Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

1

mercoledì, 31 ottobre 2018, 17:05

Gli antidepressivi guariscono l'ansia?

Cari amici e amiche, mai come ora ho bisogno di un vostro parere!!!

Vengo al punto: dopo la mia forte ricaduta negli attacchi di panico sono stato c/o un medico che reputo molto competente il quale mi ha sostituito il Tavor con lo Xanax perché è un farmaco molto più mirato per questa problematica che a suo parere andrebbe affrontata con un "percorso farmacologico strutturato" basato sull'uso di un antidepressivo specifico e selettivo per quelli che ha definito "disturbi da panico".

Mi trovo in una condizione di grossa indecisione perché se continuerò ad assumere ansiolitici al bisogno non risolverò mai il problema alla radice e l'ansia mi ha rovinato parte della vita. Se invece intraprenderò un nuovo percorso farmacologico con antidepressivi il mio timore maggiore è di diventarne dipendente con eventuali ricadute anche depressive alla sospensione.

Vorrei quindi sapere da chi ha assunto antidepressivi per curare gli attacchi di panico, se ha avuto miglioramenti tangibili.

Grazie a chi vorrà rispondermi,
Michele

2

mercoledì, 31 ottobre 2018, 17:29

Proseguendo nell'attesa di ricevere risposte leggevo in questo articolo che la Fluvoxamina ha dato ottimi risultati finanche di guarigione totale (panic free)

Leggere al paragrafo "Studi clinici controllati con placebo"
http://www.informazionisuifarmaci.it/il-…dicina-generale

sociopatico atipico

Giovane Amico

  • "sociopatico atipico" è un uomo

Posts: 412

Activity points: 986

Data di registrazione: mercoledì, 08 marzo 2017

Località: piemonte, località disagiata

Lavoro: Impiegato

  • Invia messaggio privato

3

mercoledì, 31 ottobre 2018, 17:42

Ciao Michele. Felice, nonostante tutto, di rileggerti.

Per risponderti, io credo che l'antidepr, se trovato il giusto, possa giovare sull'umore e relativi disturbi. O almeno per me è così.

Anche se smettendo di assumerlo, ed assumendo di stare meglio, suppongo che difficilmente ci si possa sentire guariti per sempre..

Longobardo

Utente Fedele

Posts: 821

Activity points: 1.241

Data di registrazione: giovedì, 20 giugno 2013

  • Invia messaggio privato

4

mercoledì, 31 ottobre 2018, 17:44

C' è anche un altro elemento che devi considerare

Mi sembra di aver compreso che l ansia è ritornata a farti compagnia a seguito di eventi negativi .
In pratica ansia dovuta ad una situazione stressante ( lavoro , amore ,etc )
In casi simili si parla di ansia reattiva , ansia come reazione ad avvenimenti esterni .
Se assumi farmaci per tutto il tempo che li usi terranno a bada l ansia , ma se una volta cessato di usarli la situazione stressante perdura o si ripresenta c' è l alto rischio che l ansia ritorni

5

mercoledì, 31 ottobre 2018, 17:47

Ciao Michele. Felice, nonostante tutto, di rileggerti.

Felicissimo anch'io!! :thumbsup: (oggi mi sento stranamente sereno dopo essere riuscito a bere un po di caffè).


Per risponderti, io credo che l'antidepr, se trovato il giusto, possa giovare sull'umore e relativi disturbi. O almeno per me è così.

Anche se smettendo di assumerlo, ed assumendo di stare meglio, suppongo che difficilmente ci si possa sentire guariti per sempre..

Ti ringrazio per la tua risposta. Io di antidepressivi non ne so nulla e il mio problema principale è l'ansia. Mi diresti in generale se hai avuto problemi di dipendenza dagli antidepressivi? Ho letto che in generale danno meno dipendenza rispetto agli ansiolitici.

Quanto al guarire per sempre dall'ansia (o' miracolo!!!), :D era in riferimento alle percentuali ottenute dallo studio che ho postato prima.

6

mercoledì, 31 ottobre 2018, 17:56

C' è anche un altro elemento che devi considerare

Mi sembra di aver compreso che l ansia è ritornata a farti compagnia a seguito di eventi negativi .
In pratica ansia dovuta ad una situazione stressante ( lavoro , amore ,etc )
In casi simili si parla di ansia reattiva , ansia come reazione ad avvenimenti esterni .
Se assumi farmaci per tutto il tempo che li usi terranno a bada l ansia , ma se una volta cessato di usarli la situazione stressante perdura o si ripresenta c' è l alto rischio che l ansia ritorni


l'ansia come risposta ad una situazione stressante non è in fondo un "salvavita" o forse un campanello d'allarme?
namasté

sociopatico atipico

Giovane Amico

  • "sociopatico atipico" è un uomo

Posts: 412

Activity points: 986

Data di registrazione: mercoledì, 08 marzo 2017

Località: piemonte, località disagiata

Lavoro: Impiegato

  • Invia messaggio privato

7

mercoledì, 31 ottobre 2018, 17:58

Beato te che il caffè puoi berlo.. io ho dovuto smettere..problemi intestinali..

comunque per quello che riguarda la mia situazione, prendo 2 antidepr e un ansiolitico. Conta pero che alla base non c'era solo un disturbo da panico, ma molto altro.

Se ne sono dipendente? ..sicuramente, e non voglio neanche immaginare quanto.
Ma sono dell'idea che tutto quello che ti fa star bene dia dipendenza. E non è una giustificazione.

8

mercoledì, 31 ottobre 2018, 18:08

C' è anche un altro elemento che devi considerare
Mi sembra di aver compreso che l ansia è ritornata a farti compagnia a seguito di eventi negativi .
In pratica ansia dovuta ad una situazione stressante ( lavoro , amore ,etc )
In casi simili si parla di ansia reattiva , ansia come reazione ad avvenimenti esterni .
Se assumi farmaci per tutto il tempo che li usi terranno a bada l ansia , ma se una volta cessato di usarli la situazione stressante perdura o si ripresenta c' è l alto rischio che l ansia ritorni

Credo anch'io che sia ansia reattiva, il punto è che l'articolo che ho postato dice che ci sono alcuni antidepressivi che in taluni casi hanno reso i soggetti affetti da DAP a soggetti cosiddetti "panic free" (cioè hanno risolto definitivamente).

9

mercoledì, 31 ottobre 2018, 18:10



Se ne sono dipendente? ..sicuramente, e non voglio neanche immaginare quanto.
Ma sono dell'idea che tutto quello che ti fa star bene dia dipendenza. E non è una giustificazione.

Ciao, nel caso del trattamento degli antidepressivi per l'ansia avevo letto che si parla di non molte settimane (mi pare attorno le 12) quindi parliamo di terapie di pochi mesi.

nb: se mi dici che ne sei dipendente e che non immagini quanto sta a dire che non hai mai fatto sospensioni?

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" è un uomo

Posts: 7.711

Activity points: 17.461

Data di registrazione: mercoledì, 05 ottobre 2016

Località: Roma e l'universo

Lavoro: something

  • Invia messaggio privato

10

mercoledì, 31 ottobre 2018, 18:14

sinceramente? ho sentito poche persone che hanno assunto antidepressivi per poche settimane come sembrerebbe invece raccomandato. Probabilmente in molti casi hanno un effetto benefico sul sintomo (cosa sicuramente da non disprezzare), ma che facciano guarire...boh? forse in alcuni casi
i miei nemici siano liberi, io cado e resto qui...

sociopatico atipico

Giovane Amico

  • "sociopatico atipico" è un uomo

Posts: 412

Activity points: 986

Data di registrazione: mercoledì, 08 marzo 2017

Località: piemonte, località disagiata

Lavoro: Impiegato

  • Invia messaggio privato

11

mercoledì, 31 ottobre 2018, 18:20

Con questa nuova cura, che seguo così com'è da un anno circa, no.

Ma dalla precedente, composta solo da un ssri a basso dosaggio, si.
Sono stato senza poco più di un anno, e poi sono necessariamente dovuto tornare sui farmaci..

Ad ora non mi pongo il problema: mi aiutano, li prendo.
Ma non mi sento di consigliarteli, anche perché forse tu potresti uscirne in altri modi

12

mercoledì, 31 ottobre 2018, 18:29

Con questa nuova cura, che seguo così com'è da un anno circa, no.

Ma dalla precedente, composta solo da un ssri a basso dosaggio, si.
Sono stato senza poco più di un anno, e poi sono necessariamente dovuto tornare sui farmaci..

Ad ora non mi pongo il problema: mi aiutano, li prendo.
Ma non mi sento di consigliarteli, anche perché forse tu potresti uscirne in altri modi

Ti ringrazio. Mi affiderei sempre e comunque ad un serio professionista psichiatra, è che sono davvero desideroso di uscire dall'ansia. Ripeto, l'articolo per la DAP parlava di poche settimane, logicamente varieranno da caso a caso e logicamente in base alla molecola usata.

sociopatico atipico

Giovane Amico

  • "sociopatico atipico" è un uomo

Posts: 412

Activity points: 986

Data di registrazione: mercoledì, 08 marzo 2017

Località: piemonte, località disagiata

Lavoro: Impiegato

  • Invia messaggio privato

13

mercoledì, 31 ottobre 2018, 18:33

O forse anche un certo marketing che spinge a vendere farmaci anche quando non ce ne veramente bisogno..

Ciò non toglie che a volte il bisogno possa esserci

14

mercoledì, 31 ottobre 2018, 18:38

sinceramente? ho sentito poche persone che hanno assunto antidepressivi per poche settimane come sembrerebbe invece raccomandato. Probabilmente in molti casi hanno un effetto benefico sul sintomo (cosa sicuramente da non disprezzare), ma che facciano guarire...boh? forse in alcuni casi

Giustissime considerazioni Fran. Io personalmente ho poca esperienza con gli antidepressivi (unica esperienza con l'Elpran diversi anni fa ma per una forma depressiva). Mi interessava questa Fluvoxamina, immagino sia un farmaco relativamente recente e quindi probabilmente più selettivo. L'articolo parlava anche di soggetti "panic free" dopo la terapia, il che è certamente un aspetto positivo. Logicamente occorre vedere se uno è un buon risponditore.

Ad ogni modo........

Citato

Può raramente accadere che alcuni effetti indesiderati, in particolare le disfunzioni sessuali ed emotive, persistano per un tempo indefinito (anche anni) dopo la sospensione del trattamento, dando origine alla sindrome post-trattamento.

https://it.wikipedia.org/wiki/Fluvoxamina#Storia

2 utenti a parte te stanno visitando questo thread:

1 Iscritto e 1 ospite

viking

Legenda: Amministratori, Super Moderatori, Moderatori, Aiutanti, Aiuto moderatore chat