Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


fluffa

Utente Attivo

Posts: 57

Activitypoints: 199

Date of registration: Nov 19th 2012

  • Send private message

46

Friday, December 14th 2012, 5:30pm

scusate ragazzi, sono andata un attimo in palla:

ho fatto una ricerca in internet, che non dovevo fare, sulla derealizzazione/depers associata alla DAP e all'ansia.
Su molti siti dicono che il disturbo d'ansia per chiamarsi tale deve durare all'incirca 10 minuti e può essere accompagnato da depers o derealizz.
Inoltre diceva che , questi sintomi, quando si presentano fanno presagire a gravi malattie mentali, ma proprio perchè durano un attimo non lo sono.
allora, scusatemi, la nostra deper/derealizz cos'è?
oddio, sono confusa.. e ho tanta paura, avendo letto certe parole!!
sono andata in panico.. e sto piangendo come una fontana :(

nanahachiko

Giovane Amico

  • "nanahachiko" is female

Posts: 202

Activitypoints: 613

Date of registration: Jun 10th 2012

  • Send private message

47

Friday, December 14th 2012, 5:59pm

fluffa io non ci darei troppo peso a quello che si legge su internet, cerca di non fissarti troppo su quello che hai letto..io ho imparato a non andare a leggere determinate cose, altrimenti mi faccio un sacco di paranoie ^^'' io penso che lo stato d'ansia non sia una vera e propria malattia con tutti i sintomi che si susseguono, ma un disagio mentale negativo che può sfociare in varie forme a seconda dell'indiiduo, chi con malesseri fisici e chi appunto con la dep e dereal..
Io personalmente quando stavo particolarmente male per l'ansia non sfociavo nelle dereal, il mio malessere era proprio fisico anche se dagli esami non avevo nulla di anomalo, ma fisicamente non mi sentivo bene..l'ansia mi aumentava nei momenti di maggiore stress. Sentivo la gola chiusa, il respiro affaticato, dolori al petto, tachicardia, aria nella pancia e da un punto di vista psicologico nervosa e stanca, ma non mi sentivo particolarmente disorientata o come se vivessi su un'altra dimensione. Ero consapevole di ciò che mi stava succedendo e sapevo dove mi trovavo nei momenti di crisi. Razionalizzavo l'ansia e forse grazie a questa mia consapevolezza sono riuscita a gestirla, adesso ho ritrovato un cero equilibrio. Comunqe ho alti e bassi come tutte le persone e si sa che si vive in un mondo difficile, ma ormai mi sono accettata per quello che sono e cerco di tenere duro nei momenti più stressanti.

9219

Utente Attivo

  • "9219" is female
  • "9219" started this thread

Posts: 47

Activitypoints: 183

Date of registration: Oct 17th 2012

  • Send private message

48

Friday, December 14th 2012, 8:18pm

Grazie ragazzi. Fluffa.. Ho avuto giramenti di testa assurdi per due mesi. Da quando mi alzavo a quando mi addormentavo. Non potevo stare alzata. Ai supermercati mi tenevo in piedi grazie al carrello. Leggendo su internet diceva che poteva essere un tumore, un nervo che si era staccato e via dicendo. Non ti dico l'angoscia. Dopo due mesi sono scomparsi del tutto. Fai mente locale un secondo. Tutti questi sintomi, compresi la dere e la dep, ti sono comparsi solo ed esclusivamente dopo il primo attacco di panico. I casi di malattie mentali gravi non sfociano con attacchi di panico. E come vedi, moltissime persone che soffrono di ansia, combattono giornalmente su questi sintomi. L'attacco di panico è stato quello che ci ha creato tutti questi problemi. Se tu soffrissi di schizofrenia, avresti avuto deliri, allucinazioni, comportamenti ambigui come camminare nudo per strada, offendere la gente perché convinta che parli male di te. Prenderesti il cellulare e cominceresti a conversare con Dio. Mi sembra che tu sia troppo consapevole della tua situazione. Cosa che non esiste nella gente che soffre di questo disturbo. Inoltre.. La schizofrenia sfocia nelle particolari situazioni di stress. Primo abbandono dal fidanzato\a, crisi familiari, esami scolastici ecc. Penso che tutti noi abbiamo avuto eventi particolarmente stressanti nella nostra vita e non è sfociata in schizofrenia. Ma dopo l'attacco di panico abbiamo cominciato a soffrire di diversi disturbi. Collegando il tutto. E' solo ansia.

fluffa

Utente Attivo

Posts: 57

Activitypoints: 199

Date of registration: Nov 19th 2012

  • Send private message

49

Friday, December 14th 2012, 8:24pm

cara 9219,
come ti avevo scritto avevo avuto un periodo di attacchi di panico e agorafobia, ( curato poi con terapia psicologica senza farmaci ), per via della situazione stressante con il mio ex fidanzato.
poi dopo anni e anni che non si ripresentava l'ansia, a ottobre scorso ho avuto un attacco di panico bello grosso, con dere e dep, appunto che non avevo mai avuto.
li ho iniziato ad avvertire queste sensazioni ogni giorno.
cosa intendi quando dici "La schizofrenia sfocia nelle particolari situazioni di stress"?
cioè, se una persona supera un certo livello di stress, può incorrere in questa malattia?

9219

Utente Attivo

  • "9219" is female
  • "9219" started this thread

Posts: 47

Activitypoints: 183

Date of registration: Oct 17th 2012

  • Send private message

50

Friday, December 14th 2012, 11:16pm

Da quando ho iniziato a soffrire di ansia, la mia più grande paura era quella di diventare schizofrenica. Di conseguenza mi sono informata con ogni dottoressa, sito e video possibili. La schizofrenia si presenta qual'ora qualche tuo familiare ne soffre. Madre, padre o fratello e sorella. Non è ereditaria ma ti predispone alla malattia. Chi è predisposto alla malattia, tende a sfociare nelle situazioni di stress. Come esami, relazioni, crisi familiari ecc. Una persona mentalmente sana, prende tali situazioni con ansia, attacchi di panico ed eccessivo stress. In una persona che tende alla schizofrenia comincia ad evidenziare tali sintomi in quanto la sua mente non può sopportare tale stress. Ed iniziano allucinazioni e via dicendo. Ma ripeto. Ti predispone alla malattia ma non significa che puoi averla di sicuro. Un'altra causa, è se durante la gravidanza si presenta qualche anomalia. Non per niente i neonati vengono controllati così spesso. Già sin da piccoli riescono a vedere se c'è qualche deformazione, parte non sviluppata correttamente e quant'altro. Ultima causa sono possibili incidenti gravi al cranio. Ma lì entra in causa una possibile demenza. Queste sono le uniche due cause certe secondo la medicina. Inoltre.. Chi ne è predisposto, manifesta stranezze sin da piccolo. Come isolamento sociale, credenze soprannaturali, visione di amici immaginari ecc. Dunque se non hai familiari che soffrono di questa malattia, se non ci sono state complicanze durante la gravidanza, (da premettere che a quest'ora i medici avrebbero avvertito tua madre dicendole di curarti) puoi stare no tranquilla, di più. A quest'ora saresti diventata schizofrenica sin dai tuoi primi esami di maturità, primo amore finito male e crisi familiari. E lo tesso vale per tutti noi. Derealizzazione e Depersonalizzazione fa parte dell'ansia. Un malato mentale nemmeno parlerebbe dei suoi sintomi, li considererebbe normalissimi. Anche io l'ho ogni giorno.. Ma l'unica causa è quella. L'ansia che è sfociata dopo l'attacco di panico.

This post has been edited 1 times, last edit by "9219" (Dec 14th 2012, 11:22pm)


9219

Utente Attivo

  • "9219" is female
  • "9219" started this thread

Posts: 47

Activitypoints: 183

Date of registration: Oct 17th 2012

  • Send private message

51

Friday, December 14th 2012, 11:18pm

In noi invece l'eccessivo stress si è trasformato in attacchi di panico. Di conseguenze è bene dividere le due categorie. Schizofrenia una cosa, attacchi di panico e conseguente ansia l'altra. Perciò rilassati e stai tranquilla =D è sempre quella bestia.

fluffa

Utente Attivo

Posts: 57

Activitypoints: 199

Date of registration: Nov 19th 2012

  • Send private message

52

Friday, December 14th 2012, 11:36pm

Da quando ho iniziato a soffrire di ansia, la mia più grande paura era quella di diventare schizofrenica. Di conseguenza mi sono informata con ogni dottoressa, sito e video possibili. La schizofrenia si presenta qual'ora qualche tuo familiare ne soffre. Madre, padre o fratello e sorella. Non è ereditaria ma ti predispone alla malattia. Chi è predisposto alla malattia, tende a sfociare nelle situazioni di stress. Come esami, relazioni, crisi familiari ecc. Una persona mentalmente sana, prende tali situazioni con ansia, attacchi di panico ed eccessivo stress. In una persona che tende alla schizofrenia comincia ad evidenziare tali sintomi in quanto la sua mente non può sopportare tale stress. Ed iniziano allucinazioni e via dicendo. Ma ripeto. Ti predispone alla malattia ma non significa che puoi averla di sicuro. Un'altra causa, è se durante la gravidanza si presenta qualche anomalia. Non per niente i neonati vengono controllati così spesso. Già sin da piccoli riescono a vedere se c'è qualche deformazione, parte non sviluppata correttamente e quant'altro. Ultima causa sono possibili incidenti gravi al cranio. Ma lì entra in causa una possibile demenza. Queste sono le uniche due cause certe secondo la medicina. Inoltre.. Chi ne è predisposto, manifesta stranezze sin da piccolo. Come isolamento sociale, credenze soprannaturali, visione di amici immaginari ecc. Dunque se non hai familiari che soffrono di questa malattia, se non ci sono state complicanze durante la gravidanza, (da premettere che a quest'ora i medici avrebbero avvertito tua madre dicendole di curarti) puoi stare no tranquilla, di più. A quest'ora saresti diventata schizofrenica sin dai tuoi primi esami di maturità, primo amore finito male e crisi familiari. E lo tesso vale per tutti noi. Derealizzazione e Depersonalizzazione fa parte dell'ansia. Un malato mentale nemmeno parlerebbe dei suoi sintomi, li considererebbe normalissimi. Anche io l'ho ogni giorno.. Ma l'unica causa è quella. L'ansia che è sfociata dopo l'attacco di panico.
oddio, che io sappia di casi in famiglia non ce ne sono, io sono sempre stata sana come un pesce sin da piccola.
quando sono iniziati i primi problemi, amori finiti male o quant'altro ho sempre avuto solo ansia e stress, che poi è sfociata in attacchi di panico.
Non si ripresentavano piu da anni gli attacchi di panico, fino a che ad ottobre come ti dicevo, ne ho avuto uno bello potente.
Grazie per essere stata precisa ed esaustiva, mi viene da concludere, a sto punto, che la mia ansia repressa prima abbia trovato posto nell'attacco di panico iniziale e poi con dere/derpers ora!

Sognatore92

Utente Attivo

Posts: 30

Activitypoints: 118

Date of registration: Jan 18th 2012

  • Send private message

53

Saturday, December 15th 2012, 3:54am

Ragazzi niente paura,la derealizzazione e la depersonalizzazione si,è vero che ci sono anche nelle psicosi,ma non sempre,e comunque è solo una teoria,anche perchè lo psicotico al contrario di noi nevrotici non è in grado di descrivere la sua situazione ed il suo disagio con la realtà,e della dep e la der non gli importa minimamente.Io ho avuto derealizzazione per un anno e depersonalizzazione per una decina di mesi,ma poi ho deciso di dire basta,visto che ragionavo e che mettevo in dubbio la mia esistenza ho capito che comunque ero abbastanza lucido da essere normale,come sempre,come lo sono sempre stato anche prima di questi sintomi,e sono giunto alla conclusione che comunque noi rimaniamo sempre noi stessi,solo che quando ci accadono queste cose abbiamo tanta paura,paura di qualcosa di grave,perchè non capiamo bene cosa ci stia succedendo.sulla der e la dep ci sono varie teorie,le più accreditate sono: 1)è provocata dall'ansia che annienta le emozioni e quindi non provando più un senso di familiarità verso la realtà e verso noi stessi arriviamo a sentirci alienati. 2)la der e la dep sono fenomeni di autodifesa della psiche all'ansia e alla paura troppo forti. 3)la der e la dep sono provocate da pensieri ossessivi,ad esempio "chi siamo?cosa scorre dentro di me?" e quindi ci sentiamo confusi con noi stessi,oppure pensiamo continuamente alla morte e quindi tutto ciò che ci circonda perde un senso e ci sembra estraneo.
Beh di qualunque tipo sia non importa,da questi sintomi si esce completamente,perchè per l'appunto sono soltanto sintomi,alla base c'è l'ansia,è a quella che si deve mirare...diminuita l'ansia diminuiranno anche le sensazioni di estraneità...qualcuno dirà "ma io sono derealizzato però non sento ansia,perchè?" semplice,come ho già scritto prima,la der e la dep sono anche fenomeni di autodifesa,quindi il nostro cervello non ci fa percepire le paure e le angosce...quello che vi voglio dire è di non aver paura di fare cure,nè psicoterapie,ci sono psichiatri incompetenti è vero,ma io trovai quello giusto che indovinò la cura e mi aiutò molto...mi disse di guardare i farmaci come degli amici,e non come dei nemici,perchè comunque gli effetti collaterali ce l'ha anche l'aspirina...cosa ancora più importante dei farmaci è la forza di volontà,la voglia di riscatto,che si trova dentro noi stessi ma in questo momento è offuscata dalla confusione provocata da questi sintomi...uscite,guardate i film,cercate delle relazioni,NON PERDETE LE VOSTRE ABITUDINI,è la cosa più meschina che possa farci l'ansia...fate tutto questo anche se vi chiedete "perchè lo faccio?dove mi trovo adesso?chi lo dice che io debba parlare così?" (tipiche domande della dep e della der) l'importante è farlo,anche se vi sentite estranei...del resto avete ancora il senso critico...parlate molto,vi aiuterà a farvi capire che sapete fare ancora tutto quello che sapevate fare prima del disturbo..e se mentre parlate vi vengono in mente domande esistenziali e la vostra voce sembra quella di un'altra persona,FOTTETEVENE.L'ansia dovete prenderla a calci nel sedere,so che è difficile,ma prima si capisce il meccanismo e prima vi risolleverete,certo ci vuole il tempo che ci vuole anche una volta capito come combattere questo nemico,ma state certi che sarete voi a vincere...io sono uscito da una situazione ansiosa-depressiva portata dal doc allucinante,con derealizzazione e depersonalizzazione che mi causava demenza alle braccia,tanto per farvi capire che se ne può uscire completamente anche in casi molto gravi :)..molte volte leggo di gente che soffre di questi sintomi da più di 10 anni...certo,se non si fa niente per combatterli e ci si abbatte credendo che ormai non ci sia modo per mandarli via e credendo di averle provate tutte,allora si,avranno la meglio queste sensazioni della psiche...ma tutti noi siamo forti,e possiamo uscirne davvero...per qualsiasi cosa potete contattarmi in pm :D spero di non essermi dilungato troppo :P

9219

Utente Attivo

  • "9219" is female
  • "9219" started this thread

Posts: 47

Activitypoints: 183

Date of registration: Oct 17th 2012

  • Send private message

54

Saturday, December 15th 2012, 5:03am

Vedi Fluffa? è tutto ok. Come te, anche io sono sempre stata sanissima. Nemmeno la febbre a 39 riusciva a tenermi dentro. Purtroppo sia mente che corpo hanno dei limiti. Bisogna ascoltare i loro messaggi. Pian piano ne usciremo tutti. Io, te, Danny, Luke e tutti gli altri utenti. Concordo con ciò che ha scritto Sognatore92. E' tutta una protezione della mente. Attivata dall'ultimo potentissimo attacco di panico che abbiamo avuto. Dunque ora pensiamo ad uscirne e rimetterci in carreggiata =D Come state? Miglioramenti?

Natein

Utente Attivo

  • "Natein" is male

Posts: 22

Activitypoints: 80

Date of registration: Feb 14th 2011

Location: Andria

  • Send private message

55

Saturday, December 15th 2012, 7:47pm

9219, ti faccio i complimenti per il percorso che hai intrapreso. La cosa però che mi fa più paura è che non piango mai come te e credimi, comunque quello è uno sfogo. :(. Io non piango mai e non provo assolutamente niente, nessun sentimento. È come se si fosse innescata in me una regressione mentale e sociale che mi sta portando via tutto. Ogni giorno arranco, sono teso e soprattutto sembra che dove possa rovinarmi, ecco che faccio di tutto per farlo. Tu esci. Anch' io esco anche se rarissimamente e mi sento derealizzato al massimo ma anche solo. Non tornerai a casa e troverai qualcuno che ti consoli.. Non c' è nessun amico che riesce a consolarti. La cosa paradossale è che la derealizzazione sembra essere diventata la mia giornata tipo. Anche in sala d' attesa dallo psichiatra pensi " vabbè e che gli dico ? Mica soffro di DAP, mica sono violento ecc ecc ". Non sai nemmeno tu che dire perché è uno strano disturbo. Ogni secondo la provo e ho paura di fare del male anche alle persone che amo per " gridare " al mondo " visto ? Sono malato, ora mi credete ? ". Dormo nel divano letto con mio fratello di 7 anni da Gennaio perchè cercavo quella protezione, quel calore e quella sicurezza che si prova nello stare insieme ( mio fratello di 15 invece dorme da solo sull' altro letto in un' altra stanza). Non vi nascondo che fino a qualche mese fa se i miei mi avessero chiesto di dormire con loro nel letto avrei subito accettato. A 19 anni ..Ogni giorno davanti allo specchio sono cosí preso da quello che sono ora che dopo una crisi forte dico fra me e me " ecco, ora sono ufficialmente psicotico ". Passo il tempo libero accovacciato sul divano alla ricerca di calore e immaginando me accudito dalla mia famiglia e dai miei zii a pranzo da loro e magari felice. Sentendo alla TV il caso di quel folle che ha ucciso quei 20 bambini in USA, sono andato subito a ricercare la sindrome di Asperger su Internet e mi sono ritrovato in molte delle caratteristiche. Non sarà quella sicuramente ma mi chiedo come sia possibile che tutto ciò che provo sia scatenato dall' ansia. Se fossi stato schizofrenico avrei avuto fortissime crisi di rabbia o urla, pianti o non so. Invece sono lucidissimo e silenzioso. A lavoro sono un soprammobile. Dove mi metti lá rimango. Ora sto prendendo Cipralex 8 gocce e Anafranil da 10 mg al mattino. Spero di poter guarire un giorno perché mi sono rotto di guardarmi intorno, seguire i ragionamenti della gente e chiedermi se sono io che li creo. Vi lascio con una domanda: oggi a lavoro ho provato le stesse sensazioni di due settimane fa circa. Come se fossero ritornate ciclicamente. Capita anche a voi come in un déjà- vu ? Non vi dico la tensione perché mi sono detto " Oddio, sono tornato indietro nel tempo con le sensazioni. Ora come faccio a reimpostare la giornata come due settimane fa ? "

9219

Utente Attivo

  • "9219" is female
  • "9219" started this thread

Posts: 47

Activitypoints: 183

Date of registration: Oct 17th 2012

  • Send private message

56

Monday, December 17th 2012, 12:59am

Dunque Natein.. Qualche giorno fa ho fatto una lunga ricerca su ciò che è la Dere, cosa comporta, quali sono le malattie che la collegano e quant'altro. E ne sono molto soddisfatta perché è ciò che ho sempre pensato e credo che possa dare ulteriore sicurezza a tutti voi. Iniziamo. La derealizzazione è un sintomo dissociativo. E questo lo sappiamo bene. Conosciamo i suoi sintomi. Ma c'è una grande linea che separa la derealizzazione e i disturbi psicotici. Nei disturbi mentali quali psicosi e schizofrenia, la persona non prova i nostri sintomi. Non credete a ciò che c'è scritto su internet cercando "schizofrenia" e leggendo deralizzazione. Non c'entra NULLA. La persona psicotica non è più in grado di fare un discorso logico. I suoi pensieri sono frammentati. Tutto ciò che dice è senza alcun senso.Cominciano deliri su cose che non esistono e affermazioni false. Credono di essere personaggi famosi, si sentono posseduti da entità sacre. Sentono Voci ecc. Per la medicina, questa la derealizzazione schizofrenica. Dissociazione totale da ciò che sono. E da qui capite, che i nostri casi sono ben diversi. Dato che le nostre sono sensazioni. Non ci sentiamo incarnati in qualche altro individuo o ci sentiamo creature sacre ecc. Questa è la profonda linea che ci separa nettamente da questo disturbo. Ma non finisce qui. Ecco ciò che afferma la medicina. La derealizzazione.. L'affermazione del "come se", che indica che siamo derealizzati si, ma il contatto con la realtà rimane integro, è tutta ed unicamente una successione ad attacchi di panico ed ansia. L'accavallamento dei pensieri, delle emozioni e delle sensazioni, fa sì che ci sia una specie di cortocircuito nel nostro organismo. In sostanza, un'alterazione delle funzioni del sistema nervoso centrale. Chiarisco. Nessun danno. Solo una piccola alterazione che però come vedete, ci buttano completamente a terra. Ultima cosa che è la più fondamentale. La derealizzazione, scattata dall'ultimo attacco di panico o ansia avviene in questo esatto processo. La paura è troppa.. E desideriamo che cessi o che non succeda proprio a noi. Vorremo trovarci in un altro luogo, vorremo che fosse solo un incubo e poterci risvegliare. Qui il cervello cerca di accontentare il nostro desiderio. Attivando una parte del sistema nervoso che ci fa sembrare tutto come un sogno e i conseguenti sintomi della derealizzazione. In sostanza il cervello, cerca di salvaguardarci, prova ad accontentarci attivandola. Ma essendo impossibile cambiare situazione, far smettere il panico, entriamo in questo stato. Dopo aver letto questo, penso che non ci sia altro da chiarire :D Comunque Natein.. Riguardo alla tua situazione, anche io per un mese circa ho dormito insieme a mia madre. Conosco bene ogni sintomo. Non hai nessuna malattia incurabile. Come vedi, più pensi ai tuoi sintomi, più si allarga la dere. Riguardo al Deja Vu, è tutto sempre creato dalla dere e dalla dep. Non farti meraviglia. E' sempre lei che torna perché hai lasciato troppo spazio per farla ritornare. Vuoi sapere come reimpostare le tue giornate? Prenditi una o due ore solo per te. Osserva gli oggetti che ti circondano. Comincia a farti viaggi mentali, anche se hai una gran paura. Come ne avevo io.. Guarda tipo le tende o i quadri di casa tua. Concentrati e comincia ad esagerare.. Del tipo "Ora magari con la forza del pensiero lo faccio cadere".. So che è una cosa stupida ma posso dirti che funziona :D La mente si concentra. L'ansia sale perché essendo derealizzati, abbiamo paura di vedere magari delle allucinazioni. Ma in questo modo la mente divide pensiero e azione. La mente capirà che ogni pensiero rimane tale. Se non siamo noi a far cadere il quadro, la mente non ha alcun potere su ciò che ci circonda. Altra cosa. Prova a fare questo piccolo esercizio. Ad occhi chiusi, prova a raggiungere un oggetto. Tipo uno specchio o un soprammobile. Poi rifallo ad occhi aperti. Per esercitare la tua percezione. Vedrai che man mano che la sopporterai, diverrà una discesa senza ostacoli ;) Invece io ieri sono uscita. A metà serata mi sono ripresi i sintomi di confusione mentale, stordimento, e dere a buon livello. Eravamo in un locale con troppa gente. Ai tempi sarei fuggita. Invece ho cominciato a respirare a fondo e mi sono incollata alla sedia.. Pian piano la dere è tornata al suo posto =) Sta a significare che dovete obbligarvi a far tutto. State così? Obbligatevi. E rieducate la mente :D

This post has been edited 2 times, last edit by "9219" (Dec 17th 2012, 1:15am)


Rubinacci

Utente Attivo

Posts: 31

Activitypoints: 142

Date of registration: Oct 17th 2011

  • Send private message

57

Monday, December 17th 2012, 12:59am

buonasera anche io come voi mi ritrovo in alcune dei sintomi che descrivete.pero mi chiedevo,a voi capita mai di essser ossessionati del pensare a come si è visti dal di fuori?a come vi vede la gente?

9219

Utente Attivo

  • "9219" is female
  • "9219" started this thread

Posts: 47

Activitypoints: 183

Date of registration: Oct 17th 2012

  • Send private message

58

Monday, December 17th 2012, 1:22am

Ciao! Sono tutte ossessioni che portano questo disturbo. E anche la tua ossessione ne fa parte. Perciò certo. Io ne ho avute per due mesi belli pieni. Finché la mia mente si è stancata e ha messo da parte tutto =)

Danny

Utente Fedele

  • "Danny" is male

Posts: 487

Activitypoints: 1,482

Date of registration: Jun 10th 2012

Location: Europa

Occupation: songwriter

  • Send private message

59

Monday, December 17th 2012, 2:38pm

Ragazzi,
conosco molto bene tutto quello che descrivete, anche perche´, dopo questi episodi, ho incominciato ad interessarmi di psicologia.
Al giorno d´oggi comunque, per qualsiasi evenienza é possibile rivolgersi ad internet, almeno per avere dei semplici chiarimenti (es: questo forum), sconsiglio pero´di cercare in giro l´interpretazione dei vari sintomi.
Quando é capitato a me la prima volta, avevo 15 anni e internet non era disponibile, con chi ne parlavi? A chi andavi a chiedere? A quel punto pensavi davvero che saresti a poco poco diventato un folle.

Adesso, a 31 anni, dopo 7 anni di pausa mi é ricapitato di provare ancora sensazioni del genere, questo in concomitanza ad eventi stressanti o semplicemente correlate a preoccupazioni varie di tipo quotidiano (litigi in famiglia, soldi, ecc...)

Torno a ripetere, come gia´ detto, che non si tratta di una "malattia" come molti la definiscono e come vorrebbero che fosse dato che sarebbe decisamente piu´comodo, ma si tratta di ansia pura mista ad una componente di impressionabilitá e suggestionabilitá. Quando avevo 20 anni, una volta a causa di un litigio in casa, mi era capitato di sentirmi semplicemente giu di corda, reazione normale. Casualmente sono anadato ad aprire un libro che parlava di depressione giovanile, dove venivano elencate le diverse caratteristiche tra le quali i pensieri suicidi.
Prima di quel momento non avevo MAI pensato ad una cosa di quel tipo,solo dopo averlo letto ho preso coscienza del fatto che esiste anche una cosa di questo tipo,di conseguenza sono entrato in ossessione/dere e depe perche´continuavo a pensare: " Oh no, e se lo volessi fare anche io? E se fossi destinato? Io non voglio ma allora perche´ci penso? NON provo emozioni (chiaro, sei terrorizzato, prova a vincere un milione subito dopo un incidente, saresti talmente scioccato che non te ne fregherebbe niente) allora vuol dire che sono depresso e chi e´depresso lo fa, ma io non voglio." Guardavo giu dal balcone pensando: "Lo faccio o non lo faccio?" E mi prendeva un´angoscia spaventosa.

Prima di quel momento non mi sarebbe mai venuto in mente, ergo: chi é impressionabile, fobico, tendente all´ansia, alla preoccupazione e pensa troppo, ha il terrore di tutte quelle cose che fino a quel momento non conosceva e che potrebbero capitargli. Questo chiaramente lo fa entrare in dere, che appunto é un meccanismo di difesa.
Ancora adesso, se leggo di tragedie o di strani disturbi, mi prende un po´di paura, dato che, ho una componente ipocondriaca e , questo disturbo altro non é che la psicopatofobia, ossia ipocondria rivolta alle malattie mentali.
A volte quest´angoscia torna se la richiamo con la mente quando cerco di "ricordare" come ci si sente, é altamente sconsigliato ma capita a volte e cmq riesco a tamponare.
Danny

"Morire non mi piace per niente, sarà l' ultima cosa che farò" (W.Allen)

fluffa

Utente Attivo

Posts: 57

Activitypoints: 199

Date of registration: Nov 19th 2012

  • Send private message

60

Monday, December 17th 2012, 3:37pm

Caro Danny,
ora capisco la maggior parte dei miei pensieri angosciosi, perchè solo impressionabile. fobica.. come dici tu.
io non sono mai stata aggressiva o violenta, da quanto leggo o sento notizie strane sui giornali, ho paura di diventare aggressiva o cattiva. e sono buona come un pezzo di pane..
tutto questo perchè avendo deper/derealizz, ho paura di perdere il controllo e più mi documento, più sento notizie strane... più m'immedesimo in certi sintomi, che non mi appartengono minimamente.
è tutta colpa della mia indole impressionabile, a questo punto.?!

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests