Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

Longobardo

Utente Avanzato

  • "Longobardo" ha iniziato questa discussione

Posts: 621

Activity points: 1.891

Data di registrazione: giovedì, 20 giugno 2013

  • Invia messaggio privato

1

venerdì, 14 settembre 2018, 20:37

Curarsi l ansia e l insonnia con la sanita pubblica a Rimini

Verso marzo di questo anno mi ero accorto di soffrire di ansia ed insonnia , niente di particolarmente serio , 10 gocce di valium la sera e dormivo , altrettante di giorno ed ero tranquillo .
Disgraziatamente ho seguito l idea che non bisogno prendere i tranquillanti ( come il valium ) per troppo a lungo e che bisogna rivolgersi ad uno psichiatra
La disgrazia non è stata ovviamente rivolgersi ad uno psichiatra ma quella psichiatra
Mi ero rivolto al Centro Salute Mentale della mia citta ,Rimini, come avviene in queste strutture non sei tu a sceglierti lo specialista ma ti viene assegnato
Mi assegnano S ....
5 mesi di cura con costei hanno fatto si che l insonnia sia arrivata a livelli paurosi , anche con farmaci tipo rivotril , En a decine di gocce etc associati ad altri farmaci non riesco a dormire piu' di qualche ora per notte , un riposo " artificiale " e tutt altro che ristoratore , mi sveglio stanchissimo , mi sento ( e sono rimbambito )
Ritengo che S abbia responsabilita' nel mio stato , mi ha prescritto un farmaco , lo Zolpidem , per 3 mesi nonostante gli avessi detto che funzionava in minima parte ( mi addormentavo ma mi svegliavo verso le 2 o max le 4 di mattina senza poi riuscire a dormire , poi mi ha prescritto il rivotril per un periodo tale che mi ero assuefatto etc etc .
Privo di ogni fiducia in costei ho chiesto mi fosse cambiato medico .dopo 5 mesi disastrosi
Risposta ? Mi è stato detto che è impossibile attualmente per carenza di risorse umane ma che appena arriveranno nuovi medici la responsabile VALUTERÀ la mia richiesta
Nel frattempo , bonta' loro , potro' rivolgermi allo specialista di guardia del CSM , persona che ovviamente cambia di continuo .
In pratica dovrei andare dal dottor Tizio ( che nulla sa di me e della mia storia clinica ) che mi prescrive una cosa , se poi ho bisogno di aggiustamenti o di cambiamenti andare dal dottor Caio ( che ovviamente nulla sa di me e gli dovro' raccontare tutto dal principio ) e che puo' avere idee diversissime rispetto alle cure prescritte da Tizio
Poi se avro' bisogno di altro dovro' rivolgermi al dottor Sempronio etc etc .
Da notare che anche in caso di richieste di aggiustamenti probabilmente invece di una semplice telefonata dovro' andare di persona al CSM e pagare il Ticket visto che altrimenti per spiegare tutto allo sconosciuto psichiatra di guardia impiegherei non si sa quanto tempo ( mentre lui ha un paziente davavanti a se da curare )
Ho chiesto alla responsabile del servizio di dirmi almeno se quando saranno disponibili nuovi medici mi assegnerà' un medico personale .
Risposta ?
Silenzio
Signori , ecco cosa mi sta' capitando al CSM di Rimini
Probabilmente dovro' rivolgermi al settore privato , pagando 100 euro a visita ( i prezzi sono questi )

Consigli ?

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "Longobardo" (16/09/2018, 03:56)


sociopatico atipico

Utente Fedele

  • "sociopatico atipico" è un uomo

Posts: 399

Activity points: 1.274

Data di registrazione: mercoledì, 08 marzo 2017

Località: piemonte, località disagiata

Lavoro: Impiegato

  • Invia messaggio privato

2

venerdì, 14 settembre 2018, 21:14

Non so che dirti.. il mio è uno psichiatra del cim e con la cura che consiste in un serotoninergico, un dopaminergico e un gaba energico, considerando la condizione pietosa di partenza, sono rinato.
Però non ho mai sofferto di insonnia. Ma a sto punto, pagare per pagare, perché non ti rivolgi ad uno psichiatra che pratichi anche psicoterapia?

Longobardo

Utente Avanzato

  • "Longobardo" ha iniziato questa discussione

Posts: 621

Activity points: 1.891

Data di registrazione: giovedì, 20 giugno 2013

  • Invia messaggio privato

3

sabato, 15 settembre 2018, 05:41

Grazie , ma cio' che piu' mi interessano sono consigli per agire contro questa episodio di malasanità
Noi abbiamo una Costituzione che dice


Articolo 32

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività,


Mi sembra che nel mio caso il mio diritto alla salute sia stato violato

amanitafalloide

Utente Avanzato

Posts: 459

Activity points: 1.860

Data di registrazione: sabato, 01 febbraio 2014

  • Invia messaggio privato

4

sabato, 15 settembre 2018, 10:35

Sicuramente hai sbagliato a rivolgerti allo psichiatra per una lieve insonnia e una lieve ansia che a quest'ora avresti superato.
Comunque io ho sofferto di insonnia fortissima per oltre tre mesi e l'ho superata da sola.
Ho preso Halcion 125 per un mesetto, prima compressa intera e poi ho iniziato a toglierne un pezzetto per volta abituandomi al nuovo dosaggio. Quando sono arrivata a un quarto ho sospeso tutto e ho dormito da sola. All'inizio era un sonno superficiale e con molti risvegli, poi piano piano si è assestato.
Il segreto è... non pensare. Quando ti metti a dormire, non devi pensaee all'addormentarti o che non dormirai ecc ecc, perché se lo pesi il tuo cervello si "eccita" e ti tiene sveglio. Devi cercare di non pensare a niente.

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" è un uomo

Posts: 1.131

Activity points: 3.463

Data di registrazione: domenica, 26 giugno 2016

Località: emilia-romagna

Lavoro: una volta

  • Invia messaggio privato

5

sabato, 15 settembre 2018, 16:42

Mi dispiace, anche tu hai trovato psichiatri che hanno usato su di te farmaci mica tanto leggeri. Mi dispiace davvero, conosco la situazione in cui ci si trova. Ho avuto altri problemi gravi di salute e addirittura mi furono prescritti altri psicofarmaci che nulla servivano a parte farmi cadere nel baratro della farmacologia psichiatrica. E' importante usare la psicoterapia per trovare il modo di farsi scivolare le situazioni di dosso, purtroppo non si può mai rimediare al passato. Per i farmaci, dopo un periodo di psicoterapia, per caso ho trovato un giovane psicoterapeuta che ha lavorato in tanti CSM e si è poi messo nel privato, ho deciso contro il parere della psichiatra di rivedere la terapia. La psichiatra, controvoglia, ha dovuto seguirmi e mi ha affiancato i vecchi farmaci con nuovi, sempre della stessa specie, per poi sostituirli definitivamente. Questo è possibile e lo ha pure scritto una dottoressa in un post in un altro thread. Poi sono subentrato io e, non essendo dipendente da questi nuovi farmaci in quanto li assumevo da pochi mesi, ho cominciato a scalarli lentamente fino a terminarli. Questa è la mia esperienza, solo mia, non saprei se altri potrebbero trovarne giovamento. Per ciò che riguarda il pubblico, per mia esperienza, l'obiettivo è favorire una consapevole diffusione dell'uso della farmacologia psichiatrica, ma è un mio parere solo dovuto alla mia personale esperienza. Poi non hanno tempo per seguirti. Per ciò che riguarda il privato, anche lì, gli psichiatri, a parte 180 euro di visita, usano gli stessi farmaci. E Rimini, in questo, per mia esperienza, non è molto diversa da Cesena ed io ho frequentato medici anche nella tua città. Io ero partito con ansia ed insonnia nel 2008. Gli eventi disgraziati mi hanno distrutto salute fisica e mentale e vita in generale. Non sei più lo stesso di prima e mai lo tornerai, cercando un nuovo equilibrio, certamente, si può fare a meno dei farmaci psichiatrici, almeno se non ci si trova in una fase critica. Riuscirai davvero a trovare una terapia farmacologica con la quale affiancare l'attuale per poi, molto poi, sostituirla ed infine, lentamente scalare e terminare. Informati con chi ti segue. Buon proseguimento.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

Longobardo

Utente Avanzato

  • "Longobardo" ha iniziato questa discussione

Posts: 621

Activity points: 1.891

Data di registrazione: giovedì, 20 giugno 2013

  • Invia messaggio privato

6

domenica, 16 settembre 2018, 11:49

Ecco il testo che intendo inviare all URP della Asl di Rimini

Citato


Per 5 mesi , a partire dal 20 marzo 2018 ,sono stato in cura presso il Centro Salute Mentale di Rimini , affidato alle cure della Dottoressa S per un problema di insonnia ed ansia . Nell arco di questi 5 mesi non ho visto miglioramenti della mia condizione ma anzi un netto peggioramento , peggioramento che ha cancellato la mia fiducia nei confronti del curante , anche per certe terapia che hanno suscitato in me alcune perplessita’ . In definitiva il 22 agosto ho chiesto alla Dottoressa S che cessasse di seguire il mio caso affinché’ un suo collega ne prendesse il posto , sperando in migliori risultati ..
La Responsabile del Sevizio , Dottoressa D mi ha risposto per mail che al momento non era possibile accogliere la mia richiesta per carenza di personale ma che l avrebbe valutata una volta giunto nuovo personale .
Nel frattempo avrei potuto rivolgermi allo specialista di guardia .
Riguardo ai tempi di attesa per l arrivo di nuovo personale si era parlato inizialmente di “ breve tempo “ , poi di “ mesi “ , infine mi è stato detto verbalmente dalla Dottoressa S che dovrebbero arrivare entro “ questo mese “.
Dato che l assegnarmi o meno un nuovo medico non è stato fatto dipendere solo dall arrivo di nuovi medici ( arrivo che in definitiva non è sicuro quando avverrà’ date le diverse risposte fornitemi ) ma anche da una valutazione da parte della Dr.ssa D le ho ripetutamente chiesto se poteva dirmi se intendeva accettare o respingere la mia domanda , un semplice Si o No in definitiva.
In caso di risposta negativa ovviamente dovrò’ rivolgermi ad uno psichiatra privato ( cosa costosa , almeno 100 euro a visita in base alle mie ricerche ) dato che rivolgersi , come mi è stato detto dalla D e dalla S,allo Specialista di Guardia è assurdo per i seguenti motivi
_ Ogni volta avrei a che fare con un medico differente , che nulla sa della mia storia clinica e che ogni volta dovrebbe velocemente apprenderla . Dico velocemente perche’ fuori ha i suoi pazienti che attendono con appuntamenti ad orari ben precisi , oltre alle eventuali urgenze .
_ In caso di necessita’ di variare la cura, cosa frequente , dovrei rivolgermi sempre al medico di guardia , che ovviamente non sarebbe la stessa persona . Anche lui dovrebbe velocemente apprendere la mia storia clinica , valutare la cura fornita dal collega e variarla o cambiarla , in base a punti di vista che potrebbero essere diversi da chi mi ha visitato la prima volta
_ Non potrei rivolgermi telefonicamente , cosa che normalmente avviene di frequente , al medico di guardia per gli stessi motivi , costringendomi quindi ad andare al CSM di persona

Dato quanto sopra vi prego di chiedere alla Dottoressa D di fornire rapidamente la risposta al semplice quesito che ho formulato in modo che possa finalmente sapere se per me i servizi del CSM sono “ chiusi “ ( cosa che secondo me viola il diritto alla salute , tutelata dal art 32 della Costituzione ) e che quindi dovro’ rivolgermi al settore privato al piu’ presto date le mie condizioni di salute


Se non avro' soddisfazione un testo del genere finira' al Tribunale di Rimini , che in linea d aria è vicino all Ospedale :cursing:

finally

Utente Attivo

  • "finally" è una donna

Posts: 56

Activity points: 189

Data di registrazione: mercoledì, 12 settembre 2018

  • Invia messaggio privato

7

domenica, 16 settembre 2018, 13:29

hai provato a rivolgerti al CSM di un'altra città comunque limitrofa?

sociopatico atipico

Utente Fedele

  • "sociopatico atipico" è un uomo

Posts: 399

Activity points: 1.274

Data di registrazione: mercoledì, 08 marzo 2017

Località: piemonte, località disagiata

Lavoro: Impiegato

  • Invia messaggio privato

8

domenica, 16 settembre 2018, 13:37

Quindi vorresti intentare una causa con tutte la spese annesse, o sbaglio?

Non so quanto ti convenga..

E provare a vedere se trovi un'altra medico di base con conoscenze psichiatriche che possa seguirti costantemente?

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" è un uomo

Posts: 1.131

Activity points: 3.463

Data di registrazione: domenica, 26 giugno 2016

Località: emilia-romagna

Lavoro: una volta

  • Invia messaggio privato

9

domenica, 16 settembre 2018, 14:14

Io non sono medico, non vorrei che il tuo atteggiamento possa sembrare ''paranoico'', quindi eviterei di andare avanti su quella strada ''legale''. Le azioni comportano conseguenze e reazioni. Gli psichiatri ne vedono di tutti i colori e se ti ''scagli'' contro uno di loro, parti svantaggiato, perché il ''malato di mente'' sei tu, non loro. Rischieresti, come già successo più volte, addirittura un ''TSO''. Poi ognuno fa come crede. E ciò che penso io è solo un mio parere personale. Piuttosto eviterei di pensare a ''quelle cose'' e mi troverei altri medici.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

Longobardo

Utente Avanzato

  • "Longobardo" ha iniziato questa discussione

Posts: 621

Activity points: 1.891

Data di registrazione: giovedì, 20 giugno 2013

  • Invia messaggio privato

10

domenica, 16 settembre 2018, 14:40

Finire al TSO ?
Magari li' riusciranno a farmi dormire visto che farmaci usano allo scopo :D
Comunque ho gia' inviato tutto tramite PEC , vi terro' informati sugli sviluppi , con calma , visto che con le strutture burocratiche tutto procede mooolto lentamente

finally

Utente Attivo

  • "finally" è una donna

Posts: 56

Activity points: 189

Data di registrazione: mercoledì, 12 settembre 2018

  • Invia messaggio privato

11

lunedì, 17 settembre 2018, 14:11

Non potresti provare a rivolgerti presso un altro CSM di un'altra asl in un paese/provincia/regione limitrofa alla tua?

Longobardo

Utente Avanzato

  • "Longobardo" ha iniziato questa discussione

Posts: 621

Activity points: 1.891

Data di registrazione: giovedì, 20 giugno 2013

  • Invia messaggio privato

12

martedì, 18 settembre 2018, 14:22

Non potresti provare a rivolgerti presso un altro CSM di un'altra asl in un paese/provincia/regione limitrofa alla tua?



E' vietato , è obbligatorio rivolgersi presso il CSM del proprio comune di residenza
E' una regola stranissima visto che uno , anche nel settore pubblico , puo' andare anche in ospedali etc di altre Regioni ma per i CSM c' è questa regola
Nell ambito della salute mentale si è voluto legare un legame indissolubile tra luogo dove vive il paziente e CSM locale .

silverwing

Utente Avanzato

  • "silverwing" è un uomo

Posts: 786

Activity points: 2.470

Data di registrazione: venerdì, 13 dicembre 2013

  • Invia messaggio privato

13

martedì, 18 settembre 2018, 14:40


E' vietato , è obbligatorio rivolgersi presso il CSM del proprio comune di residenza
E' una regola stranissima visto che uno , anche nel settore pubblico , puo' andare anche in ospedali etc di altre Regioni ma per i CSM c' è questa regola
Nell ambito della salute mentale si è voluto legare un legame indissolubile tra luogo dove vive il paziente e CSM locale .



Esatto.

vedei anche http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2…ntale&menu=rete che parla di definizioni territoriali date dalle ASL.

Credo che ancora nelle grandi città persino per i ricoveri effettuati con ambulanza sia necessario chiedere alla centrale operativa 118 l'ospedale di competenza psichiatrica in base alla via di residenza.
ciao

silverwing

Those nights we had and the trust we lost
The sleep that fled me and the heart I lost
It all reminds me
Just how callous and heartless the true cowards are
And I write this for the loveless
And for the risks we take
I'll take my love to the grave
As tired and worn it is
I'll take my love to the grave.

(Converge - The broken vow)

finally

Utente Attivo

  • "finally" è una donna

Posts: 56

Activity points: 189

Data di registrazione: mercoledì, 12 settembre 2018

  • Invia messaggio privato

14

mercoledì, 19 settembre 2018, 13:55

Mah..forse dipende da regione a regione, io fino a qualche anno fa cambiavo regione per la visita, non perché non mi trovassi bene, ma perché ero più comoda abitando al confine tra due regioni.
Peccato perché l'alternativa è proprio solo il privato..

Longobardo

Utente Avanzato

  • "Longobardo" ha iniziato questa discussione

Posts: 621

Activity points: 1.891

Data di registrazione: giovedì, 20 giugno 2013

  • Invia messaggio privato

15

venerdì, 21 settembre 2018, 15:13

Aggiornamento importante , la direttrice del CSM , dottoressa G mi ha comunicato che la possibilita' , per me , di un nuovo medico non solo non avverra' questo mese come precedentemente detto ma che forse sara' possibile a " meta ottobre "
Il bello pero' è che a fronte delle mie mail 4-5 nelle quali chiedevo informazioni , e che in genere non hanno avuto risposta mi ha scritto di non sovraccaricare la corrispondenza impegnando gli uffici amministrativi in attivita' ripetitive "
:love:

Gli ho risposto , sovraccaricando la corrispondenza , :D

Citato

Gentile Dottoressa G

Apprendo dalla sua ultima mail che quanto detto dalla Dottoressa D riguardo alla disponibilita' di un nuovo curante per me entro il corrente mese non risponde alla realta '
Apprendo inoltre , da Lei , che vi è la possibilita' , non la certezza , che cio' possa avvenire entro meta' del prossimo mese .
Il mio diritto ad avere un curante è sempre piu' spostato nel tempo ed è addirittura contemplato come ipotesi , non come certezza .
Mi rifaro' vivo intorno alla data da lei indicata per vedere se finalmente si realizzerà' cio' che chiedo da tempo


Ps A proposito , voler sapere se e quando avro' un curante è mio diritto , fornirmi una risposta è un dovere del suo reparto ed è parte del lavoro dello stesso , non una perdita di tempo



1 utente a parte te sta visitando questo thread:

1 ospite