Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


repcar

Utente Avanzato

  • "repcar" è un uomo
  • "repcar" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.048

Activity points: 2.873

Data di registrazione: sabato, 10 dicembre 2016

Località: reggio calabria

Lavoro: forze di polizia

  • Invia messaggio privato

1

mercoledì, 29 agosto 2018, 19:34

possibile che sia solo ansia?????

Ciao…….
Dopo un po di assenza per vari motivi, mi ritrovo qua ed ho iniziato a leggere i tanti 3d, con relative risposte di sicuro supporto emotivo. Inizio con il dire, come ormai tante persone sanno, che non sono un medico, non ho alcuna competenza in materia, sono un autodidatta acquisendo esperienza sulla mia vita, leggendo, informandomi etc. Non posso non aver notato che le la maggior parte delle domande vertono su “può l’ansia provocare tutto questo?” è una domanda ricorre nella mente di chi, soffrendo di disturbi legati all’ansia, è colpito anche da sintomi fisici che fatica a ricondurre a cause psicologiche, anche quando gli accertamenti medici eseguiti lo suggeriscono. Quando tutti gli esami diagnostici fatti risultano negativi, quando ognuno di noi si è svenato spendendo soldi per ricevere sempre la solita risposta “è solo ansia”, personalmente consiglio……fermiamoci un po e razionalizziamo un poco i nostri pensieri. Sappiamo bene che l’ansia si accompagnai alle varie fobie, elencare sarebbe dispersivo ed inutile, ma per citarne alcune diciamo solo (Ipocondria, Disturbo da Attacchi di Panico con o senza Agorafobia, Fobia Semplice e Fobia Sociale, Disturbo Ossessivo - Compulsivo, Disturbo Post Traumatico da Stress, Disturbo Acuto da Stress, Disturbo d’Ansia Generalizzato). Tutti questi disturbi, collegati allo spettro dell’ansia non coinvolgono solamente gli aspetti mentali, ma anche il funzionamento del corpo e portano al conseguente sviluppo di disturbi somatici che fanno parte del quadro ansioso anche quando appaiono intensi e persistenti. Un esempio che ha colpito il sottoscritto è l’ipocondria, ogni sintomo, anche il più banale era il più tragico per il quadro delle malattie creatosi nel cervello. Chi mi segue sa che ho avuto decine di infarti, svariati tumori nel 90% del corpo, insomma se dovrei fare un mio quadro clinico sarei seppellito da decine di anni.
Essendoci passato e nei vari momenti della vita posso solo comprendere la persona che ne soffre fatica a credere che tali disturbi possano realmente dipendere dalla nostra psiche e non da qualche patologia organica, e può reagire in diverse maniere. Alcuni concentrano l’attenzione sui sintomi fisici dell’ansia finchè le preoccupazioni ipocondriache divengono il “focus” del disturbo, altri continuano ad essere colpiti da sintomi sia corporei sia psichici senza che i disturbi fisici siano l’ostacolo maggiore al recupero del benessere (rappresentando tuttavia un importante elemento di disturbo della serenità del soggetto), mentre in altri casi ancora il Disturbo d’Ansia si esprime da subito o in un secondo momento unicamente sul piano somatico, ad es. con attacchi di panico che coinvolgono contemporaneamente diversi organo del nostro corpo (cuore, respiro, digestione etc.)
Inutile dire che la prima cosa che facciamo tutti, indistintamente, è la spasmodica ricerca su internet delle possibili cause dei nostri sintomi. Ed ecco che ci viene incontro il mitico google, dove metti tosse e ti ritrovi con il cancro ai polmoni. Chissà perché non ci fermiamo alla prima probabilità, magari influenza, raffreddore etc………misteri del nostro cervello. Va da se che lo stesso metro utilizziamo quando ci viene prescritto un farmaco, lettura ossessiva degli effetti collaterali del bugiardino, si parte dagli effetti collaterali lievi, moderati e si finisce ai gravi. Anche in questo caso il nostro cervello immancabilmente si firma in quel paragrafo molti di questi casi il sintomo somatico provocato dall’ansia non è riconosciuto subito come tale e si osserva il ricorso frequente (ed eccessivo) a farmaci palliativi e/o una ricerca spasmodica di immaginarie cause organiche, che si concretizza in lunghe trafile di visite ed esami medici anche ripetuti più volte nel tempo.
Come sempre è sempre ed indubbiamente necessaria una valutazione medica dei singoli casi per evitare di scambiare per sintomo d’ansia un disturbo corporeo di altro tipo, ma quando il responso medico è negativo, come detto in precedenza è inutile perdere del tempo prezioso ed iniziare un trattamento. In ordine al trattamento esso può essere solo a livello psicologico con supporto di una adeguata terapia, nei casi medio - gravi il connubio farmaco-psicologico è la migliore arma vincente.

Solo ed esclusivamente a titolo esemplificativo, riporto alcuni dei disturbi più diffusi in un soggetto ansioso, ricordando che il DSM (una specie di Bibbia per gli psichiatri in America e non solo) ne riporta decine e decine di pagine. Il malessere fisico dell’ansioso. Il tutto come sempre, se presente, si manifesta con intensità e frequenza differente da caso a caso:
• Sintomi cardiovascolari: tachicardia, palpitazioni, extrasistolia, aritmia, dolore o fastidio al petto, ipertensione o cali di pressione, svenimento
• Sintomi respiratori: dispnea, sensazione di soffocamento, sensazione di nodo alla gola, asma (peggiora se già presente)
• Sintomi gastrointestinali: nausea, gastrite, reflusso gastroesofageo, diarrea, sindrome del colon irritabile
• Sintomi neuromuscolari: sensazione di sbandamento (gambe traballanti), tremore, rigidità, parestesie (sensazione di torpore e formicolio), contratture, tensione muscolare, debolezza e affaticabilità
• Sintomi neurologici: vertigini, sensazione di “testa vuota” o leggera, sensazione di sbandamento, tremore,) e vampate di calore
• Sintomi dermatologici: orticaria, rossore o pallore del volto, iperidrosi (eccessiva sudorazione)
• Sintomi urinari: impulso improvviso ad urinare, aumento della frequenza dell’orinazione (pollachiuria).
Alcuni sintomi fra quelli sopra elencati sono tipici dell’Attacco di Panico (es: tachicardia, dispnea, capogiri, iperidrosi, nausea), mentre altri possono essere presenti per lungo tempo anche nei momenti in cui la persona non si sente “agitata” (fase acuta). Quando l’ansia è una condizione costante e pervasiva l’organismo vive uno stress intenso che provoca modificazioni alla sua fisiologia, ad es. con l’aumento dell’attività del sistema nervoso autonomo (simpatico) e della secrezione di ormoni come il cortisolo e l’adrenalina che influiscono fra l’altro sul battito cardiaco (frequenza e gittata), sulla pressione sanguigna e sul funzionamento del sistema immunitario.
Come detto sopra, questi sintomi compaiono in differenti combinazioni nei singoli casi, ma ciò che accomuna i sintomi somatici è spesso la loro persistenza e anche intensità, che motiva la persona che ne soffre a dubitare che si possa trattare “solo” di ansia. A volte infatti si sottovaluta l’importanza e anche la drammaticità dei disturbi psicologici più comuni, e si tende di conseguenza a pensare che non possano arrecare danni o fastidi non sopportabili o non superabili con la semplice “forza di volontà”.
Questo pensiero tuttavia non corrisponde alla realtà, dal momento che corpo e mente sono profondamente interconnessi e il disagio che una persona vive si può esprimere intensamente su entrambi piani.

Scusate la prolissità del discorso e come sempre dico a disposizione………….

amanitafalloide

Utente Attivo

Posts: 474

Activity points: 197

Data di registrazione: sabato, 01 febbraio 2014

  • Invia messaggio privato

2

mercoledì, 29 agosto 2018, 22:45

possibile sia solo ansia...la frase che più ho ripetuto negli ultimi mesi...alla psicologa, ai medici, a me stessa, a voi... possibile sia solo ansia.
Questo forum è stato una manna perché altrimenti sarei stata ancora più spaesata, in balia di mille sintomi che non si riescono a comprendere.

Sweet Moon

Non registrato

3

giovedì, 30 agosto 2018, 00:26

esattamente ciò che mi ripeto io...se fosse solo ansia ,prima o poi passa....possibile ogni giorno gli stessi sintomi che si susseguono...che sofferenza...e che sollievo scoprire che tanti di voi hanno e avvertono gli stessi sintomi...credevo di impazzire....grazie di aver creato questo forum

Longobardo

Utente Fedele

Posts: 808

Activity points: 1.202

Data di registrazione: giovedì, 20 giugno 2013

  • Invia messaggio privato

4

giovedì, 30 agosto 2018, 09:16

esattamente ciò che mi ripeto io...se fosse solo ansia ,prima o poi passa....possibile ogni giorno gli stessi sintomi che si susseguono..

L ansia è una malattia ed è pieno di malattie che " non passano "
Esempio noto a milioni di italiani , l ipertensione essenziale , la pressione del sangue sale per cause ignote e tocca prendere farmaci per tutta la vita per tenerla sotto controllo

amanitafalloide

Utente Attivo

Posts: 474

Activity points: 197

Data di registrazione: sabato, 01 febbraio 2014

  • Invia messaggio privato

5

giovedì, 30 agosto 2018, 10:15

i sintomi ansiosi passano se passa l'ansia... è come dire "ho un dente molto cariato, possibile che il dolore non passa"... certo che non passa.
Il problema è che l'ansia se ne può anche stare lì mesi, con i suoi favolosi sintomi associati, i quali alimentano ancora di più l'ansia in un circolo vizioso...
L'ansia è una nemica insidiosa perché muta forma, mutano i sintomi.
Ad esempio, leggendo la lista dei possibili sintomi di un attacco di panico, si nota un numero decisamente importante di sintomi. Solo che spesso non si presentano tutti, e tutti insieme.
Parlo per la mia esperienza: a volte ho avuto l'attacco di panico "classico", simil infarto: dolore / formicolii al braccio ( guarda caso quasi mai il destro), cuore con battiti super accelerati, mi sembrava di sentirmelo nelle orecchie, necessità di compiere brevi e rapidi respiri ( che poi è deleterio).
Altre volte si è presentato con testa confusa e vuota, sbandamento, forti tremori, sudorazione ecc
Al che , ti potresti chiedere " ma stavolta siamo sicuri che è panico?" e si entra nella paura più totale, che ovviamente alimenta l'attacco.
Il secondo motivo per cui l'ansia è insidiosa è che perturba la lucidità mentale. Quando hai l'ansia hai paura, punto. La paura è irrazionale, e pertanto è difficile calmarsi e razionalizzare. Ma se non ci si calma e si razionalizza, l'ansia si accresce.
L'ansia è invalidante.
L'ansia stanca.
L'ansia produce sintomi fisici forti, anche peggiori di quelli delle malattie organiche.
Inoltre le diagnosi di ansia si fanno per eaclusione ( di cause organiche)... ma quando è lecito fermarsi con gli accertamenti? Questo alimenta ulteriormente l'ipocondria, l'ipocondriaco ( che è ansioso e sospettoso) non si fida dei medici, quindi non si fida della diagnosi di "sola ansia". E questo alimenta l'ansia.

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" è una donna

Posts: 1.724

Activity points: 4.532

Data di registrazione: venerdì, 07 luglio 2017

  • Invia messaggio privato

6

giovedì, 30 agosto 2018, 10:31

...se fosse solo ansia ,prima o poi passa....


passa quando curi l'ansia ! se non la curi, passa un sintomo ma tene viene subito un altro perchè per la nostra mente è più facile dare ascolto al dolore fisico che a quello psicologico

steve33

Utente Attivo

  • "steve33" è un uomo

Posts: 82

Activity points: 366

Data di registrazione: venerdì, 29 febbraio 2008

Località: milano

  • Invia messaggio privato

7

giovedì, 30 agosto 2018, 11:37

Ciao a tutti a me ultimamente mi ha preso la fissa per la gola, sono da qualche mese che continuo a controllarmi le ghiandole toccandole eccetera e a controllarmi la gola con la luce del cellulare, ora da un po di tempo spesso sento come un fastidio nel deglutire ma non sempre e utimamente la sento spesso secca come infiammata , a chi capita di avere fisse con la gola??? e può essere che il continuo pensiero e controllo me la infiammi cioe magari senza accorgermi tengo in tensione la gola ed essa si infiammi x questo la senzasione spesso di gola secca? grazie

cicala991

Utente Attivo

  • "cicala991" è una donna

Posts: 76

Activity points: 170

Data di registrazione: martedì, 10 ottobre 2017

  • Invia messaggio privato

8

giovedì, 30 agosto 2018, 12:14

Grazie per questo thread, sicuramente utile e costruttivo.
Ogni giorno qui nel forum si leggono persone ovviamente preoccupate per il loro stato di salute (fisica, soprattutto), ma la discussione puntualmente si arena in elenchi infiniti di sintomi descritti in maniera minuziosa ed esami diagnostici fatti o che si vorrebbero fare.
Spero che questo post possa essere d'aiuto affinchè ci si convinca che la risposta alla domanda "possibile che sia solo ansia?" è: "SI, non è ALTRO CHE ANSIA".
Da ipocondriaca ci sono passata in prima persona e ogni tanto ci ricasco.
Ma quando comprendi il potere dell'ansia, quando ti accorgi che è il tuo stesso corpo a far nascere sintomi pesantissimi e soprattutto quando comprendi che questi sintomi non sono altro che un campanello d'allarme affinchè tu possa affrontare e risolvere un malessere interiore, più o meno nascosto nella nostra psiche, quello è il punto di partenza per stare meglio.
Sì, l'ansia fa stare malissimo, ma curandola si guarisce.
Vorrei solo aggiungere che il corpo ha i propri tempi di ripresa: se, ad esempio, soffro di colite, non posso aspettarmi che scompaia immediatamente. Ci vuole pazienza, fiducia nelle proprie capacità e voglia di stare bene di nuovo.
"Dai ad ogni giorno la possibilità di essere il più bello della tua vita"

Blacklock

Non registrato

9

giovedì, 30 agosto 2018, 13:29

E per non parlare poi dei sintomi psichici!!!

10

giovedì, 30 agosto 2018, 21:09

Quanti soldi...quanti medici... Io vivo con sbandamenti continui, testa vuota, gambe e braccia deboli...quanta forza ci va

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" è una donna

Posts: 1.724

Activity points: 4.532

Data di registrazione: venerdì, 07 luglio 2017

  • Invia messaggio privato

11

giovedì, 30 agosto 2018, 21:28

Grazie per questo thread, sicuramente utile e costruttivo.
Ogni giorno qui nel forum si leggono persone ovviamente preoccupate per il loro stato di salute (fisica, soprattutto), ma la discussione puntualmente si arena in elenchi infiniti di sintomi descritti in maniera minuziosa ed esami diagnostici fatti o che si vorrebbero fare.
Spero che questo post possa essere d'aiuto affinchè ci si convinca che la risposta alla domanda "possibile che sia solo ansia?" è: "SI, non è ALTRO CHE ANSIA".
Da ipocondriaca ci sono passata in prima persona e ogni tanto ci ricasco.
Ma quando comprendi il potere dell'ansia, quando ti accorgi che è il tuo stesso corpo a far nascere sintomi pesantissimi e soprattutto quando comprendi che questi sintomi non sono altro che un campanello d'allarme affinchè tu possa affrontare e risolvere un malessere interiore, più o meno nascosto nella nostra psiche, quello è il punto di partenza per stare meglio.
Sì, l'ansia fa stare malissimo, ma curandola si guarisce.
Vorrei solo aggiungere che il corpo ha i propri tempi di ripresa: se, ad esempio, soffro di colite, non posso aspettarmi che scompaia immediatamente. Ci vuole pazienza, fiducia nelle proprie capacità e voglia di stare bene di nuovo.


anch'io soffro di colite praticamente da sempre, e per molti anni è stata la forma dietro cui nascondevo l'ansia. Tutti i medici mi dicevano che essendo tutto a posto, la mia colite era dovuta all'ansia, e io non ci credevo, dicevo "provate voi a vivere ogni giorno col mal di pancia, e ditemi se DI CONSEGUENZA non vi verrebbe l'ansia?"
Poi sono passata a molte altre somatizzazioni, anche peggiori, ma la colite ce l'ho sempre, vuoi anche una certa predisposizione : c'è chi appena prende freddo perde la voce...e chi deve correre in bagno.
negli ultimi anni sto decisamente bene, ma proprio tra domenica e lunedì ho avuto dolori fortissimi, che mi hanno fatto ripiombare nel passato...apparentemente sono tranquilla, e anche sotto farmaci.....ma ragionando bene ho capito che qualcosa che mi crea ansia c'è, anche se forse un'ansia non patologica e non così grave.Ma qualcosa di cui non sono soddisfatta e che mi causa pensieri.

Confusa16

Utente Avanzato

Posts: 544

Activity points: 2.012

Data di registrazione: venerdì, 09 giugno 2017

  • Invia messaggio privato

12

venerdì, 31 agosto 2018, 01:50

Grazie repcar tu sai il perché!!! Sei una benedizione in questo forum

cicala991

Utente Attivo

  • "cicala991" è una donna

Posts: 76

Activity points: 170

Data di registrazione: martedì, 10 ottobre 2017

  • Invia messaggio privato

13

venerdì, 31 agosto 2018, 09:59



anch'io soffro di colite praticamente da sempre, e per molti anni è stata la forma dietro cui nascondevo l'ansia. Tutti i medici mi dicevano che essendo tutto a posto, la mia colite era dovuta all'ansia, e io non ci credevo, dicevo "provate voi a vivere ogni giorno col mal di pancia, e ditemi se DI CONSEGUENZA non vi verrebbe l'ansia?"
Poi sono passata a molte altre somatizzazioni, anche peggiori, ma la colite ce l'ho sempre, vuoi anche una certa predisposizione : c'è chi appena prende freddo perde la voce...e chi deve correre in bagno.
negli ultimi anni sto decisamente bene, ma proprio tra domenica e lunedì ho avuto dolori fortissimi, che mi hanno fatto ripiombare nel passato...apparentemente sono tranquilla, e anche sotto farmaci.....ma ragionando bene ho capito che qualcosa che mi crea ansia c'è, anche se forse un'ansia non patologica e non così grave.Ma qualcosa di cui non sono soddisfatta e che mi causa pensieri.


Sicuramente la predisposizione influisce molto! Poi c'è da dire che quando ci si porta dietro un certo disagio per diverso tempo questo tende a diventare cronico e purtroppo per i disturbi somatici a livello di apparato digerente come colite, gastrite e reflusso questo accade molto facilmente. Con gli ultimi due ci sto convivendo da tanto tempo, sono sorti a causa di un' ansia che mi porto dietro da anni e nonostante la stia curando, loro restano (magari leggeri) anche nei periodi più tranquilli...poi ovviamente esplodono quando torno ad essere ansiosa o stressata! Purtroppo è vero che questi disturbi scatenano ansia a loro volta. Già un ansioso magari si fa mille problemi ad uscire di casa, se poi ci si aggiunge la necessità di avere un bagno sempre a portata di mano a causa della colite...beh, è un disastro!
"Dai ad ogni giorno la possibilità di essere il più bello della tua vita"

amanitafalloide

Utente Attivo

Posts: 474

Activity points: 197

Data di registrazione: sabato, 01 febbraio 2014

  • Invia messaggio privato

14

venerdì, 31 agosto 2018, 10:59

certe volte solo il tempo può dirti con certezza che era ansia...
se non muori dopo un tot... ansia.

Ma intanto ancora ci sto pienamente dentro :(

AndreaC

In cibum est medicina

Posts: 1.177

Activity points: 3.724

Data di registrazione: lunedì, 05 maggio 2014

  • Invia messaggio privato

15

venerdì, 15 marzo 2019, 09:26

Per rimanere in salute dobbiamo rimanere puliti, e per recuperarla dobbiamo ripulirci, dal cibo spazzatura da una parte, e da quei farmaci che rappresentano un palliativo e che non sono propedeutici ad una guarigione (cioè una buona parte) dall'altra.

Molte opzioni a basso costo, dai digiuni (persone diabetiche si sono salvate dalla amputazione grazie al digiuno), allo stile di vita, alla dieta, fino ai rimedi officinali, molti medici nemmeno le prendono in considerazione, ammesso che ne siano a conoscenza.

Limitandosi a seguire quei protocolli che sono sempre meno decisi da loro, antepongono a questi percorsi, come prima opzione, potenti farmaci o interventi chirurgici pericolosi e, sempre di più, se si azzardano a mettere in discussione un protocollo, rischiano il posto.

La nostra medicina occidentale ha questa abitudine compulsiva, dura a morire, che la porta a promuovere, consapevolmente o meno non ha importanza, quasi sempre la malattia (quindi costose cure a pagamento), e quasi mai la salute.
Non vede spesso al di là del proprio naso e non si preoccupa mai dell'origine dei nostri disturbi, mai delle cause che generano un sintomo.

Che sono poi, sempre o quasi, le nostre abitudini alimentari venefiche, ammalanti, che i medici da una parte promuovono, finendo poi per scambiarle per predisposizioni genetiche ereditarie.

Mentre sono proprio quelle abitudini dannose ad ammalarci.
Quelle ereditiamo.