Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

Chiarasiderale

Nuovo Utente

  • "Chiarasiderale" ha iniziato questa discussione

Posts: 1

Activity points: 10

Data di registrazione: domenica, 13 maggio 2018

  • Invia messaggio privato

1

domenica, 13 maggio 2018, 11:39

Collega narcisista

Ciao a tutti, ho una collega narcisista sulla sessantina. Questa persona è invisa a tutti (perfezionista, ipercritica, lamentosa, infantile, egocentrica, isterica e chi ne ha più ne metta) cerca in continuazione di manipolare ciclicamente qualcuno per ottenere rifornimento narcisistico e svalutare qualcun altro che in quel momento è il suo bersaglio. Da quando sono entrata il suo bersaglio sono io, è terribilmente invidiosa e fa di tutto per screditarmi (senza riuscirvi perché ho un buon carattere e sono molto competente, tra l’altro ho un ottimo rapporto con i colleghi con i quali spesso ci troviamo d’accordo sulle considerazioni su questa personaccia). Il problema ora è che io ho avuto una storia finita male con un collega esterno al posto di lavoro che peró ogni tanto fa capolino in ufficio perché settimanalmente si deve presentare a fare rapporto e lei, sapendolo, sta agganciandosi a lui per mettersi al centro dell’attenzione pensando di farmi in questo modo (è pazza ha più di sessant’anni e poi lui so bene che la odia ma la cosa assurda è che si stanno appoggiando a vicenda in una sorta di rappresentazione in cui si valorizzano reciprocamente). Quando lui arriva lei inizia a parlare ad alta voce simulando un’intesa e un affiatamento e idealizzandolo e lui mi accorgo che fa lo stesso con lei cercando di darsi un tono e cavalcando la ventata di rifornimento narcisistico che lei gli offre. Si usano a vicenda perché in questo hanno l’obiettivo comune di ferirmi. Come posso difendermi da questa dinamica perversa? Io ignoro entrambi ma riesco a lavorare male quando sono in presenza di entrambi grazie per le risposte

1 utente a parte te sta visitando questo thread:

1 ospite