Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

francesko77

Non registrato

1

giovedì, 15 settembre 2011, 21:57

trasferimeto punto vendita sede lavorativa

salve mi ttrovo in una situazione un poko particolare ,io lavoro per una
catena di supermercati da piu di 10 anni con contrato indeterminato
ccnl commercio,in questo periodo l'azienda all'improvviso mi chiede in
un giorno di licenziarmi con la societa che sto ora e assumermi con un
altra sempre dello stesso proprietario quindi cambiare pounto vendita
visto che vari supermercati hanno societa diverse .quindi licenziarmi e
assumermi nello stesso tempo.io nel colloquio con il capo del personale
ho detto che a me come cosa non stava bene per vari motivi quindi .mi
sono trovato dopo una settimana trasferito punto vendita molto
distante da dove stavo prima e quindi molto lontano da casa.il problema e
che anche le ore lavorative me le stanno facendo fare spezzate 4 ore di
mattina e 4 ore di sera.quindi volevo chedere se qualcuno sa qualcosa
di distanza e turnazione in base la distanza della casa.

un altra cosa che fino ad ora non ho mai messo in evidenza e quella di
avere mio padre portatore di handicap quindi anche se per ora non
possiede la legge 104 ma è in corso volevo chiedre se qualcuno sa dirmi
qualche consiglio grazie

Moravya

Meglio esser pazzo per conto proprio, anziché sano secondo la volontà altrui ! (Friedrich Nietzsche)

  • "Moravya" è una donna

Posts: 232

Activity points: 724

Data di registrazione: martedì, 25 ottobre 2011

Località: Bologna

  • Invia messaggio privato

2

venerdì, 18 novembre 2011, 21:53

Nel mondo del lavoro adesso non è più possibile fidarsi di nessuno.
Nemmeno dopo 10 anni di lavoro.


Tu hai fatto bene infatti a non fidarti di quel contratto di "licenziamento e assunzione" e ora ti spiego il perchè:
anni fa una ragazza che era mia collega di lavoro mi raccontò che la sua azienda dove lavorava da anni aveva deciso di licenziare i dipendenti e riassumerli subito ma sotto il nome di un'altra azienda. Le dissero che non cambiava nulla a livello di buste paga ma che era solo una pro-forma.
Tutto ok e firmò le carte.

Se non fosse che licenziandosi dalla ditta X per poi firmare subito dopo il foglio di assunzione alla ditta Z, a lei spettava di diritto il TFR di licenziamento della ditta X.... che invece non le diedero MAI !!!
Quindi si ritrovò ad avere solo la busta paga dell'ultimo mese di lavoro con la ditta X e il pagamento costante dei mesi di lavoro lavorati con l'assunzione alla ditta Z ma non le venne riconosciuto il TFR !!!

Così si ritrovava con il conteggio del TFR azzerato appena firmò l'assunzione con la ditta Z.... e quindi dato che lavorava da anni, non le diedero ben più di 5 mila euro !!! una somma considerevole dati i tempi che corrono !!!


Tutto dipende dalla serietà dell'azienda.
Puoi fidarti o non fidarti... se sono onesti ti pagheranno tutto, se non lo sono rischi di perdere il TFR....

<<Il ricordo della felicità non è più felicità, il ricordo del dolore è ancora dolore.>>
(Albert Einstein)

Prima di diagnosticarti depressione o bassa autostima, assicurati di non essere semplicemente circondato da str*nzi.

fquadro

Nuovo Utente

Posts: 7

Activity points: 28

Data di registrazione: sabato, 25 febbraio 2012

  • Invia messaggio privato

3

sabato, 31 marzo 2012, 13:02

fatti furbo, è brutto dirlo ma forse serve.

Vai da un medico e di che la lontananza da casa ti ha stressato, marchi visita e puoi stare in malattia fino a 6 mesi, poi alla fine ti licenzieranno di sicuro però.

Gabriele79

Utente Avanzato

  • "Gabriele79" è un uomo

Posts: 820

Activity points: 2.537

Data di registrazione: domenica, 27 febbraio 2011

Località: Italia

  • Invia messaggio privato

4

sabato, 31 marzo 2012, 17:32

mi spiace dirlo, perché in questo caso il problema non è la difficoltà nel lavoro, ma solo la distanza e la turnazione fatta apposta per essere scomoda, ma concordo con fquadro, purtroppo non puoi fare altro.
Firmando quel contratto capestro, avresti fatto esattamente la fine che ti ha detto moravia, buttando nelle saccocce del tuo "padrone" 10 anni di liquidazione, quindi minimo minimo 10 mila e rotti euro. E poi, licenziandoti, avresti perso ogni genere di anzianità per mobilità disoccupazione, ecc. ecc.