Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

ely101

Utente Fedele

  • "ely101" ha iniziato questa discussione

Posts: 332

Activity points: 1.087

Data di registrazione: lunedì, 10 marzo 2008

Località: Emilia

  • Invia messaggio privato

1

lunedì, 12 luglio 2010, 20:01

Sono sensibile ai farmici... esiste qualcosa per me?

Salve!

Premetto che la mia domanda non è per una diagnosi, per quella mi rivolgo al mio medico... ho solo bisogno di alcuni chiarimenti...

Sono in cura da alcuni anni per l'ansia e un accenno di depressione, inizialmente con l'En, dove sono arrivata a 20 gocce al giorno, dopo di che lo psichiatra mi ha prescritto dei farmaci diversi... subito il Dapagut, ma con 2 gocce al giorno mi girava la testa ed ero stordita, e poi con l'Entact, ma avevo gli stessi sintomi con 3 gocce al giorno.

Da allora sono passata allo Xanax, 10 gocce al giorno, ma devo aumentare la posologia circa ogni due settimane o i sintomi di distruggono... premetto che anche aumentandole i sintomi sono sempre presenti, non scompaiono mai...

Ora la mia domanda è questa...

Stabilito che lo Xananx è un "pagliativo" e non è la cura più corretta... provando con gli Sll mi gira la testa e sono completamente stordita, ma anche con lo xanax gli effetti sono gli stessi almeno che non aumento la dose...

Mi devo mettere il cuore in pace e continuare con gli ansiolitici, o esistono vari tipi di sll?

Quello che vorrei capire è se è possibile trovare un farmaco che non mi dia tutta questa serie di effetti collaterali, ma che mi faccia arrivare a qualcosa....

Il mio psichiatra mi ha fatto sospendere i tentativi perchè mi sentivo ormai una "cavia"...

Quello che vorrei sapere, è se ci sono altre strade da percorrere o se devo rimanere su quella degli ansiolitici.

Resto a disposizione di chiarimenti nel caso la mia domanda non dovesse risultare chiara.

Grazie infinite per la cortese attenzione.

Dr. Vassilis Martiadis

Utente Avanzato

Posts: 656

Activity points: 1.968

Data di registrazione: martedì, 29 giugno 2010

Lavoro: Specialista in Psichiatria - Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Invia messaggio privato

2

martedì, 13 luglio 2010, 07:56

Per i disturbi d'ansia esistono 6 SSRI, 1 SNRI, diversi triciclici. Credo che lei abbia provato solo alcune strade e si sia scoraggiata ai primi tentativi. Succede per molti pazienti. Bisognerebbe avere pazienza e sopportare alcuni disagi che molto spesso sono limitati alla prima settimana di trattamento.

Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis

Specialista in Psichiatria


www.psichiatranapoli.it

ely101

Utente Fedele

  • "ely101" ha iniziato questa discussione

Posts: 332

Activity points: 1.087

Data di registrazione: lunedì, 10 marzo 2008

Località: Emilia

  • Invia messaggio privato

3

lunedì, 19 luglio 2010, 17:51

Grazie per la sua gentile risposta, e grazie per avermi chiarito un pò le idee.

Mi scuso se non ho risposto prima ma ho avuto alcuni problemi di connessione.

Effettivamente è come dice lei, questo tipo di terapia mi è stata sospesa perchè accusavo una grande varietà di effetti collaterali, che sono rimasti invariati per oltre tre settimane di trattamento...

A suo avviso, è possibile che gli stessi effetti collaterali (giramenti di testa e stordimento) si presentino anche con gli altri tipi di farmaci che mi ha elencato?

Da quello che leggo ce ne sono vari, e io ne ho provati due...

Varrà la pena tentare? La testa mi gira ugualmente anche con lo Xanax se non aumento la posologia...

Grazie infinite per la pazienza che stà dimostrando

Dr. Vassilis Martiadis

Utente Avanzato

Posts: 656

Activity points: 1.968

Data di registrazione: martedì, 29 giugno 2010

Lavoro: Specialista in Psichiatria - Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Invia messaggio privato

4

lunedì, 19 luglio 2010, 22:31

Il fatto che il capogiro scompaia aumentando il dosaggio di xanax indica che verosimilmente il capogiro è di origine ansiosa.

La scelta se provare altri trattamenti deve essere ponderata insieme allo specialista valutando i possibili vantaggi e i potenziali eventi avversi. Dal momento che questi farmaci sono generalmente ben tollerati, è possibile che altre molecole non abbiano gli stessi effetti negativi. Ne parli con il suo specialista di fiducia.

Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis

Specialista in Psichiatria


www.psichiatranapoli.it

ely101

Utente Fedele

  • "ely101" ha iniziato questa discussione

Posts: 332

Activity points: 1.087

Data di registrazione: lunedì, 10 marzo 2008

Località: Emilia

  • Invia messaggio privato

5

martedì, 20 luglio 2010, 21:16

Come sempre grazie per la risposta.

Ne parlerò sicuramente con il mio psichiatra... che oltretutto è quasi perennemente introvabile, il chè non mi aiuta molto...

Per i giramenti di testa, ho fatto sia un esame neurologico che uno dall'otorino, niente.

Anche il mio medico è dell'idea che siano dovuti all'ansia...

Ma sono tremendamente invalidanti... ormai non esco più di casa da sola...

Ma ne parlerò con il mio medico... nell'attesa, aumenterò ancora la posologia.

Grazie ancora per la sua disponibilità.

ely101

Utente Fedele

  • "ely101" ha iniziato questa discussione

Posts: 332

Activity points: 1.087

Data di registrazione: lunedì, 10 marzo 2008

Località: Emilia

  • Invia messaggio privato

6

lunedì, 16 agosto 2010, 19:51

Aggiornamento...

Ho parlato con il mio medico, ma mi sconsiglia altri farmaci perchè gli effetti indesiderati che avevo con quelli che ho provato li avrei anche con gli altri...

Mi ha allora aumentato le dosi dello Xanax, da prendere 3 volte al giorno...

I giramenti di testa si attenuano per due orette dopo l'assunzione, ma poi ricompaiono...

Arrivo da qualche parte in questo modo???

Dr. Vassilis Martiadis

Utente Avanzato

Posts: 656

Activity points: 1.968

Data di registrazione: martedì, 29 giugno 2010

Lavoro: Specialista in Psichiatria - Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Invia messaggio privato

7

lunedì, 16 agosto 2010, 20:36

Purtroppo la terapia con ansiolitici (xanax) non è risolutiva e non si può portare avanti per periodi prolungati.

Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis

Specialista in Psichiatria


www.psichiatranapoli.it

ely101

Utente Fedele

  • "ely101" ha iniziato questa discussione

Posts: 332

Activity points: 1.087

Data di registrazione: lunedì, 10 marzo 2008

Località: Emilia

  • Invia messaggio privato

8

martedì, 07 settembre 2010, 20:11

Mi scusi se la disturbo ancora, ma a quanto pare mi chiarisce le idee meglio lei che il mio medico di base...

Purtroppo non riesco a contattare il mio psichiatra perchè è in ferie, ma lo farò di sicuro.

Confermo quello che ha scritto tempo fa, che lo xanax non cura, e ne ho la certezza perchè stò sempre peggio.

La mia domanda è questa, se con i farmaci che il mio medico chiama "di ultima generazione" tipo il Dapagut o L'Entac mi fanno stare peggio, devo arrendermi?

Mi scusi l'ignoranza, ma non esistono più gli antidepressivi di "Vecchia Generazione"? o avrei comunque gli stessi problemi e per questo non me li ha nemmeno presi in considerazione?

Scusi il distrurbo... ma non ci capisco più niente....

Dr. Vassilis Martiadis

Utente Avanzato

Posts: 656

Activity points: 1.968

Data di registrazione: martedì, 29 giugno 2010

Lavoro: Specialista in Psichiatria - Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Invia messaggio privato

9

martedì, 07 settembre 2010, 22:56

Gli ssri attualmente disponibili in italia sono:
citalopram
escitalopram
fluoxetina
fluvoxamina
paroxetina
sertralina
Gli snri: venlafaxina e duloxetina
Triciclici: amitriptilina, nortriptilina, clomipramina per dirne solo i più usati
Altri: bupropione, trazodone, mirtazapina

Forse ne ha saggiati il 5%
Gli effetti collaterali sono in parte comuni alle diverse classi, ma la reattività indivisuale al singolo farmaco è molto diversa
Dott. Vassilis Martiadis

Specialista in Psichiatria


www.psichiatranapoli.it

ely101

Utente Fedele

  • "ely101" ha iniziato questa discussione

Posts: 332

Activity points: 1.087

Data di registrazione: lunedì, 10 marzo 2008

Località: Emilia

  • Invia messaggio privato

10

giovedì, 09 settembre 2010, 18:35

Gli ssri attualmente disponibili in italia sono:
citalopram
escitalopram
fluoxetina
fluvoxamina
paroxetina
sertralina
Gli snri: venlafaxina e duloxetina
Triciclici: amitriptilina, nortriptilina, clomipramina per dirne solo i più usati
Altri: bupropione, trazodone, mirtazapina

Forse ne ha saggiati il 5%
Gli effetti collaterali sono in parte comuni alle diverse classi, ma la reattività indivisuale al singolo farmaco è molto diversa



Direi che è stato chiarissimo... come sempre, mi ha chiarito meglio le idee lei di tanti alti, mille grazie!

Almeno ora sò che l'affermazione del mio medico che se stò male con l'Entanc ormai non c'è altro non è corretta...

Forse una qualche speranza allora ce l'ho ancora...



Ma come sempre, devo aspettare il mio psichiatra per vedere come fare!

Grazie mille per la disponibilità!

ely101

Utente Fedele

  • "ely101" ha iniziato questa discussione

Posts: 332

Activity points: 1.087

Data di registrazione: lunedì, 10 marzo 2008

Località: Emilia

  • Invia messaggio privato

11

lunedì, 18 ottobre 2010, 17:28

Chiarimento su Assunzione Paroxetina

Mi sa che ho ancora bisogno di lei...

Le scrivo su questo post così può avere più o meno chiara la mia situazione.

Dopo numerosi tentativi sono riuscita finalmente a contattare il mio psichiatra e mi ha prescritto la Paroxetina.

Ora, dopo alcuni giorni di assunzione, avrei alcune domande... ovviamente il mio psichiatra è di nuovo irreperibile, e stò cambiando medico di base e quindi non posso chiedere nemmeno a lui.

Credo comunque che lei mi possa rispondere, in quanto le mie domande riguardano la modalità di assunzione... e diciamo anche che lei è sempre chiarissimo nelle sue risposte.

Allora, premetto che mi è stato prescritta una goccia al giorno da aumentare di una ogni ogni giorno, ora sono a quattro gocce, quindi direi che siamo ad una posologia ancora molto bassa per vedere qualche effetto... infatti per ora non ce ne sono.

Mi è stato detto di assumerla alla sera prima di andare a letto... ora il mio dubbio è questo... io a cena sono solita bere un bicchiere di vino, non vado oltre....

Dalla fine della cena a quando assumo il farmaco passano 4 - 4,5 ore... secondo lei và bene???

O è preferibile che la assuma al mattino? Devo mangiare prima? perchè la mia colazione è un caffè!

Altra domanda, porti molta pazienza...

La paroxetina ha un effetto sedativo?

Glielo chiedo perchè io alla mattina faccio sempre una fatica tremenda ad alzarmi (anche prima di iniziare la terapia) un pò per i miei orari "sballati" e un pò perchè appena mi alzo inizio a stare male... e quindi può immaginare anche lei quanto sia bassa la mia voglia di alzarmi...

Il dubbio mi viene perchè se già fatico, e magari il farmaco è sedativo, non vorrei che mi peggiorasse ancora di più la situazione...

Termino con l'ultima domanda... ai dosaggi che prendo, secondo lei più o meno in quanto tempo inizio a vedere qualche effetto???
Per ora stò male e basta... leggo poi da alcune sue risposte ad altri utenti che potrebbe inizialmente peggiorare i sintomi prima di stabilizzarsi... mi sa che mi viene paura già da adesso...

Come sempre la ringrazio per il tempo e la pazienza che mi dedica.

Dr. Vassilis Martiadis

Utente Avanzato

Posts: 656

Activity points: 1.968

Data di registrazione: martedì, 29 giugno 2010

Lavoro: Specialista in Psichiatria - Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Invia messaggio privato

12

martedì, 19 ottobre 2010, 23:01

Sarebbe preferibile non bere. Il dosaggio è ancora troppo basso per dare effetti terapeutici, e, a mio parere, anche per dare effetti sedativi.
L'azione sedativa del farmaco è blanda ed è variabile da persona a persona. In genere scompare in tempi brevi.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis

Specialista in Psichiatria


www.psichiatranapoli.it

ely101

Utente Fedele

  • "ely101" ha iniziato questa discussione

Posts: 332

Activity points: 1.087

Data di registrazione: lunedì, 10 marzo 2008

Località: Emilia

  • Invia messaggio privato

13

giovedì, 21 ottobre 2010, 19:57

Grazie mille, come sempre è stato chiarissimo nelle sue risposte!

Mi sa che avrò ancora bisogno di lei in futuro... mi sembra l'unico che dice le cose come stanno e non ci gira intorno....

Porti pazienza!