Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

[Citazione del momento]
Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà. Woody Allen
Viagra online

La terapia razionale emotiva di Albert Ellis

category Psicoterapia Nienteansia.it 30 Novembre 2007 | 17,365 letture | Stampa articolo |
1 vote, average: 5.00 out of 51 vote, average: 5.00 out of 51 vote, average: 5.00 out of 51 vote, average: 5.00 out of 51 vote, average: 5.00 out of 5 (voti: 1 , media: 5.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

Albert EllisLa RET rientra nel gruppo delle psicoterapie ad orientamento umanistico (A. Ellis, 1973), ed è stata sviluppata negli anni ’50 dallo psicologo clinico statunitense Albert Ellis. Possiamo ritrovare in Paul Dubois, psichiatra svizzero, un precursore di questo approccio, in quanto egli già all’inizio del XX secolo basava il suo metodo sulla convinzione di poter modificare le idee erronee dei pazienti per mezzo di quella che chiamava ‘psicoterapia razionale’.

Secondo Ellis, i disturbi della sfera emotiva sarebbero il risultato di pensieri illogici e irrazionali, orientati verso l’assolutezza nei giudizi e una rigida concezione di ciò che si ‘deve essere’ (A. Ellis, R. A. Harper, 1975; A. Ellis, R. Grieger, 1977); reazioni emozionali prolungate sono causate da asserzioni su di sé che l’individuo ripete a se stesso e che riflettono talvolta assunti inespressi, convinzioni irrazionali circa ciò che è necessario per condurre un’esistenza significativa.

Uno dei compiti della terapia è dunque quello di individuare e chiarire queste credenze irrazionali, ingiustificate e nocive al benessere del paziente attraverso una disamina razionale, per sostituirle con altre più realistiche e flessibili, maggiormente utili per l’adattamento del soggetto. Ad esempio, persone ansiose possono crearsi dei problemi ponendo a se stesse o ad altri richieste non realistiche, come ‘devo riuscire a farmi voler bene da tutti’. Ellis sostiene che le persone interpretano ciò che avviene intorno a loro, e talvolta tali interpretazioni possono generare gravi turbamenti emotivi; l’attenzione del terapeuta dovrebbe essere quindi rivolta a queste convinzioni, piuttosto che alle cause biografiche del disturbo o allo stesso comportamento manifesto (Ellis, 1962, 1964).

Per fare questo, il terapeuta si avvale di specifici metodi atti ad individuare in maniera accurata e puntuale i sistemi cognitivi dei pazienti, definendoli attraverso tre momenti: evento attivante, sistema di credenze e conseguenze comportamentali. L’attenzione di questo approccio è centrata sulle modalità cognitive individuali di costruzione della realtà e della sua interpretazione. Le tecniche adottate riflettono questi assunti di fondo, e comprendono anche l’atteggiamento emotivo del terapeuta, il quale deve accettare, tollerare e validare l’esperienza emotiva del paziente, così come altri metodi comportamentali come il condizionamento operante, la desensibilizzazione sistematica, il biofeedback e metodi cognitivi atti a mostrare in modo didattico-illustrativo l’origine delle ‘false credenze’.

Recentemente (1993b) Ellis ha iniziato a porre in rilievo l’autorealizzazione, incoraggiando i pazienti a sperimentare e infine scegliere il proprio percorso di autorealizzazione; questo spostamento di interesse concede una considerevole autonomia al paziente nel facilitare il proprio recupero. In ogni caso, la terapia razionale-emotiva incoraggia il terapeuta ad essere alquanto direttivo. L’ambito applicativo più mirato riguarda i pazienti con disturbi non gravi, che possiedono buone capacità intellettive e sufficiente forza dell’Io per accettare ed intraprendere i cambiamenti richiesti (T. B. Karasu, 1984); i sostenitori di questo approccio riportano vari esempi di casi trattati, dai disturbi d’ansia, a quelli dell’umore, di tipo sessuale, a problematiche di coppia, adolescenziali, fino a disturbi più gravi di personalità e psicotici.

Riferimenti bibliografici:

Ellis A., (1973), Humanistic psychotherapy: The rational-emotive approach, McGraw-Hill, New York;

Ellis A., Harper R. A. (1975), A new guide to rational living, Wilshire Books, North-Hollywood, CA;

Ellis A., Grieger R. (1977), Handbook of rational-emotive therapy, Springer, New York;

Ellis A., (1962), Reason and emotion in psychotherapy, New York: Lyle Stuart; Ellis A., (1993b), Fundamentals of rational-emotive therapy (RET) for the 1990s. In W. Dryden & L. Hill (Eds.), Innovations in rational-emotive therapy. Newbury Park, CA:Sage;

Karasu, T. B., (1984), The psychiatric therapies, APA, Washington, DC.







5 Commenti a “La terapia razionale emotiva di Albert Ellis”

  1. Bressan Massimo

    vorrei saperne di più

  2. alex

    chiaro… vorrei piu informazioni e molti esenpi …. MOLTO INTESSANTE IL LAVORO DI ELLIS !!!!

  3. antonio

    son daccordo kon alex, e nello specifico chiedo esempi di dialoghi tra paziente e terapeuta…. parole e consigli che quest\\\\\\\\\\\\\\\’ ultimo considera importantissimi per la buona riuscita della terapia stessa…..

  4. Franco

    Le maestre di mio figlio stanno applicando a scuola un programma di educazone affettiva che deriva dalla terapia razionale emotiva di Ellis, vorrei capire meglio di che cosa si tratta, sembra che ai bambni piaccia molto

  5. Massimo Bressan

    ottimo

Lascia un Commento

*