Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

tototony

Per sempre Tototony

  • "tototony" è un uomo
  • "tototony" ha iniziato questa discussione

Posts: 1.116

Activity points: 4.776

Data di registrazione: venerdì, 14 agosto 2009

Località: provincia di napoli

Lavoro: setacciatore di fondali marini

  • Invia messaggio privato

1

sabato, 17 marzo 2012, 18:22

Il gioco lucrube

A volte mi domando se sia veramente giusto approfondire i nostri disturbi e capirli. Secondo me in realtà tutto questo fa parte di un gioco pericoloso. La mente umana è una scatola misteriosa e delicata, tutto può far parte di un equilibrio e mi chiedo se sia giusto camminare in questo sentiero minato. Dico tutto questo perchè spesso mi è capitato che cercando di capire e cercando di difendermi col ragionamento da questo disagio interno, quando ho creduto di aver trovato una soluzione in realtà nella prova dei fatti non avevo raggiunto nessun traguardo ed anzi sembrava fosse rafforzato. A volte io ho il terribile problema che ad un certo punto la fase della normalità non la reggo molto tempo e quando mi accorgo che le cose stanno andando bene mi viene un'ansia che spesso si evolve in un controllo dell'umore. Una cosa haimè terribile in quanto controllando continuamente ogni fase dell'umore secondo ogni circostanza non fa altro che portarmi in uno stato di assurdo smarrimento e paura. Adesso sono molto depresso e ingiustamente rassegnato. Stamattina ho cercato mentre pescavo sott'acqua di riuscire a capire e archiviare questa paura di stare bene ed ho fatto una specie di autopsicoterapia dentro di me. Ci ho messo una volontà guerriera e Alla fine sono giunto alla conclusione che da tempo mi ero troppo allontanato dall'abitudine di riconoscermi normale e quindi una persona normale non si autoferisce con assurde ansie. Ho messo anche da parte l'orgoglio che avevo accumulato in questi anni del tempo che ho perso e ho scavato anche un pò nel mio passato, gli eventi che mi hanno fatto peggiorare e ho cercato di corregere alcune idee e alcune convinzioni. Sembravo che ne stavo guarendo ma dopo che sono uscito da mare mi sentivo ambiguo nel cercare di salutare uno che conoscevo e non potevo fare a meno di controllare il mio umore. Stare di buon umore è una cosa bella cosi come sono naturali i cambi d'umore. Se non ci penso va bene ma non appena ci metto questo inevitabile controllo ossessivo la mia anima sbatte di qua e di là e molto spesso sfocia in terribili attacchi di panico che che inibiscono il mio controllo ma allo stesso tempo ti fanno rimanere l'angosia? Allora io mi chiedo se sia giusto che per uscire da queste situazioni devo soffrire come un cane? Ricapitolando tutto è un gioco pericoloso, forse è solo l'ansia che si mescola con il riconoscere di stare bene ma l'ansia in questo caso che cos'è e perchè arriva? Il risultato di questa equazione qual'è? Come si potrebbe corregere questo spiacevole sentimento ingiustificato?Perchè ci distraiamo in negativo pensando a questa ansia? Dietro queste cinque parole ci può essere un qualcos'altro e cosa, forse un distrarsi in negativo un pensiero a qualche cosa di negativo sconosciuto? Una paura di distrarsi da un patologia nascosta o la paura di distrarsi e basta? Cos'è in realta? Voi cosa ne pensate? ?(

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "tototony" (17/03/2012, 18:30)