Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


robi

Utente Avanzato

  • "robi" è un uomo

Posts: 906

Activity points: 2.760

Data di registrazione: mercoledì, 11 luglio 2007

Località: marotta

Lavoro: pensionato

  • Invia messaggio privato

181

lunedì, 05 maggio 2008, 18:05

Citato da "patrizia"

Ecco ci risiamo!!!
Da due giorni ho male al braccio sinistro dalla spalla fino alla mano , in particolare di sotto(tricipite) ed è cone se il braccio si stancasse facilmente .

Stanotte mi sono svegliata per il dolore.Mi sento nuovamente agitata , sobbalzo di nuovo nel sonno, ho paura!

Ma mi sembra che questi bassi abbiano delle cadenze?!

Non capisco se mi fa male perchè sono ansiosa o viceversa! Per completare l'opera mi è arrivato ieri l'erpes al mento!

A me arriva spesso quando sono stressata, ma da un pò non arrivava lo aspettavo con ansia!

Almeno lui riesce a sfogarsi come e quando vuole, mi si riempirà il mento, già è abbastanza grosso!

Eppure andava meglio, ma per motivi futili o forse senza alcun motivo appena mi sento un pò megli poi subito cado di nuovo!

Che faccio?

Patrizia, non risponde Ed....ma Robi sicuramente perchè l'avrò anticipato nella lettura!!!!!!!
Ti chiedi giustamente cosa devi fare per gestire questi picchi umorali ed il mio suggerimento è quello che forse Ti ho già scritto e cioè di dare agli eventi e grattacapi quotidiani il giusto peso e soprattutto la giusta importanza.
I mille dolori, dolorini e doloretti assieme all' herpes sono causati dall'ansia che ancora non riesci a controllare o perlomeno con cui non riesci a conviverci senza che la stessa possa procurarTi come ora guai peggiori a livello psico-fisico.
Tutto ovviamente credo sia legato alla morte di Tuo padre, un lutto che ancora non hai accettato ed elaborato assumendoTi a mio avviso anche delle colpe che sicuramente non Ti appartengono.
Gli eventi luttuosi sono dolorosi per tutti Noi, ma cercare ostinatamente le cause come mi sembra Tu stia facendo non lo trovo logico e questo per rispetto soprattutto delle persone che hai vicino ed anche di chi non c'è più che sicuramente non voleva una Patrizia così scossa, turbata, demotivata e sfiduciata.
RiprendiTi in mano la vita Patrizia ed anche se è una frase fatta che...la vita continua...è pur sempre vero che nonostante tutto abbiamo anche dei diritti-doveri che riguardano la famiglia a cui non possiamo negare la Nostra presenza ed il Nostro aiuto come abbiamo sempre fatto ed è proprio su questo punto che dimostri il Tuo attaccamento a chi non c'è più riprendendo quel Tuo ruolo di madre e moglie che leggo hai sempre svolto con piena soddisfazione ed armonia familiare.
Robi

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" è una donna
  • "patrizia" ha iniziato questa discussione

Posts: 5.560

Activity points: 18.612

Data di registrazione: giovedì, 13 marzo 2008

Località: sicilia

  • Invia messaggio privato

182

lunedì, 05 maggio 2008, 19:52

Grazie lully e Roby, grazie perchè ci siete e riuscite un pò a consolarmi!

Lo so che non ho ancora accettato il lutto , mi sforzo di non pensarci, ma è difficile!

Ieri è venuta a trovarmi mia sorella e ci siamo un pò confrontate e accorte che entrambe pensiamo la stessa cosa

riguardo al fatto che avremo lo stesso destino di mio papà!

Questo non mi ha consolato , anzi mi sono agitata di più!

Che ne so! E' difficile, parlarne, anche con le mie sorelle, troppo dolore, che non avrei mai immaginato!!!
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

ed

Giovane Amico

Posts: 161

Activity points: 497

Data di registrazione: sabato, 08 marzo 2008

  • Invia messaggio privato

183

lunedì, 05 maggio 2008, 22:02

Ciao, Pat

scusami se rispondo con ritardo; ma io alla fine della settimana me la svigno su pei monti... così non penso all'ansia.

Robi ti ha già sapientemente (al solito) risposto.

Io mi permetto di aggiungere - per quel poco che sono riuscito a capire studiando me stesso e i sintomi che si divertono a tenermi sulle spine (loro ci provano, ma io non ci casco, sebbene ancora la mia sociofobia insista) - qualcosa.

Dunque... vediamo un po'.

L'Herpes.

L'ansia indebolisce le difese immunitarie.
L'herpes è una spia: hai le difese immunitarie indebolite.

I dolori al braccio e/o al petto.

Ognuno di noi ha un organo-bersaglio.

Quando scatta l'ansia, il primo a dare segnali è proprio tale organo.
A me, per esempio, viene il mal di stomaco. Che poi si trasferisce all'addome. E ai muscoli. Tutti, nessuno escluso!

A te viene il dolore al petto (regione precordiale, dicono i medici, se non sbaglio). Si tratta, in verità, di spasmi muscolari. Muscolari, capito?
Vero è che è troppo fresco il ricordo dell'infarto che ha stroncato tuo padre. Ti capisco. E capisco la tua paura.
Ma, secondo me, così facendo, peggiori soltanto la tua situazione.

Che poi l'ansia vada e venga, è normale.

Sabato, per esempio:
sono entrato nel primo negozio. Tutto ok. Mi sentivo un toro.
Sono entrato nel secondo. Tutto ok. Mi sentivo un leone ed ero felice perché stavo bene.
Nel terzo, ero in procinto di pagare e... zac! Un colpo all'interno della testa (come una scossa elettrica) seguito da una forte vertigine; e tremore forte alle mani.
Ho pagato, sono uscito, mi son seduto in macchina, mi sono imposto la calma e ho preso cinque gocce di ansiolitico.
Poi tutta la giornata sono stato come se mi avessero bastonato in tutto il corpo: gambe e braccia dolenti, testa dolente ecc.
Alla fine ero un po' deluso; ma non spaventato.


Inoltre, devi tener presente un altro fatto:

l'ansia in tutti genera una sovrapproduzione di adrenalina.
E pertanto, è naturale la tachicardia e l'innalzamento di pressione (a me capita; e meno male che sono ipoteso).
Come è naturale che i muscoli si contraggano:
a me si contraggono i muscoli delle spalle.
Per esempio, due mesi fa l'ansia mi si è ripresentata con dolorosissime fitte a petto spalle e torace. A notte fonda.
Poi, tali dolori si sono ripresentati dopo quindici giorni.

A te si contraggono i muscoli del petto e delle braccio sinistro (a me si contraevano sei anni fa; adesso si contraggono quelli del braccio destro).

Capito come si comporta la nostra amica?

Dici, infine, che il colloquio con tua sorella ti ha agitata di più.
Lo credo!
Hai riaperto una ferita.
Prova a non parlarne e, soprattutto, a non pensarci.
Di' ai tuoi familiari che, per favore, in questo particolare momento non tocchino argomenti che ti fanno star male. Ti vogliono bene e capiranno.

L'ansia ti durerà ancora un po'; ma se ci sono giorni in cui stai meglio, vuol dire che lentamente va scemando.
Poiché non è un mal di denti, che passa con la pastiglietta, dovrai avere molto coraggio; e soprattutto pazienza. E non dovrai aver paura, mai!
Te l'ho già detto; e te lo ripeto.
E non te lo dice uno che non sa cosa sia l'ansia. So benissimo cos'è, che fa, come tormenta le persone, come le avvilisce; e come le spinge sull'orlo della disperazione e, non di rado, della depressione.

Ma noi, cara Pat, dobbiamo essere forti.

Un abbraccio

lully

vita dipendente

Posts: 2.258

Activity points: 6.809

Data di registrazione: martedì, 11 dicembre 2007

  • Invia messaggio privato

184

martedì, 06 maggio 2008, 09:24

beh patrizia, che tu stia soffrendo è un dato di fatto, ma non sò se lo hai notato, però ci sono in questo forum tante ersone che stanno cercando di starti vicino e che ti vogliono bene.....non pensi che sia una grande cosa x cominciare a ridere e vivere di nuovo?
ho letto le risposte di ed, di mario ecc, sono bellissime e cariche di affetto, non significherà forse che te lo meriti e che devi cogliere al volo questo supporto (anche se virtuale) x poter guardare avanti con + ottimismo?
un bacione
La vita non è una questione di come sopravvivere alla tempesta,
ma di come danzare nella pioggia.

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" è una donna
  • "patrizia" ha iniziato questa discussione

Posts: 5.560

Activity points: 18.612

Data di registrazione: giovedì, 13 marzo 2008

Località: sicilia

  • Invia messaggio privato

185

martedì, 06 maggio 2008, 14:24

Grazie Ed ,Roby, Lully e tutti gli altri...

Lo so che mi sopportate e supportate e vi voglio bene per questo!

Quando ho bisogno di aiuto ci siete e per me è fondamentale scrivere le mie paure e le mie sensazioni

a qualcuno che mi capisce e che non si scoccia di ripetermi le stesse cose o di ascoltarmi!

In questo forum e con voi amici , ho condiviso il momento più difficile e doloroso della mia vita.

Non so come sono arrivata qui, ma la mia vita per un periodo, i miei pensieri, il mio essere ha incontrato voi

e questa macchina che ho davanti si è trasformata in intermediaria di speranza!

Non dimenticherò mei quello che avete fatto e continuate a fare per me!

Vi voglio bene ( anche se lo dico alla macchina e sembro scema) Grazie!
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" è una donna
  • "patrizia" ha iniziato questa discussione

Posts: 5.560

Activity points: 18.612

Data di registrazione: giovedì, 13 marzo 2008

Località: sicilia

  • Invia messaggio privato

186

giovedì, 08 maggio 2008, 21:04

Sapete Ed , roby... e gli altri L'ultima volta che sono andata dal mio psicologo , abbiamo parlato del mio masochismo.

Gli ho detto che forse ho scelto la depressione perchè nessuno potesse più dirmi " Se non ci passi non sai cos'è!"

Come ogni tanto faceva mio papà e qualcun altro.

Io credo di aver capito di essere in bilico in un burrone da cui non si esce più.

Prima fra alti e bassi riuscivo a stare a galla, ma poi non so se per scelta o perchè avevo realizzato veramente quello che era successo e che non avevo accettato( cosa che all'inizio non avevo ancora fatto) e sono caduta!

Il mio psico mi ha detto che non si sceglie di andare in depressione, ma io non ne sono sicura!

ho voluto , forse inconsciamente, provare quello che provava lui, prendere le medicine che prendeva lui, penso (non sono sicura...)per entrare meglio nel mio dolore, per fargli capire quanto lo amavo, per farlo capire alla gente,per poter dire io l'ho provato e so cosa vuol dire, e perchè quando un giorno lo incontrerò di nuovo gli potrò dire che Patrizia...sa cos'è la depressione , l'ho provata e ora lo capisco fino in fondo...

L'altra sera l'ho sognato e gli ho chiesto se mi voleva bene ma lui stava perlando , non mi ha risposto.
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

ed

Giovane Amico

Posts: 161

Activity points: 497

Data di registrazione: sabato, 08 marzo 2008

  • Invia messaggio privato

187

giovedì, 08 maggio 2008, 23:14

Credo che la tua intuizione non sia lontana dal vero.

Qui ci vorrebbe il parere di Gimmi.
Speriamo ti legga.

Sii serena.

Un abbraccio

robi

Utente Avanzato

  • "robi" è un uomo

Posts: 906

Activity points: 2.760

Data di registrazione: mercoledì, 11 luglio 2007

Località: marotta

Lavoro: pensionato

  • Invia messaggio privato

188

venerdì, 09 maggio 2008, 05:15

Citato da "patrizia"

....Il mio psico mi ha detto che non si sceglie di andare in depressione, ma io non ne sono sicura....

.....ho voluto , forse inconsciamente, provare quello che provava lui, prendere le medicine che prendeva lui, penso (non sono sicura...)per entrare meglio nel mio dolore, per fargli capire quanto lo amavo, per farlo capire alla gente,per poter dire io l'ho provato e so cosa vuol dire, e perchè quando un giorno lo incontrerò di nuovo gli potrò dire che Patrizia...sa cos'è la depressione , l'ho provata e ora lo capisco fino in fondo...

Patty,
a mio avviso non ritengo sia una scelta quella di ammalarsi di depressione, quanto una predisposizione dove c'è una componente di ereditarietà.
Non scrivi se.. dei Tuoi esperimenti con gli psicofarmaci...nè hai parlato con il Tuo Specialista, io lo trovo completamente assurdo, inutile ed oltretutto pericoloso.

Robi :confused::confused::confused::confused:

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" è una donna
  • "patrizia" ha iniziato questa discussione

Posts: 5.560

Activity points: 18.612

Data di registrazione: giovedì, 13 marzo 2008

Località: sicilia

  • Invia messaggio privato

189

venerdì, 09 maggio 2008, 13:54

Roby mi sono espressa male, non ho fatto esperimenti con gli spicofarmaci, me li hanno prescritti!

Lo psichiatra me li ha prescritti e (guarda i casi della vita ) uguali a quelli che prendeva lui . Infatti all'inizio ho avuto come un rigetto .

Sono consapevole che ci sia una predisposizione genetica, ma capisco anche che mi sono creata un muro intorno a me , una difesa, sembravo un fantasma (mi ha detto un'amica qualche giorno fa) ,Un modo per dire non voglio essere disturbata, non mi interessa di niente e di nessuno , solo del mio dolore!
Inoltre nessuno mi potrà più dire tu non l'hai provato! Ora so cos'è e così mi sento più vicino a lui, ho conosciuto il dolore vero, la sofferenza, il terrore, la paura, il vuoto tutto ciò che lui aveva e io non capivo.

Lo psichiatra mi ha detto che la somatizzazione nel lutto è un modo per elaborarlo e penso sia vero!
E' anche un modo per tenere ancora un collegamento con lui , penso...
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

gimmi

Giovane Amico

Posts: 123

Activity points: 425

Data di registrazione: mercoledì, 02 aprile 2008

  • Invia messaggio privato

190

venerdì, 09 maggio 2008, 17:01

Razionalizzi.

Non fosse così, e ipotizzassimo tu sia masochista, dovrebbe per forza di cose essere presente in te anche una certa dose di sadismo.

Domanda:
sei sadica?

A questa puoi rispondere.
Basta che rifletti a come ti sei sempre comportata con gli altri esseri viventi. Per esempio con gli animali.

Ma ripeto: razionalizzi.

Ciao

ps
Credo il tuo medico abbia ragione.

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" è una donna
  • "patrizia" ha iniziato questa discussione

Posts: 5.560

Activity points: 18.612

Data di registrazione: giovedì, 13 marzo 2008

Località: sicilia

  • Invia messaggio privato

191

venerdì, 09 maggio 2008, 20:58

Gimmi , grazie per aver risposto , penso anch'io che il mio medico abbia ragione!

Non penso di essere sadica , amo gli animali, amo i fiori , la natura...

Ma è sicuramente vero che razionalizzo, da sempre, sono pianificatrice di tutta la mia vita e di quelli che mi stanno accanto...

o meglio lo ero...ora non so più cosa sono, vivo alla giornata e i miei progetti che prima prevedevano periodi anche di anni, si sono ristretti ad una settimana o meno...

comunque l'importante è esserci.

Gimmi sei molto preciso e di grande aiuto. Grazie , Ciao.
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" è una donna
  • "patrizia" ha iniziato questa discussione

Posts: 5.560

Activity points: 18.612

Data di registrazione: giovedì, 13 marzo 2008

Località: sicilia

  • Invia messaggio privato

192

venerdì, 09 maggio 2008, 21:02

Gimmi , grazie per aver risposto , penso anch'io che il mio medico abbia ragione!

Non penso di essere sadica , amo gli animali, amo i fiori , la natura...

Ma è sicuramente vero che razionalizzo, da sempre, sono pianificatrice di tutta la mia vita e di quelli che mi stanno accanto...

o meglio lo ero...ora non so più cosa sono, vivo alla giornata e i miei progetti che prima prevedevano periodi anche di anni, si sono ristretti ad una settimana o meno...

comunque l'importante è esserci.

Gimmi sei molto preciso e di grande aiuto. Grazie , Ciao.
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" è una donna
  • "patrizia" ha iniziato questa discussione

Posts: 5.560

Activity points: 18.612

Data di registrazione: giovedì, 13 marzo 2008

Località: sicilia

  • Invia messaggio privato

193

venerdì, 09 maggio 2008, 21:05

Gimmi , grazie per aver risposto , penso anch'io che il mio medico abbia ragione!

Non penso di essere sadica , amo gli animali, amo i fiori , la natura...

Ma è sicuramente vero che razionalizzo, da sempre, sono pianificatrice di tutta la mia vita e di quelli che mi stanno accanto...

o meglio lo ero...ora non so più cosa sono, vivo alla giornata e i miei progetti che prima prevedevano periodi anche di anni, si sono ristretti ad una settimana o meno...

comunque l'importante è esserci.

Gimmi sei molto preciso e di grande aiuto. Grazie , Ciao.
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

robi

Utente Avanzato

  • "robi" è un uomo

Posts: 906

Activity points: 2.760

Data di registrazione: mercoledì, 11 luglio 2007

Località: marotta

Lavoro: pensionato

  • Invia messaggio privato

194

sabato, 10 maggio 2008, 05:18

Citato da "patrizia"

Ma è sicuramente vero che razionalizzo, da sempre, sono pianificatrice di tutta la mia vita e di quelli che mi stanno accanto...

o meglio lo ero...ora non so più cosa sono, vivo alla giornata e i miei progetti che prima prevedevano periodi anche di anni, si sono ristretti ad una settimana o meno...

Patty,
il pianificare è sicuramente un retaggio di come sei cresciuta che come puoi notare oppure hai già notato su Te stessa non sempre è positivo.
Nella vita...la Nostra...dobbiamo a volte lasciare spazio anche a qualche...uscita dai binari... evitando non solo di programmarci per lunghi periodi oppure settimanalmente ma cercando di vivere più alla giornata affrontando l'evento nel momento in cui lo stesso si presenta.
Robi :):):)

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" è una donna
  • "patrizia" ha iniziato questa discussione

Posts: 5.560

Activity points: 18.612

Data di registrazione: giovedì, 13 marzo 2008

Località: sicilia

  • Invia messaggio privato

195

sabato, 10 maggio 2008, 18:27

Ho voglia di piangere...anzi piango...

Avrei tanta voglia di vedere il mio papà... di andare a trovarlo al cimitero...ma non ce la faccio...non ci sono più andata.

Ho tanto dolore nel cuore, una sofferenza grande che non riesco a fare uscire...

Ho bisogno di lui...credo di averlo tenuto legato a me per troppo tempo...

dicono che le anime restano qua se sentono la sofferenza dei loro cari, sulla bara gli ho detto vai in pace, ma non l'ho lasciato andare veramente...

piangerei per tutta l'eternità se bastasse a farlo ritornare da me...
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.

1 utente a parte te sta visitando questo thread:

1 ospite