Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


//////////////// 728x90 ////////////////

91

lunedì, 24 luglio 2017, 11:36


Si perfetto, aggiungo che comunque anche quando il testosterone è alto non ho benefici!


Perchè la questione è molto più complessa oscar dei bassi livelli di testosterone, che sembra più una parte della condizione che la causa.
Stimolare e regolarizzare la produzione di testosterone, non è detto che risolva il problema nel nostro caso. L'ho fatto anche io con un mese puntre di HCG, ma appunto non ha dato i risultati sperati. In quel periodo assumevo anche dostinex per abbassare i livelli di prolattina, e quest'ultimo farmaco sembra anche aumentare in una certa misura i livelli di DHT(che comunque grazie all'allenamento con i pesi, ho già abbastanza alto sui 900 pg/ml).

Potrebbero essere anche coinvoilti altri ormoni come l'androstenedione ed esempio. Poi chi ha reagito male agli SSRIs in passato, e presenta la nostra stessa condizione, spesso ha anche i livelli di progesterone alti, che in un uomo sono indicativi di qualcosa che non lavora come dovrebbe.

Poi sicuramente anche lo squilibrio di neurotrasmettitori che ha creato la precedente terapia farmacologica, e la desinsibilizzazione dei recettori giocano un ruolo.

E' una condizione molto complessa, servono più studi e ricerche mirati, per inquadrare con certezza il problema.

oscarw

Utente Fedele

Posts: 414

Activity points: 1.452

Data di registrazione: sabato, 20 aprile 2013

  • Invia messaggio privato

92

lunedì, 24 luglio 2017, 12:46

Oscarw, ma ansia panico e depressione li hai risolti?

Non ho mai sofferto di depressione ma bensì di ansia e panico.
Purtroppo non li ho mai sconfitti, con i farmaci va bene, senza ritorna il circo; sto adottando strade alternative per poter abbandonare i farmaci ma è dura!

oscarw

Utente Fedele

Posts: 414

Activity points: 1.452

Data di registrazione: sabato, 20 aprile 2013

  • Invia messaggio privato

93

lunedì, 24 luglio 2017, 12:48


Si perfetto, aggiungo che comunque anche quando il testosterone è alto non ho benefici!


Perchè la questione è molto più complessa oscar dei bassi livelli di testosterone, che sembra più una parte della condizione che la causa.
Stimolare e regolarizzare la produzione di testosterone, non è detto che risolva il problema nel nostro caso. L'ho fatto anche io con un mese puntre di HCG, ma appunto non ha dato i risultati sperati. In quel periodo assumevo anche dostinex per abbassare i livelli di prolattina, e quest'ultimo farmaco sembra anche aumentare in una certa misura i livelli di DHT(che comunque grazie all'allenamento con i pesi, ho già abbastanza alto sui 900 pg/ml).

Potrebbero essere anche coinvoilti altri ormoni come l'androstenedione ed esempio. Poi chi ha reagito male agli SSRIs in passato, e presenta la nostra stessa condizione, spesso ha anche i livelli di progesterone alti, che in un uomo sono indicativi di qualcosa che non lavora come dovrebbe.

Poi sicuramente anche lo squilibrio di neurotrasmettitori che ha creato la precedente terapia farmacologica, e la desinsibilizzazione dei recettori giocano un ruolo.

E' una condizione molto complessa, servono più studi e ricerche mirati, per inquadrare con certezza il problema.


E già, nel mentre la vita scorre, gli anni passano...

carota.enorme

Giovane Amico

Posts: 285

Activity points: 862

Data di registrazione: mercoledì, 13 gennaio 2016

  • Invia messaggio privato

94

martedì, 25 luglio 2017, 03:47

grazie ragazzi delle vostre testimonianze e un saluto a oscarw e adam..molto interessanti gli ultimi post,e per questo provo anch'io a fare un resoconto di questi ultimi 4 anni con problemi sessuali e farmaci annessi:


-1)INIZIO DEL PROBLEMA SESSUALE: da 15 anni prendevo già psicofarmaci,con buoni risultati,sconfitto il panico,sono riuscito a fare cose che prima non facevo piu',tipo file in luoghi pubblici,uscite con amici e andare in auto.Nessun effetto collaterale in questi anni,tenendo conto che il problema DEGLI ATTACCHI DI PANICO è sorto circa nell'anno 1994.Poi nell'anno 2013 riscontro problemi sessuali.Prima di allora non avevo mai avuto mancanza di libido o altro.


-2)ESAMI ORMONALI PER CAPIRE: visto che questo problema non mi faceva avere rapporti sessuali,perchè non sentivo niente,feci degli esami ormonali completi.Dai risultati si notavano TESTOSTERONE BASSISSIMO E PROLATTINA UN PO ALTA.Mi sono rivolto cosi' a un andrologo che mi spiego questo:

"IL tuo problema puo' vedersi in questo modo,il prendere continuativamente psicofarmaci,in particolare SSRI,per molti anni,potrebbe aver modificato l'equilibrio IPOFISI-IPOTALAMO-GONADI,in maniera temporanea,poi sicuramente,già il tuo TESTOSTERONE era a filo,border line,nel senso che l'antidepressivo è stata solo la goccia che ha fatto TRABOCCARE IL VASO."

Questo a grandi linee mi spiegò il dottore dopo le prime visite,praticamente già di mio,avro' avuto il testosterone al limite,poi con gli psicofarmaci la botta definitiva e la sensazione DI ANESTESIA GENITALE,POCHE EREZIONI ED EIACULATO in tono minore.Questo è il suo parere da medico.


-3)ASSUNZIONE DI TESTOSTERONE GEL E DIMINUZIONE DEI FARMACI SSRI: mi viene prescritta negli ultimi 3 anni una cura a base di TOSTREX GEL ,da spalmare la mattina.Allo stesso tempo diminuisco l'apporto di PAROXETINA,dimezzando le dosi,da 20mg al giorno a 10mg al giorno,sotto CONTROLLO DELLO PSICHIATRA.

In due settimane ritorna la libido che non provavo da tempo,migliorano la forza e la voglia di fare,insomma il farmaco funziona.Poi il fatto di regolare l'SSRI ,sicuramente giova alla causa,e non di poco.Infatti riprendo a sentire emozioni e sensazioni che erano sparite da tempo.

Ripeto gli esami ormonali,con TESTOSTERONE tornato a buoni valori e prolattina andata giu'.Questo quadro me lo aspettavo visti i miglioramenti.


-4)RIAPPARSA DEI SINTOMI SE AUMENTO DI NUOVO LA QUANTITA' DI PAROXETINA:

purtroppo non è tutto rosa e fiori,infatti ritornando a prendere l'apporto di SSRI che prendevo prima(20mg)..la libido pian piano va via...stavolta pero' restano le erezioni discrete.Nel frattempo perdo la ragazza a causa di questi problemi,e per la vergogna,non le racconto nulla,ma invento scuse e lei si stufa,finisce tutto.Continuo a prendere il testosterone gel,le cose vanno meglio,ma non piu' come una volta,sento che qualcosa è cambiato.



-5)CONSTATAZIONI FINALI A LUGLIO 2017: dopo circa 3 anni di cure con TOSTREX GEL ,ho riscontrato un netto miglioramento rispetto al 2013,ho ripreso a sentire sensazioni,anche sul pene,eiaculazione migliorata,erezioni sufficienti.La cosa che non va ancora è il fatto che l'erezione non dura se non stimolo abbastanza,un tempo bastava solo il pensiero e stava su da solo.

Alla fine devo prendere questo gel per stare decentemente,e allo stesso tempo diminuire l'apporto di PSICOFARAMCI,solo cosi' riesco a raggiungere qualche risultato.Per il momento non posso avere relazioni durature,appunto perchè non tengo benissimo le erezioni,e ho notato anche un discreto problema a controllare l'eiaculazione.Dieci anni fa,potevo controllarla agevolmente.Penso sia anche questa una conseguenza del TESTO BASSO.

Se interrompo la cura con TOSTREX ho subito visto che i valori dell'ormone vanno a picco,e riprendo a non sentire piu' nulla a livello genitale,nel senso che mi pare di toccare un pezzo di carne.La libido sparisce.Poi al momento non posso fare a meno dei farmaci,non voglio assolutamente riprovare GLI ATTACCHI DI PANICO,solo chi li prova sa quanto si soffre.

oscarw

Utente Fedele

Posts: 414

Activity points: 1.452

Data di registrazione: sabato, 20 aprile 2013

  • Invia messaggio privato

95

martedì, 25 luglio 2017, 11:17

grazie ragazzi delle vostre testimonianze e un saluto a oscarw e adam..molto interessanti gli ultimi post,e per questo provo anch'io a fare un resoconto di questi ultimi 4 anni con problemi sessuali e farmaci annessi:


-1)INIZIO DEL PROBLEMA SESSUALE: da 15 anni prendevo già psicofarmaci,con buoni risultati,sconfitto il panico,sono riuscito a fare cose che prima non facevo piu',tipo file in luoghi pubblici,uscite con amici e andare in auto.Nessun effetto collaterale in questi anni,tenendo conto che il problema DEGLI ATTACCHI DI PANICO è sorto circa nell'anno 1994.Poi nell'anno 2013 riscontro problemi sessuali.Prima di allora non avevo mai avuto mancanza di libido o altro.


-2)ESAMI ORMONALI PER CAPIRE: visto che questo problema non mi faceva avere rapporti sessuali,perchè non sentivo niente,feci degli esami ormonali completi.Dai risultati si notavano TESTOSTERONE BASSISSIMO E PROLATTINA UN PO ALTA.Mi sono rivolto cosi' a un andrologo che mi spiego questo:

"IL tuo problema puo' vedersi in questo modo,il prendere continuativamente psicofarmaci,in particolare SSRI,per molti anni,potrebbe aver modificato l'equilibrio IPOFISI-IPOTALAMO-GONADI,in maniera temporanea,poi sicuramente,già il tuo TESTOSTERONE era a filo,border line,nel senso che l'antidepressivo è stata solo la goccia che ha fatto TRABOCCARE IL VASO."

Questo a grandi linee mi spiegò il dottore dopo le prime visite,praticamente già di mio,avro' avuto il testosterone al limite,poi con gli psicofarmaci la botta definitiva e la sensazione DI ANESTESIA GENITALE,POCHE EREZIONI ED EIACULATO in tono minore.Questo è il suo parere da medico.


-3)ASSUNZIONE DI TESTOSTERONE GEL E DIMINUZIONE DEI FARMACI SSRI: mi viene prescritta negli ultimi 3 anni una cura a base di TOSTREX GEL ,da spalmare la mattina.Allo stesso tempo diminuisco l'apporto di PAROXETINA,dimezzando le dosi,da 20mg al giorno a 10mg al giorno,sotto CONTROLLO DELLO PSICHIATRA.

In due settimane ritorna la libido che non provavo da tempo,migliorano la forza e la voglia di fare,insomma il farmaco funziona.Poi il fatto di regolare l'SSRI ,sicuramente giova alla causa,e non di poco.Infatti riprendo a sentire emozioni e sensazioni che erano sparite da tempo.

Ripeto gli esami ormonali,con TESTOSTERONE tornato a buoni valori e prolattina andata giu'.Questo quadro me lo aspettavo visti i miglioramenti.


-4)RIAPPARSA DEI SINTOMI SE AUMENTO DI NUOVO LA QUANTITA' DI PAROXETINA:

purtroppo non è tutto rosa e fiori,infatti ritornando a prendere l'apporto di SSRI che prendevo prima(20mg)..la libido pian piano va via...stavolta pero' restano le erezioni discrete.Nel frattempo perdo la ragazza a causa di questi problemi,e per la vergogna,non le racconto nulla,ma invento scuse e lei si stufa,finisce tutto.Continuo a prendere il testosterone gel,le cose vanno meglio,ma non piu' come una volta,sento che qualcosa è cambiato.



-5)CONSTATAZIONI FINALI A LUGLIO 2017: dopo circa 3 anni di cure con TOSTREX GEL ,ho riscontrato un netto miglioramento rispetto al 2013,ho ripreso a sentire sensazioni,anche sul pene,eiaculazione migliorata,erezioni sufficienti.La cosa che non va ancora è il fatto che l'erezione non dura se non stimolo abbastanza,un tempo bastava solo il pensiero e stava su da solo.

Alla fine devo prendere questo gel per stare decentemente,e allo stesso tempo diminuire l'apporto di PSICOFARAMCI,solo cosi' riesco a raggiungere qualche risultato.Per il momento non posso avere relazioni durature,appunto perchè non tengo benissimo le erezioni,e ho notato anche un discreto problema a controllare l'eiaculazione.Dieci anni fa,potevo controllarla agevolmente.Penso sia anche questa una conseguenza del TESTO BASSO.

Se interrompo la cura con TOSTREX ho subito visto che i valori dell'ormone vanno a picco,e riprendo a non sentire piu' nulla a livello genitale,nel senso che mi pare di toccare un pezzo di carne.La libido sparisce.Poi al momento non posso fare a meno dei farmaci,non voglio assolutamente riprovare GLI ATTACCHI DI PANICO,solo chi li prova sa quanto si soffre.


Già il fatto di aver trovato un medico che ti ha spiegato un po di cose è tanto, io ho girato 5 speciliasti, non ho mai avuto grande considerazione, trattato in maniera fredda, come fosse un problema da niente. Un paio di questi medici mi hanno detto che essendo i farmaci la causa devo abbandonarli (come se non lo sapessi già! ) senza poi darmi nessun altro aiuto, lasciandomi alla mia "disperazione".

"Potrebbe aver modificato l'equilibrio IPOFISI-IPOTALAMO-GONADI, in maniera temporanea": sarebbe bello se fosse così, ma confrontandomi con tante altre persone che condividono lo stesso dramma, viene fuori che anche dopo anni e anni le cose non sono cambiate, e nel mezzo mi ci metto pure io, anzi se faccio un paragone con l'inizio sono andato peggiorando.

Gli attacchi di panico sono terribili, abbiamo una storia simile io e te, io circa 10 anni di assunzione di srri e poi 3 di srni, ma sto cercando di trovare altre strade perché se non eliminiamo i farmaci non possiamo aspirare o meglio sperare che qualcosa cambi, ammesso che cambi, molte volte pensare che potrebbe rimanere tutto così mi fa salire un senso di terrore, angoscia, paura. È ahimè una condizione da prendere in considerazione seriamente, se vai su alcuni forum di PSSD troverai tantissime storie di vita quotidiana, di persone "rovinate".

Alex_Rox

Utente Attivo

Posts: 98

Activity points: 301

Data di registrazione: giovedì, 09 marzo 2017

  • Invia messaggio privato

96

martedì, 25 luglio 2017, 12:49

grazie ragazzi delle vostre testimonianze e un saluto a oscarw e adam..molto interessanti gli ultimi post,e per questo provo anch'io a fare un resoconto di questi ultimi 4 anni con problemi sessuali e farmaci annessi:


-1)INIZIO DEL PROBLEMA SESSUALE: da 15 anni prendevo già psicofarmaci,con buoni risultati,sconfitto il panico,sono riuscito a fare cose che prima non facevo piu',tipo file in luoghi pubblici,uscite con amici e andare in auto.Nessun effetto collaterale in questi anni,tenendo conto che il problema DEGLI ATTACCHI DI PANICO è sorto circa nell'anno 1994.Poi nell'anno 2013 riscontro problemi sessuali.Prima di allora non avevo mai avuto mancanza di libido o altro.


-2)ESAMI ORMONALI PER CAPIRE: visto che questo problema non mi faceva avere rapporti sessuali,perchè non sentivo niente,feci degli esami ormonali completi.Dai risultati si notavano TESTOSTERONE BASSISSIMO E PROLATTINA UN PO ALTA.Mi sono rivolto cosi' a un andrologo che mi spiego questo:

"IL tuo problema puo' vedersi in questo modo,il prendere continuativamente psicofarmaci,in particolare SSRI,per molti anni,potrebbe aver modificato l'equilibrio IPOFISI-IPOTALAMO-GONADI,in maniera temporanea,poi sicuramente,già il tuo TESTOSTERONE era a filo,border line,nel senso che l'antidepressivo è stata solo la goccia che ha fatto TRABOCCARE IL VASO."

Questo a grandi linee mi spiegò il dottore dopo le prime visite,praticamente già di mio,avro' avuto il testosterone al limite,poi con gli psicofarmaci la botta definitiva e la sensazione DI ANESTESIA GENITALE,POCHE EREZIONI ED EIACULATO in tono minore.Questo è il suo parere da medico.


-3)ASSUNZIONE DI TESTOSTERONE GEL E DIMINUZIONE DEI FARMACI SSRI: mi viene prescritta negli ultimi 3 anni una cura a base di TOSTREX GEL ,da spalmare la mattina.Allo stesso tempo diminuisco l'apporto di PAROXETINA,dimezzando le dosi,da 20mg al giorno a 10mg al giorno,sotto CONTROLLO DELLO PSICHIATRA.

In due settimane ritorna la libido che non provavo da tempo,migliorano la forza e la voglia di fare,insomma il farmaco funziona.Poi il fatto di regolare l'SSRI ,sicuramente giova alla causa,e non di poco.Infatti riprendo a sentire emozioni e sensazioni che erano sparite da tempo.

Ripeto gli esami ormonali,con TESTOSTERONE tornato a buoni valori e prolattina andata giu'.Questo quadro me lo aspettavo visti i miglioramenti.


-4)RIAPPARSA DEI SINTOMI SE AUMENTO DI NUOVO LA QUANTITA' DI PAROXETINA:

purtroppo non è tutto rosa e fiori,infatti ritornando a prendere l'apporto di SSRI che prendevo prima(20mg)..la libido pian piano va via...stavolta pero' restano le erezioni discrete.Nel frattempo perdo la ragazza a causa di questi problemi,e per la vergogna,non le racconto nulla,ma invento scuse e lei si stufa,finisce tutto.Continuo a prendere il testosterone gel,le cose vanno meglio,ma non piu' come una volta,sento che qualcosa è cambiato.



-5)CONSTATAZIONI FINALI A LUGLIO 2017: dopo circa 3 anni di cure con TOSTREX GEL ,ho riscontrato un netto miglioramento rispetto al 2013,ho ripreso a sentire sensazioni,anche sul pene,eiaculazione migliorata,erezioni sufficienti.La cosa che non va ancora è il fatto che l'erezione non dura se non stimolo abbastanza,un tempo bastava solo il pensiero e stava su da solo.

Alla fine devo prendere questo gel per stare decentemente,e allo stesso tempo diminuire l'apporto di PSICOFARAMCI,solo cosi' riesco a raggiungere qualche risultato.Per il momento non posso avere relazioni durature,appunto perchè non tengo benissimo le erezioni,e ho notato anche un discreto problema a controllare l'eiaculazione.Dieci anni fa,potevo controllarla agevolmente.Penso sia anche questa una conseguenza del TESTO BASSO.

Se interrompo la cura con TOSTREX ho subito visto che i valori dell'ormone vanno a picco,e riprendo a non sentire piu' nulla a livello genitale,nel senso che mi pare di toccare un pezzo di carne.La libido sparisce.Poi al momento non posso fare a meno dei farmaci,non voglio assolutamente riprovare GLI ATTACCHI DI PANICO,solo chi li prova sa quanto si soffre.


Già il fatto di aver trovato un medico che ti ha spiegato un po di cose è tanto, io ho girato 5 speciliasti, non ho mai avuto grande considerazione, trattato in maniera fredda, come fosse un problema da niente. Un paio di questi medici mi hanno detto che essendo i farmaci la causa devo abbandonarli (come se non lo sapessi già! ) senza poi darmi nessun altro aiuto, lasciandomi alla mia "disperazione".

"Potrebbe aver modificato l'equilibrio IPOFISI-IPOTALAMO-GONADI, in maniera temporanea": sarebbe bello se fosse così, ma confrontandomi con tante altre persone che condividono lo stesso dramma, viene fuori che anche dopo anni e anni le cose non sono cambiate, e nel mezzo mi ci metto pure io, anzi se faccio un paragone con l'inizio sono andato peggiorando.

Gli attacchi di panico sono terribili, abbiamo una storia simile io e te, io circa 10 anni di assunzione di srri e poi 3 di srni, ma sto cercando di trovare altre strade perché se non eliminiamo i farmaci non possiamo aspirare o meglio sperare che qualcosa cambi, ammesso che cambi, molte volte pensare che potrebbe rimanere tutto così mi fa salire un senso di terrore, angoscia, paura. È ahimè una condizione da prendere in considerazione seriamente, se vai su alcuni forum di PSSD troverai tantissime storie di vita quotidiana, di persone "rovinate".


Dici benissimo, storie di vita rovinata anzi io direi distrutta perché questi danni sono qualcosa di ben peggiore dell'ansia o del panico che si voleva curare, chi ce l'ha dice sempre che preferirebbe ritornare ad avere la depressione o i problemi che aveva prima piuttosto che avere questa condizione disumana che ti priva di ciò che ti fa essere un essere umano.
Detto questo, dai problemi di ansia depressione si può guarire benissimo sia facendo uso di farmaci con la Psicoterapia, ciò che infatti spesso non si considera è che i farmaci non sono delle pillole magiche che sistemeranno automaticamente i problemi che ti causano il disturbo d'ansia o la depressione senza che tu ci lavori sopra, sono solo dei palliativi Che dovrebbero essere sempre accompagnati ad una terapia psicologica, nel caso dell'ansia ma ci sono poi delle tecniche di rilassamento e di meditazione che sono molto efficaci. Purtroppo però gli specialisti di riferimento, cioè gli psichiatri, purtroppo conoscono (o consigliano) solo una via che sono gli ssri, considerando tutto il resto alla stregua di inutili e dispendiose perdite di tempo in stile new age.
Ad esempio vi consiglio di informarvi sull'inositolo, che è uno zucchero naturale che al dosaggio giusto, che è piuttosto alto di diverse decine di grammi al giorno, si è dimostrato efficace quanto i farmaci nel curare gli attacchi di panico senza però avere praticamente effetti collaterali, anche a dosaggi così elevati. Mi chiedo perché non venga consigliato prima di passare ad uno psicofarmaco che altera profondamente funzionamento del cervello, sono anzi sicuro che gli stessi medici non ne sappiamo nulla in merito.
In ogni caso ci sono anche altri farmaci efficaci nel trattare gli attacchi di panico, come al solito però gli psichiatri conoscono solo il loro amati ssri, adesso esempio la mirtazapina, la tranilcipromina, amilsulpride Che io ho trovato utilissima, che a mio modesto parere hanno effetti collaterali minori ma soprattutto meno gravi degli SSRI. Il fatto è che se si presenta uno con "problemi mentali" (vedetelo come una forma di pregiudizio) quale può essere la persona con problemi di ansia o di depressione e che riferisce problemi sessuali, I dottori si faranno subito dei pregiudizi attribuendo il tutto alla patologia psichiatrica di base e non ammetteranno mai che i farmaci che prescrivono possono rovinare così profondamente la vita delle persone, anche perché quasi sempre omettono di comunicarlo e per questo sarebbero perseguibili anche penalmente.
Purtroppo ho imparatole che in questo caso bisogna informarmi autonomamente.

97

martedì, 25 luglio 2017, 13:58


Dici benissimo, storie di vita rovinata anzi io direi distrutta perché questi danni sono qualcosa di ben peggiore dell'ansia o del panico che si voleva curare, chi ce l'ha dice sempre che preferirebbe ritornare ad avere la depressione o i problemi che aveva prima piuttosto che avere questa condizione disumana che ti priva di ciò che ti fa essere un essere umano.


Preferirei tutta l'ansia del mondo, piuttosto che solo un altra settimana di PSSD. Chi ha contribuito a creare e all'espandersi di questa condizione, si meriterebbe di sperimentarla almeno per un mese.

oscarw

Utente Fedele

Posts: 414

Activity points: 1.452

Data di registrazione: sabato, 20 aprile 2013

  • Invia messaggio privato

98

martedì, 25 luglio 2017, 15:34

grazie ragazzi delle vostre testimonianze e un saluto a oscarw e adam..molto interessanti gli ultimi post,e per questo provo anch'io a fare un resoconto di questi ultimi 4 anni con problemi sessuali e farmaci annessi:


-1)INIZIO DEL PROBLEMA SESSUALE: da 15 anni prendevo già psicofarmaci,con buoni risultati,sconfitto il panico,sono riuscito a fare cose che prima non facevo piu',tipo file in luoghi pubblici,uscite con amici e andare in auto.Nessun effetto collaterale in questi anni,tenendo conto che il problema DEGLI ATTACCHI DI PANICO è sorto circa nell'anno 1994.Poi nell'anno 2013 riscontro problemi sessuali.Prima di allora non avevo mai avuto mancanza di libido o altro.


-2)ESAMI ORMONALI PER CAPIRE: visto che questo problema non mi faceva avere rapporti sessuali,perchè non sentivo niente,feci degli esami ormonali completi.Dai risultati si notavano TESTOSTERONE BASSISSIMO E PROLATTINA UN PO ALTA.Mi sono rivolto cosi' a un andrologo che mi spiego questo:

"IL tuo problema puo' vedersi in questo modo,il prendere continuativamente psicofarmaci,in particolare SSRI,per molti anni,potrebbe aver modificato l'equilibrio IPOFISI-IPOTALAMO-GONADI,in maniera temporanea,poi sicuramente,già il tuo TESTOSTERONE era a filo,border line,nel senso che l'antidepressivo è stata solo la goccia che ha fatto TRABOCCARE IL VASO."

Questo a grandi linee mi spiegò il dottore dopo le prime visite,praticamente già di mio,avro' avuto il testosterone al limite,poi con gli psicofarmaci la botta definitiva e la sensazione DI ANESTESIA GENITALE,POCHE EREZIONI ED EIACULATO in tono minore.Questo è il suo parere da medico.


-3)ASSUNZIONE DI TESTOSTERONE GEL E DIMINUZIONE DEI FARMACI SSRI: mi viene prescritta negli ultimi 3 anni una cura a base di TOSTREX GEL ,da spalmare la mattina.Allo stesso tempo diminuisco l'apporto di PAROXETINA,dimezzando le dosi,da 20mg al giorno a 10mg al giorno,sotto CONTROLLO DELLO PSICHIATRA.

In due settimane ritorna la libido che non provavo da tempo,migliorano la forza e la voglia di fare,insomma il farmaco funziona.Poi il fatto di regolare l'SSRI ,sicuramente giova alla causa,e non di poco.Infatti riprendo a sentire emozioni e sensazioni che erano sparite da tempo.

Ripeto gli esami ormonali,con TESTOSTERONE tornato a buoni valori e prolattina andata giu'.Questo quadro me lo aspettavo visti i miglioramenti.


-4)RIAPPARSA DEI SINTOMI SE AUMENTO DI NUOVO LA QUANTITA' DI PAROXETINA:

purtroppo non è tutto rosa e fiori,infatti ritornando a prendere l'apporto di SSRI che prendevo prima(20mg)..la libido pian piano va via...stavolta pero' restano le erezioni discrete.Nel frattempo perdo la ragazza a causa di questi problemi,e per la vergogna,non le racconto nulla,ma invento scuse e lei si stufa,finisce tutto.Continuo a prendere il testosterone gel,le cose vanno meglio,ma non piu' come una volta,sento che qualcosa è cambiato.



-5)CONSTATAZIONI FINALI A LUGLIO 2017: dopo circa 3 anni di cure con TOSTREX GEL ,ho riscontrato un netto miglioramento rispetto al 2013,ho ripreso a sentire sensazioni,anche sul pene,eiaculazione migliorata,erezioni sufficienti.La cosa che non va ancora è il fatto che l'erezione non dura se non stimolo abbastanza,un tempo bastava solo il pensiero e stava su da solo.

Alla fine devo prendere questo gel per stare decentemente,e allo stesso tempo diminuire l'apporto di PSICOFARAMCI,solo cosi' riesco a raggiungere qualche risultato.Per il momento non posso avere relazioni durature,appunto perchè non tengo benissimo le erezioni,e ho notato anche un discreto problema a controllare l'eiaculazione.Dieci anni fa,potevo controllarla agevolmente.Penso sia anche questa una conseguenza del TESTO BASSO.

Se interrompo la cura con TOSTREX ho subito visto che i valori dell'ormone vanno a picco,e riprendo a non sentire piu' nulla a livello genitale,nel senso che mi pare di toccare un pezzo di carne.La libido sparisce.Poi al momento non posso fare a meno dei farmaci,non voglio assolutamente riprovare GLI ATTACCHI DI PANICO,solo chi li prova sa quanto si soffre.


Già il fatto di aver trovato un medico che ti ha spiegato un po di cose è tanto, io ho girato 5 speciliasti, non ho mai avuto grande considerazione, trattato in maniera fredda, come fosse un problema da niente. Un paio di questi medici mi hanno detto che essendo i farmaci la causa devo abbandonarli (come se non lo sapessi già! ) senza poi darmi nessun altro aiuto, lasciandomi alla mia "disperazione".

"Potrebbe aver modificato l'equilibrio IPOFISI-IPOTALAMO-GONADI, in maniera temporanea": sarebbe bello se fosse così, ma confrontandomi con tante altre persone che condividono lo stesso dramma, viene fuori che anche dopo anni e anni le cose non sono cambiate, e nel mezzo mi ci metto pure io, anzi se faccio un paragone con l'inizio sono andato peggiorando.

Gli attacchi di panico sono terribili, abbiamo una storia simile io e te, io circa 10 anni di assunzione di srri e poi 3 di srni, ma sto cercando di trovare altre strade perché se non eliminiamo i farmaci non possiamo aspirare o meglio sperare che qualcosa cambi, ammesso che cambi, molte volte pensare che potrebbe rimanere tutto così mi fa salire un senso di terrore, angoscia, paura. È ahimè una condizione da prendere in considerazione seriamente, se vai su alcuni forum di PSSD troverai tantissime storie di vita quotidiana, di persone "rovinate".


Dici benissimo, storie di vita rovinata anzi io direi distrutta perché questi danni sono qualcosa di ben peggiore dell'ansia o del panico che si voleva curare, chi ce l'ha dice sempre che preferirebbe ritornare ad avere la depressione o i problemi che aveva prima piuttosto che avere questa condizione disumana che ti priva di ciò che ti fa essere un essere umano.
Detto questo, dai problemi di ansia depressione si può guarire benissimo sia facendo uso di farmaci con la Psicoterapia, ciò che infatti spesso non si considera è che i farmaci non sono delle pillole magiche che sistemeranno automaticamente i problemi che ti causano il disturbo d'ansia o la depressione senza che tu ci lavori sopra, sono solo dei palliativi Che dovrebbero essere sempre accompagnati ad una terapia psicologica, nel caso dell'ansia ma ci sono poi delle tecniche di rilassamento e di meditazione che sono molto efficaci. Purtroppo però gli specialisti di riferimento, cioè gli psichiatri, purtroppo conoscono (o consigliano) solo una via che sono gli ssri, considerando tutto il resto alla stregua di inutili e dispendiose perdite di tempo in stile new age.
Ad esempio vi consiglio di informarvi sull'inositolo, che è uno zucchero naturale che al dosaggio giusto, che è piuttosto alto di diverse decine di grammi al giorno, si è dimostrato efficace quanto i farmaci nel curare gli attacchi di panico senza però avere praticamente effetti collaterali, anche a dosaggi così elevati. Mi chiedo perché non venga consigliato prima di passare ad uno psicofarmaco che altera profondamente funzionamento del cervello, sono anzi sicuro che gli stessi medici non ne sappiamo nulla in merito.
In ogni caso ci sono anche altri farmaci efficaci nel trattare gli attacchi di panico, come al solito però gli psichiatri conoscono solo il loro amati ssri, adesso esempio la mirtazapina, la tranilcipromina, amilsulpride Che io ho trovato utilissima, che a mio modesto parere hanno effetti collaterali minori ma soprattutto meno gravi degli SSRI. Il fatto è che se si presenta uno con "problemi mentali" (vedetelo come una forma di pregiudizio) quale può essere la persona con problemi di ansia o di depressione e che riferisce problemi sessuali, I dottori si faranno subito dei pregiudizi attribuendo il tutto alla patologia psichiatrica di base e non ammetteranno mai che i farmaci che prescrivono possono rovinare così profondamente la vita delle persone, anche perché quasi sempre omettono di comunicarlo e per questo sarebbero perseguibili anche penalmente.
Purtroppo ho imparatole che in questo caso bisogna informarmi autonomamente.


Sei a conoscenza di farmaci antipanico che non siano srri/srni?
Io sono venuto a conoscenza di un triciclico, il Surmontil, ho letto che è efficace nei casi di attacchi di panico, ma la mia psichiatra non ci sente!
Ho anche avuto dei consulti online, solo uno ammetteva l'efficacia del Surmontil, quindi siamo in mano a dei cialtroni!

carota.enorme

Giovane Amico

Posts: 285

Activity points: 862

Data di registrazione: mercoledì, 13 gennaio 2016

  • Invia messaggio privato

99

martedì, 25 luglio 2017, 15:43

x oscarw : come ti capisco caro amico!..io pensa ho dovuto mandare a quel paese un paio di endocrinologi e psichiatri che mi prendevano per matto..non volendo ammettere che gli psicofarmaci influenzano la sfera sessuale.Per loro sono casi isolati e subito si ritorna come prima appena li smetti....si COME NO!...SU 10 MEDICI ...2 FORSE SONO PROFESSIONALI...il resto sono dei MALFATTORI DELINQUENTI!...

Alex_Rox

Utente Attivo

Posts: 98

Activity points: 301

Data di registrazione: giovedì, 09 marzo 2017

  • Invia messaggio privato

100

martedì, 25 luglio 2017, 16:35

Sappi che praticamente tutti gli antidepressivi hanno un effetto positivo sull'ansia, non tutti però sono efficaci per gli attacchi di panico. In generale gli antidepressivi serotoninergici come gli SSRI sono efficaci per gli attacchi di panico però hanno gli effetti collaterali che conosciamo; l'inositolo è uno zucchero naturale che al dosaggio corretto si è dimostrato essere efficace quando gli SSRI nel trattamento degli attacchi di panico ma praticamente senza effetti collaterali; la Mirtazapina, tranilcipromina, fenelzina sono altrettanto efficaci; moclobemide amilsulpride/sulpiride (a bassi dosaggi <100 mg/giorno) e tianeptina sono anch'essi efficaci ma più per l'ansia sociale che per gli attacchi di panico; altri antidepressivi come bupropione o ansiolitici come il buspirone non sembrano essere particolarmente efficaci.