Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

Eleven

Nuovo Utente

  • "Eleven" ha iniziato questa discussione

Posts: 4

Activity points: 26

Data di registrazione: martedì, 08 gennaio 2019

  • Invia messaggio privato

1

venerdì, 11 gennaio 2019, 22:54

Ansia di essere rimproverata

Scusate il post probabilmente un po' sciocco ma ultimamente mi rendo conto che uno dei miei principali motivi di ansia è il terrore di essere rimproverata. Un disonore per me.
Rimproverata da chi?
Prima di iniziare a lavorare, da mia mamma, fin da piccola. Già alle elementari avevo l ansia delle verifiche per il timore di prendere un brutto voto e doverlo dire alla mamma.
Ora che lavoro, mi rendo conto di aver parzialmente sostituito mia madre con la mia capa..e già solo questo mi suscita orrore.
Non è proprio una paura di fare errori, è proprio un terrore che qualcuno lo scopra. Questo mi porta, me ne rendo conto, a cercare di insabbiare i miei errori. "Purtroppo" non sono una persona disonesta e quindi poi ho l ansia di portarmi dietro il misfatto e, peggio, il segreto.
Qualcuno si ritrova?

Gatta Nera

Giovane Amico

  • "Gatta Nera" è una donna

Posts: 147

Activity points: 560

Data di registrazione: martedì, 22 maggio 2018

Località: Firenze

  • Invia messaggio privato

2

sabato, 12 gennaio 2019, 18:27

Io. Ho paura che gli altri notino i miei errori. È limitante per me perché di conseguenza mi porta ad aver paura di lavorare. Evito di propormi per alcuni lavori a causa di questo, soprattutto quelli di elevata responsabilità.
Anche a te questa paura influisce negativamente sul lavoro?

Scorpio1963

Giovane Amico

  • "Scorpio1963" è un uomo

Posts: 145

Activity points: 449

Data di registrazione: venerdì, 16 novembre 2018

Località: Toscana

  • Invia messaggio privato

3

sabato, 12 gennaio 2019, 18:55

Scusate il post probabilmente un po' sciocco ma ultimamente mi rendo conto che uno dei miei principali motivi di ansia è il terrore di essere rimproverata. Un disonore per me.
Rimproverata da chi?
Prima di iniziare a lavorare, da mia mamma, fin da piccola. Già alle elementari avevo l ansia delle verifiche per il timore di prendere un brutto voto e doverlo dire alla mamma.
Ora che lavoro, mi rendo conto di aver parzialmente sostituito mia madre con la mia capa..e già solo questo mi suscita orrore.
Non è proprio una paura di fare errori, è proprio un terrore che qualcuno lo scopra. Questo mi porta, me ne rendo conto, a cercare di insabbiare i miei errori. "Purtroppo" non sono una persona disonesta e quindi poi ho l ansia di portarmi dietro il misfatto e, peggio, il segreto.
Qualcuno si ritrova?


Io no, non ho paura a mostrare i miei errori, anzi mi piace "assumerli"

È la conferma che non sono perfetto, e desidero che l'altro/a ne sia conscio

Che non vuol dire mettere le mani avanti.. in via preventiva

Se pretende perfezione, io non potrò accontentarlo

Impegno si, concentrazione si.. iniziativa si

Li pretendo da ME e verso me

Infallibilità no, anche perché nessuno è infallibile, e aspirare alla infallibilita' è piuttosto rischioso..

Certo che puoi sbagliare, è ovvio tu possa sbagliare

Sei umana :)

Kate84

Utente Attivo

Posts: 106

Activity points: 339

Data di registrazione: venerdì, 19 ottobre 2018

  • Invia messaggio privato

4

lunedì, 14 gennaio 2019, 12:19

io mi ci ritrovo.

ho sempre avuto altissime aspettative nei miei confronti e non sopporto l'idea di sbagliare... non fa altro che confermare la tesi per cui non sono abbastanza / non sono brava / vedi che non ce la fai / ...

ci ho lavorato tanto e devo dire che l'accettazione del non essere perfetti mi sta (quasi) entrando in testa
faccio sempre del mio meglio, mi impegno e ci metto l'anima e questo inizia a bastarmi

Posts: 2.757

Activity points: 8.411

Data di registrazione: venerdì, 31 marzo 2017

  • Invia messaggio privato

5

lunedì, 14 gennaio 2019, 14:20






Io no, non ho paura a mostrare i miei errori, anzi mi piace "assumerli"

È la conferma che non sono perfetto, e desidero che l'altro/a ne sia conscio

Che non vuol dire mettere le mani avanti.. in via preventiva

Se pretende perfezione, io non potrò accontentarlo

Impegno si, concentrazione si.. iniziativa si

Li pretendo da ME e verso me

Infallibilità no, anche perché nessuno è infallibile, e aspirare alla infallibilita' è piuttosto rischioso..

Certo che puoi sbagliare, è ovvio tu possa sbagliare

Sei umana :)
Concordo con quanto scrive Scorpio63.

§

Ne la tua domanda è sciocca:caspita è una tua problematica.
Deriva dall'infanzia, va rielaborata psicoterapicamente , da sola la vedo difficile.
Il punto non è che "sostituisci", ma quel meccanismo che ti porta a farlo.
Poi : non c'entra con l'onestà. Si può essere onestissimi , ma se qualcosa a livello psicologico non "funziona", si agirà di conseguenza.
Poi lo dimostra il fatto che te ne fai un disagio (volevo scrivere "colpa" , ma non mi sembra attinente)
Anyway the wind blows

1 utente a parte te sta visitando questo thread:

1 ospite