Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

esploratore

Utente Attivo

  • "esploratore" è un uomo
  • "esploratore" ha iniziato questa discussione

Posts: 19

Activity points: 92

Data di registrazione: lunedì, 06 settembre 2010

Lavoro: operaio

  • Invia messaggio privato

1

sabato, 02 ottobre 2010, 09:13

esploratore

Giovedì mattina mentre ero a lavoro,svolgo un lavoro manuale di un certo impegno fisico,ho iniziato ad avvertire i primi sintomi ,ormai li riconosco,spossatezza,palpitazioni,respiro corto,aritmie,stimolo continuo di orinare,senso di sbandamento,stomaco gonfio;ho cercato di gestire la situazione come faccio sempre con respiri profondi,portando la mia attenzione su cose positive,etc.,ma purtroppo non ci sono riuscito e preso dal panico e dalle sensazioni che nel frattempo erano aumentate mi sono dovuto assentare dal posto di lavoro e sono andato a casa.A casa però non riuscendo a calmarmi,la sensazione più forte che provavo era quella di essere privo di forze,di collassare da un momento all'altro, ho preso la decisione di chiamare il 118.Corsa all'ospedale ,faccio tutti gli accertamenti glicemia,pressione160/80,atti respiratori15,elettrocardiogramma e altri,fortunatamente tutto a posto e la prognosi è attacchi di panico.Al pronto soccorso mi hanno dato una decina di gocce di Tranquirit e dopo qualche minuto riesco a trovare la pace e a riacquistare le calorie in quando fino ad allora avevo il corpo gelato e tremori.Vengo dimesso con la raccomandazione di chiamare subito al presentarsi di problemi e mi consigliano di consultare un neurologo per una cura farmacologica oltre alle sedute di terapia che già faccio.Fino ad ora non ero propenso ha prendere medicine ovviamente ero più contento di riuscire a gestire la cosa con le mie forze ,ma in questa occasione mi sono convinto anche perchè questi disturbi mi stanno ostacolando la vita ,ora che nel carattere ho ottenuto molti passi in avanti.Il neurologo mi ha sentito parlare e la prognosi è stata SAP e STATO ANSIOSO e questa è la cura che mi ha dato: POROXETINA,mezza compressa dopocena,e dopo 10 giorni una compressa dopocena.TRANQUIRITgocce,3 gocce alla mattina ore09.00;6 gocce dopocena e dopo 15 giorni 12 gocce dopocena.Con questa cura mi ha garantito dei buoni risultati non prima di un paio di mesi circa.Mi ha avvertito di qualche effetto collaterale come sonnolenza e in questo caso potrebbe diminuirmi la dose e la nausea.Mi dite cosa ne pensate voi e ditemi qualche parola d'incoraggiamento?!GRAZIE.

Dr. Vassilis Martiadis

Utente Avanzato

Posts: 656

Activity points: 1.968

Data di registrazione: martedì, 29 giugno 2010

Lavoro: Specialista in Psichiatria - Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Invia messaggio privato

2

sabato, 02 ottobre 2010, 10:03

La terapia è coerente con la diagnosi e con i sintomi da lei riferiti. Il risultato immediato dovrebbe darlo il tranquirit (diazepam) nel sedare la sintomatologia ansiosa più imminente. Il fondamento della cura è la paroxetina che darà i primi risultati non prima di 4 settimane, considerato che raggiungerà il dosaggio terapeutico (20 mg) dopo 10 giorni. Per inciso, lo specialista di competenza per questi disturbi è lo psichiatra e non il neurologo.

Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis

Specialista in Psichiatria


www.psichiatranapoli.it

Threads simili