Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Lucas93

Giovane Amico

  • "Lucas93" is male
  • "Lucas93" started this thread

Posts: 144

Activitypoints: 479

Date of registration: Mar 17th 2018

Location: In Toscana, tra mare e dolci colline

Occupation: Servizio Civile

  • Send private message

1

Wednesday, March 28th 2018, 7:02pm

Sogni lucidi

E' un po' di tempo che mi ritrovo ad essere consapevole di essere dentro un sogno, mentre in passato non mi accadeva mai... se il sogno è un "luogo" dove dimentichi per una notte la realtà e vivi in un mondo fantastico, con i sogni lucidi mi ritrovo senza sapere perché, ad essere cosciente di far parte di un sogno e quindi il sogno in un certo senso lo gestisco come voglio io fino al risveglio.

Non so se a voi è mai capitato di fare sogni lucidi. Parlatene qui ;)

2

Wednesday, March 28th 2018, 7:09pm

Si, a me è capitato.
Non so se è la stessa cosa che descrivi tu, io fantastico prima di addormentarmi...gestisco il sogno a modo mio fino ad addormentarmi.
Mi capita spesso che la mia mente immagini le stesse scene e le riproponga.
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

Lucas93

Giovane Amico

  • "Lucas93" is male
  • "Lucas93" started this thread

Posts: 144

Activitypoints: 479

Date of registration: Mar 17th 2018

Location: In Toscana, tra mare e dolci colline

Occupation: Servizio Civile

  • Send private message

3

Wednesday, March 28th 2018, 7:38pm

Quello che dici te mi è capitato molto di rado, mentre il controllo dei sogni mi capita più spesso verso la fine del sogno oppure recentemente mi capita durante il riposo pomeridiano.

La cosa stupenda dei sogni è l'attimo che separa la realtà dall'inizio del sogno. Anche li mi sono accorto che la percezione della realtà viene stravolta e pure la logica. Ad esempio appena comincia il sogno pensi che sia possibile volare e ti chiedi perché non l'hai mai fatto prima. Vivi letteralmente un'altra dimensione. Molto meno gestibili invece sono gli incubi e anche quando sei cosciente di essere in un sogno, non riesci a uscirne e fai molta fatica.

Belfalas

Utente Fedele

Posts: 475

Activitypoints: 1,282

Date of registration: Aug 26th 2014

  • Send private message

4

Thursday, March 29th 2018, 3:32pm

Ciao. Io ho sempre sognato molto ma è solo da circa 3 anni a questa parte che ho incominciato ad avere esperienze di lucidità nei sogni. Si tratta di una delle esperienze più elettrizzanti che mi siano mai capitate e che mi hanno spinto a farmi un sacco di domande sul senso di questa esperienza, su cosa significhi sentirsi sveglio all'interno di un sogno, su quale sia la differenza essenziale tra sogno ed esperienza ordinaria ecc. ecc. Ho anche cercato di approfondire con delle letture sull'argomento, scoprendo purtroppo che la bibliografia in italiano è scarsissima e datatissima e bisogna quasi obbligatoriamente rivolgersi a testi di lingua inglese. In America, se non ricordo male, le facoltà di psicologia di più di università anno avviato delle ricerche sui sogni lucidi (una cosa quasi impensabile in Italia se ci pensate).
A parte questo, per entrare più nel dettaglio delle mie esperienze... cercando di fare una media posso dire di avere una o due esperienze di lucidità al mese, si verificano quasi sempre verso la mattina, nell'ultima fase del sonno, quella in cui l'attività onirica è più intensa, lo stato di lucidità si innesca nel corso di un sogno ordinario improvvisamente ed è scatenata da qualche dettaglio del sogno che io sognatore (ma a quel punto già parzialmente sveglio dentro al sogno) mi accorgo all'improvviso essere incongruente, assurdo, inspiegabile. A quel punto avviene il risveglio dentro il sogno, non sono più il sognatore che sogna, completamente identificato nel sogno al punto da credere che si tratti della realtà; infatti se ci pensate nonostante nei sogni si sia protagonisti delle vicende più assurde si crede che siano vere, altrimenti non sarebbero così emotivamente coinvolgenti, quando non spaventevoli. Nella maggior parte dei casi bisogna svegliarsi fisicamente nella realtà ordinaria per accorgersi con enorme sollievo di come le cose sognate fossero assurdamente irreali. Il sogno lucido lo descrivo come una specie di risveglio anticipato, ovvero prima che corpo e mente si risveglino totalmente nella realtà ordinaria ,dissolvendo il sogno, avviene che mentre il corpo ancora dorme una parte della coscienza si risvegli al sogno mentre il sogno ancora si sta svolgendo; tutto ad un tratto da quelle sequenze di immagini, emozioni, narrazioni quasi sempre caotiche in cui sono totalmente immerso emerge l'osservatore, che sono io....
Quell'istante è una esperienza che definire meravigliosa è poco; quando avviene mi sento completamente elettrizzato, euforico. Ora le esperienze di lucidità per quanto mi riguarda possono avvenire a livelli di intensità molto differenti, si va da sogni caratterizzati da un blando senso di presenza, in cui si sperimenta una parziale capacità di controllare il sogno stesso, fino a esperienze di lucidità molto intense in cui si ha a tutti gli effetti la certezza di essere svegli e vigili con la propria coscienza ordinaria all'interno di un corpo che è il proprio corpo sognato e che si muove e fa esperienza all'interno di una dimensione sognata. Durante le prime esperienze di lucidità ero così travolto dall'emozione e dalla frenesia di sperimentare il mondo sognato che mi svegliavo (con rammarico) dopo poco. Ultimamente ho imparato durante le esperienze di lucidità a contenere un po' l'emozione e a esplorare il sogno in cui mi trovo con molta circospezione (benché sempre tremante ed emozionata), nella speranza di mantenere l'equilibrio fragile dello stato di veglia nel sogno il più a lungo possibile. Di fatto posso dire che nella mia esperienza gli stati di lucidità onirica sono solitamente molto brevi, di solito più sono intensi più sono brevi; la realtà sognata è qualcosa di incredibilmente instabile e fluttuante, averne il controllo è quasi impossibile e l'emotività che inizialmente si scatena complica molto la situazione. La questione della durata dell'esperienza di lucidità nel sogno pone un'altra questione molto interessante ovvero qual'é il rapporto tra il tempo reale e il tempo sognato, o meglio il tempo che si trascorre da svegli nel sogno? E' chiaro che finché si è immersi nel sogno ordinario (il sognatore nel sogno) non ci si pone il problema del tempo, nel sogno non c'è esperienza del tempo, in un certo senso si è fuori dal tempo, gli eventi sognati hanno sì una loro successione meramente cronologica, ma oltre ad essere quasi sempre priva di logica questa successione di eventi si svolge in una dimensione fondamentalmente atemporale. Svegliarsi dentro un sogno complica però la situazione di non poco, quando si è svegli dentro il sogno consapevoli di stare sognando si ha da un lato la sensazione di essere fuori dal tempo ordinario, tuttavia si ha un'esperienza temporale nel senso che l'esperienza di lucidità ha una sua durata, di solito abbastanza breve. Riflettendo a posteriori su una mia esperienza di lucidità poco dopo che si era verificata, quando era ancora molto vivida, mi sono spesso chiesto quanto fosse effettivamente durata; intorno ai dieci secondi mi sono spesso risposto, venti nei casi più estremi (venti secondi sveglio dentro ad un sogno non sono affatto pochi ve lo assicuro, sono un enormità nell'esperienza soggettiva), il punto è che si tratta di una misurazione basata su di una percezione soggettiva alquanto vaga.
Molte altre cose avrei da dire, ho preso un po' di appunti in questi anni, qui ho cercato di esprimere in ordine sparso un po' di osservazioni, spero siano di spunto per la discussione, quello dei sogni e ancor di più dei sogni lucidi è un ambito che mi piacerebbe molto approfondire. Chiudo con la descrizione di uno dei miei primi sogni lucidi fatto qualche anno fa:

Si comincia con un sogno ordinario.... sono nel soggiorno della casa dei miei genitori (quella che è stata anche casa mia per circa trent'anni), a una delle estremità della sala dietro i vetri della finestra che dà sul retro osservo un intrico di rami di alberi quasi come quelli di una giungla tropicale, non solo, uccelli... uccelli coloratissimi, dai colori brillanti, meravigliosi, questo dettaglio improvvisamente fa scattare qualcosa (Ehi un attimo...una giungla con uccelli tropicali...questo è semplicemente impossibile!!!! Ebbene sono qui, ci sono, sono dentro al mio sogno!) ecco il momento magico del risveglio, senso di meravigliata euforia, di esaltazione...corro di slancio con quello che so essere il mio corpo sognato nella direzione opposta a quella della finestra di prima in direzione della porta finestra che dà sul balcone che si affaccia sul nostro giardino, corro in quella direzione, trovo la porta finestra opportunamente già spalancata e spicco un salto scavalcando la ringhiera del balcone e decollando sopra il cortile in una giornata di sole estivo incredibilmente radiosa, i colori delle cose sono plausibili ma evidentemente intensificati, il verde degli alberi del giardino e l'azzurro intensissimo del cielo. Non è una giornata d'estate determinata nel tempo, è la quint'essenza di una giornata di sole della mia infanzia. Il volo prosegue oltre il cortile, c'è la strada, poi un campo da calcio (è così anche nella realtà) sopra il campo da calcio mi accorgo di perdere quota, di perdere energia, la luminosità si attenua fortemente, i dettagli della realtà sognata si sfaldano, si scuriscono, nonostante il mio desiderio di trattenerla (o forse proprio a causa di esso)...mi sveglio di nuovo...nella realtà.

This post has been edited 11 times, last edit by "Belfalas" (Mar 29th 2018, 3:57pm)


Lucas93

Giovane Amico

  • "Lucas93" is male
  • "Lucas93" started this thread

Posts: 144

Activitypoints: 479

Date of registration: Mar 17th 2018

Location: In Toscana, tra mare e dolci colline

Occupation: Servizio Civile

  • Send private message

5

Thursday, March 29th 2018, 10:02pm

Che descrizione accurata! Ci ho messo un po' a leggerlo ma ne è valsa la pena. Più di una volta sono stato tentato di scrivere i sogni che ho fatto appena sveglio ma mi sono accorto che basta qualche movimento perché i ricordi dei sogni appena conclusi svaniscano dalla memoria quindi ricordo solo qualche sogno (uno lo avevo pure scritto ma quel foglio è scomparso da tempo) mentre il sogno più lontano che ricordo appartiene all'età di 5 anni.

Un'altra volta, avevo fatto un sogno così realistico in età adolescenziale (avevo sognato di aver comprato un videogioco per ps3) che poco dopo il mio risveglio, mi ero convinto per un attimo di averlo comprato davvero e avevo dato una occhiata alla mensola con tutti i dischi per vedere se c'era!

I sogni sono una cosa meravigliosa. Non so ancora come la natura sia stata capace di creare un simile capolavoro di illusione, fuori dalla realtà.

Se ci pensiamo, dedichiamo almeno 1/3 della nostra esistenza al mondo dei sogni. Quindi 2/3 coscienti in un mondo reale e il restante tempo a mondi fantastici e fuori da ogni immaginazione.

Similar threads