Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

lalla75

Utente Attivo

  • "lalla75" ha iniziato questa discussione

Posts: 14

Activity points: 56

Data di registrazione: giovedì, 29 luglio 2010

  • Invia messaggio privato

1

mercoledì, 11 agosto 2010, 13:38

Ragazzi help! Datemi un consiglio (ANSIA E ATTACCHI DI PANICO)

Ciao amici el forum, ho bisogno di un vostro parere. All'ultimo minuto una mia amica mi ha chiesto di andare in Grecia con lei15 gg per svagarmi un pò...Lei non sa che soffro di attacchi di panico e depersonalizzazione (ovviamente sono in cura). Fino a due giorni fa dovevo andare al mare in toscana con i miei ed ero tranquilla ora invece ho ansia. Da un lato vorrei sfidare i miei problemi, prendere l'aereo e partire, mentre dall'altra ho una paura fortissima di sentirmi male...attacchi di panico e tutto il resto.Quando sono con i miei genitori mi sento protetta, ma non posso continuare così...ho 34 anni. Secondo voi cosa dovrei fare? Andare e provare? AIUTO :dash:

vicky68

Quando si agisce cresce il coraggio, quando si rimanda cresce la paura (Publilio Siro)

  • "vicky68" è una donna

Posts: 144

Activity points: 551

Data di registrazione: lunedì, 09 agosto 2010

Località: italia

Lavoro: casalinga

  • Invia messaggio privato

2

mercoledì, 11 agosto 2010, 13:45

ciao lalla secondo me ti conviene fare quello che ti senti più sicura di fare: andare in vacanza con i tuoi.
per il momento se ti senti protetta con loro vai con loro. non è il fatto di avere 34 o 19 di anni nel tuo caso meglio che fai quello che ti senti tranquillamente di fare.
Se magari ne avresti parlato con la tua amica degli attacchi di panico tempo prima magari avreste potuto pianificare il tutto con calma ma se questo ti procura ansia al momento evita.
Non sentirti in colpa se ti senti protetta con i tuoi per adesso è cosi goditi il mare con i tuoi e poi magari chissà alla fine anno o l'anno prossimo riuscirai a prendere l'aereo al l'ultimo minuto

auguri cara non farti troppi problemi fai quello che ti senti di fare e quello che ti fa sentire protetta e sicura.

Magari quanto ti sentirai pronta potrai parlare alla tua amica del tuo problema

vicky

Citato


Abbiamo bisogno di riempire le ferite con le parole, e ricucirle con i sorrisi.



-

lalla75

Utente Attivo

  • "lalla75" ha iniziato questa discussione

Posts: 14

Activity points: 56

Data di registrazione: giovedì, 29 luglio 2010

  • Invia messaggio privato

3

mercoledì, 11 agosto 2010, 13:51

Grazie Vichy! Ma la mia paura è che se vado avanti così non farò mai nulla da sola...è da una vita che mi dico : DAI PROVACI! ESCI DALLA TANA! Il risultato però è che per colpa di tutto questo mi sono persa tantissime cose... ;(

vicky68

Quando si agisce cresce il coraggio, quando si rimanda cresce la paura (Publilio Siro)

  • "vicky68" è una donna

Posts: 144

Activity points: 551

Data di registrazione: lunedì, 09 agosto 2010

Località: italia

Lavoro: casalinga

  • Invia messaggio privato

4

mercoledì, 11 agosto 2010, 13:58

scusa posso chiederti da quando sei in cura?

Citato


Abbiamo bisogno di riempire le ferite con le parole, e ricucirle con i sorrisi.



-

lalla75

Utente Attivo

  • "lalla75" ha iniziato questa discussione

Posts: 14

Activity points: 56

Data di registrazione: giovedì, 29 luglio 2010

  • Invia messaggio privato

5

mercoledì, 11 agosto 2010, 14:03

18 anni...tanti anzi tantissimi...lo so. Quandoci penso piango ;(

6

mercoledì, 11 agosto 2010, 14:43

Il consiglio più giusto sarebbe quello di andare ma ovviamente so che è molto difficile, del resto anche il rimandare sempre non aiuta di certo si rischia così facendo di rimandare all'infinito....devi vedere se te la senti di affrontare la tua ansia in questo momento, pensa che comunque ci sarebbe sempre la tua amica con te ad aiutarti qualsiasi cosa accadesse anche se non sa dei tuoi problemi

lalla75

Utente Attivo

  • "lalla75" ha iniziato questa discussione

Posts: 14

Activity points: 56

Data di registrazione: giovedì, 29 luglio 2010

  • Invia messaggio privato

7

mercoledì, 11 agosto 2010, 14:58

Sai la mia paura qual'è? non so cosa mi possa succedere se sto male e se mi viene un attacco fortissimo. Lo so che è la paura di tutti...

Hoping

Utente Attivo

  • "Hoping" è un uomo

Posts: 22

Activity points: 66

Data di registrazione: sabato, 07 agosto 2010

Località: Milano

Lavoro: Giornalista

  • Invia messaggio privato

8

mercoledì, 11 agosto 2010, 15:29

Ciao amici el forum, ho bisogno di un vostro parere. All'ultimo minuto una mia amica mi ha chiesto di andare in Grecia con lei15 gg per svagarmi un pò...Lei non sa che soffro di attacchi di panico e depersonalizzazione (ovviamente sono in cura). Fino a due giorni fa dovevo andare al mare in toscana con i miei ed ero tranquilla ora invece ho ansia. Da un lato vorrei sfidare i miei problemi, prendere l'aereo e partire, mentre dall'altra ho una paura fortissima di sentirmi male...attacchi di panico e tutto il resto.Quando sono con i miei genitori mi sento protetta, ma non posso continuare così...ho 34 anni. Secondo voi cosa dovrei fare? Andare e provare? AIUTO :dash:

Ciao coetanea!!!! :D :D

dai che siamo tutti nella stessa barca! :) I 18 anni passati a combattere l'ansia non contano, quelli che contano sono oggi e i prossimi 18, quindi non ti preoccupare più di tanto. Peraltro capisco che il discorso della protezione della famiglia non regga più di tanto: ci si sente un po' dei pesci fuor d'acqua, un po' come fossimo ancora dei bambini dentro. Ma sai cosa? Non farne un dramma, elabora piuttosto un piano per uscirne e quando questo succederà, non guarderai di certo ai 18 anni di "libertà imprigionata" ma a quelli che hai davanti di "libertà vera".

Piuttosto mi domando: 18 anni di cura? Intendi farmacologica? Psicoterapia? Entrambe? Te lo chiedo perchè ovviamente c'è qualcosa che non va: o devi cambiare farmaci, o psicologo, o semplicemente hai messo la testa sotto la sabbia per tanto tempo (come ho fatto io, maledizione :D ). Non conoscendoti, non mi permetto di azzardare ipotesi, ma se vuoi estendere il discorso, sono/saremo molto felici di saperne di più.

Ti posso dire qualcosa di me: io soffro di ansia/ipocondria ecc ecc da sempre (primi sintomi a 13 anni), sono un DAPPARO da primato dal 1998, la mia fortuna (per quanto io NON ne sia fuori, mi limito a dire che "va meglio") è stata voler studiare, documentarmi, sentire 1000 pareri, sbattemi per capire. E alla fine ho capito tantissime cose di me stesso e delle paure che mi ruotano attorno. Spesso si tratta della paura di prendersi semplicemente le normali responsabilità che la vita ci pone di fronte, nella convinzione (ERRATA) che un fallimento sia una tragedia. Non lo è, non lo è nella vita di tutti i giorni, non lo sarebbe nella tua vacanza dovesse andare male.

Fai una bella roba: riempi la valigia di xanax :D , concediti una pastiglina extra nei momenti di massima tensione visto lo sforzo psicologico che devi sopportare. Ma poi alla fin fine il discorso non è "l'attacco non mi deve venire", ma "se mi viene, pazienza". Perchè se è vero che può venire, è SICURO che passa. Poi però a settembre è il caso di prendere il problema di petto, fidati.

Se hai bisogno sono/siamo qui
H

Dream

Utente Fedele

  • "Dream" è un uomo

Posts: 445

Activity points: 1.384

Data di registrazione: domenica, 03 agosto 2008

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

9

mercoledì, 11 agosto 2010, 15:32

affrontare le proprie paure è la miglior cosa....ma è molto difficile e bisogna fare dei piccoli passi alla volta....
Hope to change...

cometa2010

Non registrato

10

mercoledì, 11 agosto 2010, 16:30

penso che la cosa migliore da fare sia affrontare tutto... mai nascondersi in casa o stare con i genitori.. anche per me è così... spesso penso ma chi me la fa fare, magari fuori mi viene un attacco di panico, (sono ansiosa e somatizzo con nausea e vomito), meglio starsene a casa no?? e invece NO!! bisogna provare ad affrontare, io per aiutarmi prendo lo xanax in gocce...soprattutto nelle uscite che mi creano problemi.. o nel mangiare fuori..
un abbraccio :D

Bettyboop

Amico Inseparabile

  • "Bettyboop" è una donna

Posts: 1.483

Activity points: 4.617

Data di registrazione: giovedì, 30 luglio 2009

Lavoro: Studentessa di Psicologia Clinica

  • Invia messaggio privato

11

giovedì, 12 agosto 2010, 00:06

Secondo me dovresti andare. Ti protrebbe capitare comunque di stare male, anche a casa. almeno stai male in Grecia ma ti godi un panorama diverso...
E poi non è affatto detto che tu stia male!
Valuta i pro e i contro della vacanza, lasciando x un attimo fuori l'ansia. Tu non sei la tua patologia.
"La Paura bussò alla porta...la Speranza andò ad aprire e .. non c'era nessuno" [M.L. King]

12

giovedì, 12 agosto 2010, 08:00

Sai la mia paura qual'è? non so cosa mi possa succedere se sto male e se mi viene un attacco fortissimo. Lo so che è la paura di tutti...

Si lo so, infatti è molto più facile a dirsi che a farsi...però pensa che se proprio dovesse succederti di stare cosi male puoi semplicemente dire che non ti senti bene, non c'è bisogno di dire che stai avendo un attacco di panico, la cosa peggiore che può succedere e che ti prendono e ti accompagnano all'ospedale o da un dottore

lalla75

Utente Attivo

  • "lalla75" ha iniziato questa discussione

Posts: 14

Activity points: 56

Data di registrazione: giovedì, 29 luglio 2010

  • Invia messaggio privato

13

giovedì, 12 agosto 2010, 08:50

Sapete amici qual'è la mia paura più grande? Di perdere la memoria...e se all'improvviso quando sono in vacanza non mi ricordo più niente? non mi prendete in giro ;(

maximo

Utente Attivo

  • "maximo" è un uomo

Posts: 120

Activity points: 388

Data di registrazione: lunedì, 28 giugno 2010

Lavoro: Bagnino

  • Invia messaggio privato

14

giovedì, 12 agosto 2010, 12:10

Ti è mai capitato di perdere la memoria fin adesso??? Se non ti è successo da 18 anni che soffri perchè dovrebbe succedere ora?? e comunque da ansia e panico non si perde la memoria.. si è più confusi, gira la testa si sentono sensazioni ma perdere la memoria(non intendo dimenticarsi di qualcosa) non può succedere... quindi su questo puoi stare tranquilla.. per quanto riguarda la grecia li te la devi sentire tu se riesci ad andare o no.. può capitare di stare male questo è vero ma può capitare di sentirsi male anche a una persona che non ha questi problemi.. cosi nessuno dovrebbe viaggiare.. e la cosa migliore secondo me se vai è parlarne anche con la tua amica perchè in un certo senso farlo sapere a lei può rassicurare... anche se a me sinceramente aiuta di più non dirlo agli altri perchè mi da più forza.. se dico a qualcuno che ho queste cose ed esco con questa persona ci metto poco a stare male.. se non lo dico e non voglio farmi vedere che sto male riesco a resistere al panico molto di più..penso sia soggettivo... li devi decidere tu.. se vai ti porti l'ansiolitico dietro.. sai già che morire non puoi morire.. e spesso è l'ansia anticipatoria che ci fa stare più male.... la potresti stare benissimo e non avere alcun problema...

Hoping

Utente Attivo

  • "Hoping" è un uomo

Posts: 22

Activity points: 66

Data di registrazione: sabato, 07 agosto 2010

Località: Milano

Lavoro: Giornalista

  • Invia messaggio privato

15

giovedì, 12 agosto 2010, 14:08

Sapete amici qual'è la mia paura più grande? Di perdere la memoria...e se all'improvviso quando sono in vacanza non mi ricordo più niente? non mi prendete in giro ;(
Eh beh un po' sì :D . Guarda in questi anni ne ho sentite di ogni: c'era chi aveva paura di perdere la memoria come te, chi di essere colpito da raptus omicida nei confronti dei propri figli (e per questo li teneva sempre a più di 20 metri da lui), chi aveva paura di disimparare l'italiano e di parlare solo in qualche lingua esotica.

Ma la domanda è: secondo te chi perde la memoria è chi ha paura di perderla? Chi ammazza i propri figli è chi ha paura di far loro del male?

:D

Fossi in te farei tesoro dei consigli (ce ne sono decine) di questo thread invece di pensare alla memoria, che sta benissimo peraltro ;)

È una bella giornata qui, esci, fatti una passeggiata e rifletti su come impostare la tua vita domani, visto che credo abbia bisogno di qualche aggiustamento.