Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

aina

in equilibrio tra i mondi

  • "aina" è una donna
  • "aina" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.321

Activity points: 4.285

Data di registrazione: martedì, 08 luglio 2008

  • Invia messaggio privato

1

sabato, 19 luglio 2008, 12:11

La Programmazione Neuro Linguistica è una metodologia di sviluppo personale sviluppata nei primi anni ’70 da Richard Bandler e dal linguista John Grinder e con il contributo di tanti altri studiosi (tra cui Bateson - antropologo). Si tratta di una metafora di lettura della realtà che fornisce un modello non solo analitico, ma anche operativo. Ovvero, in altri termini, facilita il cambiamento, tramite un insieme di tecniche e strumenti (frutto anche dell'integrazione tra psicologia, linguistica, cibernetica e teoria dei sistemi) relativi alla comunicazione, alla percezione e all’esperienza soggettiva.

Concetti generali

L’idea centrale della PNL è che i pensieri, i gesti e le parole dell’individuo interagiscono tra loro nel creare la percezione del mondo. Modificando la propria visione (detta mappa del mondo, ovvero il sistema di credenze relativo a ciò che è la realtà esterna e a ciò che è la realtà interna), la persona può potenziare le proprie percezioni, migliorare le proprie azioni e le proprie performance. La percezione del mondo e la risposta ad esso possono essere modificate applicando opportune tecniche di cambiamento. La PNL insegna a sviluppare abitudini/reazioni di successo, amplificando i comportamenti facilitanti/efficaci e diminuendo quelli limitanti/indesiderati. Il cambiamento può avvenire riproducendo con attenzione i comportamenti e le credenze delle persone di successo - dove per successo si intende il risultato già ottenuto da chi, secondo noi, riesce ad avere un comportamento o ha raggiunto un obiettivo simile a quello al quale siamo tesi (modellamento). La PNL sostiene che le persone possiedono in sé tutte le risorse per avere successo. Bandler e Grinder scelsero tre* terapeuti di successo – Fritz Perls, Virginia Satir e Milton Erickson – come modelli ispiratori della PNL. I due studiosi analizzarono gli schemi di comportamento e di pragmatica dell'azione terapeutica dei tre e svilupparono schemi specifici per la comunicazione in generale, la costruzione della relazione rapport (rapporto empatico positivo)tra soggetto bisognoso di aiuto e terapeuta e le conseguenze positive in termini di miglioramento personale.

informazioni tratte dal sito
http://it.wikipedia.org/wiki/Programmazione_neuro_linguistica#Cenni_storici


Considerazioni personali

Il fatto che si menzionino sempre e solo tre su quattro (il quarto era Feldenkrais...attenzione al corpo) terapeuti "modellati" da Bandler e Grinder, mi fa pensare che l'aspetto corporeo sia stato eclissato ed eluso da quello mentale.

Un gran peccato, visto che i vari centri neuroghiandolari (chiamati chakra dagli orientali ed esoterici), sono posizionati lungo tutto il corpo, sia davanti che dietro, e sono responsabili di moltissime sensazioni che si ricollegano ad altrettante emozioni e ricordi personalissimi...tutte soggettive. Sono lì, diverse in ognuno, per darci informazioni importanti per noi, informazione che è importante saper decodificare correttamente...pena, il totale fuorviamento di se stessi.

Sarebbe interessante, inoltre, collegarsi alle scoperte di Lowen (dando il via ad un lavoro su più livelli...infatti, la "programmazione", oltre ad avvenire a livello mentale, ha luogo a livello emozionale e molto spesso si traduce in energia emozionale congelata in qualche parte del corpo).

Che ne pensate?...
Ho'oponopono





oliverb

Non registrato

2

sabato, 19 luglio 2008, 12:55

mi intendo di PNL da più di 4 anni, e PNL è semplicemente una sigla per racchiudere tutti quei metodi e atteggiamenti mentali che possono servire ad una persona per migliorare o cambiare.
La PNL non parla di charka per non mischiarsi con tutte le altre discipline esoteriche.
Ed è molto meglio così perchè non tutte le persone credono a queste cose (chakra).

aina

in equilibrio tra i mondi

  • "aina" è una donna
  • "aina" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.321

Activity points: 4.285

Data di registrazione: martedì, 08 luglio 2008

  • Invia messaggio privato

3

sabato, 19 luglio 2008, 13:13

Citato da "oliverb"

mi intendo di PNL da più di 4 anni, e PNL è semplicemente una sigla per racchiudere tutti quei metodi e atteggiamenti mentali che possono servire ad una persona per migliorare o cambiare.
La PNL non parla di charka per non mischiarsi con tutte le altre discipline esoteriche.
Ed è molto meglio così perchè non tutte le persone credono a queste cose
(chakra).

Hai ragione, non parla di chakra, ma suddivide le informazioni che ci arrivano dal mondo estreno o che noi emettiamo attraverso i nostri cinque sensi in 3 categorie...visiva, auditica e cenestesica. I plessi neuroghiandolari (se chakra ti disturba) ci inviano le cosiddette sensazioni cenestesiche sia riguardo il mondo esterno sia riguardo il nostro specifico sentire che, se non integrate con le altre due modalità (visiva e auditiva), danno luogo ad una percezione parziale sia del mondo sia di noi stessi. Ecco perché, ritengo che si in qualche modo utilizzata in modo incompleto e per alcuni fuorviante. Considerare di poco conto le nostre informazioni corporee, potrebbe essere deleterio. Il corpo è un'ottimo strumento di comunicazione, è un gran bene averlo come amico fidato.

Guarda che io amo la pnl....mi secca che la allontanino dagli aspetti fisiologici :)
per renderla qualcosa di puramente mentale. E' riduttivo
Ho'oponopono





oliverb

Non registrato

4

sabato, 19 luglio 2008, 13:15

veramente la PNL parla anche di come la mente influenza il corpo, e anche viceversa:)
quindi non trovo riscontro con quello che dici tu:)

aina

in equilibrio tra i mondi

  • "aina" è una donna
  • "aina" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.321

Activity points: 4.285

Data di registrazione: martedì, 08 luglio 2008

  • Invia messaggio privato

5

sabato, 19 luglio 2008, 13:22

E' vero, ciò che non mi torna è che tra tutti i testi che ho, solo uno menzioni Feldenkrais come il quarto terapeuta studiato a fondo. Perchè?...magari ci si è allontanati da tutto ciò che è corporeo per perseguire solo la direzione in cui è la mente a influenzare il corpo e non viceversa???

Io non credo che il corpo abbia necessità di essere "influenzato" ma ascoltato!!!

....semmai solo dopo aver capito ciò che intendeva comunicarci attraverso sensazioni, disagi o sintomatologie si potrebbe trovare una soluzione che stia bene anche a lui....questa tecnica terapeutica, infatti, viene chiamata ristrutturazione in sei fasi.
Ho'oponopono





oliverb

Non registrato

6

sabato, 19 luglio 2008, 14:25

un attacco di panico che parte dalla mente influenza il corpo causando tremolio incontrollabile, come una bella sbronza che parte dal corpo influenza la mente che non ragiona più.
Mente e corpo sono collegati quindi.
Quello che dici tu e cioè, il corpo che ci comunica tramite sensazioni e disagi, ci comunica in realtà lo stato della nostra mente, che porta alla somatizzazione, e più precisamente del nostro inconscio
.Se poi ti riferisci ai problemi prettamente fisici del corpo come un crampo allora è un altro fatto:)

aina

in equilibrio tra i mondi

  • "aina" è una donna
  • "aina" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.321

Activity points: 4.285

Data di registrazione: martedì, 08 luglio 2008

  • Invia messaggio privato

7

sabato, 19 luglio 2008, 14:40

Credo che parliamo della stessa cosa, semplicemente da due punti di vista diversi :)

aggiungendo alla pnl l'approccio bioenergetico, la mente si "aggiusta" da sola :happy:
è viceversa che non ci si libera più, ma si crea un'ulteriore "corazza", indubbiamente
molto resistente, ma sempre corazza.
Ho'oponopono





oliverb

Non registrato

8

sabato, 19 luglio 2008, 14:47

di bioenergia non me ne intendo molto :rolleyes:
ma in base alla mia esperienza ti posso dire che il corpo comunica il nostro disagio mentale: rilevata la causa inconscia del nostro malessere i sintomi scompaiono.

aina

in equilibrio tra i mondi

  • "aina" è una donna
  • "aina" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.321

Activity points: 4.285

Data di registrazione: martedì, 08 luglio 2008

  • Invia messaggio privato

9

sabato, 19 luglio 2008, 15:06

Certo, è nel trovare la vera causa inconscia che a volte c'è l'intoppo.
Ho visto molte persone spostare semplicemente il sintomo da una parte all'altra (dalla mente, al corpo, alle relazioni)
perché la causa inconscia non è stata ascoltata; lo spostamento del sintomo, infatti, altro non è che i vari tentativi dell'inconscio di ristabilire un equilibrio (anche se malsano) al quale è abituato.

Ci sono "maghi" nel campo della pnl(nel senso che riescono, per una profonda preparazione o per intuito, a "patteggiare" con l'inconscio e quindi risolvere il malessere senza che semplicemente cambi area per attirare ancora l'attenzione ed essere compreso) ma anche persone molto incompetenti e superficiali, che te lo risolvono da una parte per fartelo sbucare da un'altra e, forse, intensificato.
Ho'oponopono





aina

in equilibrio tra i mondi

  • "aina" è una donna
  • "aina" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.321

Activity points: 4.285

Data di registrazione: martedì, 08 luglio 2008

  • Invia messaggio privato

10

sabato, 19 luglio 2008, 15:08

Comunque grazie oliver,
per questo confronto :D
Ho'oponopono





oliverb

Non registrato

11

sabato, 19 luglio 2008, 15:29

io invece sono per l'auto intuizione :)
i malesseri vogliono comunicare a me stesso qualcosa.
Perchè qualcun altro dovrebbe capirlo meglio di me visto che il problema è solo il mio?
Soltanto io posso capirmi totalmente, nessun altro può farlo al posto mio.
Se capisco i disagi del mio corpo a quale stato mentale negativo sono collegati divento il maestro di me stesso: l'ho fatto su me stesso e i disagi che mi tormentavano come tensione costante nella testa (come se il cervello volesse uscire) si sono dileguati.

aina

in equilibrio tra i mondi

  • "aina" è una donna
  • "aina" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.321

Activity points: 4.285

Data di registrazione: martedì, 08 luglio 2008

  • Invia messaggio privato

12

sabato, 19 luglio 2008, 16:02

Complimenti :)
a me la pnl non è bastata.
Ho dovuto integrare tante discipline (gestalt, bioenergetica, desensibilizzazione sistematica, analisi junghiana, terapia cognitiva-comportamentale, analisi dei sogni,...vie esoteriche - perchè la mente non ne poteva più!!! - non nell'ordine esposto) con l'intervento di alcune terapeute e, successivamente (altrimenti ero ancora li a pagare :grin: ) da sola.

Per quanto riguarda la salute...c'è l'ho fatta; ma, le relazioni sono ancora in via di "ristrutturazione"...
.....spero di farcela....in questa vita :lol::lol::lol:
...sennò...sarà per la prossima :red:

alla prox oliver :)
Ho'oponopono





oliverb

Non registrato

13

sabato, 19 luglio 2008, 16:19

:tooth:

ci sono molte terapie, ma non c'è bisogno che una persona le provi tutte (anche se è interessante farlo)
come le tecniche di meditazionie ce ne sono infinite, ma tutte indirizzate verso l'unico scopo e cioè il distacco della mente.

aina

in equilibrio tra i mondi

  • "aina" è una donna
  • "aina" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.321

Activity points: 4.285

Data di registrazione: martedì, 08 luglio 2008

  • Invia messaggio privato

14

sabato, 19 luglio 2008, 16:40

xxx
Ho'oponopono





PaulVerlaine

Il Poeta Maledetto

  • "PaulVerlaine" è un uomo

Posts: 1.642

Activity points: 5.080

Data di registrazione: sabato, 26 aprile 2008

Località: dans le bleu d'une mer sans fin

  • Invia messaggio privato

15

sabato, 19 luglio 2008, 19:15

Grazie aina, la gentile richiesta era mia e il tuo riassunto mi è stato abbastanza utile, ho letto con interesse il 'dibattito'... mi rimangono un paio di domande, o di gentili richieste diciamo... anzitutto potresti dirmi più nello specifico, diciamo nel pratico, cosa si intende per una PNL? Cioè se vado da qualcuno che la fa, che mi fa fare o che mi dice? E la tua esperienza personale con la PNL com'è stata, ti è servita, in cosa ti ha migliorata, in cosa ti ha fatto 'perdere tempo'...?
Grazie mille!!! (Non so se riuscirò a leggere presto le risposte....comunque al più tardi il 6 agosto leggo tutto!!!)
and maybe I will see a different destiny
like knowing you at all was only a bad dream.