi riferivo era nel mio secondo commento, non nel primo. E' però palese che ci sia un vittimismo di fondo in chi si sente frustrato per le proprie manifestazioni di generosità. Ciò che penso l'ho già detto e non ci trovo nulla di offensivo, non so perché tu stia prendendo la cosa come una questione personale. Tantomeno mi sono rivolta a te con confidenza, per cui bada bene a come ti poni. Take it easy.

venerdì, 25 maggio 2012, 14:22

Autore: corinne_77

generosità, empatia annullano l'individuo

No, Arianna_, non ci siamo. Sono stata precisa, ho detto "quasi tutti". Ho inoltre detto che dovremmo chiedeci perché certe cose accadano invece di considerarci vittime degli altri. Che magari è stato il nostro, l'atteggiamento sbagliato, che magari non sono gli altri a volerci sfruttare ma che siamo stati noi stessi a creare certe dinamiche, a causa di una mancanza di equilibrio nel nostro aiutare. E che è fondamentale capire questo, perché trovo sbagliatissimo trarre conclusioni rancorose ...

venerdì, 25 maggio 2012, 13:46

Autore: corinne_77

generosità, empatia annullano l'individuo

Arianna_, in quasi tutti i commenti al thread compare qualche espressione di delusione o frustrazione, è scritto, non lo si può negare e mi baso su ciò che leggo. Poi ognuno avrà la propria esperienza in merito. Ma allora, chi sono i buoni e chi sono i cattivi? Semplicemente non esistono veri e propri sfruttatori o sfruttati, esiste un modo sbagliato e un modo giusto per chiedere e per dare. Se passiamo la vita a dire "mi hanno sfruttato", oppure "non permetterò più che mi si faccia questo...

venerdì, 25 maggio 2012, 13:20

Autore: corinne_77

Sono malata di " bellezza" ....non sono mai soddisfatta del mio aspetto!!

Spesso ciò che facciamo si basa sul timore di non essere amati. E costruiamo noi stessi in base a questa paura. Evidentemente, a parte l'aspetto fisico, non hai trovato altri modi per affermare te stessa. Io sperimenterei un altro modo di pormi all'esterno. Farei il lgioco della cecità. Se nel mondo fossimo tutti ciechi, come mi percepirebbero gli altri e cosa realmente vedrei di me stessa?

venerdì, 25 maggio 2012, 13:09

Autore: corinne_77

Amare un libro tanto da piangere alla fine...

E meno male che tu hai pianto alla fine! A me son bastate poche pagine di "Son(n)o", di Antonio Rezza.

venerdì, 25 maggio 2012, 12:58

Autore: corinne_77

generosità, empatia annullano l'individuo

A me sembra che tutte le persone che si reputano generose siano anche affette da pesante vittimismo. Ci vuole equilibrio tra il dare e il ricevere, ma si può anche dare senza desiderare nulla in cambio. Non sono gli altri che approfittano di chi è generoso. Non è il generoso che "si fa sfruttare". Semplicemente, quella non è vera generosità, è non avere criterio nell'approccio. Immaturità nella comunicazione del sé.

giovedì, 24 maggio 2012, 18:06

Autore: corinne_77

Mai avuto una ragazza a 21 anni e tutto quello che ne consegue ovviamente, non per scelta...

Io non prenderei in considerazione l'aspetto fisico, anche perché una donna può innamorarsi di un uomo nonostante i difetti fisici. Ci tengo a dire che il carattere è tutto, e riesce a rendere affascinante anche l'esteriorità, qualsiasi essa sia. Secondo me potresti iniziare a comportarti con naturalezza. L'insicurezza, l'essere impacciato, la paura, sono cose che si fiutano a chilometri. Inizia ad amarti di più.

mercoledì, 23 maggio 2012, 15:30

Autore: corinne_77

Anime gemelle. Sì o no?

Concordo che ne possa esistere anche più di una. E che possa esistere in vari ruoli o forme. Io l'ho trovata, siamo stati insieme, ci siamo lasciati. Ma siamo ancora anime gemelle.

mercoledì, 23 maggio 2012, 15:09

Autore: corinne_77

infatuata di un ragazzino

Credo che la cosa possa solo aiutarti a riflettere sul tuo rapporto, tanto se non fosse arrivato il ragazzino con tutto il suo fascino, prima o poi sarebbe stato un altro a creare una sorta di crisi. Hai bisogno di emozionarti, di non sentirti "scontata". Desideriamo ciò che non abbiamo. Magari un periodo di vacanza senza il tuo lui o il condividere di meno la quotidianeità potrebbe essere illuminante.

Segna tutti i forums come letti