Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Turbociclo

Nuovo Utente

  • "Turbociclo" started this thread

Posts: 17

Activitypoints: 37

Date of registration: Aug 31st 2017

  • Send private message

1

Monday, February 11th 2019, 6:05pm

Ansia, panico, depressione. Una sola causa fondamentale?

Ciao a tutti, sono Maurizio, ho ormai 67 anni e non starò ad annoiarvi col resoconto di tutto il mio trascorso di stati di ansia-depressione, panico, psicofarmaci, vari tipi di terapie, ipocondria, vertigini ecc.ecc.ecc..
Mi chiedo e vi chiedo, per parlarne fra noi: ma in fondo, alla base di tutti questi disturbi che alla fine invadono anche aspetti fisici, non ci sarà semplicemente quella che è la paura fondamentale di ogni essere umano e che molti di noi esasperano fino a stare di merda, la paura della morte? La paura del salto nel buio, del vuoto, di ciò che non si può conoscere? Non si dovrebbe allora trovare un sistema, se mai esiste, per curare quella paura fondamentale altrimenti non si risolverà mai nulla se non apparentemente e per poco tempo, fino a che non si ricade? A voi la parola!

Scorpio1963

Unregistered

2

Monday, February 11th 2019, 7:15pm

Ciao!

Io penso che morire sia parte del ciclo/vita

Tutto ha inizio e tutto ha termine.. ed è un ciclo che va accettato in Toto

Accogliere un inizio significa accogliere anche una fine, quando verrà

Aspiriamo a una eternità che non appartiene a questo ciclo.

Almeno non in questa sua dimensione

Vedo molti/troppi "difendersi" dalla vita.. dal trascorrere del tempo, dal cibo che da secoli ingeriamo, dal piacere e dal dolore

Come se fosse possibile, in una sorta di percorso "puro" salvarsi dal destino di quel percorso stesso.

Accogliere quel percorso significa accogliere la "vita" ed il fatto che il nostro sarà un passaggio come tutti

Il fine non dovrebbe essere l'eternità di un percorso a ciclo chiuso, ma la "vita" ..

Intesa tutta intera, piacere e dolore, giovinezza e senilità, vivendo appieno senza paura di ciò che non sarà possibile evitare

Ma con la fortuna imperdibile di poter ancora passeggiare nella propria "vita"..

finally

Nuovo Utente

Posts: 1

Activitypoints: 3

Date of registration: May 6th 2019

  • Send private message

3

Monday, February 11th 2019, 10:51pm

Ciao a tutti, sono Maurizio, ho ormai 67 anni e non starò ad annoiarvi col resoconto di tutto il mio trascorso di stati di ansia-depressione, panico, psicofarmaci, vari tipi di terapie, ipocondria, vertigini ecc.ecc.ecc..
Mi chiedo e vi chiedo, per parlarne fra noi: ma in fondo, alla base di tutti questi disturbi che alla fine invadono anche aspetti fisici, non ci sarà semplicemente quella che è la paura fondamentale di ogni essere umano e che molti di noi esasperano fino a stare di merda, la paura della morte? La paura del salto nel buio, del vuoto, di ciò che non si può conoscere? Non si dovrebbe allora trovare un sistema, se mai esiste, per curare quella paura fondamentale altrimenti non si risolverà mai nulla se non apparentemente e per poco tempo, fino a che non si ricade? A voi la parola!


No, semmai, per quanto mi riguarda, è paura della vita.