Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

Traveller

Nuovo Utente

  • "Traveller" ha iniziato questa discussione

Posts: 4

Activity points: 19

Data di registrazione: venerdì, 07 dicembre 2012

  • Invia messaggio privato

1

venerdì, 07 dicembre 2012, 15:46

Ansia ossessiva - Fobia di turbolenze in volo

Buongiorno a tutti,
Questo è il mio primo post, quindi scusatemi per eventuali imprecisioni.
Da quando ero piccolo ho sempre viaggiato moltissimo in aereo, e l'aviazione è rapidamente diventata la mia passione e anche il mio lavoro.
Da circa 6 anni ho sviluppato, in seguito ad un evento (un volo molto turbolento) quella che ora è diventata una vera e propria fobia ossessiva. Sono da due anni in psicanalisi (questo problema mi ha spinto a farla) e con giovamento.
Per esempio, ora,mi trovo in Sudamerica e prima del viaggio di andata sono stato decisamente tranquillo (ansia solo il giorno prima della partenza, e comunque episodi durante il viaggio). Rientro in Europa questa sera e ho passato una notte terribile. Ora ho mal dinstomaco, mal di pancia, conati di vomito. Prima sono persino scoppiato a piangere.
Mi aiuto con Xanax, ma oggi non ne ho ancora assunto. Ho letto peraltro che può avere effetti negativi sulla fobia da volo.
Sto cercando di assumere un atteggiamento positivo, ma è molto difficile. Non riesco che ad avere pensieri negativi su come si passerà il volo - che ci saranno forti turbolenze, di notte, sull'Oceano, o sull'Amazzonia. Ogni volta che riesco ad analizzare una paura e a limitarla, ne inizia una nuova.
A volte penso di non volare più, ma significherebbe cambiare tutta la mia vita - e rinunciare a viaggiare, cosa che ho sempre amato.
Mi ringrazio per i vostri consigli e condividere le vostre esperienze.

micettagattina

Utente Attivo

  • "micettagattina" è una donna

Posts: 37

Activity points: 146

Data di registrazione: mercoledì, 11 luglio 2012

  • Invia messaggio privato

2

venerdì, 07 dicembre 2012, 18:38

Guardi posso capirla benissimo. Premetto che ho volato una sola volta,nonostante l'ansia generale del nuovo,del viaggio e della nuova esperienza che stavo per compiere all'estero e devo dire che anch'io volando mi sono innamorata perdutamente di questo universo delle aereo dove tutto è così meraviglioso da lassù,anch'io ho avuto un volo con alcune turbolenze e il volo è durato tre ore circa,però prendevo tutti i vuoti d'aria,le virate ecc ecc con una tale adrenalina che mi sembrava d star pilotare un aereo o di essere su una giostra. Sarà stupido farle questa domanda però se fin'ora ha lavorato per tutto questo tempo e ne è così innamorato una ragione deve pur esserci, e se prima riusciva perfettamente perchè ora non ce la fa più? E' stupido certo rispondere a un post simile quando sono la prima ad avere gli stessi sintomi ansiosi per l'università che è tutta la mia vita,e che è una cosa che amo fare ma da mesi oramai non vado più a causa di questa maledetta ansia. Forse l'ansia deriva proprio da questo,per il troppo amore nelle cose che si fanno e per la paura di non sentirsi all'altezza di ciò che amiamo... Non so... però io Non rinuncio (cadrò 1000 volte prima di fare un esame,non lo farò 1000 volte,ma alla 1001 volta riuscirò a farlo e una volta fatto spiccherò nuovamente il volo) lo faccia anche lei,superi le prossime turbolenze e poi vedrà che superata questa paura spiccherà anche lei il Volo! Diamoci coraggio

Traveller

Nuovo Utente

  • "Traveller" ha iniziato questa discussione

Posts: 4

Activity points: 19

Data di registrazione: venerdì, 07 dicembre 2012

  • Invia messaggio privato

3

venerdì, 07 dicembre 2012, 20:43

Grazie per queste parole. In effetti, non avevo mai pensato alla questione del "troppo amore". Magari scatta la paura di essere deluso, tradito. Quando ci sono forti turbolenze, da un lato non sono all'altezza di sopportarle. Dall'altro, la mia passione mi tradisce facendomi soffrire.
Il volo è tra 7 ore, e ho iniziato a prendere Xanax, a dosi intervallate più o meno regolari -10 gocce.
Spero mi aiutino a rilassarmi.

micettagattina

Utente Attivo

  • "micettagattina" è una donna

Posts: 37

Activity points: 146

Data di registrazione: mercoledì, 11 luglio 2012

  • Invia messaggio privato

4

venerdì, 07 dicembre 2012, 23:26

al mio primo volo supplicai quasi i miei genitori di farmi prescrivere un calmante,però loro hanno sempre insistito perchè non ne prendessi,poichè dicono che danno assuefazione,però le mie ansie sono isolate quindi avevo voglia d prender qualcosa per stare più sicura. Infine la soluzione che adottai fu restare tutta la notte fuori con gli amici (poichè l'ansia anticipatora in me è molto più forte) e tornai a casa un'ora prima di partire per l'aeroporto,non fermandomi nemmeno un attimo,l'ansia fu forte ma riuscii a controllarla con mal d stomaco ma senza vomito...arrivata all'aeroporto aumentò e arrivai quasi a tremare,anzi tremavo..poi pensavo alla bellezza dei posti che avrei visitato e alla bellezza di vedere il mondo dall'alto e tutto pian piano si attenuò..poi in aereo,viaggio vicino al finestrino e mio fratello che come te è nell'aviazione che m rassicurò e tranquillizzò passo dopo passo le fasi del decollo e tutti i conseguenti rumori,e vuoti d'aria che m facevano sentire quasi un forte abbassamento di pressione,mi diceva ddirittura i km e a quanti nodi salivano,insomma termini tecnici che ho dimenticato ora,il volo dunque grazie a lui fu uno spettacolo e lo fu anche quello del ritorno. Dunque prova a fossilizzarti sulla bellezza di volare ,di quanto sia così bello senza lasciar perdere tutti i meccanismi dl volo,tra i quali le turbolenze,vedendolo insomma come una sorta di tacatà...;) tanto gli aerei non cadono quasi mai,gli incidenti più numerosi sono altri..ps io soffro bus,auto e talvolta anche treno..in aereo fu come stare in salotot :D

Traveller

Nuovo Utente

  • "Traveller" ha iniziato questa discussione

Posts: 4

Activity points: 19

Data di registrazione: venerdì, 07 dicembre 2012

  • Invia messaggio privato

5

sabato, 08 dicembre 2012, 02:43

Sono in sala d'imbarco. Alterno momenti di tranquillità con altri di ansia forte. Sai, la mia,paura è iniziata dopo quel famoso volo terribile a cui facevo riferimento nel mio primo post. Accanto a,me una ragazza, che prima del volo mi disse che aveva paura. Ho subito cercato di tranquillizzarla, così come durante le turbolenze. Non so se lei oggi abbia (ancora) paura di volare, ma è come se la sua paura si fosse trasmessa a.me. E ora sono io a dover cercare la comprensione e l'aiuto degli assistenti di volo, a cui dico - non senza vergogna - di temere molto le turbolenze. All'andata ho incontrato una hostess splendida con cui ho parlato molto (in particolare nei momenti peggiori) e la sua presenza era capace di darmo coraggio. È come se dovessi riacquistare fiducia negli altri. Tuttavia, è sempre molto duro, difficile. È una vera ossessione, che sono riuscito a limotare, ma i cui momenti acuti sono annientanti per ma mia psiche - e hanno anche effetti sul mio corpo.
È bello sentire come sei riuscita a raggiungere un approccio positivo, spero di poter fare lo stesso. Domani ti racconto come è andata.

micettagattina

Utente Attivo

  • "micettagattina" è una donna

Posts: 37

Activity points: 146

Data di registrazione: mercoledì, 11 luglio 2012

  • Invia messaggio privato

6

domenica, 09 dicembre 2012, 02:58

Yes fammi sapere ma già la tua presenza in aeroporto é un grande passo. L'ansia anticipatoria é dunque vinta :-)

Traveller

Nuovo Utente

  • "Traveller" ha iniziato questa discussione

Posts: 4

Activity points: 19

Data di registrazione: venerdì, 07 dicembre 2012

  • Invia messaggio privato

7

domenica, 09 dicembre 2012, 12:43

È stata dura, ma alla fine è andato tutto bene. Ho potuto gestire l'ansia, aiutato dal fatto che il volo è stato particolarmente tranquillo. Non so come avrei reagito in caso di forti e prolungate turbolenze. Dopo quasi 7 ore ho persino dormito un po' (un paio d'ore o poco meno)...

micettagattina

Utente Attivo

  • "micettagattina" è una donna

Posts: 37

Activity points: 146

Data di registrazione: mercoledì, 11 luglio 2012

  • Invia messaggio privato

8

martedì, 11 dicembre 2012, 01:01

grande...bè due ore sono abbastanza,ora non so se il volo è stato durante la notte..ma cmq goà arrivare a dormire vuol dire che avevi una tranquillità tale da esserti riuscito a rilassare e dunque addormentarti :D