Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


jox

Amico Inseparabile

  • "jox" is male

Posts: 1,054

Activitypoints: 3,463

Date of registration: Aug 20th 2010

Location: sondrio

  • Send private message

31

Wednesday, March 16th 2011, 12:38am

Ciao ragazzi torno a scrivervi dato che ho avuto un colloquio diretto con un bravissimo psicologo.
Vi riporto alla lettera la sua opinione da psicologo su di me: " sostiene che io abbia bisogno di un corso terapeutico anche breve, purchè io cerchi di lavorare su me stesso, ed inoltre sostiene che io abbia il pieno controllo della mia vita.. in parole povere "non sono tanto per terra" al contrario di quello che pensassi :)
La cosa che mi ha stupito xò di questo incontro (premetto che non ho mai sofferto d'ansia e non mi ero mai imbattuto prima d'ora in un colloquio del genere) e che io mentre parlavo cercavo delle risposte ogni tanto infatti gli domandavo "e secondo lei" , "ma perchè è successo questo", "come lo si spiega"?
però non avevo risposte fredde e dirette, più che altro mi accorgevo che parlando parlando lui mi forniva automaticamente le risposte, è una cosa alquanto strana, e come se lui nel dialogare non rispondesse direttamente al mio perchè ma mi fornisse elementi necessari a finchè io mi rispondessi da solo :O
Cmq mi ha proposto su suo consiglio un percorso terapeutico da un altrettanto ottima psicologa dell'infanzia (non ricordo bene il termine esatto ^^' )
Vabbe inutile dirvi che i soliti sintomi mi stanno ammazzando soprattutto come già sapete questo odioso sintomo visivo che mi porto 24 ore su 24 :)
ed inutile dire che ho provato di tutto "cura al mirtillo" "lacrime artificiali" una 30 di gg senza pc "ho provato a non guardami in giro ogni 2 secondi che campo" "ho fatto visite su visite con ottimi riscontri"
che dire un sintomo orribile che c'è ma non c'è allo stesso tempo ?! chi non impazzirebbe? :)
Un saluto a tutti quanti =)
scusa, ma avevi detto che saresti andato dallo psichiatra !!!perchè sei andato dallo psicologo ??io ci sono andato per sei mesi e ho solo buttato via un sacco di soldi, ma tu continua pure con le tue cure omeopatiche :thumbdown: io ti consiglio di andare dallo psichiatra che è un medico e di seguire la terapia che ti prescrive !!poi quando starai meglio potrai smettere.

joshuadunamis

Utente Attivo

  • "joshuadunamis" is male

Posts: 17

Activitypoints: 51

Date of registration: Mar 14th 2011

  • Send private message

32

Wednesday, March 16th 2011, 4:29am

Sono perfezionista nel lavoro e in tutto quello che mi interessa.Perseguo i miei obiettivi e cerco di dare il massimo per raggiungerli e senza darmi pace finchè non ottengo quello che cerco.Non mi piace fare degli sbagli ma si sa, è una carattestica del doc!!!
Allora senza il "disturbo ossessivo-compulsivo" tu non faresti sbagli?

kimberly

Amico Inseparabile

Posts: 1,385

Activitypoints: 4,386

Date of registration: Mar 3rd 2010

  • Send private message

33

Wednesday, March 16th 2011, 5:26am

Joshuadunamis:
Non ho mai detto che non faccio sbagli perchè ho il doc ma semplicemente che il perfezionismo è una caratteristica di questo disturbo, in cui si cerca di tenere tutto sotto controllo.Gli sbagli gli fanno tutti,con o senza il doc ,ed è ovvio che sia cosi' dato che siamo umani.
Io ho solo detto che a me non piace sbagliare e non mi do pace nel cercare di risolvere i problemi finchè non sono risolti e nel perseguire i miei obbiettivi.Io intendevo dire che a me pesa tantissimo fare degli sbagli o non riuscere a raggiungere qualcosa che vorrei conquistare nell'ambito lavorativo e che ciò mi pesa a dismisura, rispetto a chi non soffre di doc. Se non avessi il doc, prenderei le cose piu' alla leggera,invece, io mi martello la testa pensando al solving problems e al raggiungere i miei obiettivi,e questo mi crea molta ansia. Io posso pensare a una soluzione quasi 24 ore su 24. Sono perfezionista ma questo non vuol dire che chi non soffre di doc non lo sia,semplicemente chi non ha il doc vive la situazione con meno ansia e meno disperazione.

This post has been edited 1 times, last edit by "kimberly" (Mar 16th 2011, 5:35am)


joshuadunamis

Utente Attivo

  • "joshuadunamis" is male

Posts: 17

Activitypoints: 51

Date of registration: Mar 14th 2011

  • Send private message

34

Wednesday, March 16th 2011, 9:12am

Joshuadunamis:
Non ho mai detto che non faccio sbagli perchè ho il doc ma semplicemente che il perfezionismo è una caratteristica di questo disturbo, in cui si cerca di tenere tutto sotto controllo.Gli sbagli gli fanno tutti,con o senza il doc ,ed è ovvio che sia cosi' dato che siamo umani.
Io ho solo detto che a me non piace sbagliare e non mi do pace nel cercare di risolvere i problemi finchè non sono risolti e nel perseguire i miei obbiettivi.Io intendevo dire che a me pesa tantissimo fare degli sbagli o non riuscere a raggiungere qualcosa che vorrei conquistare nell'ambito lavorativo e che ciò mi pesa a dismisura, rispetto a chi non soffre di doc. Se non avessi il doc, prenderei le cose piu' alla leggera,invece, io mi martello la testa pensando al solving problems e al raggiungere i miei obiettivi,e questo mi crea molta ansia. Io posso pensare a una soluzione quasi 24 ore su 24. Sono perfezionista ma questo non vuol dire che chi non soffre di doc non lo sia,semplicemente chi non ha il doc vive la situazione con meno ansia e meno disperazione.
Come fai a sapere che che chi "non ha il doc" vive la situazione con meno ansia e meno disperazione? Meno ansia e disperazione riguardo a che cosa? Che cosa ti impedisce di cercare di risolvere il "doc" finchè non è risolto?

kimberly

Amico Inseparabile

Posts: 1,385

Activitypoints: 4,386

Date of registration: Mar 3rd 2010

  • Send private message

35

Wednesday, March 16th 2011, 10:28am

E' normale che le persone abbiano un po' di ansia in alcune situazioni,ben diverso è chi soffre di un disturbo dell'ansia in cui la persona vive in una condizione di ansia patologica che interferisce nella sua vita sociale,affettiva e lavorativa.
Il doc ha determinate caratteristiche che ne determinano il suo meccanismo tra le quali c'è anche il perfezionismo per cui gli sbagli,i fallimenti,l'ambizione di raggiungere i propri obiettivi e via discorrendo, generano ansia e stress a dismisura.I fallimenti vengono vissuti con disperazione perchè la persona non vuole accettarli. Le remuginazioni mentali ripetute innumerevoli volte..
C'è ossessione e intransigenza con se stessi,nel risolvere i problemi cosa che gli altri non anno.
Io faccio riferimento al perfezionismo in vari ambiti come puo' essere il lavoro e lo studio e via discorrendo
Una persona che ha il doc,soffre di un disturbo ansioso per cui l'ansia viene amplificati a dismisura ed i comportamenti sono diversi rispetto a chi non ce l'ha ed è ovvio che sia cosi,quindi chi non ha il doc cercherà di risolvere i problemi al meglio senza una carica ansiosa patologica. Sta di fatto che il perfezionismo diventa ossessione che ben si contraddistingue dalla preoccupazione.
La ricerca della perfezione è patologia perchè questa non esiste ma chi ha il doc è intransigente con se stesso per cui non riesce ad arrendersi,vivendo male le difficolta'.Io ho il doc da 20 anni per cui mi sono documentata su questa malattia per capirmi meglio e per cercare di guarire. Non ho mai detto che non si possa curare ma so che ,ad ogni modo, è una delle patologie piu' difficile da trattare in psichiatria per via della mancata risposta dei farmaci ( 40 % delle persone non rispondono ai farmaci ) o lieve risposta dei medesimi, oltre alle difficolta' della terapia psicologica perchè chi ha il doc ha un'anomalia biologica nella corteccia cerebrale per cui i farmaci devono attraversare tutta la testa ed intaccare quella zona alta del cranio.

joshuadunamis

Utente Attivo

  • "joshuadunamis" is male

Posts: 17

Activitypoints: 51

Date of registration: Mar 14th 2011

  • Send private message

36

Wednesday, March 16th 2011, 11:58am

E' normale che le persone abbiano un po' di ansia in alcune situazioni,ben diverso è chi soffre di un disturbo dell'ansia in cui la persona vive in una condizione di ansia patologica che interferisce nella sua vita sociale,affettiva e lavorativa.
Il doc ha determinate caratteristiche che ne determinano il suo meccanismo tra le quali c'è anche il perfezionismo per cui gli sbagli,i fallimenti,l'ambizione di raggiungere i propri obiettivi e via discorrendo, generano ansia e stress a dismisura.I fallimenti vengono vissuti con disperazione perchè la persona non vuole accettarli. Le remuginazioni mentali ripetute innumerevoli volte..
C'è ossessione e intransigenza con se stessi,nel risolvere i problemi cosa che gli altri non anno.
Io faccio riferimento al perfezionismo in vari ambiti come puo' essere il lavoro e lo studio e via discorrendo
Una persona che ha il doc,soffre di un disturbo ansioso per cui l'ansia viene amplificati a dismisura ed i comportamenti sono diversi rispetto a chi non ce l'ha ed è ovvio che sia cosi,quindi chi non ha il doc cercherà di risolvere i problemi al meglio senza una carica ansiosa patologica. Sta di fatto che il perfezionismo diventa ossessione che ben si contraddistingue dalla preoccupazione.
La ricerca della perfezione è patologia perchè questa non esiste ma chi ha il doc è intransigente con se stesso per cui non riesce ad arrendersi,vivendo male le difficolta'.Io ho il doc da 20 anni per cui mi sono documentata su questa malattia per capirmi meglio e per cercare di guarire. Non ho mai detto che non si possa curare ma so che ,ad ogni modo, è una delle patologie piu' difficile da trattare in psichiatria per via della mancata risposta dei farmaci ( 40 % delle persone non rispondono ai farmaci ) o lieve risposta dei medesimi, oltre alle difficolta' della terapia psicologica perchè chi ha il doc ha un'anomalia biologica nella corteccia cerebrale per cui i farmaci devono attraversare tutta la testa ed intaccare quella zona alta del cranio.
Tu, riesci a pensare ad una situazione accaduta 21 anni fa, in cui sei stata intransigente con te stessa per cui non riuscivi ad arrenderti?

kimberly

Amico Inseparabile

Posts: 1,385

Activitypoints: 4,386

Date of registration: Mar 3rd 2010

  • Send private message

37

Thursday, March 17th 2011, 8:37am

Non ricordo qualcosa in particolare,mi spiace ma ai tempi ero solo una bambina e come tutti i bambini voleva determinati giocattoli che ai tempi i miei genitori non potevano permettersi per cui dovevo abbandonare quella idea ,anche se li volevo.Insomma,cose da bambini ma per il resto niente.Qui credo che si stia disturbando il topic di un altro utente per cui se vuoi farmi tutte queste domande fammele tramite mex privato.Ho letto della tua sperimentazione e mi piace questa cosa,non che mi aspetti qualcosa da questa ma tanto non ho niente da perdere,per cui se puo' in qualche modo aiutare,ben venga.

joshuadunamis

Utente Attivo

  • "joshuadunamis" is male

Posts: 17

Activitypoints: 51

Date of registration: Mar 14th 2011

  • Send private message

38

Thursday, March 17th 2011, 9:03am

Non ricordo qualcosa in particolare,mi spiace ma ai tempi ero solo una bambina e come tutti i bambini voleva determinati giocattoli che ai tempi i miei genitori non potevano permettersi per cui dovevo abbandonare quella idea ,anche se li volevo.Insomma,cose da bambini ma per il resto niente.Qui credo che si stia disturbando il topic di un altro utente per cui se vuoi farmi tutte queste domande fammele tramite mex privato.Ho letto della tua sperimentazione e mi piace questa cosa,non che mi aspetti qualcosa da questa ma tanto non ho niente da perdere,per cui se puo' in qualche modo aiutare,ben venga.
O che cosa sarebbe accaduto se non riuscivi ad abbandonare l'idea del giocattolo che volevi?

claudiaf52

Utente Attivo

  • "claudiaf52" is female

Posts: 20

Activitypoints: 81

Date of registration: Feb 22nd 2013

  • Send private message

39

Friday, March 22nd 2013, 1:18pm

Ho avuto anch'io pensieri del genere.. Ora sono passati per fortuna, anche se ce ne sono altri.. uff ;(

This post has been edited 1 times, last edit by "claudiaf52" (Apr 2nd 2013, 12:43pm)