Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

MadamaButterfly

Giovane Amico

  • "MadamaButterfly" è una donna
  • "MadamaButterfly" ha iniziato questa discussione

Posts: 125

Activity points: 487

Data di registrazione: venerdì, 25 luglio 2014

  • Invia messaggio privato

1

sabato, 06 maggio 2017, 20:57

Andare a studiare fuori sede con ansia e attacchi di panico - si può?

Ciao a tutti,
qualcuno di voi ha avuto esperienze di studio/vita fuori casa con ansia e attacchi di panico? Io in questo momento sto studiando a un'ora da casa mia e viaggio ogni giorno, ma a causa dell'agorafobia e di una crisi molto forte avuta l'estate dopo la maturità ci ho messo un po' a ingranare, ho cominciato le lezioni solo a metà anno e tutt'ora mi faccio accompagnare da mia madre perchè l'autostrada e le gallerie mi danno problemi (ma mi rendo conto di dover affrontare anche questa paura molto presto se voglio staccarmi da lei). Ben presto mi sono resa conto che questa facoltà non fa per me, e d'altra parte era un'altra quella che avevo scelto, ma a causa della distanza (quella che vorrei fare è a più di due ore di treno da qui) e dei miei problemi ho cercato la cosa più simile e mi sono buttata. Oltre a non piacermi il corso, non sono riuscita nemmeno a farmi degli amici e ad ambientarmi avendo cominciato in ritardo quando ormai tutti i gruppetti si sono già formati.
L'anno prossimo vorrei tanto trasferirmi e cominciare il percorso che avevo in mente da zero. Vorrei essere un pò più indipendente dalla mia famiglia (con cui ho un rapporto sia di conflitto che di dipendenza) e farmi degli amici e studiare ciò che amo, ma soffro ancora di ansia e il pensiero di avere attacchi di panico, specie durante la notte, e non poter contare su nessuno (anche solo per stare lì accanto a me e aspettare che passi) è insopportabile. Nè sopporto l'idea di andare a vivere con persone che non conosco e che potrebbero non capire, giudicarmi, o essere scocciate dal fatto che io le svegli di notte, sempre che avrò il coraggio di farlo e non starò lì a soffrire in silenzio, per poi rendermi c onto dopo poche settimane che non fa per me e tornare a casa a testa bassa. Sarebbe un fallimento veramente molto grande per me, e credo che mi porterebbe a una nuova crisi come quella di quest'estate, quando avevo paura anche solo a traversare il vialetto. Davvero non ho voglia di finire nuovamente in quelle condizioni; ma sono anche stanca di lasciare che questa cosa si prenda la mia vita e mi impedisca di fare ciò che amo.
Qual è secondo voi il miglior modo per affrontare la situazione?

2

domenica, 07 maggio 2017, 17:03

Parla con i tuoi genitori e spiega loro come ti senti: ti rassicureranno e ti diranno che quando vuoi potrai tornare. Se hai il sostegno loro e di chi ti vuole bene, puoi andare ovunque. Non avere paura del fallimento, se sei davvero convinta di voler andare studiare fuori ce la farai, è una cosa che si fa all'ordine del giorno, puoi farcela anche tu e anzi secondo me ti aiuterà a stare meglio. Nel frattempo studia quello che può servirti anche per il cambio di facoltà e cerca di ripartire quando ti senti pronta.
Se mai qualcuno ti giudicherà perché soffri di ansia vuol dire che non ha sensibilità e non merita il tuo interesse. Forza!

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" è un uomo

Posts: 8.829

Activity points: 26.920

Data di registrazione: sabato, 28 marzo 2009

Località: Italia

Lavoro: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Invia messaggio privato

3

lunedì, 08 maggio 2017, 12:00

Di ansia non si soffre. Si vive.

Solo i morti non sono ansiosi. Guardati attorno: gli altri sono come te, anche se non lo danno a vedere immediatamente.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup: