Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

luke

Alla ricerca di me stesso..

  • "luke" is male
  • "luke" started this thread

Posts: 824

Activitypoints: 2,913

Date of registration: Feb 27th 2011

  • Send private message

1

Thursday, October 20th 2011, 3:28pm

ho bisogno di voi!

Salve a tutti ragazzi.Vi scrivo dopo un bel po di tempo perchè in questo ultimo periodo non sto molto bene,anzi diciamo pure che è un periodo nero.da un anno a questa parte soffro di un disturbo d'ansia che si concretizza con depersonalizzazione e derealizzazione,e con pensieri continui che molto spesso attanagliano la mia mente.Da qualche giorno c'è un pensiero costante che accompagna le mie giornate..la paura di non essere più innamorato della mia ragazza,e l'idea che sia questo rapporto la causa dei mie problemi...mi spiego meglio....l'anno scorso,il giorno dopo aver festeggiato il secondo anniversario della nostra storia,ho avuto un forte attacco di panico...ho creduto di impazzire,di non controllare i miei pensieri tra i quali emergevano soprattutto l'ansia per l'università e per la mia inerzia di quel periodo(premetto che per due anni ho tralasciato l'università e questo ha senz'altro influito sulla mia personalità,scatenando ansia ogni qual volta rivivo quella situazione di inerzia e di nullafacenza),e poi il fatto che con questa ragazza,non ho mai vissuto una totale intimità ecco.Dopo questo attacco di panico,è sorta in me una paura di fondo,costernata di pensieri irrazionali,come quello di impazzire,di essere depresso e altre...in questo xiodo,nei giorni in cui ero più spaventato,in cui temevo di non farcela,lei era l'unica ke riusciva a farmi stare bene,a calmarmi..qualche giorno fa,c'è stato il terzo anniversario..e ho avuto un nuovo attacco di panico perchè non so..era come se sentissi il peso di quel giorno,del fatto che la nostra storia avesse raggiunto quel traguardo..da quel giorno la mia mente ha iniziato a rimuginare sul fatto che magari è il rapporto la causa dei miei problemi,del mio essere spesso insoddisfatto,infelice,di aver perso l'equilibrio vitale insomma...ma quando penso al fatto di lasciarla,sto male,non voglio,rifiuto quel pensiero...sento un vuoto dentro,l'idea di non vederla,di star lontano da lei,di non poterla abbracciare,mi fa solo stare peggio...ma nel frattempo la mente mi ossessiona,non lascia spazio a pensieri positivi,ricerco continuamente sintomi e indizi positivi nel mio modo di rapportarmi a lei,e crollo di fronte a indizi negativi che confermano le mie ossessioni(come guardare un'altra bella ragazza e pensare che magari se fossi single potrei averla).sono in piena crisi,insomma.martedì avrò il primo incontro con un nuovo psicoterapeuta,spero sia in grado di aiutarmi,quantomeno rassicurandomi...ma ho bisogno anche dei vostri consigli,magari di gente che ha vissuto una simile esperienza..grazie in anticipo!!:(

luke

Alla ricerca di me stesso..

  • "luke" is male
  • "luke" started this thread

Posts: 824

Activitypoints: 2,913

Date of registration: Feb 27th 2011

  • Send private message

2

Thursday, October 20th 2011, 8:48pm

Ehi raga naturalmente accetto consigli da chiunque,o quantomeno una parola di conforto..grazie in ancipo:)

nijì90

Utente Attivo

  • "nijì90" is female

Posts: 25

Activitypoints: 82

Date of registration: May 29th 2011

Location: Torino

Occupation: Studentessa di Architettura

  • Send private message

3

Thursday, October 27th 2011, 8:01pm

ciao luke :)

i tuoi pensieri secondo me sono amplificati al 200% dall'ansia. i pensieri ossessivi funzionano così..nascono,poi si "gonfiano" man mano... il problema è che quando siamo in preda al vortice non ci rendiamo conto di quanto siano irrazionali.
soffri di questo disturbo da un anno hai detto... ti curi in qualche modo? prendi farmaci?
io ne soffro da circa 7 mesi.. comprese depersonalizzazione e derealizzazione.. solo da due ho iniziato a prendere un antidepressivo e sto meglio... la depers non è ancora del tutto sparita ma diciamo che c'è solo se ci penso...
prima di fare questa scelta anche io stavo male... mille pensieri ossessivi e angoscianti... anche io ho pensato spesso a cosa succederebbe se non fossi più innamorata de lmio ragazzo ecc ecc. Quando si è ansiosi tutto, tutto,tutto diventa o può diventare oggetto di "viaggi mentali" della madonna :))))
innanzitutto, spassionatamente, ti dico che cercare rassicurazioni non fa altro che amplificare questi tuoi pensieri... non ti servono rassicurazioni, ti serve una cura. una volta che l'avrai iniziata, fidati che questi pensieri diventeranno così distanti da te che quando ci penserai probabilmente ti dirai: ma dove stavo con la testa?!?!
più che altro è anche per il tuo rapporto... solo a mente lucida puoi davvero capire se ami una persona o no... non lasciare che sia l'ansia a parlare per te..

un abbraccio
Federica*

rebbi

Nuovo Utente

Posts: 4

Activitypoints: 19

Date of registration: Oct 27th 2011

  • Send private message

4

Thursday, October 27th 2011, 8:39pm

Hei ciao soffro anche io di attacchi di panico e depersonalizzazione, io ci soffro tanto perchè davvero non riesco proprio piu convincerci mi rovino le giornate.
Ne vorrei tanto uscire, ogni tanto per non pensarci inizio a pensare ad altro, ma la derealizzazione è più forte di ogni mio pensiero e mi attacca.
Per calmare un attacco di panico mi fermo in un punto chiudo gli occhi e inizio a cantare una canzone in mente un po mi aiuta, poi ovviamente devo scappare subito a casa perchè mi vengono le crisi di pianto!

luke

Alla ricerca di me stesso..

  • "luke" is male
  • "luke" started this thread

Posts: 824

Activitypoints: 2,913

Date of registration: Feb 27th 2011

  • Send private message

5

Friday, October 28th 2011, 3:31pm

ciao luke :)

i tuoi pensieri secondo me sono amplificati al 200% dall'ansia. i pensieri ossessivi funzionano così..nascono,poi si "gonfiano" man mano... il problema è che quando siamo in preda al vortice non ci rendiamo conto di quanto siano irrazionali.
soffri di questo disturbo da un anno hai detto... ti curi in qualche modo? prendi farmaci?
io ne soffro da circa 7 mesi.. comprese depersonalizzazione e derealizzazione.. solo da due ho iniziato a prendere un antidepressivo e sto meglio... la depers non è ancora del tutto sparita ma diciamo che c'è solo se ci penso...
prima di fare questa scelta anche io stavo male... mille pensieri ossessivi e angoscianti... anche io ho pensato spesso a cosa succederebbe se non fossi più innamorata de lmio ragazzo ecc ecc. Quando si è ansiosi tutto, tutto,tutto diventa o può diventare oggetto di "viaggi mentali" della madonna :))))
innanzitutto, spassionatamente, ti dico che cercare rassicurazioni non fa altro che amplificare questi tuoi pensieri... non ti servono rassicurazioni, ti serve una cura. una volta che l'avrai iniziata, fidati che questi pensieri diventeranno così distanti da te che quando ci penserai probabilmente ti dirai: ma dove stavo con la testa?!?!
più che altro è anche per il tuo rapporto... solo a mente lucida puoi davvero capire se ami una persona o no... non lasciare che sia l'ansia a parlare per te..

un abbraccio
Cara federica,il tuo messaggio mi è molto di conforto....prima di tutto devo dirti che non ho mai preso farmaci,xo da qualke giorno sono in cura presso uno psicoterapeuta privato che mi ha assicurato che verremo alla radice del mio problema..speriamo...dato che il vecchio psicoterapeuta(ente pubblico)è stato un totale fallimento...a volte mi sorprendo di come sia scandalosa l'assistenza sanitaria pubblica italiana...per il resto,hai perfettamente ragione...è diventato cosi assurdo...non ci capisco più nulla,non so distinguere piu cosa sento realmente e cosa invece è frutto della mia ansia...non so più se amo o meno la mia ragazza...non so più se credo in Dio o meno...non so piu nulla...ho perso l'orientamento e l'equilibrio nella vita....spero solo di riuscire a capire realmente cosa c'è dietro questa nube oscura dove da un anno ormai vago confuso...e spero che anche tu riesca a sconfiggere questa situazione....ti mando un abbraccio:)

luke

Alla ricerca di me stesso..

  • "luke" is male
  • "luke" started this thread

Posts: 824

Activitypoints: 2,913

Date of registration: Feb 27th 2011

  • Send private message

6

Friday, October 28th 2011, 3:33pm

Hei ciao soffro anche io di attacchi di panico e depersonalizzazione, io ci soffro tanto perchè davvero non riesco proprio piu convincerci mi rovino le giornate.
Ne vorrei tanto uscire, ogni tanto per non pensarci inizio a pensare ad altro, ma la derealizzazione è più forte di ogni mio pensiero e mi attacca.
Per calmare un attacco di panico mi fermo in un punto chiudo gli occhi e inizio a cantare una canzone in mente un po mi aiuta, poi ovviamente devo scappare subito a casa perchè mi vengono le crisi di pianto!

da quando ne soffri cara rebbi?come è iniziato il tutto?

dante2184

Giovane Amico

Posts: 118

Activitypoints: 424

Date of registration: Jan 30th 2011

  • Send private message

7

Friday, October 28th 2011, 9:02pm

ciao liuke mi dispiace vederti ancora qui con i medesimi problemi di mesi fa, io ne sono uscito vittorioso !!!

Devi capire che sono pensieri e prendili per tali, pensieri che non provengono da te !!!

ho fatto psicoterapia ma ho mollato e sto continuando con i farmaci....

non ti chiedo di assumerli ma ti consiglio solo che se non ti trovi bene con il tuo psicoterapeuta cambialo !!!!

dopo qualche mese se funziona la psicoterapia devi stare meglio

luke

Alla ricerca di me stesso..

  • "luke" is male
  • "luke" started this thread

Posts: 824

Activitypoints: 2,913

Date of registration: Feb 27th 2011

  • Send private message

8

Saturday, October 29th 2011, 12:18pm

ciao liuke mi dispiace vederti ancora qui con i medesimi problemi di mesi fa, io ne sono uscito vittorioso !!!

Devi capire che sono pensieri e prendili per tali, pensieri che non provengono da te !!!

ho fatto psicoterapia ma ho mollato e sto continuando con i farmaci....

non ti chiedo di assumerli ma ti consiglio solo che se non ti trovi bene con il tuo psicoterapeuta cambialo !!!!

dopo qualche mese se funziona la psicoterapia devi stare meglio

Spero che questa sia la volta buona,caro dante...e sono molto felice del fatto che tu sia riuscito nell'impresa di rialzarti...spero che per te sia l'inizio di una nuova e meritata serenità:)

Ulisse89

Nuovo Utente

Posts: 4

Activitypoints: 19

Date of registration: Oct 24th 2011

  • Send private message

9

Saturday, October 29th 2011, 2:34pm

Ciao Luke, come dire io soffro della stesa identica problematica, fortunatamente da poco, circa un mese e in maniera piu lieve ma capisco perfettamente quello che provi, il disagio, la paura, la stanchezza e i sensi di colpa magari (almeno a me succede).
Io percepisco il tutto come un mare, io sono la spiaggia e questi pensieri mi travolgono come un'onda una volta piccola una volta enorme, è come se la mente cercasse di distruggere cio che di bello hai per buttarti in uno stanzino buio e lasciarti li!
L'ultima volta mi è successo poche ore fa, i pensieri si sono insinuati come tarli e ti portano a convincerti che sia quello il motivo del tuo malessere ma io credo che non sia cosi. Anzi ne sono sicuro! Quando l'ansia non mi attenaglia, ma la sento solo li latente pronta a fare capolino quando meno è opportuno, mi rendo conto delle "cassate" sul quale mi ero fissato e mi sento addirittura scemo e in colpa.
Ma non dobbiamo lasciar vagare la nostra mente a piede libero Luke. Io sono in cura da uno psicologo e porto sempre con me dello xanax nella giacca. Non l'ho mai usato, sono restio ma so che c'è e non sento vergogna nel pensiero che magari un giorno ne avro bisogno. Ma per ora voglio farcela da solo.....arrivare a capire il vero motivo del disagio che mi affligge seguendo un percorso e avendo piena fiducia in cio che sto facendo! Ce la possiamo fare non facciamoci distruggere da noi stessi non dobbiamo!

Sono stato un po lungo? :P
Ma ora un piccolo consiglio pratico, che io utilizzo e mi sembra funzioni.....
Quando sento che qualcosa non va, che sta arrivando il pensiero, l'ansia, penso al fatto che come è venuta passerà,che staro bene e inzio a organizzare cosa faro nei giorni o in ipotetiche vacanze....non provo felicità lo ammetto sarebbe forse troppo, ma mi impegna la mente e alla fine senza che te ne accorgi stai pensando a qualcosa di leggero e la cortina di pioggia si dirada
Forza Luke non sei solo!!!

luke

Alla ricerca di me stesso..

  • "luke" is male
  • "luke" started this thread

Posts: 824

Activitypoints: 2,913

Date of registration: Feb 27th 2011

  • Send private message

10

Saturday, October 29th 2011, 3:14pm

Ciao Luke, come dire io soffro della stesa identica problematica, fortunatamente da poco, circa un mese e in maniera piu lieve ma capisco perfettamente quello che provi, il disagio, la paura, la stanchezza e i sensi di colpa magari (almeno a me succede).
Io percepisco il tutto come un mare, io sono la spiaggia e questi pensieri mi travolgono come un'onda una volta piccola una volta enorme, è come se la mente cercasse di distruggere cio che di bello hai per buttarti in uno stanzino buio e lasciarti li!
L'ultima volta mi è successo poche ore fa, i pensieri si sono insinuati come tarli e ti portano a convincerti che sia quello il motivo del tuo malessere ma io credo che non sia cosi. Anzi ne sono sicuro! Quando l'ansia non mi attenaglia, ma la sento solo li latente pronta a fare capolino quando meno è opportuno, mi rendo conto delle "cassate" sul quale mi ero fissato e mi sento addirittura scemo e in colpa.
Ma non dobbiamo lasciar vagare la nostra mente a piede libero Luke. Io sono in cura da uno psicologo e porto sempre con me dello xanax nella giacca. Non l'ho mai usato, sono restio ma so che c'è e non sento vergogna nel pensiero che magari un giorno ne avro bisogno. Ma per ora voglio farcela da solo.....arrivare a capire il vero motivo del disagio che mi affligge seguendo un percorso e avendo piena fiducia in cio che sto facendo! Ce la possiamo fare non facciamoci distruggere da noi stessi non dobbiamo!

Sono stato un po lungo? :P
Ma ora un piccolo consiglio pratico, che io utilizzo e mi sembra funzioni.....
Quando sento che qualcosa non va, che sta arrivando il pensiero, l'ansia, penso al fatto che come è venuta passerà,che staro bene e inzio a organizzare cosa faro nei giorni o in ipotetiche vacanze....non provo felicità lo ammetto sarebbe forse troppo, ma mi impegna la mente e alla fine senza che te ne accorgi stai pensando a qualcosa di leggero e la cortina di pioggia si dirada
Forza Luke non sei solo!!!

Ciao Ulisse...be come dire è un sollievo(ahimè beffardo)sapere che non sono il solo a versare in questa situazione di incertezza incessante....come è nata questa cosa?hai pensato a qualcosa in particolare?mi farebbe piacere confrontarmi,se ti va:)

Ulisse89

Nuovo Utente

Posts: 4

Activitypoints: 19

Date of registration: Oct 24th 2011

  • Send private message

11

Saturday, October 29th 2011, 3:27pm

Certamente, beh diciamo che io sono di mio molto introverso e sensibile e per ovviare a questa problematica (per come la vedevo io) mi comportavo in modo totalemente opposto. Inoltre non ho mai avuto molta stima di me stesso e del mio operato tanto che tendevo sempre a nascondere mie opinioni o pensieri in favore di quelli di altri addirittura arrivando a mentire su cose stupide. (mai nulla di serio)
Sono sempre stato un soggetto ansioso in maniera eccessiva ma tutto normale come sempre fino a che un giorno in macchina ho cominciato a sentirmi un bugiardo.
Prima verso la mia ragazza,poi verso i miei genitori, poi verso me stesso e da li un circolo vizioso.Mi ci ero fissato talmente tanto che non riuscii a tenere quel "segreto" e "confessai" la cosa.
Non era nulla di grave anzi, avevo addirittura coperto l'errore di un'altra persona ma mi ero convinto che il problema fosse quello.
Nulla di piu sbagliato perche una volta detto ho avuto 2 attacchi di agorafobia e ansia continuativa per tutti i giorni!
Ora vado dallo psicologo, devo dire che mi piace il percorso che stiamo facendo! chiaramente da buon ansioso vorrei si potesse arrivare subito alla soluzione ma non puo andare cosi bisogna accettarlo :P

Cuoreditenebra

Utente Attivo

Posts: 13

Activitypoints: 53

Date of registration: Oct 29th 2011

  • Send private message

12

Saturday, October 29th 2011, 3:46pm

E' un'esperienza che ho vissuto anche io da ragazzo, in un paio di circostanze, con sensazioni simili alle tue. Terrore di non essere più innamorato, e al tempo stesso stare male a quel pensiero come se fossi io a venire lasciato, senzazione quasi di estraneità da tutto, come se stesse accadendo a un altro, piccoli episodi o sciocchezze senza significato che diventavano una prova inequivocabile del fatto che non amavo più la mia ragazza...
Ognuno di noi è un caso a sè, ovvio, io ti posso portare solo la risposta che ho trovato per me a suo tempo. Soffrivo di scarsa autostima (carattere chiuso, combinavo poco in università, avevo la sensazione di non piacere alle ragazze), di conseguenza forte timore dell'abbandono, che in qualche modo la mia psiche cercava di anticipare (dicendomi che non ero più innamorato) in modo tale da procurarmi si un dolore, ma un dolore "non subìto" (decidevo io, e non lei, che non ero più innamorato), e di cui quindi avevo comunque in qualche modo il controllo.

luke

Alla ricerca di me stesso..

  • "luke" is male
  • "luke" started this thread

Posts: 824

Activitypoints: 2,913

Date of registration: Feb 27th 2011

  • Send private message

13

Saturday, October 29th 2011, 5:34pm

E' un'esperienza che ho vissuto anche io da ragazzo, in un paio di circostanze, con sensazioni simili alle tue. Terrore di non essere più innamorato, e al tempo stesso stare male a quel pensiero come se fossi io a venire lasciato, senzazione quasi di estraneità da tutto, come se stesse accadendo a un altro, piccoli episodi o sciocchezze senza significato che diventavano una prova inequivocabile del fatto che non amavo più la mia ragazza...
Ognuno di noi è un caso a sè, ovvio, io ti posso portare solo la risposta che ho trovato per me a suo tempo. Soffrivo di scarsa autostima (carattere chiuso, combinavo poco in università, avevo la sensazione di non piacere alle ragazze), di conseguenza forte timore dell'abbandono, che in qualche modo la mia psiche cercava di anticipare (dicendomi che non ero più innamorato) in modo tale da procurarmi si un dolore, ma un dolore "non subìto" (decidevo io, e non lei, che non ero più innamorato), e di cui quindi avevo comunque in qualche modo il controllo.


Caro cuoreditenebra il tuo intervento mi ha molto colpito...forseperchè rivedo in te dei tratti molto simili al mio carattere..anche io non credo molto in me stesso,anche io(a detta dello psicoterapeuta)tendo a voler avere sotto controllo tutto,anche io ricerco spesso il consenso dell'altro sesso come tanti insicuri..non so se tu abbia ragione,sta di fatto che non sto bene con me stesso in questo momento,e non riesco ad essere piu rilassato,spontaneo,con lei..è davvero brutto a volte....:(

Cuoreditenebra

Utente Attivo

Posts: 13

Activitypoints: 53

Date of registration: Oct 29th 2011

  • Send private message

14

Saturday, October 29th 2011, 6:03pm

E' purtroppo "normale", penso, non riuscire ad essere spontanei nello stato d'animo che descrivi, spesso l'unico pensiero - ossessivo - che ha spazio è "sono innamorato o no?" "Cosa provo in questo momento?" "Che cosa provo ora mentre lei sta dicendo/facendo questa cosa?". Alla lunga, per me quel "lei" diventava quasi un'astrazione, come se fosse un concetto o un'idea scollegata dalla persona. Io ero arrivato addirittura a domandarmi che cosa avrei provato se fosse morta, e la sensazione immediata era che non avrei provato nulla; impossibile, evidentemente, e non era assolutamente vero, ma lo stato d'animo in quel momento era quello che mi suggeriva. Con gli anni, la maturazione personale e la consapevolezza del mio valore di persona non mi è più accaduto; di quando in quando ha provato a ripresentarsi, quel pensiero ossessivo, perché ovviamente quando passi anni roso dal suo meccanismo dei segni restano, ma è durato lo spazio di un minuto. Questo solo per dirti che se sei disposto a lavorare un pò su te stesso la tua vita sentimentale non è "condannata" ad essere sempre così, come a volte ero giunto a pensare io.

luke

Alla ricerca di me stesso..

  • "luke" is male
  • "luke" started this thread

Posts: 824

Activitypoints: 2,913

Date of registration: Feb 27th 2011

  • Send private message

15

Sunday, October 30th 2011, 2:54pm

E' purtroppo "normale", penso, non riuscire ad essere spontanei nello stato d'animo che descrivi, spesso l'unico pensiero - ossessivo - che ha spazio è "sono innamorato o no?" "Cosa provo in questo momento?" "Che cosa provo ora mentre lei sta dicendo/facendo questa cosa?". Alla lunga, per me quel "lei" diventava quasi un'astrazione, come se fosse un concetto o un'idea scollegata dalla persona. Io ero arrivato addirittura a domandarmi che cosa avrei provato se fosse morta, e la sensazione immediata era che non avrei provato nulla; impossibile, evidentemente, e non era assolutamente vero, ma lo stato d'animo in quel momento era quello che mi suggeriva. Con gli anni, la maturazione personale e la consapevolezza del mio valore di persona non mi è più accaduto; di quando in quando ha provato a ripresentarsi, quel pensiero ossessivo, perché ovviamente quando passi anni roso dal suo meccanismo dei segni restano, ma è durato lo spazio di un minuto. Questo solo per dirti che se sei disposto a lavorare un pò su te stesso la tua vita sentimentale non è "condannata" ad essere sempre così, come a volte ero giunto a pensare io.

...è proprio quello che voglio capire e combattere...questa esigenza di razionalizzare ogni cosa,di controllare...voglio imparare a vivere in maniera piu leggera,a fregarmene ogni tanto...e soprattutto vorrei capire se queste sensazioni sulla relazione sentimentale rispondono in realtà a un problema concreto,che sta nello stesso rapporto e non in me...