Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

[Citazione del momento]
"Non sei normale." "Si, ed è bellissimo". Anonimo
Viagra online

Recenti progressi della psicoterapia cognitiva

category Psicoterapia Giovanni A. Ronzani 31 Gennaio 2009 | 7,801 letture | Stampa articolo |
0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (voti: 0 , media: 0.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

Storicamente la Psicoterapia Cognitiva si è posta come la naturale evoluzione del paradigma comportamentista  (Skinner et al.).  In verità, il superamento dei modelli cui si fondava il comportamentismo puro, non fu dovuto all’inefficacia dello stesso,  ma  al contrario, alle forti difficoltà teoriche  di trovare un modello esplicativo esauriente dei propri successi terapeuti. Prendiamo, per chiarezza una citazione di V.Guidano ” All’epoca [anni ‘70] ero uno skinneriano convinto,  mentre  avevo in terapia un serio caso di agorafobia, con le tecniche comportamentiste di allora, un giorno, la persona  venne a studio con un  miglioramento improvviso incredibile, dopo mesi di trattamento con modesti successi. I  sintomi agorafobici erano  praticamente scomparsi”  Quindi il modello: STIMOLO -> RISPOSTA  non era più sufficiente per spiegare cosa accadesse in queste persone, occorrevano nuovi modelli.

Partendo  da tali premesse, si delineò con sempre maggiore chiarezza che il problema nasceva e si organizzava  dalle acquisizioni cognitive del soggetto.  In alte parole era emersa la preponderante importanza dell’aspetto  epistemologico nell’origine dei disturbi del comportamento.  Da qui prende piede il cognitivismo, che cercherà di impostare il percorso terapeutico cercando di individuare e correggere le convinzioni disfunzionali dei soggetti interessati.

Nasce quindi la psicoterapia cognitivo-comportamentale .

Secondo l’impostazione che gli diedero   A. Ellis, e A. T.Beck,  essa era improntata verso un  approccio piuttosto rigoroso, tipico del cognitivismo razionalista, necessario per mantenere la terapia entro limiti di stretta scientificità.    I numerosi ed indiscutibili successi sono universalmente riconosciuti ed accettati dal mondo scientifico. Come tutti i sistemi scientifici,  la psicoterapia cognitivo-comportamentale “classica”, ora definita   “psicoterapia cognitivo-comportamentale standard“, presenta i propri limiti teorici e pratici, verso alcune specifiche forme di disturbi, come ad esempio, i disturbi psicotici, la schizofrenia, le forme gravemente depressive.

Lo stesso sistema teorico cognitivista, però, postulava l’esistenza di possibili soluzioni a tali problemi.  Grazie all’impegno articolato  di valenti studiosi appartenenti a diverse discipline,  si prospettò  una soluzione  a questa impasse.  Questo fu possibile  principalmente  per i contributi di G. Bateson, della nuova cibernetica di H. von Foerster e della biologia della conoscenza di H. Maturana e F. Varela  che diedero luogo alla nascita e sviluppo del Costruttivismo.  Tale corrente di pensiero trova diffusione negli Stati Uniti ( M. Mahoney) in Spagna  e America Latina ( Villegas, Quinones,  Ruiz). In Italia V. Guidano  diede  un forte  contributo allo sviluppo del costruttivismo giungendo a formulare una  versione piuttosto avanzata  della terapia cognitiva, da lui definita con l’appellativo post-razionalista. Con questo termine non si intende rifiutare il valore del razionalismo in sé, quanto piuttosto di prendere atto del limite epistemico del razionalismo stesso e cercare di superarlo conglobandolo in un sistema teorico molto più ampio e complesso.

Rispetto alla psicoterapia cognitivo-comportamentale standard, la psicoterapia cognitiva costruttivista e post-razionalista  adotta principi  teorici più complessi ma molto più duttili e flessibili  rispetto alle problematiche affrontate. Questo si traduce sul piano pratico nella possibilità di affrontare contesti clinici  complessi e situazioni  piuttosto gravi, come i quadri psicotici.

Bibliografia

  • Bowlby J., ( 1979) The making and breaking of of affectional bonds. Tavistock, London
  • Bowlby J., ( 1988) A secure Base. Routledge, Londo
  • Bateson G.,(2003) Verso un’ecologia della Mente. Adelphi, Milano
  • Guidano V.F, (1991) The self in process. Toward a Post-rationalist Cognitive Therapy. The Guilford Press, New York.
  • Guidano V.F., ( 1994) La complessità del sé. Bollati B., Torino.
  • Guidano V.F. (2007) Psicoterapia cognitiva Post-Razionalista. Franco Angeli, Milano
  • Guidano V.F. (2008) La Psicoterapia tra arte e scienza. Franco Angeli, Milano
  • Lyddon W.J., Jones J.V. Jr (2001) Empirically supported cognitive therapy. New York: Springer publishing . edizione italiana Milano 2002
  • Maturana H. ( 1993), Autocoscienza e realtà. R. Cortina, Milano
  • Popper K.R., (1994 Knolwledge and the body-mind problem. Routledge, London
  • Treasure J., Schmidt u., (2005) Anoressia Nervosa (traduzione), Clinical Evidence – Edizione Italiana. 6: 200






Lascia un Commento

*