Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

morenomoreno

non devi aver paura di avere paura

  • "morenomoreno" is male
  • "morenomoreno" has been banned
  • "morenomoreno" started this thread

Posts: 511

Activitypoints: 1,946

Date of registration: Nov 22nd 2009

Location: napoli

  • Send private message

1

Monday, November 23rd 2009, 2:37pm

okok,,, scriviamo tutti le nsotre soluzioni ai problemi di ansia

anche io come te ho 22 anni e anche io come te ho provato questa sensazione di impazzire fortsissima che poi si scaricava in pianto..... o la sensazione che io non stessi vivendo la mia vita...etc etc e tantissimi altri sintomi.... puoi leggere anche un po la mia storia che ho scritto in un post...

cmq abbiamo capito che questa cazzo di ansia ci tormenta e ci affligge la vita con le piu svariate sintomatologie.... dagli attacchi di panico all'ansia generalizzata... etc etc leggendo e documentandomi ho trovato molte tesi...

una tesi dice che ce lo scontro tra il nostro io e il nostro super io... cioe che i bisogni primari quelli dell'inconscio si scontrano con i filtri e le barriere del nostro ego... oppure ci possono essere nodi nel nostro passato che ci affliggono... per esempio i primi tre anni di vita di un bambino sono importantissimi, oppure ancora ho studiato la cosa piu da un lato meccanicistico.... per esempio tutta questa sintomatologia e la stessa di quando viene stimolato il nervo vago che parte dal cervello passa attraverso la cervicale ed innerva reni stomaco cuore polmoni... quindi la compressione di questo causata da posture sbagliate o da malecclusioni mascellari possono accentuare o essere causa primaria... oppure ancora di puo essere un fattore genetico, che rpedispone le persone maggiormente sensibili ad avere questa visione ansiosa della realta perche forse e vero oggi l'uomo dovrebbe rallentare un po... siamo semplici pupazzetti nel gtrande giro di giostra che è produci consuma e muori produci consuma e muori.....

oppure ancora vediamo un po... ci sono questi squilibri chimici nel nostro cervello... che ci danno anche squilibri sensoriali, questi squilibri chimici sono serotonina noradrenalina e dopamina... grazie all'interazione di questi tre noi siamo soggeti sano o malati... e quindi vai con gli psicofarmaci a mille...

oppure ancora per esempio come diceva il grande lowen padre della bioenergetica, il luogo dove noi siamo stati e dove siamo ed il rapporto con in ostri genitori determina della contratture muscolari molto profonde le quali queste contratture ci fanno sentire meno le amozioni... per esempio siamo arabbiati stringiami i pugni e i denti.... la compressione del massetere e del romboide vanno ad influire su quel meccanismo delicato che e la cervicle e la colonna vertebrale dove dentro ci stanno tanti piccoli tubicini che fanno passaare le energie le emozioni etc etc... quindi ecco che la bioenergetica ce di aiuto o la tecnica del rebirthing e qualsiasi altra stronzata del genere... non so piu in quale direzione lavorare...l'omeopatia non fa un cazzo.... la fitoterapia non fa un cazzo.. gli psichiatri ti abbassano la febbre con gli psicofarmaci gli psicologi nonfanno un cazzo per i medici noi siamo soggetti sani dal punto di vist organico.... dobbiamo solo chiedere la grazia a san gennaro per chi e credente.. ma io non lo sono..... datemi qualche altro indizio... qualche altra strada dove poter lavorarare.... orami sono stremato ... la strada che ora voglio trovare è la seguente



quali sono tutti i punti in comune che abbianmo ???? quali sono secondo noi le cause che hanno scatenato tutto cio ??? cosa ci distingue dagli altri ???

quale potrebbe essere una causa dell'infanzia o della adolescenza che ci accomuna ??

i vosti genitori si litigano sono separati ?? se si a quani anni ??? siete nati col forcipe con la ventose ??? avete avuto qualche incidente ??? avete visto morire qualcuno ???? avete genitori apprensivi ???

tototony

Per sempre Tototony

  • "tototony" is male

Posts: 1,116

Activitypoints: 4,776

Date of registration: Aug 14th 2009

Location: provincia di napoli

Occupation: setacciatore di fondali marini

  • Send private message

2

Monday, November 23rd 2009, 5:18pm

Come a volte mi è capitato di leggere in internet anch'io ho capito che ci sono degli impedimenti dell'super io nei confronti dell'io. Bisognerebbe modificare il super io....ma come si fa?

Poi ho letto anche che la chiave di queste patologie è l'umore......in poche parole pure se ci casca il mondo addosso dobbiamo tenere sempre l'umore alto........il nostro cervello peggiora sempre e noi dobbiamo riderci su.....assurdo.

Poi non ho mai capito perche capita ogni tanto questa forza misteriosa che ci fa sfociare nel negativo come un vulcano che non riesce ad eruttare. A cosa sarà dovuta questa sensazione: squilibrio chimico del cervello: allora i farmaci servono? E poi si può far aumentare le molecole che servono nel nostro cervello senza farmaci?

Le tecniche meditative o l'apprendimento di un'arte marziale ci potrebbero aiutare? O sono la chiave per non prendere medicine e migliorerebbero il nostro dinamismo fisico compreso il nervo vago?

Il sesso ci potrebbe aiutare? Le masturbazioni frequenti ci potrebbero fare male? La pesca subaquea disse mio zio mi può veramente far male al sistema nervoso? Il lavoro fin dove ci può aiutare? Lo stress ci può uccidere? La caffeina può influire sulle ossessioni e l'ansia? Non so Che dire :hmm:

morenomoreno

non devi aver paura di avere paura

  • "morenomoreno" is male
  • "morenomoreno" has been banned
  • "morenomoreno" started this thread

Posts: 511

Activitypoints: 1,946

Date of registration: Nov 22nd 2009

Location: napoli

  • Send private message

3

Monday, November 23rd 2009, 9:38pm

certo che non sai che dire.... non hai mai provato a soffermarti un secondo ... cmq cominciamo bene... sto cercando di capire se ce qualcosa che acomuna tutti noi che soffriamo di ansia... ti faccio due domande la prima è

1) questi tuoi attachi come sono cominciati... magari dopo un forte trauma ????

2) come è la tua situazione familiare e il tuo rapporo con i tuoi ???

tototony

Per sempre Tototony

  • "tototony" is male

Posts: 1,116

Activitypoints: 4,776

Date of registration: Aug 14th 2009

Location: provincia di napoli

Occupation: setacciatore di fondali marini

  • Send private message

4

Tuesday, November 24th 2009, 5:45pm

Non so di preciso quando sono cominciati ma so invece quando li ho registrati. In quel giorno stavo seduto al tavolo con la figlia della maestra del doposcuola, stavamo parlando e scherzando, quando ad un certo punto guardando l'oblò della lavatrice non sò mi è rivenuta in mente questa cosa, solo che in quel momento la registrai, mi venne il primo panico e non parlavo più bene....prima figura di merda. Mi ricrdavo che questa cosa gia l'avevo avuta ma non mi ricordo quando è incominciata.

Da piccolissimo mi hanno detto che ho avuto degli interventi chirurgici ai piedi perchè ero nato con i piedi torti. Possibile trauma?

In famiglia non ho cattivi rapporti, forse in passato solo con mio padre perchè era un pò manesco e all'antica.

pw81

Colonna del Forum

Posts: 1,392

Activitypoints: 5,415

Date of registration: Jun 18th 2008

  • Send private message

5

Tuesday, November 24th 2009, 5:52pm

RE: okok,,, scriviamo tutti le nsotre soluzioni ai problemi di ansia


una tesi dice che ce lo scontro tra il nostro io e il nostro super io... cioe che i bisogni primari quelli dell'inconscio si scontrano con i filtri e le barriere del nostro ego... oppure ci possono essere nodi nel nostro passato che ci affliggono... per esempio i primi tre anni di vita di un bambino sono importantissimi, oppure ancora ho studiato la cosa piu da un lato meccanicistico.... per esempio tutta questa sintomatologia e la stessa di quando viene stimolato il nervo vago che parte dal cervello passa attraverso la cervicale ed innerva reni stomaco cuore polmoni... quindi la compressione di questo causata da posture sbagliate o da malecclusioni mascellari possono accentuare o essere causa primaria... oppure ancora di puo essere un fattore genetico, che rpedispone le persone maggiormente sensibili ad avere questa visione ansiosa della realta perche forse e vero oggi l'uomo dovrebbe rallentare un po... siamo semplici pupazzetti nel gtrande giro di giostra che è produci consuma e muori produci consuma e muori.....

oppure ancora vediamo un po... ci sono questi squilibri chimici nel nostro cervello... che ci danno anche squilibri sensoriali, questi squilibri chimici sono serotonina noradrenalina e dopamina... grazie all'interazione di questi tre noi siamo soggeti sano o malati... e quindi vai con gli psicofarmaci a mille...

oppure ancora per esempio come diceva il grande lowen padre della bioenergetica, il luogo dove noi siamo stati e dove siamo ed il rapporto con in ostri genitori determina della contratture muscolari molto profonde le quali queste contratture ci fanno sentire meno le amozioni... per esempio siamo arabbiati stringiami i pugni e i denti.... la compressione del massetere e del romboide vanno ad influire su quel meccanismo delicato che e la cervicle e la colonna vertebrale dove dentro ci stanno tanti piccoli tubicini che fanno passaare le energie le emozioni etc etc... quindi ecco che la bioenergetica ce di aiuto o la tecnica del rebirthing e qualsiasi altra stronzata del genere... non so piu in quale direzione lavorare...l'omeopatia non fa un cazzo.... la fitoterapia non fa un cazzo.. gli psichiatri ti abbassano la febbre con gli psicofarmaci gli psicologi nonfanno un cazzo per i medici noi siamo soggetti sani dal punto di vist organico.... dobbiamo solo chiedere la grazia a san gennaro per chi e credente.. ma io non lo sono..... datemi qualche altro indizio... qualche altra strada dove poter lavorarare.... orami sono stremato ... la strada che ora voglio trovare è la seguente



Penso nel mio caso incidano tutte. Non ho ancora capito in che percentuale. La soluzione l'ho trovata però. Suicidio indolore, di difficile riuscita comunque.
''il male di vivere subentra quando le nostre aspirazioni non coincidono con la realtà che si manifesta''

l@ur@

Utente Fedele

  • "l@ur@" is female

Posts: 315

Activitypoints: 1,078

Date of registration: Jun 24th 2009

  • Send private message

6

Tuesday, November 24th 2009, 9:08pm

Non so se possa centrare veramente qualcosa, ma....anke io son stata operata ad un piede ed io è proprio da quell'operazione ke ho cominciato ad avere problemi.....è assurdo pensare ke possa centrare credo...ma visto ke si parla di cose in comune!!!

morenomoreno

non devi aver paura di avere paura

  • "morenomoreno" is male
  • "morenomoreno" has been banned
  • "morenomoreno" started this thread

Posts: 511

Activitypoints: 1,946

Date of registration: Nov 22nd 2009

Location: napoli

  • Send private message

7

Tuesday, November 24th 2009, 11:54pm

bravissimi

bravissimi ragazzi.... davvero siete grandi.... continuate cosi anzi scrivete precisamente in maniera dettagliata...

allora ho capito che c'è un alta percentuale di casi di persone che sono state operate o che hanno perso qualcuno... nel senso la morte di qualcuno gli ha provocato tal senso ... anzi diro di piu.... tutti noi abbiamo provato la sensazione di pericolo imminente di morte..... magari anche la semplice operazione ad un piede... come no... o l'uso di quei potenti anestetici ospedalieri per sedarci..



voglio che mi spiegate bene come e quando e capitato.... e voglio che mi spiegate bene le vostre situazioni familiari o se pensate che possa centrare un qualche trauma infantile... qualsiasi cosa è utile



come avete letto nella mia storia tutto è iniziato dopo un incidente che feci col motorino dove venni sbalzato per l'aria da una macchina che veniva contromano.... e stetti in ospedale 2 settimane dove nel quale conobbi una persona che fece subito l'operzione dopo di me e mori il mattino seguente...

io ero li affianco al suo letto... e lui diceva che non riusciva a respirare... e io li a ripetere " dai su non fate cosi che mi fate orendee paura" poi lui disse, che sentiva che non ce lavrebbe fatta.. ha fatto gli ultimi sospiri ed è morto......

io feci le vacanze torani ed ebbi il mio primo attacco di panico.....

oltre a questo credo che ci sia una forte predisposizione genetica.... nella mia famiglia ho avuto mia mdre che in passato per esempio ha sofferto di cio e prendeva i fiori di back... lei non riusci ad accettare la morte del padre..... ( credo che centri anche questo )

perche incosapevolemtne noi ereditiamo anhce questo dai nostri genitori.... i miei poi sono separati ed io sono sono crescuto con mia nonna.....

raga questo sono un po io ... cercate di fare una descrizione del genere magari abbiamo tratti in comuni....

sono "ansioso " di conoscervi ...... spero vi siate fatti due risati su ansioso hehe :-)

ila82

Utente Attivo

  • "ila82" is female

Posts: 30

Activitypoints: 90

Date of registration: Nov 23rd 2009

Occupation: Ingegnere

  • Send private message

8

Wednesday, November 25th 2009, 10:04am

Io quando avevo 13 anni sono svenuta in un centro commerciale super affollato l'antivigilia di Natale.. Qualche anno dopo, la Vigilia di Natale sono svenuta in una chiesa gremita.. Passa ancora qualche anno e mi è risuccesso in una discoteca! Tutti degli abbassamenti di pressione, però da allora ho iniziato ad avere paura ad andare ai concerti, stare in piedi tanto tempo in coda, in chiesa, in tutti i posti affollati. Chiaro che poi in questi posti sono andata.. Ma se non sono vicina ad un'uscita, o non ho delle caramelle nella borsa ho paura di svenire ogni volta.. Mi sembra mi giri la testa, mi viene la tachicardia, mi sento le gambe deboli, a volte quasi la nausea.. Come un attacco di panico. Questa si può dire sia la mia prima paura..

Poi una volta mi è venuta la cistite mentre facevo l'esame di Analisi ab all'università.. Pensavo di farmela addosso, così all'improvviso. Da allora (fino a poco tempo fa, ora è calato notevolmente) quando avevo lo stimolo, se non c'era la possibilità di andare subito in bagno (perchè ero ad un esame o altro) andavo nel panico, iniziavo a sudare freddo e ad agitarmi. Ora è passata molto..

Tre anni fa è morto mio papà in un incidente stradale.. Dopo un primo periodo (di circa un anno) in cui, a parte il dolore per la perdita mi sentivo più forte di prima, perchè pensavo che avendo superato un dolore del genere niente più mi poteva abbattere, ho iniziato ad essere un pò più apprensiva ad ansiosa.. Soprattutto nel periodo autunno/inverno, ho il terrore delle malattie. Un pò ipocondriaca la sono sempre stata, questi ultimi anni forse appena di più. Quando arriva poi la primavera inizio a sentirmi bene e tutte le paure (o quasi) se ne vanno.. Inspiegabile.

Adesso da una settimana ho questi pensieri di continuo, tutto il giorno.. Paura di perdere il controllo.. Questi non me li so proprio spiegare..

Anch'io ho pensato ai fiori di Bach.. Che voi sappiate funzionano?

9

Wednesday, November 25th 2009, 11:22am

Anch'io ho pensato ai fiori di Bach.. Che voi sappiate funzionano?

Dopo 10 anni di fiori di bach e omeopatia ti posso dire che per problemi cronicizzati, sono inefficaci, forse giusto il rescue remedy, ma troppo poco per consigliarteli.

Il mio problema di ansia è di tipo fobia sociale, tutti gli ambienti dove c'è gente insomma. Sono arrivato ad arrivare ad essere, nel mio periodo peggiore agarofobico, non riuscendo più ad uscire di casa.

Le cause?

A posteriori credo che sia cominciata dai 7 ai 13 anni dove dopo scuola dovevo tornare a casa e non dovevo (madre iper apprensiva) uscire. cominciate le superiori ho avuto possibilità di socializzare, ma oramai era entrato a regime uno schema mentale di evitamento che mi porto avanti ancora adesso.

L'ansia è si un sintomo, ma la causa è la fobia sociale che la determina, ovvero l'ansia non è "nemica", ma solo un effetto collaterale, di uno schema mentale evitante che combatto giorno per giorno (ora di anni ne ho 36).

Fino a sei mesi fa prendevo ziprexa, impromen ed en. Rispettivamente: un'antipsicotico, un'altidepressivo e un ansiolitico, da qualche mese il mio psicoterapeuta si è messo in testa che posso farcela "con le mie forze", e prendo "solo" l'ansiolitico giusto per non sbarellare di brutto.
Tutto ciò mi perplime

rocco smitherson

l@ur@

Utente Fedele

  • "l@ur@" is female

Posts: 315

Activitypoints: 1,078

Date of registration: Jun 24th 2009

  • Send private message

10

Wednesday, November 25th 2009, 12:01pm

mah....anche io avevo pensato all'anestesia o agli antidolorifici dell'operazione....le pensi un po' tutte insomma.... Pure nella mia famiglia cmq può essere genetico....
Io ho avuto vari problemi psicosomatici..tipo la diarrea anni fa, la nausea, la difficoltà di mangiare con alre persone (fin da piccola e proprio da là è partito questo problema), ecc....fino a quello ke ho ora: mi è capitato di avere forti giramenti di testa negli ultimi anni e mi è venuta una fobia ke mi sta facendo evitare molte situazioni x paura che mi vengano queti giramenti....sto cercando di capire xkè vengono, ma è veramente un grandissimo casino! speo di tornare ad una vita normale....

ros

Unregistered

11

Wednesday, November 25th 2009, 12:17pm

ciao giovane moreno
credo di Napoli anche tu, ti ha "tradito" il S. gennaro.

dunque, cosa possiamo fare èer essere felici, in sostanza?
io nn ho mai preso psicofarmaci...o meglio, per pochi mesi e poi, ho avuto un incudente d'auto causa annebbiamento da farmaci appunto e li ho mandati a cacare.

omeopatia? ce l'ho
fiori di bach?ce l'ho

reiki? io si e voi??

ecc..
insomma ho provato tutto
yoga
rio abierto ecc
psicoterapia
ma tutto mi è servito

mi mancava l'analisi transazionale (chiedere info a Alfons3-doct faust- Aina, presenti nel forum)

mi mancava la chiave inglese, il cacciavite, il martello...insomma gli strumenti di lettura chiari e semplici.
e adesso sto discretamente.

un po d'ansia c'è sempre, quella giusta, quella che mi aiuta a nn fare sciocchezze.
forse moreno hai paura di diventare Adulto, cioè autonomo nei pensieri e nelle azioni.
nn voglio con questo sminuire, ma le paure che ci portiamo dentro ci hanno fatto restare piccoli, come dei cuccioli chiusi nella tana.
e quando la lupa si è allontanata, nn sappiamo uscire per cavarcela da soli.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,444

Activitypoints: 22,857

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

12

Wednesday, November 25th 2009, 12:39pm

l' ansia e' una sensazione, e' serve a preparaci ad un evento, mettendo in stato di vigilanza il corpo e la mente.

Quando e' esagerata o non confacente al contesto, e' un sintomo disfunzionale.

La maggior parte dei soggetti esageratamente ansiosi sono tali per predisposizione ereditaria. Alcuni lo diventano in seguito a schok traumatici. Altri ancora durante un periodo di riassenstamento organico, come l'adolescenza, il menarca e l'inizio della fase fertile, la menopausa, oppure dopo una malattia acuta, oppure durante un periodo di esaurimento psico-fisico.

La causa fsiologiche sono una alterazione della conduzione neurogena, dovuto ad un eccesso di neurotrasmettitori ansiogeni, e relativa attivazione del sistema ormonale e immunitario.

Le cause psicologiche potebbero essere riassunte in un indebolimento dell' Io, e di una riesumazione del conflitto interiore fra super -io ed es, secondo i termini psicoanalitici, o un indebolimento dell'Adulto, e la riesumazione di un conflitto interiore fra Genitore e Bambino, secondo l'analisi transazionale.

In pratica le facolta razionali si indeboliscono, e si e' preda di sensazioni scomode, di cui la paura e' la fondamentale. Seguono l'angoscia, il terrore, il panico, la paralisi, la catatonia.

Per rendersi infelici e coltivare a vita questo disturbo, basta parlarne ogni giorno, e coltivarlo, avendo sempre gli occhi puntati su di esso.
Cosi facendo si lascia dilagare il conflitto fra Genitore e Bambino, e l'Adulto continua ad essere contaminato o escluso.
E si passa una vita da ansiosi cronici, che vivono per stare in ansia e sono in ansia perche' vivono.

ila82

Utente Attivo

  • "ila82" is female

Posts: 30

Activitypoints: 90

Date of registration: Nov 23rd 2009

Occupation: Ingegnere

  • Send private message

13

Wednesday, November 25th 2009, 12:39pm


Il mio problema di ansia è di tipo fobia sociale, tutti gli ambienti dove c'è gente insomma. Sono arrivato ad arrivare ad essere, nel mio periodo peggiore agarofobico, non riuscendo più ad uscire di casa.


Anch'io a causa dei miei svenimenti ho paura a stare in mezzo alla gente, persino pub e negli ultimi anni anche i ristoranti.. Mi viene la nausea quando entro e inizio a stare bene quando sono verso fine cena solo perchè so che potrei uscire quando voglio! Ma mi impongo di continuare ad andare nei posti che mi fanno paura, e se sto male amen.. Arriverà la volta che non starò più male! Mi devo ancora perfezionare però sui concerti e sull'ascensore...

14

Wednesday, November 25th 2009, 12:56pm

Ancora non è superato il nodo gordiano che sta alla base di questi problemi, comunque più in superficie riesco a tenere sotto controllo l'ansia semplicemente "distraendomi", ovvero concentro i miei pensieri in modo da non dare energia all'aspetto ansioso di me (che rimane nell'angolino buio, nella coda dell'occhio). E devo ammettere che gli ansiolitici mi aiutano a far questo.
Tutto ciò mi perplime

rocco smitherson

BELL

Nuovo Utente

  • "BELL" is female

Posts: 6

Activitypoints: 18

Date of registration: Nov 24th 2009

Location: vicenza

  • Send private message

15

Wednesday, November 25th 2009, 12:57pm

ciao a tutti mi chiamo sonia e sono appena iscritta,anch io sono schiava dell ansia anche se riesco un po'meglio a controllare gli attacchi ma quando arrivano è terribile sudo tremo tacchicardia e la mia mente va per i fatti suoi,non è capace di placare la paura la sensazione di terrore,sapete l altra volta me n 'è arrivato uno ,ero in macchina con mia sorella immersa nella nebbia e nella pioggia e eccolo che è arrivato,la prima cosa che ho fatto è stata prendere il cell,ho fatto il primo num che ho trovato e ha risp mia cugina,ho iniziato a parlare senza sosta sperando di riuscire a colmarmi rientrando in una dimensione reale.

Ragazzi rispondete vi prego,per nn parlare che drante il giorno sto sempre a contarmi i battiti!!