Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

bridget80

Utente Fedele

  • "bridget80" ha iniziato questa discussione

Posts: 273

Activity points: 1.071

Data di registrazione: venerdì, 02 gennaio 2009

  • Invia messaggio privato

1

mercoledì, 22 aprile 2009, 10:59

ma che razza di stage è?

tempo fa ho fatto un master in editoria e comunicazione che avrebbe dovuto garantirmi da contratto uno stage, in modo da cominciare a fare esperienza nel mondo delle case editrici.
dopo mesi e mesi di attesa mi hanno finalmente trovato una casa editrice in cui fare lo stage. si tratta di una casa editrice che si occupa d'arte, mentre io sono laureata in lettere, ma siccome mi avevano detto che se mi facevo vedere seria e diligente mi avrebbero poi assunta ho accettato. Risultato: è una settimana che ho iniziato e non mi hanno fatto fare niente. la casa editrice possiede anche un museo e l'unica cosa che finora mi hanno fatto fare è stare al museo ad accogliere quei rari visitatori che vengono. solo una volta il capo mi ha dato da fare delle ricerche, ma non è venuto nemmeno a controllare se avevo fatto un buon lavoro o no.
a questo punto non so se mollare o no: uno stage dovrebbe avere uno scopo formativo e lo stagista dovrebbe esssere seguito, aiutato e corretto quando sbaglia. qui invece di formativo non ci vedo niente, mi fanno stare a guardia del museo e nessuno mi segue o mi fa fare niente.
che faccio? oltretutto abito lontano e mi stressa alzarmi presto tutte le mattine, prendere gli autobus affollati per poi non combinare niente!

  • "pollicino" è un uomo

Posts: 5.632

Activity points: 17.932

Data di registrazione: domenica, 30 dicembre 2007

Località: Sixth Saint John

  • Invia messaggio privato

2

mercoledì, 22 aprile 2009, 11:22

lo stage spesso di formativo non ha nulla....

si entra in azienda per capire come funzionano i meccanismi, ma a livello conoscitivo la maggior parte delle volte è nullo.

il mio consiglio però è quello di fare bene quello che ti chiedono di fare. questo perchè quando entri in un'azienda non ti conoscono e non ti danno incarichi impegnativi, lasciano a te il compito di farti conoscere, di farti apprezzare....
di vederti volenterosa e proattiva....
poi a volte il posto è talmente malmesso che non serve lo stesso, ma quando mi è capitato di vedere stagisti "in gamba", sono sempre stati assunti.....
si chiama gavetta in Italia, è brutto da accettare, ma prima lo si fa, e prima si trova lavoro.

bridget80

Utente Fedele

  • "bridget80" ha iniziato questa discussione

Posts: 273

Activity points: 1.071

Data di registrazione: venerdì, 02 gennaio 2009

  • Invia messaggio privato

3

mercoledì, 22 aprile 2009, 11:27

lo stage spesso di formativo non ha nulla....

si entra in azienda per capire come funzionano i meccanismi, ma a livello conoscitivo la maggior parte delle volte è nullo.

il mio consiglio però è quello di fare bene quello che ti chiedono di fare. questo perchè quando entri in un'azienda non ti conoscono e non ti danno incarichi impegnativi, lasciano a te il compito di farti conoscere, di farti apprezzare....
di vederti volenterosa e proattiva....
poi a volte il posto è talmente malmesso che non serve lo stesso, ma quando mi è capitato di vedere stagisti "in gamba", sono sempre stati assunti.....
si chiama gavetta in Italia, è brutto da accettare, ma prima lo si fa, e prima si trova lavoro.


il fatto è che io non sto dentro l'azienda ad osservare gli altri che lavorano, perchè questo sarebbe già qualcosa, sto tutto il tempo al museo da sola senza vedere cosa fanno gli altri.

  • "pollicino" è un uomo

Posts: 5.632

Activity points: 17.932

Data di registrazione: domenica, 30 dicembre 2007

Località: Sixth Saint John

  • Invia messaggio privato

4

mercoledì, 22 aprile 2009, 11:59

hai provato a farlo presente?
il fatto di non essere in contatto con nessuno di loro e avere un loro feedback è una cosa che potresti richiedere.
come del resto potresti farti sentire tu da chi ti ha dato l'incarico per sapere come va il tuo lavoro.

scusa la domanda ma al museo di cosa ti occupi esattamente?
accogliere i visitatori cosa vuol dire?

Nietzsche

Dreamer in loneliness...

  • "Nietzsche" è un uomo

Posts: 62

Activity points: 214

Data di registrazione: lunedì, 20 aprile 2009

Lavoro: Studente

  • Invia messaggio privato

5

mercoledì, 22 aprile 2009, 13:24

RE: ma che razza di stage è?

tempo fa ho fatto un master in editoria e comunicazione che avrebbe dovuto garantirmi da contratto uno stage, in modo da cominciare a fare esperienza nel mondo delle case editrici.
dopo mesi e mesi di attesa mi hanno finalmente trovato una casa editrice in cui fare lo stage. si tratta di una casa editrice che si occupa d'arte, mentre io sono laureata in lettere, ma siccome mi avevano detto che se mi facevo vedere seria e diligente mi avrebbero poi assunta ho accettato. Risultato: è una settimana che ho iniziato e non mi hanno fatto fare niente. la casa editrice possiede anche un museo e l'unica cosa che finora mi hanno fatto fare è stare al museo ad accogliere quei rari visitatori che vengono. solo una volta il capo mi ha dato da fare delle ricerche, ma non è venuto nemmeno a controllare se avevo fatto un buon lavoro o no.
a questo punto non so se mollare o no: uno stage dovrebbe avere uno scopo formativo e lo stagista dovrebbe esssere seguito, aiutato e corretto quando sbaglia. qui invece di formativo non ci vedo niente, mi fanno stare a guardia del museo e nessuno mi segue o mi fa fare niente.
che faccio? oltretutto abito lontano e mi stressa alzarmi presto tutte le mattine, prendere gli autobus affollati per poi non combinare niente!
Mi dispiace dirtelo, non voglio essere troppo duro, ma almeno qui in Italia molte aziende o enti, gli stagisti li considerano mero nastro adesivo per tappare i buchi lasciati da dipendenti a tempo indeterminato in vacanza, maternità o malattia. Poi quando tornano ti buttano via senza tanti complimenti. Lo so che è orrendo, ma la concezione di merce che la società ha nei confronti del lavoro porta, purtroppo oltre che benefici e flessibilità, anche questi lati negativi. Io terrei lo stage ma inizierei subito a cercare qualche altra occupazione, per esempio su siti di annunci come Monster.it. Riguardo l'editoria (che penso sia il tuo campo) ho trovato qualche annuncio interessante. Se è solo una perdita di tempo come tu l'hai descritta, la mollerei in cerca di un vero impiego. Poi sottolineo che è solo un mio punto di vista.
And on I read
Until the day was gone
And I sat in regret
Of all the things I've done
For all that I've blessed
And all that I've wronged
In dreams until my death
I will wander on


- Like a Stone, Audioslave , Audioslave 2002

bridget80

Utente Fedele

  • "bridget80" ha iniziato questa discussione

Posts: 273

Activity points: 1.071

Data di registrazione: venerdì, 02 gennaio 2009

  • Invia messaggio privato

6

mercoledì, 22 aprile 2009, 15:21

hai provato a farlo presente?
il fatto di non essere in contatto con nessuno di loro e avere un loro feedback è una cosa che potresti richiedere.
come del resto potresti farti sentire tu da chi ti ha dato l'incarico per sapere come va il tuo lavoro.

scusa la domanda ma al museo di cosa ti occupi esattamente?
accogliere i visitatori cosa vuol dire?



devo accompagnarli per le stanze e controllare che non tocchino le opere, più dare qualche informazione su orari di apertura del museo. tieni presente che ne verranno al massimo due o tre al giorno quindi sto otto ore senza far niente.
oggi abbiamo fatto progressi mi hanno fatto imbustare gli inviti per una mostra.
comunque aspetterò qualche altro giorno poi se le cose non migliorano li mollo.

  • "pollicino" è un uomo

Posts: 5.632

Activity points: 17.932

Data di registrazione: domenica, 30 dicembre 2007

Località: Sixth Saint John

  • Invia messaggio privato

7

mercoledì, 22 aprile 2009, 15:30

immagino che sia frustrante e ti capisco.

a volte va a fortuna, ma quest'ultima premia gli audaci e chi persevera ;)

cambi24

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile. (San Francesco)

  • "cambi24" è una donna

Posts: 4.341

Activity points: 14.969

Data di registrazione: venerdì, 05 dicembre 2008

Località: Modena

Lavoro: impiegata

  • Invia messaggio privato

8

mercoledì, 22 aprile 2009, 15:39

è una settimana che ho iniziato


è da poco che hai iniziato, perciò porta pazienza!

gli stage sono tutti così all'inizio.... :)
lo so anche io che, solo dopo 5 anni di stage in varie aziende, sono stata assunta x 3 anni in un'altra.

Poi se ti hanno detto che sei seria e diligente, non andare via!!! :(

Deny77

Amico Inseparabile

Posts: 1.138

Activity points: 3.869

Data di registrazione: venerdì, 07 dicembre 2007

Località: Torino

  • Invia messaggio privato

9

mercoledì, 22 aprile 2009, 16:10

Ciao Bridget, secondo me, già solo per il fatto che ti hanno detto che, finito lo stage, potrebbero assumerti, vale la pena continuare.
Magari non sarà il lavoro dei tuoi sogni, ma pur sempre di un lavoro si tratta e... con i tempi che corrono!

Nel frattempo puoi sempre cercare altro!