Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

Ciennemeno

Giovane Amico

  • "Ciennemeno" è stato interdetto da questo forum
  • "Ciennemeno" ha iniziato questa discussione

Posts: 156

Activity points: 552

Data di registrazione: sabato, 26 giugno 2010

  • Invia messaggio privato

1

giovedì, 29 luglio 2010, 22:46

ok ci siamo...e non voglio tirarmi indietro!

Ciao a tutti, vi spiego la mia situazione.

Mesi fa dovevo prendere il treno, un viaggio di poco più di due ore, ma dopo 20 minuti dalla partenza mi viene l'ansia e volevo scendere....inizio a sudare mi alzo ed inizio a chiamare al cell chiunque, giusto per far passare il tempo. Il treno si ferma dopo circa un'oretta ed io scendo....volevo stare li e poi riprendere un altro treno e continuare il viaggio, ma ho deciso di risalire e continuare il viaggio.

Ora mi trovo nella condizione di dover riprendere un treno e farmi 200km. Pochi al pensiero che in passato mi facevo anche 12 ore di treno tranquillamente.
C'è la possibilità che mi vengano a prendere, ma dovrebbero fare 200km andata e 200km al ritorno...e mi pare assurdo!
Cosi sia per affrontare questa mia nuova paura e sia per non essere egoista, ho deciso di riprendere il treno, anche se prendo frecciargento che ci mette una sola ora. :D

Ho paura di sentirmi agitato, ho paura che non sarò in grado di prendere mai più un treno e limitarmi quindi anche nei miei futuri viaggi.
Non capisco da dove sia nata questa mia paura....forse perchè mi sento in prigione? Che non posso scendere quando voglio? Fare un viaggio in compagnia sarebbe diverso?
Anche se in parte spero in uno sciopero dei trasporti (che non me ne vogliano chi questo weekend deve partire) ma dall'altra parte voglio vincere questa paura, affrontandola.
Aiutatemi a capire i motivi di questa mia paura!
:dash:
Prima di diagnosticarsi depressione o bassa autostima, assicurati di non essere semplicemente circondato da stronzi. :S

do you think?

Non registrato

2

giovedì, 29 luglio 2010, 22:51

ciao,da quel che scrivi potrebbe forse essere agorafobia,sicuramente se ti dovesse accompagnare qualcuno a te caro la paura scenderebbe di molto,ne so poco ma puo` darsi che tu abbia anche altri sintomi,magari anche in casa quando nn e`presente una persona vicino a te...

Ciennemeno

Giovane Amico

  • "Ciennemeno" è stato interdetto da questo forum
  • "Ciennemeno" ha iniziato questa discussione

Posts: 156

Activity points: 552

Data di registrazione: sabato, 26 giugno 2010

  • Invia messaggio privato

3

giovedì, 29 luglio 2010, 22:58

Inanzitutto grazie per la risposta!
Non credo che sia agorafobia, anche perchè spesso a casa sto bene da solo! Mi piace andare al mercato (dove è grande e c'è molta gente)e stare in giro ...mi preoccupa solo il treno ma cosi come l'autobus se deve fare una tratta molto lunga!
A me piace molto viaggiare in auto, anche da solo, ma con il treno dopo quell'unica esperienza ho la paura che mi risucceda e che non potendo scendere l'idea mi faccia sentire male.
A rischio di infarto o miei allarmismi vari, io sabato prenderò quel treno, ma vorrei, anche grazie a voi, avere una minima idea di cosa possa essere.
Tutto può essere che quando salirò non mi succeda nulla..
Prima di diagnosticarsi depressione o bassa autostima, assicurati di non essere semplicemente circondato da stronzi. :S

do you think?

Non registrato

4

giovedì, 29 luglio 2010, 23:04

e`difficile capire esattamente cosa tu abbia,quanti anni hai e da quanto tempo senti questi disagi?

Ciennemeno

Giovane Amico

  • "Ciennemeno" è stato interdetto da questo forum
  • "Ciennemeno" ha iniziato questa discussione

Posts: 156

Activity points: 552

Data di registrazione: sabato, 26 giugno 2010

  • Invia messaggio privato

5

giovedì, 29 luglio 2010, 23:14

Ho 23 anni. A giugno dell'anno scorso ebbi il mio primo attacco di panico e quella sera mi cambiò la vita. Mese dopo mese ho imparato a conoscermi meglio e la mia ansia è diminuita notevolmente.
Sono consapevole che comunque nulla sarà come prima di quella sera, ma si deve andare avanti comunque.
Prima di quella sera viaggiavo spesso in treno, a qualsiasi ora e qualsiasi giorno, 2/5/8/12 ore di treno le facevo tranquillamente.
Non soffro di mal d'auto.

Non so quale altra informazione possa esser utile, ma è possibile che io mi sia sentito male per un qualsiasi motivo (mal di testa o semplicemente per il caldo infernale che c'era) e che io, dopo aver avuto quel attacco di panico mesi fa (quello di giugno), abbia interpretato quel mio malessere come un possibile ritorno ad un eventuale attacco di panico e quindi associo il treno come una minaccia?
O_o
Prima di diagnosticarsi depressione o bassa autostima, assicurati di non essere semplicemente circondato da stronzi. :S

do you think?

Non registrato

6

giovedì, 29 luglio 2010, 23:22

si esatto!associ il treno ad un luogo chiuso dal quale eventualmente nn puoi scappare in caso si ripresenti un possibile attacco di panico,mentre invece l`auto in caso di necessita`la puoi fermare,se guidi tu l`ansia si ridimensiona molto,ma anche se guida un altra persona cmq e`bassa perche`puoi chiederle di fermar l`auto e scenderne.il treno come l`autobus son mezzi pubblici su cui tu nn hai il controllo.un consiglio puo`essere quello di distogliere l`attenzione dalle tue paure,innanzitutto nn creandoti ansie anticipatorie,e poi cmq trovando stratagemmi per distrarti...come ascoltare musica con l i pod,o parlando al tel.o parlando cn chi ti sta vicino,usare un portatile...tutte cose semplici ma utili vedrai ;)

Ciennemeno

Giovane Amico

  • "Ciennemeno" è stato interdetto da questo forum
  • "Ciennemeno" ha iniziato questa discussione

Posts: 156

Activity points: 552

Data di registrazione: sabato, 26 giugno 2010

  • Invia messaggio privato

7

giovedì, 29 luglio 2010, 23:27

Dato che ho finito giusto ieri un libro, ne prenderò uno dalla libreria, caricherò tutta la batteria del cellulare e mi porterò i soldi per un altro eventuale biglietto :assi: ..cosi da avere delle alternative! :D

Grazie per la chiacchierata (do you think)! :beer:
Prima di diagnosticarsi depressione o bassa autostima, assicurati di non essere semplicemente circondato da stronzi. :S

do you think?

Non registrato

8

giovedì, 29 luglio 2010, 23:33

vedrai che starai benissimo,hai scritto una frase importante:da quando hai imparato a conoscerti le tue paure sn diminuite,ed e`la cosa piu`importante,vuol dire che col tempo nn ne restera` traccia!ciao :)

mac.lc475

Giovane Amico

  • "mac.lc475" è stato interdetto da questo forum

Posts: 173

Activity points: 519

Data di registrazione: mercoledì, 28 luglio 2010

  • Invia messaggio privato

9

venerdì, 30 luglio 2010, 11:10

prendo frecciargento che ci mette una sola ora.
Eh sì... quando ce lo si può permettere, perchè no?

anomis

Utente Attivo

  • "anomis" è una donna

Posts: 117

Activity points: 393

Data di registrazione: martedì, 04 maggio 2010

Località: pisa ma sono campana

  • Invia messaggio privato

10

sabato, 31 luglio 2010, 00:22

Ciao! Anch'io ho il tuo stesso problema...6 anni fa ho avuto un attacco di panico in treno, una sensazione bruttissima, il treno era affollato ma io mi sentivo sola e nel bel mezzo dell'Italia e mi sentivo in trappola perchè anche se fossi scesa mi sarei ritrovata in una città a me sconosciuta...da allora, dipende dai periodi, ma a volte anche una settimana prima io inizio ad avere gli attacchi di panico perchè devo partire!
Il prblema è che io studio a 700Km da casa e devo viaggiare per forza!
Il treno lo prendo cmq (lo preferisco all'autobus), sopporto l'ansia con qualche ansiolitico e porto con me tanti passatempi: giornali di gossip, settimana enigmistica, libro da leggere, esame da preparare, musica, pc con batteria carica, cellulari con batteria carica ...e tanta voglia di chiaccherare con gli altri!
A volte mi diverto anche, altre volte invece sono un patimento ma sono contenta perchè seppur soffrendo non mi sono mai tirata indietro!
Secondo me il fatto che reagiamo così di fronte ad un viaggio dipende dal fatto che siamo rimasti così scioccati e traumatizzati da quell'episodio che associamo il viaggio a sensazioni negative...
Se riesci a trovare una soluzione mi raccomando fammi sapere! :beer:
Vedrai che andrà tutto bene!

Ciennemeno

Giovane Amico

  • "Ciennemeno" è stato interdetto da questo forum
  • "Ciennemeno" ha iniziato questa discussione

Posts: 156

Activity points: 552

Data di registrazione: sabato, 26 giugno 2010

  • Invia messaggio privato

11

domenica, 01 agosto 2010, 12:54

Il viaggio è andato benissimo. La notte prima ho focalizzato che il mio malessere non era il treno in se per se, ma quello che per me rappresentava. Mi sono detto che non è che se mi sento male a casa allora vuol dire che non potrò mai più stare a casa e stessa cosa per il treno!
Credo che poi quando ci si prende una fissa, il treno poi passa in secondo piano, e tutto quello che ci costruiamo intorno dipende solo da noi....come si suol dire facciamo tutto noi! :D
Partendo da questo presupposto, ho pensato che questo viaggio sarà per me rilassante e cosi è stato!
Io credo che non si tratti solo di ansia ma di costruirsi anticipatamente un malessere, e che questo poi si trasformi in ansia che questo malessere effettivamente ci possa capitare.
Mi ricordo una sera, ero uscito con amici dovevamo vederci in un pub, ho pensato e se mi sentissi male? che figura che farei? e che potrei fare nel caso...etc etc...l'unica risposta che alla fine mi sono dato è stata: Ok se mi sento male mi sento male...e non credo che io sia il primo o l'ultimo a sentirsi male una sera!
Io credo che sia stato questo pensiero a salvarmi in tante altre situazioni, che poi si trasforma, in situazioni già passate (come uscire per andare in un pub piccolo ed affollato con poco passaggio d'aria) in un meccanismo automatico.
Anomis, non so se questo mio modo di pensare sia adattabile a tutti, ma a me ha funzionato, prova la prossima volta quando prendi il treno a dirti, e se mi sento male, chissenefrega!
Evitare di pensare che il sentirsi male possa essere un primo passo a sentirsi davvero male è un controsenso che capisco benissimo ma funziona cosi! xD
Fatto questo viaggio andato bene non vuol dire che ne sia uscito al 100%, dipende anche dall'umore o dallo stato fisico in cui affronterò il mio prossimo viaggio, e se dovessi sentirmi male in futuro, la colpa la darò all'effettivo motivo del mio malessere (mal di testa, nausea, etc) che sono cose che non si possono prevedere! L'unica cosa e saperle affrontare solamente quando ci succedono!
Prima di diagnosticarsi depressione o bassa autostima, assicurati di non essere semplicemente circondato da stronzi. :S

do you think?

Non registrato

12

domenica, 01 agosto 2010, 13:17

;) meglio cosi`!