Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

ILovePonies

Giovane Amico

  • "ILovePonies" is male
  • "ILovePonies" started this thread

Posts: 134

Activitypoints: 535

Date of registration: Nov 24th 2010

  • Send private message

1

Thursday, December 30th 2010, 2:16pm

Penso di essere entrato nel tunnel

PREMESSA (Facoltativa)
Ho sempre pensato troppo nella mia vita. Penso alla vita, alla morte a quale senso ha tutto questo e molto spesso mi deprimo. Ho sbalzi d'umore non indifferenti (sono di sesso maschile), e passo da un giorno in cui credo di essere Dio ad un altro in cui togliermi la vita diventa una possibilità. Non ho problemi con nessuno. Possiedo abbastanza amici e un amico ed una amica di cui mi fido ciecamente. Sto vivendo una parte della mia vita che si può chiamare "Romantica" in forte contrapposizione con quella "Illuministica" che ha dominato il resto della mia vita.
Fino ad un anno fa ho sempre espresso con orgoglio le mie convinzioni che amore, amicizia, emozioni e tutti questi rapporti umani non fossero altro che frutto di un egoismo che ci domina tutti. E quando le persone si meravigliavano di ciò che dicevo io mi sentivo talmente fiero di me stesso che vivevo una specie di orgasmo interiore (che non aveva nulla a che fare con quello fisico). Tutto questo mi ha portato ad una piatta apatia. Per uscirne, consciamente od inconsciamente, ho tentato di dimenticare tutte queste verità perché altrimenti la vita sarebbe stata inutile. Ho cominciato a vergognarmi di quelle idee e a cancellarle dalla mia mente, in modo che potessi ancora illudermi che esse fossero vere. Ora come ora, dopo svariati mesi di tentativi, sto cominciando a saper provare emozioni e balle varie. Allo stesso tempo però è ancora insita in me quella parte "La ragione può e deve dominare tutto" che non riesco a togliermi. Questa contraddizione mi porta a vivere giorni estremamente emozionanti ad altri estremamente depressi. Il problema è che questo squilibrio non l'ho mai provato così intensamente.

PROBLEMA
Pochi giorni fa mi è giunta voce di un evento che mi ha provocato rabbia e delusione, subito dopo aver appreso questo ho pensato razionalmente che ubriacarmi, come molti dicono, avrebbe potuto aiutare. Così risparmiando soldi ho deciso di non cenare ed uscire bevendo quantità abbastanza pesanti per le mie abitudini di alcol. L'effetto è stato fantastico. Smettevo di pensare, riuscivo a sentire un benessere generale che non mi aveva mai toccato così profondamente. Persino i miei amici mi guardavano con occhi diversi. Potevo acquisire una sicurezza in me stesso notevolmente superiore a quella che avevo prima. Ma la vera figata era che riuscivo a non pensare. Poi quell'evento si è rivelato falso e tutto si è sistemato. Ma non passa giorno da quel momento che non pensi a quanto bello è stato essere ubriachi. Probabilmente, anche grazie alle feste ed all'ultimo, oggi e domani sarò molto tentato ma credo di non sapermi più controllare.
Morto spiritualmente da Giugno 2011

  • "maya." is female

Posts: 547

Activitypoints: 1,732

Date of registration: Dec 27th 2010

  • Send private message

2

Thursday, December 30th 2010, 5:40pm

O tagli corto adesso o dopo un meraviglioso periodo di FINTO star bene incominci ad affossarti. Non credi di possedere limite?
E non c'è niente niente al mondo che mi salva.

danyela

Utente Attivo

  • "danyela" is female

Posts: 18

Activitypoints: 68

Date of registration: Dec 24th 2010

Location: roma

  • Send private message

3

Thursday, December 30th 2010, 6:32pm

lascia perdere....................l'alcool risulta spesso essere un grande amico, più divertente degli amici veri, funziona meglio dei farmaci, ma stai attento al meccanismo perverso che ti si sta scatenando dentro. ci sono passata e non riuscivo ad uscirne neppure con i farmaci! quando bevevo mi sentivo un'altra,spigliata,simpatica,sexy,divertente, socievole all'ennesima potenza...e ti consiglio dal più profondo del mio cuore di stargli alla larga!!!

ILovePonies

Giovane Amico

  • "ILovePonies" is male
  • "ILovePonies" started this thread

Posts: 134

Activitypoints: 535

Date of registration: Nov 24th 2010

  • Send private message

4

Thursday, December 30th 2010, 7:08pm

Bah, io di mio credo di possedere limite. Ad esempio io ora come ora fumo, in media solo 1-2 sigarette al giorno e dei giorni anche nessuna. Più di una volta ho detto, basta, non fumo più e sono riuscito a smettere per un paio di mesi. Allo stesso tempo però da piccolo ho fatto un periodo da "nerd" diciamo, in cui non riuscivo a staccarmi dal computer e da internet. Poi sono riuscito a moderare questo fattore. Un paio di anni fà ho deciso di smettere di giocare ai videogiochi (altra ossessione ben radicata) e così è stato. Si, sembrano tutte stronzate e piccoli vizi ma sono gli unici di cui mi rendo conto e che sono riuscito a superare. Magari finirò per ubriacarmi solo 1 volta ogni due mesi, dopo questa voglia (speriamo passeggera) di farlo tutti i giorni.

DIGRESSIONE (facoltativa)
E' difficile da spiegare, ma io e la vita abbiamo un rapporto abbastanza strano. Probabilmente ora tutti mi rideranno in faccia ma è come se non mi interessasse troppo di vivere o morire. Certo, ho paura della morte. Però ci sono dei giorni che penso a quanto questa vita sia qualcosa di strano, di tutta una serie di coincidenze statisticamente improbabili. Ad esempio, perché sono nato proprio nella specie animale più evoluta (l'uomo)? (no, per favore, non tirate fuori che in realtà siamo quella meno evoluta perché siamo stupidi, distruggiamo il nostro stesso habitat e altre cose del tipo ambientalista-animalista-ecologista, grazie). Perché l'uomo è l'unico che ha sviluppato una coscienza di essere vivo? E se tutto questo non fosse altro che un sogno? Rispetto all'eternità 80-100 anni di vita media non sono nulla. Diciamo che più che della vita mi interessa la morte e ciò che c'è dopo. Nel frattempo riesco anche a trovare il tempo per vivere, ma è marginale. Non ho mai sperimentato da vicino la morte ed è probabilmente per quello che ne parlo in questi termini, ma penso che in punto di morte sarei incuriosito... e naturalmente dispiaciuto, ma anche incuriosito. Quindi diciamo che ubriacarsi nel tempo libero, fumare, drogarsi non lo vedo così male come lo vedono tutti. Sta di fatto che tra l'altro credo di essere convintissimo di avere un qualche tumore asintomatico come ad esempio un tumore ai polmoni o qualcosa del genere e sinceramente non voglio nemmeno saperlo.
Morto spiritualmente da Giugno 2011

  • "maya." is female

Posts: 547

Activitypoints: 1,732

Date of registration: Dec 27th 2010

  • Send private message

5

Friday, December 31st 2010, 12:32am

Quindi diciamo che ubriacarsi nel tempo libero, fumare, drogarsi non lo vedo così male come lo vedono tutti.
Sei sicuro? beh certo finchè hai questa convinzione è ovvio che non ci vedi nulla di male, te ne accorgi poi dei danni che fa!
E non c'è niente niente al mondo che mi salva.

riccioinletargo

Amico Inseparabile

  • "riccioinletargo" is female

Posts: 963

Activitypoints: 3,456

Date of registration: Nov 23rd 2008

  • Send private message

6

Friday, December 31st 2010, 1:12am

Ho sempre pensato troppo nella mia vita.

E' vero, pensi troppo, mi sforzo sempre di leggere i tuoi post ma, dopo un po', mi gira la testa. Ma come fai a sempre pensare, rimuginare ecc? Lo so, non puoi farne a meno. L'alcool non è una soluzione, come ti hanno detto tutti.
Prova con la meditazione osho, in molti posti si fanno corsi di meditazione che ha come scopo proprio liberare la mente da ogni pensiero.
Penso che ti farebbe bene, inoltre si incontrano persone positive, di solito e si crea un bel clima.
Ciao

ILovePonies

Giovane Amico

  • "ILovePonies" is male
  • "ILovePonies" started this thread

Posts: 134

Activitypoints: 535

Date of registration: Nov 24th 2010

  • Send private message

7

Friday, December 31st 2010, 1:37am

Apprezzo davvero moltissimo che riccioinletargo ci provi a leggere i miei messaggi. Dico davvero. Io stesso quando leggo le altre discussioni tendo a cercare il testo davvero importante tralasciando altri pezzi. E' per questo che divido i messaggi in facoltativi e necessari. Grazie davvero.

FACOLTATIVO
L'ho fatto ancora. Sono semi ubriaco ora. Anche se la serata non era così perfetta, ho bevuto comunque. Ma quando bevo vivo veramente bene. Insomma. Credo di essere pazzo, ma comincio a farmi domande sulla vita, sul perché sono qui, sul fatto che sono interessato di più di ciò che c'era prima e di ciò che ci sarà dopo la vita. E quando ci penso e come se stessi raggiungendo una dimensione parallela. Come cazzo fanno gli altri, come fate voi a non pensare che la vita non è un cazzo di nulla. Ha un tempo determinato e nessuno sa cosa c'è dopo. L'uomo è portato di natura a tentare di scoprire i misteri più grandi. La morte non è forse il mistero più grande? La vita non lo è altrettanto? Eppure nessuno ci pensa. Nessuno ci pensa abbastanza. Tutti sono impegnati a costruirsi una bella vita qui. Ma cosa c'è dopo? Che cazzo stiamo vivendo effettivamente? Come accettate il fatto che la vita vi è stata donata senza motivo; da un Dio? da una serie di molecole? E' con questo che vi sentite sicuri? Certi di aver compreso tutto? Questi dubbi non vi distruggono interiormente?
Io sto già morendo, muoio perché è un mistero troppo grande. Preferisco passare il resto del mio tempo cosciente a fantasticare su cosa sono io piuttosto che studiare, lavorare, scopare, mangiare e cagare. Certo è bellissima la vita che stiamo vivendo. Ma cosa? Bellissima rispetto a cosa? Non abbiamo nessun termine di paragone; almeno io non ce l'ho, voi si? Magari dopo tutti questi anni c'è qualcosa di meglio. Non c'è solo l'annullamento totale della nostra coscienza, magari c'è un orgasmo infinito, magari ci sono altre vite, magari c'è il ricordo di questa vita che si riproduce all'infinito. A me sembra che tutto questo sia molto più importante del sopravvivere.
In ogni caso buon 2011 a tutti.
Morto spiritualmente da Giugno 2011

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,371

Activitypoints: 22,631

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

8

Friday, December 31st 2010, 12:24pm

Ho letto le tue digressioni da giovane filosofo scapigliato sulle orme di Boudelaire.
Denotano una inclinazione all'introspezione che potesti anche coltivare con letture adatte, o frequantando un corso organico di filosofia.

Sulle tue convinzioni ciniche mi trovi d'accordo. L'uomo vive perche spinto dal desiderio di autoconoscervazione, che lo rende sostanzialmente egoista. Ma non ci trovo nulla di scandaloso.

Dopo la morte...ma dopo la morte c'e' il nulla eterno.
MI pare logico.

Ragiona: Se l'uomo e' mosso semplicemente da un istinto di conservazione, vuol dire che e' un animale che, per qualche strana alchimia, invece che sviluppare i denti, le zampe, la pancia o gli occhi, ha sviluppato il cervello. Tutto li.

Quando il corpo morira', il cervello morira con lui, e tutto sara finito. Game ower.

Ma questo impedisce di gustarsi quanto di buono e bello si puo' fare in questi 70anni che abbiamo a disposizione?

Sarebbe un peccato sprecare tutto, e crepare a 20anni per una cretinata. A che pro perdersi gli altri 50?
Visto che ne abbiamo pochi,, ameno viviamoli al meglio possibile e viviamoli tutti.

E' chiaro. Per viverli al meglio, l'ideale e' stare insieme a persone che ti aiutano a viverli al meglio. Ma se tu sei troppo sto.nzo o troppo egoista allora farai vivere male loro, che faranno vivere male te. Per cui conviene essere un po' altruista. E' da furbi, prima ancora che da interessati.

Per il tuo cancro ai polmoni, tranquillo. E' un inganno della mente che ha lo scopo di giustificare i tuoi pensieri autodistruttivi. Vedi tu se dargli ascolto o meno.

cl

Amico Inseparabile

  • "cl" is female

Posts: 1,575

Activitypoints: 4,844

Date of registration: Jul 26th 2010

Location: lazio

Occupation: commerciante

  • Send private message

9

Friday, December 31st 2010, 12:57pm

invece di pensare che è un logorio incredibile del cervello .... forse dovresti semplicemente fare o scegliere o decidere o semplicemente vivere e fare indigestione dell attimo presente .... perchè tutto cio che conta è il presente e nient altro perchè ogni minuto che passa è gia passato e ogni minuto che è futuro tu e nessuno di noi lo puo prevedere .... come si vive come dice il faust facendo proprie delle passioni e se domani dobbiamo morire tanto vale la pena aver vissuto ogni attimo e ogni istante .... se gia cambi il termine di scopare con l amore gia vai oltre la morte in paradiso

ILovePonies

Giovane Amico

  • "ILovePonies" is male
  • "ILovePonies" started this thread

Posts: 134

Activitypoints: 535

Date of registration: Nov 24th 2010

  • Send private message

10

Friday, December 31st 2010, 1:26pm

Il mio vivere bene è rappresentato dal bere ora. Vivo un estasi mistica quando sono ubriaco. Per quello c'è sempre il solito dilemma: vivere 20 anni da urlo (bevendo) o 100 tristi? Con gli altri sto bene, anzi benissimo. Grazie ancora per le vostre risposte.
Morto spiritualmente da Giugno 2011

  • "maya." is female

Posts: 547

Activitypoints: 1,732

Date of registration: Dec 27th 2010

  • Send private message

11

Friday, December 31st 2010, 1:38pm

IlovePonies io vorrei farti capire che non saranno nemmeno 20 anni da urlo, forse forse i primi mesi. Poi bevi per necessità, bevi per automatismo. Non sentirei più quel "estasi mistica" come tu stesso definisci. Poi sarà tutto uno schifo, sentirai il peso opprimente dei tuoi pensieri, non è certamente la cosa migliore. Io capisco anche che se ora tu sei fermamente convinto di questo nessuno può fermarti perchè sei completamente immerso nel tuo egocentrismo..
che dire, la vita è certamente la tua, e capisco anche che non ti puoi fidare dei miei fidati. Credimi però che è tutto uno schifo
E non c'è niente niente al mondo che mi salva.

riccioinletargo

Amico Inseparabile

  • "riccioinletargo" is female

Posts: 963

Activitypoints: 3,456

Date of registration: Nov 23rd 2008

  • Send private message

12

Friday, December 31st 2010, 7:00pm

IlovePonies io vorrei farti capire che non saranno nemmeno 20 anni da urlo, forse forse i primi mesi. Poi bevi per necessità, bevi per automatismo. Non sentirei più quel "estasi mistica" come tu stesso definisci. Poi sarà tutto uno schifo, sentirai il peso opprimente dei tuoi pensieri, non è certamente la cosa migliore. Io capisco anche che se ora tu sei fermamente convinto di questo nessuno può fermarti perchè sei completamente immerso nel tuo egocentrismo..
che dire, la vita è certamente la tua, e capisco anche che non ti puoi fidare dei miei fidati. Credimi però che è tutto uno schifo

D'accordissimo,non dura 20 anni la pacchia, ma 1 se va bene e rovinandoti la salute.
Per fermare la mente, ci sono tanti sistemi, anche fare i sudoku. Anche studiare fa benissimo!!!

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 7,371

Activitypoints: 22,631

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

13

Saturday, January 1st 2011, 11:56am

Il mio vivere bene è rappresentato dal bere ora. Vivo un estasi mistica quando sono ubriaco. Per quello c'è sempre il solito dilemma: vivere 20 anni da urlo (bevendo) o 100 tristi? Con gli altri sto bene, anzi benissimo. Grazie ancora per le vostre risposte.


Stai attento a non fare del male ad altri.

A me i briaconi stanno sullo stomaco, e se fanno dei danni ad altri perche' sono ubriachi, li lincerei volentiri.
Sono al pari dei drogati, con l'aggravante che credono di non esserlo.

kimberly

Amico Inseparabile

Posts: 1,385

Activitypoints: 4,386

Date of registration: Mar 3rd 2010

  • Send private message

14

Saturday, January 1st 2011, 1:28pm

Bere per divertirsi ogni tanto è diverso da avere un problema di alcolismo o dal pensare che bevendo si risolvano i problemi.Questi non solo non si risolvono ma diventano piu' seri aggravati dall'alcol.Stai attento e scappa dall'alcol finchè sei in tempo perchè la vita è una sola e non ne vale la pena rovinarsela a causa di un vizio legalizzato che nuoce a te stesso e a chi ti circonda.Si vive una volta sola,goditela la vita ma fallo con intelligenza!

ILovePonies

Giovane Amico

  • "ILovePonies" is male
  • "ILovePonies" started this thread

Posts: 134

Activitypoints: 535

Date of registration: Nov 24th 2010

  • Send private message

15

Sunday, January 2nd 2011, 11:58am

Il 31-1 ovviamente mi sono ubriacato di nuovo per la terza volta di seguito ma questo mi ha portato a comportarmi in modo alquanto insolito. Ho allontanato molti amici che si sono visti quasi spaventati da me. Ho cominciato a dire ciò che pensavo davvero e questo è stato un problema perchè quello che penso fà paura pure a me. In ogni caso ieri subito dopo risvegliato ero una persona nuova. Ho cercato di coprire al meglio i disastri di quella notte e a riconciliare le amicizie. Ho deciso che non berrò mai più superalcolici o alcolici per ubriacarmi. Cercherò di bere poco anche i sabati sera e siccome so che c'è una possibilità che la mia forza di volontà si pieghi ho avvertito una amica di fermarmi ad ogni costo se vede che la situazione mi sta sfuggendo di nuovo di mano.
Vorrei ringraziare tutti voi per il sostegno e per le risposte che mi hanno fatto riflettere.
Morto spiritualmente da Giugno 2011