Attacco di panico, capogiro, tremore
Panico, attacchi, agorafobia

CERCHI UNO PSICOLOGO NELLA TUA CITTÀ?

CONSULTA L'ELENCO DEGLI SPECIALISTI

IL DISTURBO DI PANICO

Nel disturbo di panico vi è un attacco improvviso, e spesso inspiegabile, caratterizzato da un numero elevato di sintomi: dispnea (difficoltà di respiro, senso di affanno), palpitazioni, nausea, dolore al petto, sensazioni di soffocamento e asfissia, nausea, dolore al petto, capogiri, sudorazione e tremori, intensa apprensione, terrore e sensazione di disastro incombente. Inoltre la persona può essere assalita e sopraffatta da un senso di depersonalizzazione e di derealizzazione. La depersonalizzazione consiste nel percepirsi come distaccati da se stessi e dal proprio corpo; la derealizzazione è costituita invece da un senso di irrealtà del mondo. Altri sintomi frequenti sono la paura di perdere il controllo, di diventare pazzo o persino di morire.

Gli attacchi di panico possono verificarsi di frequente, per esempio una volta alla settimana o persino più spesso; in genere durano qualche minuto, raramente si protraggono per ore; a volte risultano associati a situazioni specifiche, per esempio guidare l'auto. Quando sono fortemente associati a fattori scatenanti di tipo situazionale, vengono definiti attacchi di panico causati dalla situazione (o provocati dalla situazione); quando tra l'esposizione allo stimolo e l'attacco esiste sì una relazione, ma meno forte rispetto al caso precedente, si parla di attacchi di panico sensibili alla situazione. Molto spesso tra un attacco di panico e l'altro è presente una forte ansia da anticipazione (vedi glossario). Infine, gli attacchi possono verificarsi anche in presenza di stati mentali in apparenza benigni, come durante il rilassamento o il sonno, oppure in situazioni in cui paiono essere del tutto ingiustificati; in questi casi si parla di attacchi di panico inaspettati (non provocati).

Il tasso di prevalenza del disturbo di panico nell'arco della vita è del 2% circa negli uomini e di oltre il 5% nelle donne (Kessler et al., 1984). Il disturbo insorge tipicamente nell'adolescenza e la sua comparsa è associata ad esperienze di vita particolarmente stressanti (Pollard, Pollard e Corn, 1989).

Secondo le direttive del DSM IV tale disturbo d'ansia prevede la presenza oppure l'assenza di agorafobia. L'agorafobia (dal greco agorà, che significa <<piazza del mercato>>) è un insieme di varie paure che hanno principalmente per oggetto i luoghi pubblici e frequentati, dai quali potrebbe essere difficoltoso allontanarsi o nei quali potrebbe non essere disponibile un aiuto nel caso che l'individuo venga colpito da un attacco di panico. Semplificando molto le cose, si potrebbe riassumere l'agorafobia come la paura di avere un attacco di panico. Sono presenti la paura di andare per negozi a fare compere, la paura di ritrovarsi in mezzo alla folla e quella di viaggiare. Chi soffre di agorafobia prova spesso un forte disagio nell'allontanarsi di casa, e può anche evitare completamente di farlo. In questi casi si parla di disturbo di panico con agorafobia.

Il disturbo di panico è molto frequente fra coloro che soffrono già di un altro disturbo d'ansia, per esempio nel caso in cui sia presente il disturbo d'ansia generalizzato o una fobia (Sanderson et al., 1990); molto comune è anche la coesistenza del disturbo di panico e del disturbo depressivo maggiore (Breier et al., 1986). >>> (Il disturbo d'ansia generalizzato)

 

Riferimenti bibliografici

Breier, A., Charney, D.S., & Heninger, G.R. (1986). Agoraphobia with panic attacks. Archives of General Psichiatry, 43, 1029-1036.

Kessler, R.C., McGonagle, K.A., Shayang, Z., Nelson, C.B., Hughes, M., Eshleman, S., Wittchen, H.U., & Kendler, K. (1994). Lifetime and 12-month prevalence of DSM-III-R psychiatric disorders in the United States. Archives of General Psychiatry, 51, 8-19.

Pollard, C.A., Pollard, H.J., & Corn, K.J. (1989). Panic onset and major events in lives of agoraphobics: A test of contiguity. Journal of Abnormal Psychology, 98, 318-321.

Sanderson, W.C., DiNardo, P.A., Rapee, R.M., & Barlow, D.H. (1990). Syndrome comorbidity in patients diagnosed with a DSM-IIIR anxiety disorders. Journal of Abnormal Psychology, 99, 308-312.

 

Psicologia e psicoterapia
Paura di morire, derealizzazione, depersonalizzazione
Newsletter di psicologia


archivio news
DISTURBI D'ANSIA --> INDICE:
Ansia e stress: informazioni
Rimedi per alleviare l'ansia
Descrizione dei disturbi d'ansia
Elenco e descrizione di tutti i disturbi mentali
Descrizione delle psicoterapie
Elenco psicologi e psicoterapeuti
Articoli di psicologia
Glossario, dizionario di psicologia e delle fobie
Siti di psicologia
Il forum di psicologia Nienteansia.it
ANSIA E STRESS
ALLEVIARE L'ANSIA
DISTURBI D'ANSIA
ALTRI DISTURBI - DSM
LE PSICOTERAPIE
Psicologi, psichiatri e psicoterapeuti ELENCO SPECIALISTI Psicologi, psichiatri e psicoterapeuti
ARTICOLI SCARICABILI
GLOSSARIO PSICOLOGIA
DIRECTORY PSICOLOGIA
FORUM DI DISCUSSIONE
Attacchi di panico, agorafobia
Contatti di Nienteansia.it
PREFERITI Aggiungi Nienteansia.it ai preferiti
Nienteansia.it homepage
Mappa di navigazione di Nienteansia.it
I nostri sondaggi:
____________________
Ti fidi degli psicologi?
____________________
Che tipo di rapporto hai con le mode?
____________________
Test psicologici:
____________________
Introversione/estrovers.
Autostima
Empatia
Tutti i nostri test

____________________
Quiz di psicologia:
____________________
Conosci la psicologia?
Sei informato sull'ansia?

Vuoi pubblicare un tuo articolo?
____________________
Inviacelo gratuitamente e noi lo pubblicheremo nella sezione Articoli riportando il tuo nome e gli altri dati che desideri.



Forum sull'ansia e sullo stress
____________________
Vieni a scambiare esperienze e consigli con gli altri membri del nostro forum di psicologia. Iscrizione libera.