Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

151

martedì, 10 febbraio 2009, 08:23

ciao cara dalena condivido in pieno il tuo pensiero e appena posso ti prometto che continuo,adesso ..avevo pensato di proseguire un pochino con un'altro argomento che avevo affrontato tempo fa (in rimedi naturali )sugli squilibri emotivi,ma poi senz'altro torno qui..anche solo per te!! :love:

152

martedì, 10 febbraio 2009, 09:55

io nn sento di aver peggiorato il miomodo di relazionarmi, anzi è migliorato.

nn avrei mai creduto di ricevere aiuto concreto da un virtual-world, ne di sconfinare in quel di Verona e di confrontare in diretta i nostri mondi.

credevo di avere solo io qui a Napoli,problemi di rispetto per chi lavora nel mio settore e invece....

se pensiamo a come apre gli orizzonti questa pagina di internet, ne apprezzeremmo il fine e la qualità che nn vuol dire necess. quantità.Bastano poche ore di qualità e si risparmiano soldi di psicoanalisi... :D

153

martedì, 10 febbraio 2009, 22:09

certo che anche tu hai ragione cara ros..

154

mercoledì, 11 febbraio 2009, 11:00

come stai oggi?la crisi di "astinenza" è passata?

:)

155

mercoledì, 11 febbraio 2009, 11:25

eheh mamma mia ros...è che nervoso che mi è preso ieri..quando ho perso la connessione..mi sentivo..tanto sola!!

156

giovedì, 12 febbraio 2009, 15:43

Carissima Diana :love: , sono molto contenta di questa notizia :clap: , quindi non sarà necessario che tu stacchi completamente, solo che riesca a non trascorrere troppe ore qui, giusto?

Però credo che tutti noi che usiamo il forum in qualche modo cerchiamo di riempire un vuoto, magari non siamo tutti dipendenti, ma forse dovremmo chiederci come mai abbiamo bisogno di questo mezzo. Il mio bisogno è dettato dal fatto che, come sai, vivo sola con i miei due figli e riesco a frequentare pochissime persone dato che mi manca oggettivamente il tempo durante il giorno e poi soprattutto ho trovato così stimolante potermi confrontare su argomenti dei quali è difficile poter parlare con chicchessia, però quando il mio compagno è qui con noi non ho alcuna difficoltà a non accedere al forum, anzi, non ci penso proprio :D :D :thumbsup:

Nel mio caso so anche che dove vivo (un paesino piiiccolooo) non c'è purtroppo davvero nessuno interessato all'introspezione e alla filosofia quanto lo sono io.





Citato

Abbiamo organizzato due "profili" differenti all'interno di un medesimo quadro psicopatologico :uno più puro ( se così possiamo definirlo) in cui la patologia riguarda proprio la modalità di relazionarsi in Rete e l'incapacità di allontanarsene; e uno in cui la Rete rappresenta solo una contaminazione alla patologia,overo una complicazione alla risoluzione del problema relazionale.

Avrei curiosità di sapere qualcosa in più su questi due profili, però se interessa anche a qualcun altro, sennò mi spiace farti fare fatica solo per me!

Ti abbraccio! :friends:


Continuo in modo particolare per dalena

<<Quando la rete è la tentata soluzione Questa non è una vera psicopatologia da Internet ,ma un disturbo che viene contaminato ,e quindi complicato ,da un suo precedente utilizzo .Ci stiamo riferendo ai casi di persone arrivate in terapia in seguito a una relazione fallita con un partner conosciuto tramite internet .La CHAT infatti non è solo luogo di incontri virtuali,ma può portare alla nascita di relazioni che assumono tutti gli aspetti di una qualunque altra relazione nata in ambienti reali ma che poi falliscono.

Per queste persone la rete diventa una perfetta e DIABOLICA SOLUZIONE.Uno dei primi tentativi messi in atto da queste persone per “stare meglio” consiste infatti nel ricominciare ( se mai avessero smesso)a frequentare i gruppi di discussione in cui avevano conosciuto il partner.Quello che ottengono da questa “mossa” ,fatta nel tentativo di riallacciare i rapporti o di controllare i movimenti dell’altro ,è solitamente ancora più doloroso della perdita già avvenuta .

Possono diventare testimoni di nuovi contatti dell’ex con altre persone ,leggerne i messaggi e quindi essere sempre più portati a “spiarne” i movimenti.Questo innesca una vera spirale ossessiva basata sul controllo ,in cui più si controlla più si sente il bisogno di controllare fino a non poterne fare più a meno.ALTRIInvece trovano nella chat un canale di sfogo per la propria amarezza e depressione e passano ore a raccontare ad ascoltatori anonimi la propria storia: si tratta di quello che la maggior parte delle persone abbandonate cerca di fare al termine di una relazione ,rimanendo così sempre più legate al passato e all’immagine del proprio partner.

PARLARE continuamente di un problema non è un sollievo,ma rende il problema stesso ancora più grande e concreto.UN ALTRO MODOIn cui internet può diventare un tentativo fallimentare di risolvere la situazione riguarda quei soggetti che,al termine della storia,pensano che la Rete sia il luogo privilegiato per incontrare un sostituto del partner precedente . vengono così sempre più evitati i luoghi “reali” ,e quindi si perdono occasioni concrete di incontro.Le persone che arrivano in terapia al termine di una relazione di questo tipo hanno un’ulteriore caratteristica che le contraddistingue .

In virtù della modalità “trasgressiva” con cui era nata la loro storia,hanno una particolare tendenza la perdono ; in altre parole arrivano in terapia distrutti e sfiniti da una serie quasi interminabile di <<tradimenti subiti>> e perdonati.Si tratta di un AUTOINGANNO che funziona benissimo e che si ripete più volteFino a che ,e qui sta la beffa oltre al danno ,non è il <<traditore>> stesso a lasciare il partner .La complicazione è anche rappresentata dall’isolamento che loro stessi hanno creato ,e a cui sono oramai abituati; e la Rete rimane sempre la loro unica alternativa .

Le famiglie cercano solitamente di spronare il soggetto a uscire e incontrare persone , tentando di sabotare qualunque avvicinamento al computer .Chi arriva spontaneamente in terapia chiede di essere aiutato non solo ad uscire da questo stato depressivo ,ma soprattutto a ricominciare a RELAZIONARSI con gli altri in maniera più “sana”.>>Segue la risoluzione di un caso..Prossimo argomento se vi interessa : i cybersesso-dipendenti.

PS : questa volta...ho pensato bene non avendo la connesione la mattina..di scrivere su microsoft..hai visto cinzietta..come il pc..può essere utile se è vissuto bene ,anche se non vivo in un piccolo paesino..ma in una grande città... so che noi ci siamo incontrati grazie a niente ansia! che fortuna che ho avuto... :P

tropposola

Je la famo!!!

  • "tropposola" è una donna

Posts: 69

Activity points: 221

Data di registrazione: martedì, 30 dicembre 2008

Località: vortice

Lavoro: Impiegata

  • Invia messaggio privato

157

sabato, 14 febbraio 2009, 09:25

Cara Diana quante verità in ciò che hai scritto, mi sono rispecchiata!!!!!!

Il mio secondo compagno l'ho conosciuto proprio in un forum era l'anno 2000, abbiamo chattato per nottate intere e poi ci siamo incontrati, ci siamo innamorati ed abbiamo vissuto insieme circa 7 anni qui a Roma, poi è finita per vari motivi che nn sto qui ad elencare.....

Io sono proprio chat dipendente!!!!!! Ho un bisogno irrefrenabile di parlare perchè non lo faccio nella vita reale, ed hai ragione quando dici che "PARLARE continuamente di un problema non è un sollievo,ma rende il problema stesso ancora più grande e concreto!!!!!!

Cosi evito se posso di parlare di problemi e preferisco scherzare e ridere, fantasticare insomma evadere dalla quotidianità!!! :D Il mio contatto con gli altri è qui sul web non ho altro sfogo e se non lo faccio io sto male!!! Sono tropposola o meglio troppoisalata !!!!!!!
Laura, la sua musica, l'unica cosa che mi fa star bene, il mio rifugio, la mia consolazione....

158

sabato, 14 febbraio 2009, 10:47

ciao tropposola..anna posso chiamarti sempre così? visto che ci siamo conosciute ..
vedi le cose che ho scritto ,non le ho scritto io..ma gli autori del libro..cmq. so bene che ci si possa rispecchiare per questo ho continuato a dedicare tempo a questo post..perchè spero di contribuire nel mio piccolo ad aiutarci..in modo tale che oguno di noi possa ritrovare delle risposte che cerca..e anche un aiuto se è questo che cerca!

io personalmente come te sentivo di essere rimasta isolata..tre anni fa..io ho avuto una vita normale a livello relazionale..a circa 20 anni ho superato la mia timidezza grazie a mio marito che mi ha completamente sbloccato..ricordo che con lui dialogavo ore intere..nella situazione che abbiamo vissuto con i nostri figli ,uno per salute e l'altro per fobia scolastica ..ci siamo chiusi..in più gli altri hanno preferito lasciraci soli..nel nostro silenzio,
qui ho ritrovato dei " veri amici" che si contano sulle dita di una sola mano..ma sono importanti per me,perchè mi fanno sentire meno sola..mi fanno credere che l'umanità ci sia ancora..ma vedi anna ,io e te dobbiamo uscire da qui..non dobbiamo considerarlo il nostro rifugio,dobbaimo far si che sia solo una parte della nostra vita!

grazie anna di avermi fatto parlare ..non riuscivo più a farlo da un pò di tempo..nel forum,forse con te ci sono riuscita perchè ci siamo guardati negli occhi ed entrambi ci abbiamo trovato tanta sofferenza patita!!

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "vivere" (14/02/2009, 11:18)


Dalena

Forumista Incallito

  • "Dalena" è una donna

Posts: 4.050

Activity points: 13.290

Data di registrazione: martedì, 18 novembre 2008

Località: Veneto

Lavoro: Fisioterapista

  • Invia messaggio privato

159

sabato, 28 febbraio 2009, 21:58

Carissima Diana,

ti ringrazio tanto di aver proseguito in particolare per me :love:

Ti sarà sembrato che non mi interessasse più, invece non avevo ricevuto notifiche da questo 3d!!! Purtroppo mi è capitato con parecchie discussioni :huh:

Stasera guardando tra i miei preferiti ho visto che c'era un tuo post di quando ero via con Elena e sono venuta a vedere. Non ho ancora letto, lo faccio adesso.

Un abbraccio!!!