Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

gigi197172

Utente Fedele

  • "gigi197172" ha iniziato questa discussione

Posts: 318

Activity points: 1.014

Data di registrazione: mercoledì, 09 giugno 2010

  • Invia messaggio privato

1

giovedì, 16 febbraio 2017, 16:23

Brintellix - vortioxetina

Salve volevo sapere se qualcuno aveva gia' provato o e stata data questa nuova medicina di terza generazione il Brintellix nome della molecola vortioxetina che sembra funzioni benissimo per ansia e depressione e che abbia pochissimi effetti collaterali per libido e peso
Ecco siccome e in Italia da sei mesi magari qualcuno ci puo' dire come si trova.
Ciao e Grazie

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" è un uomo

Posts: 1.255

Activity points: 3.163

Data di registrazione: domenica, 26 giugno 2016

Località: emilia-romagna

Lavoro: una volta

  • Invia messaggio privato

2

giovedì, 16 febbraio 2017, 16:53

Ho sentito parlare da una psichiatra di questo farmaco che però è in distribuzione da pochi anni ma da pochi mesi lo si comincia ad usare, si dice, come un diverso e più ampio modo di gestire la recezione della serotonina, questo medico disse che ancora non si sentiva certa di impiegarlo a larga scala, anche in questo caso ci vogliono molte settimane per verificare l'efficacia che varia anche da individuo. Quindi informati presso uno psichiatra di fiducia....però ci sono cose strane, questa nuova molecola aiuterebbe anche ad avere un sonno migliore mentre i medicinali concorrenti fino ad ora, non aiutano a dormire meglio, quindi informati bene bene.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

gigi197172

Utente Fedele

  • "gigi197172" ha iniziato questa discussione

Posts: 318

Activity points: 1.014

Data di registrazione: mercoledì, 09 giugno 2010

  • Invia messaggio privato

3

giovedì, 16 febbraio 2017, 17:54

Il mio Psichiatra lo usa da sei mesi con risultati a suo dire egregi ,anche per via degli effetti collaterali molto bassi a parte un po di nausea ad inizio cura che poi sparisce .Oltretutto come dici te la molecola stessa sembra lavorare in modo migliore sul nostro cervello.

Riki96

Utente Fedele

  • "Riki96" è un uomo

Posts: 426

Activity points: 1.329

Data di registrazione: sabato, 03 dicembre 2016

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

4

giovedì, 16 febbraio 2017, 19:31

Io la uso da diversi mesi ormai, prima da 5 mg e recentemente da 10 mg. Devo dire che come hai detto tu, a parte un po' di nausea e bruciori di stomaco i primi tempi, poi tutto è andato per il verso giusto. Non ho ancora sperimentato problemi a livello sessuale, un punto forte di questa molecola è proprio che al contrario degli SSRI non da problemi a livello sessuale. Per quanto riguarda il dormire invece stando a quanto dice la mia psichiatra potrebbe dare qualche problema, infatti io la prendo a pranzo per sicurezza, ma non è detto che sia veramente così, io mi faccio influenzare particolarmente, ma magari dormi comunque beato come un ghiro. In più è una molecola modulare che quindi ha funzione sia antidepressiva sia ansiogena, anche se di fatto però è un antidepressivo.

gigi197172

Utente Fedele

  • "gigi197172" ha iniziato questa discussione

Posts: 318

Activity points: 1.014

Data di registrazione: mercoledì, 09 giugno 2010

  • Invia messaggio privato

5

lunedì, 20 febbraio 2017, 09:25

Ti ringrazio e per gli attacchi di panico funziona ?

Riki96

Utente Fedele

  • "Riki96" è un uomo

Posts: 426

Activity points: 1.329

Data di registrazione: sabato, 03 dicembre 2016

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

6

lunedì, 20 febbraio 2017, 11:28

Non posso garantirtelo al 100% dato che oltre al brintellix io assumo anche lo xanax da 0.5 mg a rilascio prolungato, ma posso dirti che da quanto ho iniziato la terapia farmacologica non ho più avuto attacchi di panico veri e propri, al massimo picchi d'ansia molto alti.

gigi197172

Utente Fedele

  • "gigi197172" ha iniziato questa discussione

Posts: 318

Activity points: 1.014

Data di registrazione: mercoledì, 09 giugno 2010

  • Invia messaggio privato

7

lunedì, 20 febbraio 2017, 11:36

E una cura simile alla mia anche io prendo Xanax 0,5 una al giorno a rilascio prolungato ma io uso il Serupin volevo provare qualcosa di piu' diciamo moderno chiaramente me lo ha consigliato il mio Psichiatra.

Riki96

Utente Fedele

  • "Riki96" è un uomo

Posts: 426

Activity points: 1.329

Data di registrazione: sabato, 03 dicembre 2016

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

8

lunedì, 20 febbraio 2017, 11:45

In tal caso si, in base alla mia esperienza posso dirti che con gli attacchi di panico non ho più avuto a che fare, al massimo con l'ansia forte, ma attacchi di panico veri e propri non più.

ELENA123

Nuovo Utente

  • "ELENA123" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1

Activity points: 3

Data di registrazione: giovedì, 30 marzo 2017

  • Invia messaggio privato

9

giovedì, 30 marzo 2017, 06:40

Salve. Sto usando Brintellix da più di un mese. Sono rimasta a 5mg per paura che aumenti il mal di stimaco, o forse anche per paura di possibili effetti coĺlaterali... in passato ho provato di tutto. Il problema mio sono le paure ossessive, forti attacchi d'ansia alternati a petiodi di euforia o depressione.
Con 5 mg non è sparita del tutto l'ansia che mi sveglia alke 4 del mattino. In più ho qualche problema a livello sessuale, nel senso che non ci penso proprio....
Leggendo le vostre lettere non ho trovato nessuno che ha avuto problemi sessuali.
Mi confermate?

Riki96

Utente Fedele

  • "Riki96" è un uomo

Posts: 426

Activity points: 1.329

Data di registrazione: sabato, 03 dicembre 2016

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

10

giovedì, 30 marzo 2017, 21:05

Io in base alla mia esperienza personale posso confermarti che a livello di problemi sessuali non ne ho mai avuti (almeno fino ad oggi) di alcun tipo. E sono diversi mesi che lo sto usando.

oscarw

Utente Fedele

Posts: 503

Activity points: 1.649

Data di registrazione: sabato, 20 aprile 2013

  • Invia messaggio privato

11

giovedì, 30 marzo 2017, 21:08

Io in base alla mia esperienza personale posso confermarti che a livello di problemi sessuali non ne ho mai avuti (almeno fino ad oggi) di alcun tipo. E sono diversi mesi che lo sto usando.


Prendi ancora lo xanax?
Ti faccio questa domanda perché vorrei sapere se funziona per gli attacchi di panico e ansia, tu soffri di questo giusto?

Riki96

Utente Fedele

  • "Riki96" è un uomo

Posts: 426

Activity points: 1.329

Data di registrazione: sabato, 03 dicembre 2016

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

12

venerdì, 31 marzo 2017, 11:31

Si, prendo ancora lo xanax e credo che stia funzionando dato che non ho più avuto episodi di attacchi di panico o ansia troppo forte. Naturalmente l'ansa sociale e l'evitamento fobico non si curano con i farmaci.

13

venerdì, 31 marzo 2017, 22:24

Davvero un farmaco interessante , ce ne son altri in sperimentazione , alcuni già quasi al termine delle stesse.
Credo che farmaci come questo e sicuramente i prossimi rivoluzioneranno completamente i trattamenti per la gran parte dei disturbi , ed i prossimi faranno ben di più, rigenerando parti del cervello che son in quiescienza .
Tra l'altro se ne stanno sperimentando di innovativi , ad esempio l'NSI -189 a Boston , ho letto le pubblicazioni su riviste scientifiche accreditate Internazionalmente, ad esempio la rivista Molecular Psychiatry.
Lo studio è stato condotto dall’italiano Maurizio Fava .L'interessante nell'interessante è che si ritiene agisca a livello del DNA stesso.
La Vortioxetina invece è già in commercio negli USA dal 2013 , quindi circa 3 anni e mezzo oramai.

In Italia è in commercio da quasi 11 mesi.
Il mio psichiatra asl me l'aveva prescritta per una forma d'ansia.
Ora è come in stand -by ,perchè attendo disposizioni dal centro per i disturbi dello spettro autistico , avendo ricevuto diagnosi di Aspèrger a fine dicembre.
E secondo questo specialista , le diagnosi finora ottenute erano sbagliate ,e il mio disturbo classificato in maniera errata.
E su sua netta indicazione dovrò smettere ogni potenziale farmaco, ed agire differentemente , quindi con terapie adattate allo spettro autistico .
Quindi ho il farmaco ma non posso utilizzarlo :)
Agisce in maniera innovativa rispetto a qualunque altro in quella tipologia.
Per quanto riguarda la Vortioxetina , comprendo le potenziali remore dei medici Italiani, che son abituati ad affidarsi a farmaci che conoscono da anni , senza cercare subito di testare i nuovi.
Da un punto di vista logico non ha molto senso , in quanto si dovrebbe essere aperti al nuovo ,senza pregiudizi , e sopratutto pensando ai pazienti ,altrimenti lasciati privi di una cura che si è dimostrata efficace e da anni ormai.
tra l'altro ha un 'emivita di oltre 56 ore .

Gli effetti collaterali ci sono per qualunque farmaco , non esistono farmaci che non ne possiedono.
Questo ne ha pure meno rispetto alla media degli altri.
Credo che alcuni da voi lamentati siano per i dosaggi ancora da aggiustare , ma di questo si occuperà lo specialista che lo ha prescritto.
L'insonnia dovrebbe addirittura essere minore, e pure la sonnolenza diurna.

"Naturalmente l'ansa sociale e l'evitamento fobico non si curano con i farmaci."
Dunque: ti rispondo scrivendoti che nella tua frase mancherebbe una parola "Solo".
I farmaci servono in taluni casi che son invalidanti.
A questo va assolutamente abbinata una terapia psicologica.
Dopo diagnosi accurate però.
Ammettiamo che una persona con la sindrome di Asperger seguisse una terapia psicologica per soggetti non autistici , e che questa fosse quella di maggior efficacia , una terapia cognitivo comportamentale.
Ecco, questa non servirebbe a nulla cosi come impostata ed in quel caso specifico.
Mentre una cognitivo comportamentale adattata allo spettro autistico sarebbe utilissima.
L'ansia sociale per ora la supero esclusivamente coi farmaci da 5 anni precisi.
Curando quella coi farmaci si può agire sull'evitamento fobico.
Quindi in questo non posso darti ragione, anche se mi piace molto come hai scritto e Riki 96 e ti auguro di stare sempre meglio , vedrai che ciò avverrà
pian piano!
Suppongo che sia una delle ironie della vita fare la cosa sbagliata al momento giusto

C.S.C.

Riki96

Utente Fedele

  • "Riki96" è un uomo

Posts: 426

Activity points: 1.329

Data di registrazione: sabato, 03 dicembre 2016

Località: Roma

  • Invia messaggio privato

14

sabato, 01 aprile 2017, 21:00

Grazie per gli auguri, ma posso dirti che almeno nel mio caso (dove non c'è alcuna forma d'autismo) l'ansia sociale non è stata affatto alleviata da quando assumo il brintellix, questo perchè è un fattore cognitivo che si corregge lavorandoci sopra tramite la psicoterapia, quindi credo che per l'ansia sociale e l'evitamento fobico, sia più adatto un percorso di psicoterapia, dove i farmaci servono più che altro a tenere a bada le somatizzazioni, evitando appunto di aumentare l'evitamento fobico, ed impedendo un lavoro proficuo tra il paziente ed il terapeuta che senza psicofarmaci starebbe troppo concentrato sulle somatizzazioni e meno sul percorso di psicoterapia. Comunque trovo molto interessante anch'io la tua spiegazione.

Ossequi. :thanks:

15

sabato, 01 aprile 2017, 23:46

Grazie per gli auguri, ma posso dirti che almeno nel mio caso (dove non c'è alcuna forma d'autismo) l'ansia sociale non è stata affatto alleviata da quando assumo il brintellix, questo perchè è un fattore cognitivo che si corregge lavorandoci sopra tramite la psicoterapia, quindi credo che per l'ansia sociale e l'evitamento fobico, sia più adatto un percorso di psicoterapia, dove i farmaci servono più che altro a tenere a bada le somatizzazioni, evitando appunto di aumentare l'evitamento fobico, ed impedendo un lavoro proficuo tra il paziente ed il terapeuta che senza psicofarmaci starebbe troppo concentrato sulle somatizzazioni e meno sul percorso di psicoterapia. Comunque trovo molto interessante anch'io la tua spiegazione.

Ossequi. :thanks:
Ahaa !Sei il primo a porgermi gli ossequi!

Per la verità ti avevo scritto una risposta molto complessa , ma il pc , funzionando malissimo ha "Nettato" tutto quanto!

Cavolo!

Provo a scrivertene una breve.

In più punti enumerati: grazie per l'interazione , sei simpatico , oltre che determinato , questo andrà a tuo vantaggio vedrai :)

Provo a darti le mie opinioni senza intenderle come un devi fare eh! :)

1)Ipotizzo che se l'ansia tua non è scesa o è ballerina , può darsi che il dosaggio del farmaco vada aggiustato dallo specialista , parlane con lui
2) Se cosi non è significa che il farmaco con te non funziona (probabilmente : dubitativo sempre nelle mie risposte , ricorda
3) Sul fatto che i farmaci faccianoda da stampella e basta per le cure psicologiche non è vero.
Scusa : ciò non significa che tu stia affermando una cosa falsa , ma che non sia vera se non relativamente Riki .
Ok : fanno da stampella ,ma non risolvono
Mmmmmmmh!Le mie ricerche di anni in proposito mi farebbero asserire l'esatto inverso di quanto tu ritenga in merito.
In realtà quale sostanza assunta non cambia il cervello ?
Una droga lo cambia o no?
Scusa per la domanda retorica.
Certo che si.
Ricorda Riki ,che ogni sostanza assunta ha una Funzione : modifica le strutturazioni cerebrali.
Quindi , nonostante volessi darti ragione , oggettivamente non potrei farlo.
Ho letto numerose ricerche pubblicate su riviste scientifiche Internazionalmente riconosciute, oltre che le parametrazioni tra il prima e il dopo l'utilizzo di un farmaco , e le comparazioni tra farmaco e farmaco, e tanto altro.
4)Non ti do torto nel senso che penso che una terapia psicologica psicoterapica sia essenziale per smontare alcuni disturbi.
La scienza finora ha delineato un parametro : farmaco +psicoterapia = risultati a lungo termine.
5) Te lo scrive una persona che era contrarissma ai farmacie solo pro psicoterapie
&)Il cervello è neuroplastico , non lo è SOLO con le psicoterapie, ma anche coi farmaci
9)L'evitamento fobico , va ben strutturata la terapia .
In vivo , con personale infermieristico ad hoc , e con i farmaci (laddove siano ritenuti dal medico indispensabili)
10) Esposizione : ricorda che maggiore sarà l'esposizione con guide qualificate e minore sarà poi il futuro evitamento fobico.
Tutto va concordata conlo specialista.


11) Non impediscono quindi un lavoro proficuo tra paziente e specialista , anzi!Lo migliorano :)

12 ) Le somatizzazioni.
Help!Qui è un po' il disocrso del cane che si morde la coda.
SI somatizza perchè si esagerano i sintomi e si entra in un loop mentale, o si somatizza perchè lo star male sempre rende questo imprescindibile?



Ossequi bis! :)
Suppongo che sia una delle ironie della vita fare la cosa sbagliata al momento giusto

C.S.C.